Linfostasi o edema linfatico

La linfostasi è chiamata la violazione del drenaggio linfatico negli arti inferiori. La malattia può essere ereditaria e si verifica sullo sfondo di altre malattie. A causa di un fallimento nel deflusso del componente liquido linfatico, le gambe iniziano a gonfiarsi.

L'edema linfatico è anche chiamato linfedema. Sulla base di dati statistici, questa malattia è osservata nel dieci percento della popolazione mondiale. Con un trattamento improprio o tardivo, la malattia può progredire portando all'elefilasia, che a sua volta causa non solo sofferenza psicologica e fisica, ma spesso causa anche disabilità.

motivi

Lo sviluppo della linfostasi degli arti inferiori è influenzato da molti fattori. Il drenaggio linfatico può essere interrotto a causa di problemi cardiaci, problemi ai reni o ipoproteinemia. Queste malattie portano ad un restringimento dei vasi linfatici, in conseguenza del quale passano male la linfa e viene trattenuto nei tessuti, causando gonfiore.

La linfa può indugiare nelle gambe a causa dell'insufficienza venosa nella fase cronica, che compare nelle vene varicose decompressive, nelle fistole artero-venose e nella sindrome post-tromboflebica. Con la rimozione di una grande quantità di componente liquida, vi è un'espansione della rete vascolare linfatica, a seguito della quale il tono diminuisce e le valvole responsabili della distribuzione del fluido nel sistema linfatico non funzionano bene.

La linfostasi può essere osservata con difetti congeniti del sistema linfatico a causa dell'ostruzione della rete vascolare linfatica, che si forma a causa di danni meccanici, compressione o infiammazione del restringimento del lume nei vasi.

La perdita del tono vascolare del sistema linfatico, osservata con linfoadenite, porta al fatto che si espandono e il normale funzionamento delle valvole di altre navi viene interrotto. Di conseguenza, c'è ristagno di linfa e c'è un forte gonfiore.

Nel cancro al seno viene spesso eseguita la mastectomia, che a sua volta è complicata dal linfedema degli arti superiori e inferiori. Spesso la mastectomia viene eseguita sull'ascella. I chirurghi rimuovono i linfonodi colpiti dalle cellule tumorali e poiché il flusso linfatico non è più "nessuno da controllare", il liquido ristagna e le mani iniziano a gonfiarsi. Se le metastasi si trovano nell'inguine, i linfonodi verranno rimossi lì, portando al linfedema degli arti inferiori.

La congestione linfatica può anche causare il cancro alla prostata, in cui vengono rimossi i linfonodi inguinali e viene effettuata la radioterapia, portando a problemi nel sistema linfatico.

Il drenaggio linfatico è violato, forse a causa di linfangite da streptococco, che ha una natura ricorrente e come risultato dell'infezione da malattie infettive parassitarie.

Nei paesi tropicali, i problemi con il sistema linfatico possono essere causati da zanzare, che sono portatrici di filariosi linfatica, che colpisce e porta ad un aumento dei linfonodi, alla comparsa di febbre, algia severa ed edema esteso.

classificazione

A seconda delle cause del linfedema, può essere primario e secondario.

Nel tipo primario, la malattia può essere congenita o acquisita. Nel caso di un'anomalia congenita, la malattia può manifestarsi durante l'infanzia o l'età di transizione.

Nel tipo secondario, i seguenti fattori possono influenzare lo sviluppo della malattia:

  • Stile di vita inattivo
  • Processi tumori nel sistema linfatico.
  • Lesioni che portano ad una maggiore pressione nelle navi.
  • Malattie venose croniche degli arti inferiori.
  • Malattie infettive che portano a violazioni nei principali sistemi del corpo.
  • L'obesità.
  • Intervento chirurgico

sintomi

La linfostasi ha tre fasi di sviluppo:

  • Lo stadio I è caratterizzato dalla presenza di gonfiori, che compaiono di volta in volta e scompaiono da soli. Le gambe si gonfiano nel tardo pomeriggio, durante il riposo notturno il drenaggio linfatico si normalizza e scompaiono. Il gonfiore del tessuto si verifica con un forte sforzo fisico o con una lunga permanenza in una posizione. Il carico sugli arti inferiori provoca anche una violazione del deflusso del fluido linfatico. Nella fase iniziale, viene diagnosticata la variazione e la crescita del tessuto connettivo. In questo caso, il medico può prescrivere un metodo conservativo, che spesso consente di arrestare la malattia e impedirne lo sviluppo.
  • Quando diagnostichi l'II grado della malattia, il gonfiore non scompare più e persiste anche dopo il sonno. I tessuti connettivi crescono, la pelle si stringe, si stringe e quando li si preme, la persona avverte dolore. Con un'area palpata di edema, rimangono tracce sul luogo della pressatura, che non scompaiono a lungo. La linfa stagnante provoca la comparsa di convulsioni e porta a una rapida stanchezza.
  • Se la malattia si è sviluppata allo stadio III, il medico diagnostica un danno irreversibile nel sistema linfatico. I tessuti degli arti inferiori sono sottoposti a una grave deformazione, a causa della quale le gambe cessano di funzionare pienamente, perdendo proporzioni e contorni. In questa fase, la malattia può essere diagnosticata con problemi articolari e la pelle è spesso coperta da ferite e ulcere, che alla fine portano alla sepsi e alla morte. Inoltre, questa fase spesso porta al linfosarcoma.

I sintomi comuni del linfedema comprendono:

  • Debolezza e stanchezza.
  • Mal di testa costante
  • Lingua coperta di fioritura bianca.
  • Mancanza di concentrazione
  • L'obesità.
  • Algia nelle articolazioni articolari.

diagnostica

Esame ecografico delle vene

Se il paziente ha un sintomo caratteristico del disturbo, allora per confermare la diagnosi, il medico prescrive un'ecografia della rete venosa degli arti inferiori. Inoltre, è possibile prescrivere un'ecografia del peritoneo e della giornata pelvica al fine di rilevare i cambiamenti negli organi e le malattie che possono causare edema linfatico.

Inoltre, il paziente deve sottoporsi a linfografia a raggi X e linfoscintigrafia e passare esami generali del sangue e delle urine. I primi due studi consentono di vedere quanto bene le navi hanno una buona permeabilità e dove si trova il blocco linfatico. Inoltre, ti permettono di determinare se ci sono cambiamenti vascolari, esaminare la loro zona di tortuosità e vederli per insufficienza valvolare e linfangiectasia.

Il chirurgo può condurre studi differenziali per determinare se vi sia una trombosi venosa profonda e una sindrome post-flebica, poiché danno un linfedema unilaterale, con lieve gonfiore, pigmentazione, eczema e vene varicose nelle gambe. Al fine di escludere la patologia venosa, è prescritto un USGD della rete venosa delle estremità.

Se necessario, il chirurgo può ordinare un esame di altri organi al fine di ridurre la ricorrenza della malattia dopo che è stata eliminata.

trattamento

Il trattamento dell'edema è finalizzato al ripristino graduale del drenaggio linfatico dagli arti malati. Spesso questo trattamento è presentato:

Inoltre, con l'edema, i pazienti devono:

  • Osservare una dieta speciale e eliminare completamente il sale dalla dieta.
  • Partecipa alla piscina no due volte a settimana.
  • Impegnarsi nella camminata nordica.
  • Esercizi terapeutici giornalieri per ridurre il gonfiore.

La terapia farmacologica include farmaci:

Se gli arti hanno iniziato a coprirsi di ferite e ulcere trofiche, il trattamento principale è anche la terapia per eliminarli. Quando si effettua una diagnosi di "linfedema", è necessario curare attentamente i piedi per prevenire la linfangite. A tale scopo, è necessario contattare il podologo per eseguire occasionalmente pedicure con apparecchi medici con agenti terapeutici speciali.

Se i metodi conservativi non hanno dato risultati favorevoli e la malattia continua a progredire, ci sono ulcere estese e borse linfatiche deformanti, è necessaria un'operazione chirurgica urgente. È mirato all'espansione microchirurgica dei lumi vascolari e alla liposuzione.

Nel linfedema primario, a un paziente viene prescritto un trapianto di tessuto linfoide. Se un paziente ha elefantiachezza evidente, allora gli interventi chirurgici radicali non sono effettuati. Viene mostrato il tunneling dei tessuti interessati per deviare la linfa in siti di tessuti sani. Può essere applicata anche una resezione.

Al fine di non iniziare la malattia ai suoi primi segni, è necessario consultare immediatamente un medico per prevenire le complicazioni e liberarsi rapidamente della malattia.

Ristagno linfatico nelle gambe

Il sistema linfatico è una sorta di scudo per proteggere il corpo da virus e batteri. funzioni:

  • fornisce un eccesso di flusso di fluido dallo spazio extracellulare (prevenzione dell'edema);
  • protegge il corpo dalle sostanze nocive (i linfonodi agiscono come una sorta di filtro nel corpo);
  • fornisce all'organismo linfociti (cellule immunitarie);
  • Fornisce il sangue del corpo con grassi e grandi proteine.

La linfostasi dell'arto è una violazione del metabolismo linfatico (congenito o acquisito) con ritenzione di liquidi (linfa) nei tessuti. Se non vengono prese misure, l'edema progredisce costantemente e aumenta di volume, causando dolore alle gambe.

Possibili cause di ristagno linfatico nelle gambe.

La linfostasi delle gambe è definita in due tipi: primaria e secondaria.

Primaria - rileva un carattere congenito, viene considerata la probabilità di rilevare una malattia in un bambino subito dopo la nascita, sebbene ciò avvenga molto raramente. Molto spesso, la malattia si manifesta nel periodo di maturazione del bambino, quando il corpo dei bambini inizia a ricostruire (si verifica la pubertà).

Linfostasi secondaria (acquisita) delle gambe si verifica quando:

  • rilevazione di tumori (neoplasie) del sistema linfatico (benigni, maligni).
  • trauma linfonodale (lesioni, lussazioni, fratture, gravi contusioni degli arti inferiori, ustioni).
  • con uno stile di vita sedentario (spesso in pazienti costretti a letto).
  • operazioni precedenti per rimuovere i linfonodi, operazioni eseguite nel petto (mastectomia - rimozione delle ghiandole mammarie).
  • aumento di peso (obesità).
  • ostruzione linfonodale.
  • bloccaggio di navi.
  • trasferito malattie infettive.

Trattamento linfostasi

Il trattamento è obbligatorio. Prima inizia il trattamento, maggiori sono le possibilità di un esito favorevole. Per trattare la stasi linfatica nelle gambe è necessario, a partire dalla scoperta della causa della malattia, quindi i sintomi vengono rimossi. Il trattamento è prescritto per ripristinare il deflusso linfatico degli arti colpiti, normalizzare il lavoro e il funzionamento delle gambe.

Dopo aver esaminato e confermato la diagnosi, prescrivono: un diverso tipo di massaggio (manuale, doccia-massaggio subacqueo), terapia magnetica e laser, pneumocompressione dell'apparato, terapia fisica (allenamento fisico terapeutico), visita alla piscina. Le preparazioni mediche normalizzano il flusso sanguigno, rafforzano il sistema immunitario, normalizzano il lavoro delle vene (aumentando il tono e l'elasticità), rafforzano le pareti dei vasi sanguigni, riducono il sangue, riducono il gonfiore delle gambe. In tempo non procedurale è necessario indossare collant a compressione, calze, calze o rimuovere la gamba dolorante con bende elastiche. Per la notte viene rimossa la benda (benda). Durante il giorno, si consiglia di sollevare la gamba dolorante per 10-15 minuti, di notte per sdraiarsi su un cuscino (rullo).

Quando la linfostasi delle gambe è raccomandata, il punto è estremamente importante, la maggior parte dei pazienti è in sovrappeso. È necessario limitare il consumo di cibi grassi e ricchi di carboidrati, ridurre la quantità di sale consumata, eliminare i piatti fritti e fortemente speziati dalla dieta. Le bevande alcoliche sono proibite. Includere nella dieta di verdure, pesce, latticini e prodotti caseari, cereali.

Qualsiasi trattamento prescritto da un medico. Le raccomandazioni prescritte sono indicate rigorosamente per essere rispettate. È vietato:

  • andare al bagno (sauna).
  • camminare con i tacchi alti, in presenza di lacci non si può stringere forte.
  • sollevare borse pesanti.
  • essere fermo da molto tempo.
  • indossare biancheria intima attillata.
  • sedere "gamba, gamba" o torcere le gambe, sotto il culo.

Rimedi popolari per il trattamento della linfostasi

Ci sono molte ricette popolari che possono avere un risultato positivo nel trattamento. Le ricette sono testate nel tempo, i medici non disdegnano di consigliare infusi e impacchi alle erbe sulla gamba dolorante.

Migliora il funzionamento del sistema linfatico, accelera i processi metabolici nel corpo succo di barbabietola fresco. Per un gusto gradevole, puoi aggiungere una piccola fetta di mela, una fetta di carota, un pomodoro e una zucca. Non si dovrebbe iniziare a usare il succo in grandi volumi, il corpo dovrebbe abituarsi all'uso del prodotto. Inizia con un cucchiaino al giorno, porta gradualmente la porzione a cento grammi. Mentre il corpo si abitua al succo della barbabietola, rimuovi la mela e la carota, passando all'uso del puro succo di barbabietola. Bevi succo per 2 settimane, poi prenditi una pausa. Prima dell'uso, apprendi le controindicazioni per l'assunzione di succo di barbabietola.

Per prevenire secchezza e screpolature della pelle delle gambe, è utile usare bagni alle erbe. Decotto di camomilla e una serie aiuta ad alleviare il gonfiore delle gambe. Cinque cucchiai, erbe miste 1: 1 (è consentito infornare e una sola erba, camomilla o uno spago), versare 0,5 litri di acqua bollente, immergere a bagnomaria a fuoco lento per 20-25 minuti. Dopo aver raffreddato il ceppo del brodo. Tali bagni vengono preferibilmente eseguiti 2 volte al giorno. Il trattamento non deve superare le tre settimane.

In farmacia, puoi raccogliere una pronta collezione di erbe diuretiche. Di norma, le infusioni si consumano al mattino e alla sera per mezz'ora prima dei pasti. I tè diuretici aiutano a far fronte all'edema delle gambe, contribuiscono alla rimozione del fluido in eccesso dal corpo, riducendo il ristagno della linfa negli arti. Prima di iniziare un ciclo di trattamenti diuretici si raccomanda di chiarire le controindicazioni all'uso delle erbe.

Il compito del medico nella nomina del trattamento per ridurre l'accumulo di linfa nelle gambe e ripristinare la salute dell'arto colpito. Per raggiungere l'obiettivo, i medici prescrivono un corso di irudoterapia (sanguisughe). Le procedure riducono l'edema, stimolano il flusso linfatico, rimuovono il fluido in eccesso. Le procedure vengono eseguite due volte a settimana, 3-5 sanguisughe sono posizionate sulla gamba interessata. Il corso del trattamento è 8-10 volte. L'uso della procedura aiuterà a ridurre la stasi linfatica nelle gambe.

Esercizi nella stasi della linfa nelle gambe

Avendo ricevuto una consulenza da un fisioterapista in anticipo, si consiglia di eseguire esercizi separati a casa. Gli allenamenti si svolgono ogni giorno, preferibilmente due volte al giorno. Il paziente esegue esercizi in indumenti compressivi (calze, collant, calze, bende elastiche). La ginnastica si svolge in un ritmo senza fretta, almeno 15 minuti.

Il primo esercizio conosciuto è la "bicicletta". Esegui un esercizio sdraiato sul pavimento. La gamba dovrebbe piegarsi e non piegarsi (facendo funzionare le articolazioni dell'anca e della caviglia). Il piede deve essere impegnato (le dita delle gambe distese da se stesse, quindi tirate su se stesse).

Esercizio "rana" viene eseguita da una posizione prona sul pavimento. Le gambe sono piegate, i piedi sul pavimento, i talloni uniti, la posizione è considerata la posizione di partenza. Lentamente apriamo le ginocchia (diluite), proviamo ad abbassarlo il più possibile. Quando si esegue un esercizio, non ci dovrebbe essere arco posteriore, la schiena è saldamente premuto sul pavimento.

"Forbici" che giace su un lato. La posizione originale di giacere sul lato, gamba diritta, sollevata a 45 gradi dal pavimento. Senza sforzare i muscoli della gamba, iniziamo lentamente dietro la schiena, il corpo (il corpo) rimane sul posto, la gamba funziona. Tornando lentamente alla posizione di partenza, spostando la gamba in avanti. Esercizio da eseguire su una gamba 8-10 volte. Quindi fai l'esercizio sulla seconda tappa.

La posizione iniziale, come nell'esercizio precedente. Tirare il ginocchio fino al mento, raddrizzare lentamente la gamba indietro. Ripeti l'esercizio per la seconda tappa.

Semplice rotazione dei piedi. Esegui sdraiato sulla schiena, sollevando leggermente le gambe dal pavimento. Eseguiamo le inclinazioni dei piedi a sinistra - a destra, disegniamo cerchi nell'una e nell'altra direzione, proviamo a disegnare il segno "infinito", allontaniamo le dita dei piedi da noi stessi, quindi disegnali verso di noi.

Steso sulla schiena, le gambe unite, protese in avanti. Ogni piede a sua volta cerca di tirare avanti. L'esercizio fisico ti aiuterà a rilassare le gambe.

Quando si forma un forte ristagno della linfa nelle gambe, una semplice elevazione delle gambe aiuterà a rimuovere l'edema. Mettendo i piedi contro il muro, sdraiati per 10-15 minuti.

Sdraiato o seduto (con le spalle al muro), le gambe unite, protese in avanti. Lentamente, piegando le estremità delle ginocchia, attiriamo il corpo.

L'esercizio è permesso per eseguire sdraiato o seduto. Le gambe dritte sono chiuse insieme. La gamba sinistra rimane in posizione, il piede destro il più possibile laterale (le bussole funzionanti). Cerchiamo di non piegare la gamba al ginocchio, eseguiamo l'esercizio con una gamba dritta, ogni volta cercando di muovere la gamba sempre di più. Dopo aver completato l'attività 8-12 volte, andare a lavorare la seconda tappa.

Un trattamento adeguato e l'esecuzione di semplici esercizi aiuteranno a ottenere buoni risultati nella lotta contro la malattia.

Prevenzione, o come affrontare l'edema delle gambe

Escludendo la stagnazione della linfa nelle gambe, ricorda la salute. Al minimo accenno di edema delle gambe, non è necessario posticipare la visita al medico, sarà necessario sottoporsi a un esame completo per identificare le cause del gonfiore delle gambe.

Quando si è seduti, prestare la dovuta attenzione allo sforzo fisico che promuove il buon metabolismo, prevenendo il ristagno della linfa nelle gambe. Uno sport meraviglioso nella prevenzione della linfostasi sarà il nuoto in piscina e il nordic walking con bastoncini. Esegui semplici esercizi per prevenire il ristagno della linfa.

Le scarpe dovrebbero essere comode e solo belle. Venendo dal lavoro, fare un pediluvio rilassante, lasciare riposare i piedi, mettere i piedi sul rullo.

Ricordati della tua salute, mantieni uno stile di vita sano, segui le regole dell'igiene per la cura dei piedi. È più facile prevenire la malattia che curarla. Prenditi cura della tua salute e della salute dei tuoi cari.

Come trattare la linfostasi degli arti inferiori?

Linfostasi degli arti inferiori (linfodema delle gambe, gonfiore linfatico delle gambe) è una malattia del sistema linfatico caratterizzata da alterata circolazione linfatica e ritenzione patologica della linfa nei tessuti.

Secondo le statistiche dell'OMS, attualmente la linfostasi viene diagnosticata nel 10% della popolazione del nostro pianeta. La progressione di questa patologia allo sviluppo dell'elefante genera sofferenza fisica e psicologica del paziente e quasi sempre porta alla disabilità. Questo è il motivo per cui la prevenzione e il trattamento della linfostasi sta attualmente ricevendo maggiore attenzione ai flebologi e ai linfologi di tutto il mondo.

Cos'è?

La linfostasi è una lesione dell'intero sistema linfatico e una violazione del drenaggio linfatico. Cessa semplicemente di circolare e si accumula nei tessuti. Questo è il motivo per cui le gambe si gonfiano molto e alla fine la pelle diventa molto densa. Il problema in sé non passa e si sviluppa in una forma più seria, quando una persona difficilmente si muove a causa del forte ispessimento delle gambe.

Nelle persone, questo fenomeno si chiama elefantia a causa della somiglianza esterna con le membra di questo animale. Simile stasi linfatica può svilupparsi su una gamba o due, così come toccare le mani. Da un punto di vista estetico, una tale vista è molto spiacevole, ed è abbastanza difficile nasconderlo. Su Internet è possibile vedere le foto che mostrano esempi di questa malattia.

Cause della linfostasi

Lo sviluppo della linfostasi può essere dovuto a una serie di fattori, ad eccezione dei quali lo sviluppo del processo patologico può essere prevenuto o portare a una regressione stabile.

Tra i principali emettono:

  • vaso amniotico overstretch;
  • malattie cardiache;
  • disturbi congeniti del sistema linfatico;
  • piccoli parametri diametrali delle lacune vascolari;
  • tumori di varia origine;
  • malattie infiammatorie della pelle dei piedi;
  • ipoalbuminemia (deficit proteico);
  • insufficienza venosa cronica o acuta;
  • fratture o distorsioni;
  • insufficienza renale (stadio della terapia sostitutiva);
  • rimozione delle articolazioni nodali del sistema linfatico;
  • varie invasioni parassitarie;
  • chirurgia toracica (ad esempio, mastectomia);
  • immobilizzazione prolungata.

Le cause dello sviluppo della malattia possono non avere una connessione diretta con il sistema linfatico, ma indirettamente hanno un effetto patologico attraverso organi o sistemi adiacenti.

Sintomi di linfostasi, foto

Ciascuno degli stadi della linfostasi degli arti inferiori ha i suoi sintomi (vedi foto).

Esistono tre livelli di patologia:

  1. Lieve gonfiore (linfedema). Il gonfiore è regolare, va al mattino, dopo il riposo, aumenta dallo sforzo fisico. I tessuti connettivi non crescono, la pelle è pallida, è facile da sentire, forma una piega durante la palpazione. Con il freddo può scomparire completamente. In questa fase non ci sono cambiamenti irreversibili.
  2. Edema irreversibile (fibridema). Il gonfiore non scompare, il dolore appare, la pelle è densa, con una palpazione rimane una traccia di pressione, le gambe si stancano facilmente. Al sito delle lesioni, si verificano convulsioni, la pelle non si raccoglie nella piega, la pelle gradualmente si scurisce.
  3. Elefantiasi. Il tessuto connettivo sotto la pelle cresce fortemente, la pelle è bluastra, ruvida, tesa. Gli edemi fanno molto male, la gamba assomiglia all'arto di un elefante, ispessendosi sempre di più. Ulcere, processi necrotici, infiammazioni compaiono. L'arto si sta gradualmente deformando, le articolazioni non sono piegate.

La linfostasi delle gambe può svilupparsi primariamente o secondariamente. Linfodema primario è caratterizzato da malfunzionamento del sistema linfatico, causato da malformazioni congenite del sistema linfatico e colpisce uno o entrambi gli arti. Le manifestazioni primarie di linfostasi compaiono nell'infanzia e progrediscono nel futuro.

La linfostasi secondaria si sviluppa in seguito a lesioni alle gambe o allo sviluppo di malattie acquisite del sistema linfatico inizialmente correttamente formato.

diagnostica

Nel determinare le tattiche terapeutiche, è consigliabile condurre un esame esteso del paziente, che include:

  1. Il metodo più affidabile per diagnosticare i disturbi del trasporto linfatico negli arti inferiori è la RM (risonanza magnetica);
  2. Ultrasuoni (ultrasuoni) degli organi pelvici e dell'intera cavità addominale;
  3. Scansione duplex dei vasi di braccia e gambe;
  4. Ultrasuoni del cuore, ECG;
  5. LHC (analisi del sangue biochimica) con la determinazione obbligatoria di proteine ​​ed enzimi epatici (ALT, AST);
  6. Esame a raggi X (linfografia);
  7. Diagnosi radioisotopica (linfoscintigrafia);
  8. OMK (analisi delle urine).

Molto probabilmente, tutte queste misure diagnostiche non solo segnano lo sviluppo dell'edema linfatico, ma trovano anche la causa di questi disturbi.

Trattamento di linfostasi degli arti inferiori

Tutti i metodi di trattamento conservativi sono usati solo nella prima fase della malattia, quando i cambiamenti strutturali nel tessuto connettivo e nella pelle non sono ancora iniziati. Come sarà trattata la linfostasi dipende direttamente da quale causa ha causato. Prima di tutto, è necessario eliminare il fattore eziologico (per esempio, in presenza di un tumore pelvico, che schiaccia i vasi linfatici, è necessaria la sua rimozione).

Le principali raccomandazioni per i pazienti con questa patologia:

  • unghie tagliate delicatamente e tempestivamente;
  • quando si esegue il massaggio non ricorrere a tecniche di impastatura;
  • non si possono indossare scarpe con allacciatura o tacchi (il tallone aumenta il carico sulle gambe e quindi influenza il flusso linfatico, e l'allacciatura può tirare vasi e tessuti morbidi, il che influenza anche lo sviluppo di questa malattia);
  • è severamente vietato visitare la sauna, il bagno o prendere il sole (l'esposizione al calore dilata i vasi sanguigni, compresi quelli linfatici, che influiscono negativamente sulla linfa, il flusso sanguigno negli arti inferiori);
  • gestire il minimo danno alla pelle (comprese le punture di insetti) con soluzioni antisettiche;
  • evitare carichi statistici e carichi pesanti (seduti o in piedi prolungati);
  • non puoi sederti nella posizione da gamba a piede, che, a proposito, è la posa preferita di ogni donna, perché ciò rende difficile il flusso sanguigno e il flusso linfatico negli organi e nelle gambe pelvici;
  • rifiutare i vestiti stretti e la biancheria intima stretta (prima spremono i linfonodi, e sfregare la pelle porta a disturbi trofici);
  • utilizzare oli speciali durante il bagno e dopo l'acqua, assicurarsi di pulire la pelle dei piedi con lozioni e creme senza conservanti e profumi, che non solo proteggono, ma ammorbidiscono, influendo positivamente sulla barriera protettiva;
  • è vietato camminare a piedi nudi fuori dalla casa (c'è un'alta probabilità che la pelle dei piedi sia danneggiata e si formino ulcere che non guariranno bene);
  • utilizzare polvere (baby powder, talco) con pesante sudorazione delle gambe, che riduce il rischio di sviluppare disturbi trofici e sudorazione).

Il trattamento domiciliare per il linfedema dovrebbe essere completo, inclusi terapia farmacologica e compressiva, massaggio speciale, cura del piede, dieta, sport ed esercizi terapeutici.

  1. Una dieta con linfostasi deve essere a basso contenuto calorico e praticamente senza sale, poiché il sale che mantiene fluido nel corpo contribuisce solo alla progressione dell'edema. Il cibo dei pazienti con linfostasi dovrebbe essere ricco di proteine ​​vegetali e animali, acidi grassi polinsaturi. È necessario limitare l'uso di dolci, prodotti da forno e pasta, alcuni tipi di cereali. Ma l'uso di frutta fresca, verdura e latticini è il benvenuto.
  2. Il trattamento farmacologico consiste nel prendere compresse. La normalizzazione della circolazione linfatica può essere ottenuta assumendo troksevazin, detralex e venotitone forte compresse. Per migliorare la circolazione sanguigna periferica, vengono prescritti no-shpu e theonikol. La medicazione Trental aiuta a ripristinare la circolazione sanguigna.
  3. Nelle linfostasi sono obbligatorie sedute di massaggio linfodrenante che combina un profondo massaggio dei linfonodi con un accenno ritmico e gentile della pelle esterna. Dopo il massaggio, che richiede circa un'ora, si consiglia di applicare una benda medica.
  4. La terapia di compressione è ridotta a indossare uno speciale indumento a compressione con pressione distribuita o a regolari medicazioni degli arti interessati. Per le medicazioni, è possibile utilizzare una benda elastica o articoli speciali da maglieria medica. Promuovendo il drenaggio linfatico, queste misure aiutano a ridurre significativamente il gonfiore.
  5. I pazienti con linfostasi sono sessioni molto utili di terapia fisica, nuoto e nordic walking.

Farmaci per linfostasi

Va notato che il trattamento medico della linfostasi delle gambe contiene una vasta gamma di farmaci che normalizzano la linfa e il flusso sanguigno, riducono la permeabilità delle pareti vascolari e aiutano ad aumentare la loro elasticità:

  • diuretici - prescritti con cautela sotto la supervisione di un medico;
  • agenti antipiastrinici (fluidificare il sangue) - trental, carillon;
  • preparazioni enzimatiche (wobenzym, phlogenzyme) - stimolano il sistema immunitario, combattono contro l'edema, hanno effetti anti-infiammatori e fibrinolitici;
  • farmaci flebotropici (detralex, troksevazin e troxerutin gel) - migliorano la microcircolazione del tessuto, aumentano il tono delle vene, ripristinano il flusso linfatico;
  • rimedio omeopatico - linfoma, stimolazione del metabolismo, miglioramento del flusso linfatico e miglioramento dell'eliminazione delle tossine dal corpo;
  • benzopirone (cumarina): ridurre l'edema proteico, diluire il sangue, attivare la proteolisi dovuta all'attivazione dei macrofagi; Viene anche prescritto calcio dobesilato, simile in effetti ai benzopironi;
  • angioprotectors (droghe dall'estratto dell'ippocastano) - normalizzi il tono dei vasi e delle vene linfatici, riduca la permeabilità della parete vascolare, che riduce l'intensità dell'edema (escuzan, venitan, escina);
  • Solcoseryl - riduce l'edema tissutale, ha un effetto rigenerativo, aumenta il tono della parete vascolare (stimola la formazione di collagene nelle pareti dei vasi sanguigni);
  • antistaminici - raccomandati per l'erisipela ricorrente e sopprimono l'effetto inibitorio dell'istamina sull'attività contrattile dei vasi linfatici (vedi tutti gli antistaminici);
  • immunomodulatori (acido succinico, tintura di Eleuterococco, licopidi) - stimolano il sistema immunitario, rafforzano la parete vascolare;
  • antibiotici e farmaci antinfiammatori per i disturbi trofici della pelle (ulcere, eczema, erisipela);
  • vitamine (acido ascorbico, vitamina E, PP, P) - rafforzare la parete vascolare, ridurre la permeabilità vascolare, avere un effetto antiossidante.

Biancheria intima di compressione

Maglieria medica - salvezza per pazienti con patologie della circolazione sanguigna e del sistema linfatico.

I prodotti hanno una serie di vantaggi:

  1. Funzionalità. Il linfedema viene trattato efficacemente con la maglieria medica. Calze, calzini, maniche non solo comprimono delicatamente le porzioni interessate, dilatate dei vasi sanguigni o linfatici, ma forniscono anche supporto per l'arto.
  2. Convenienza. È improbabile che tutti abbiano l'abilità di fasciare con una benda elastica o le basi del massaggio linfodrenante. E la maglieria a compressione (calze, maniche, gambaletti) può essere indossata da tutti.
  3. Beauty. Il trattamento del linfedema, l'edema può essere alla moda ed elegante. La maglieria è realizzata in diversi colori, design elegante. Può essere indossato al posto dei soliti vestiti per i normali vestiti.

È necessario scegliere la maglia medica solo con misure individuali. Vengono rimossi da un chirurgo, un consulente medico. Per l'effetto positivo di ristagno, edema, uso a lungo termine, lavare quotidianamente calze o maniche.

kinesiterapia

Il metodo prevede una combinazione di massaggio linfodrenante e fisioterapia. Secondo le regole, per prima cosa entro 15 minuti viene effettuato un massaggio linfatico per migliorare il flusso usando una tecnica speciale, quindi seguono 15 minuti di carica. Il corso del trattamento è di 14 procedure.

massaggio

Quando la linfostasi è la base del trattamento. Altrettanto efficaci sono l'hardware e gli effetti manuali sugli strati profondi e sui grandi vasi sanguigni. Auto massaggio il braccio o la gamba non riuscirà a gonfiore. Lo sviluppo della congestione inizia dall'area dell'inguine o dell'ascella, che è fisicamente difficile da fare per il paziente. Se tendi ad accumulare linfa e liquido interstiziale, edema, segui un corso di massaggio con uno specialista.

Dopo la prima sessione dopo 1 ora, si sostituisce che l'arto interessato è diminuito di dimensioni, una piacevole "pelle d'oca" e formicolio può essere sentito in tutto il corpo. Questo è un segnale che il ristagno di liquido e linfa, il gonfiore si attenua. Durante la sessione, il massaggiatore copre le dita o le dita con l'anello, si scalda lentamente e lavora attraverso gli strati profondi del tessuto. La linfostasi degli arti inferiori o delle mani può essere risolta con un pennello o rullo. E rafforzare i vasi sanguigni e rimuovere il ristagno, gonfiore. Aree con grandi nodi varicosi, ulcere trofiche e altre violazioni dell'integrità del bypass cutaneo. Se durante la sessione ci fosse stato disagio, allora l'occupazione è stata interrotta.

Circa i benefici della terapia fisica

Oltre al massaggio per la linfostasi degli arti inferiori, l'esercizio è molto importante. Sono inclusi nel trattamento di questa malattia. Certo, è necessario sviluppare un complesso speciale che deve essere fatto 2 volte al giorno. Le lezioni dovrebbero essere date solo un quarto d'ora. Allo stesso tempo, deve essere presente un bendaggio compressivo sulla gamba interessata.

Quali esercizi possono essere inclusi nel complesso?

  • Piede irritato per bici;
  • Flettendo e raddrizzando le dita sulla gamba;
  • Rotazione dei piedi in direzioni diverse alternativamente;
  • "Disegnare" i piedi degli "otto".

Gli esercizi sono molto semplici, ma una regola importante è eseguirli tutti i giorni.

Trattamento di rimedi popolari

A casa per il trattamento della linfostasi (come medicina ausiliaria e solo nelle fasi iniziali) vengono usati vari rimedi popolari. Non essendo in grado di descriverli tutti, ecco alcuni esempi:

  1. Aceto di sidro di mele Rafforza le pareti dei vasi sanguigni, elimina gonfiori e cambiamenti trofici. Per macinare, diluire l'aceto con acqua in rapporto 1: 2. Massaggiare strofinare dai piedi alle cosce. Quindi, dopo una breve esposizione, lavare via i resti della soluzione e applicare una crema con effetto di rinforzo vascolare sulla pelle.
  2. Eccellente aiuto comprime. Ad esempio, cipolle al forno mescolate con catrame farmacia. La cipolla viene cotta, macinata a una massa uniforme e vengono aggiunti 2-3 cucchiaini di catrame. La miscela si sviluppa su un tessuto di tela pulito. Il tessuto è distribuito uniformemente sul sito di edema locale, fissato con una benda e lasciato fino al mattino.
  3. Radice di tarassaco - il prodotto migliora il drenaggio linfatico e tonifica la parete vascolare. Usa l'infuso di foglie di tarassaco, prendendo 0,5 tazze a stomaco vuoto tre volte al giorno. Per preparare l'infusione, avrai bisogno di 2 cucchiai. cucchiai di foglie di tarassaco secco, hanno bisogno di versare 0,5 litri la sera. acqua bollita Pronto a bere infusione per tutto il giorno successivo, e alla sera per preparare un nuovo lotto. Puoi usare le radici del dente di leone, ma dovrebbero essere bollite a bagnomaria per 5-8 minuti. nello stesso volume d'acqua. Pronto da bere brodo al mattino un bicchiere prima dei pasti.
  4. I brodi delle spese di guarigione possono essere utilizzati sotto forma di applicazioni notturne. Come le erbe prendono l'erba di San Giovanni, piantaggine, achillea. Nella soluzione finale, aggiungere 25 ml di alcol medicale, una pillola di aspirina e una pillola di benessere. Immerisco una garza con la composizione e la applico sulla zona della pelle interessata, impongo un panno inumidito con una soluzione fresca di sale sopra e fissato saldamente con una benda, lasciandolo per tutta la notte.
  5. Erbe naturali che hanno un effetto diuretico, hanno un effetto terapeutico, contribuendo alla rapida eliminazione dell'edema delle gambe. La raccolta di foglie di ortica, germogli di betulla e cinorrodi si mescolano in parti uguali e poi a bagnomaria per 10-15 minuti. Dopo la filtrazione, bere mezzo bicchiere tre volte al giorno 30 minuti prima dei pasti.
  6. Non bypassato la medicina tradizionale e l'uso attivo delle sanguisughe. In caso di edema inespresso, si possono usare 2-3 sanguisughe per una sessione. Nei casi più avanzati, il numero di sanguisughe può essere aumentato a 7-8 pezzi. Durante la settimana puoi fare due corsi di trattamento. L'Hirudin contenuto nelle sanguisughe non solo diluisce perfettamente il sangue, ma rafforza anche la parete vascolare, riducendo l'effusione di fluido nel tessuto e, di conseguenza, riduce significativamente il gonfiore delle gambe.

Inoltre, non dovremmo dimenticare le altre raccomandazioni dei medici per i pazienti che stanno avendo o stanno vivendo problemi simili. Dovranno escludere bagno, sauna, lettini abbronzanti, profumi e conservanti nei prodotti cosmetici usati per i piedi, rinunciare a scarpe con i tacchi alti, vestiti attillati, sfregare la pelle, evitare il sollevamento pesi, stare in piedi o seduti in modo prolungato (specialmente mettendo il piede dietro la gamba).

operazione

La questione del trattamento chirurgico è considerata nei casi di grave patologia congenita del sistema linfatico, la mancanza di effetto dalla terapia conservativa, la progressione del linfedema, la fibrosi dei tessuti molli, gli episodi frequenti di erisipela, ecc.

Tipi di chirurgia:

  1. Dermo-fasciolipectomia mediante il metodo delle isole - rimozione delle aree cutanee alterate insieme a tessuto adiposo sottocutaneo, fascia, fibrosi. La preparazione preoperatoria comprende diverse sessioni di liposuzione necessarie per liberarsi del tessuto sottocutaneo. L'intervento chirurgico consiste nell'asportazione di alcune aree cutanee con tessuti sottostanti affetti da fibrosi. La superficie della ferita risultante è chiusa con lembi cutanei conservati o prelevati da un'area sana della pelle del paziente.
  2. Tunnelling: creazione artificiale di canali speciali nelle aree interessate per il deflusso della linfa accumulata in tessuto sano con ulteriore assorbimento nei vasi linfatici. Le gallerie temporanee sono costituite da canali a spirale o protesi speciali, permanenti, da una sezione della vena safena o da una spirale di materiale inerte. È mostrato nella forma corrente di linfedema, che esclude la possibilità di trattamento con uno dei metodi sopra elencati.
  3. Operazione con la creazione di anastomosi linfonodali. È indicato nella linfostasi secondaria, in particolare quella che si è manifestata dopo l'esposizione alle radiazioni ai linfonodi o dopo la loro rimozione durante la mastectomia. Per il trattamento della linfostasi primaria inefficace. L'intervento consiste nell'isolare i vasi del letto linfatico e collegarli con una vena vicina utilizzando le microanastomosi più fini.
  4. Liposuzione - rimozione dell'aspirazione mediante intervento chirurgico del tessuto sottocutaneo, sottoposto a cambiamento fibroso. Viene eseguito in presenza di fibrosi limitata moderata.

Dopo ogni tipo di intervento chirurgico, viene prescritto un trattamento farmacologico. Ogni paziente con linfostasi, indipendentemente dallo stadio del processo, è osservato in un angiosurgeon. I corsi di terapia di mantenimento nella maggior parte dei casi vengono eseguiti per tutta la vita del paziente.

prevenzione

Per prevenire la linfostasi degli arti inferiori, si raccomanda di seguire le seguenti regole:

  • indossare biancheria intima a compressione;
  • frequenta regolarmente la piscina;
  • rifiutare scarpe scomode;
  • bere almeno due litri di acqua pura ogni giorno;
  • ogni giorno per fare mezz'ora a piedi, in bicicletta;
  • cura per la pelle dei piedi: taglio delle unghie, rimozione della pelle morta, trattamento delle ferite, trattamento delle punture di insetti con antisettici o acido borico - tutto dovrebbe essere fatto in modo tempestivo.

Una stasi nei tessuti, una violazione del deflusso del liquido linfatico provoca la comparsa di altre gravi malattie e limiterà il movimento. Come prevenire lo sviluppo della patologia? Se la linfostasi degli arti inferiori è già stata diagnosticata, il trattamento a casa ti aiuterà rapidamente a far fronte. Il sistema di influenza dei fattori di rischio non deve essere trascurato nei pazienti con predisposizione genetica o in remissione.

NogiHelp.ru

Ogni persona incontrava persone con gambe gonfie e grasse o con una gamba sola. Questa non è la struttura del corpo e la malattia - linfostasi. Quando il funzionamento dei linfonodi fallisce, il deflusso del fluido viene disturbato, la linfa viene trattenuta nei tessuti, causando questo fenomeno. Ci sono famiglie in cui la malattia viene trasmessa da diverse generazioni.

Nel mondo moderno, la malattia si sta diffondendo - linfostasi degli arti inferiori. Questo è edema che appare a causa del flusso linfatico alterato dalle gambe. La linfa non va via per varie ragioni, si forma la stagnazione. La violazione persegue il 10% della popolazione del pianeta. La malattia sta progredendo.

La linfostasi delle gambe è di due tipi: congenita e acquisita.

Ci sono tre fasi della malattia:

  1. Il gonfiore è morbido. È ancora facile curare la malattia. È caratterizzato da gonfiore alla base delle dita dei piedi, morbidezza, forma una piega. L'edema scompare dopo aver riposato o dormito.
  2. Fase irreversibile Il trattamento è già inefficace. Resta da fare attenzione a non peggiorare la condizione. Più denso al tocco edema, senza pieghe, già cattura lo stinco. A poco a poco, la gamba è deformata, diventa difficile piegarla, una persona sperimenta pesantezza nella zona interessata. La pelle del piede acquista una tonalità scura, grossolana al tatto.
  3. "Malattia dell'elefante". L'edema delle gambe attenua i contorni dell'arto, la pelle si infiamma, le articolazioni si ammalano.

La malattia può essere vista immediatamente, il che facilita il suo riconoscimento: arti inferiori edematosi. In primo luogo, lo specialista esamina il paziente. Per assegnare un trattamento efficace è necessario scoprire la causa di questa condizione. Questo è possibile dopo un esame aggiuntivo dei vasi delle gambe, ecografia pelvica e esami del sangue e delle urine.

Puffiness di una sola gamba

Dopo aver applicato questi metodi, sarà possibile identificare i cambiamenti nello stato dei linfonodi.

Mira a ripristinare la capacità della linfa di passare il liquido senza accumularlo. Può essere conservativo (medicamento) e operativo (chirurgico).

Va tenuto presente che è impossibile trattare la malattia in modo indipendente È necessario che un medico competente selezioni il trattamento efficace appropriato.

Per curare i linfonodi, è necessario eliminare la causa della malattia. Ad esempio, se i vasi pelvici sono bloccati a causa di un tumore, dovrebbe essere rimosso. Se le gambe si gonfiano a causa di insufficienza cardiaca o renale, migliorare le condizioni e le prestazioni degli organi, il ristagno dei passaggi linfatici.

Un metodo importante nel trattamento della dieta rigorosa riconosciuta. Ciò include la limitazione di sale da cucina, carboidrati e grassi. L'uso di olio vegetale, legumi, carne, latte è il benvenuto.

Le persone affette da malattia dei linfonodi si dimostrano in grado di acquistare indumenti a compressione per l'uso permanente, raccogliere scarpe e pantaloni in modo che siano comodi e non feriscano la pelle delle gambe.

Il trattamento conservativo consiste in realizzazione di un complesso di misure e droghe:

  • avere l'effetto di tonificare i vasi venosi e i linfonodi, fornendo il miglior deflusso dalle gambe;
  • stimolando il lavoro della linfa (la base è la liquirizia);
  • vitamine P e C;
  • stimolanti del metabolismo omeopatico (iniezioni o compresse);
  • medicinali a base di estratto di ippocastano (aiuta a ridurre l'acqua nella linfa);
  • diradamento del sangue, anti-infiammatori e decongestionanti;
  • farmaci diuretici (con grande cura);
  • in presenza di infezione - farmaci antibatterici.

L'irudoterapia è considerata un buon modo per curare la linfostasi. Leeches hanno iniettato sostanze attive che aiutano a migliorare il funzionamento dei linfonodi. C'è un miglioramento significativo nella condizione generale della malattia, l'attività vitale aumenta molte volte.

Per ottenere un effetto terapeutico e la rimozione, vengono utilizzate fino a cinque sanguisughe, che sono attaccate alle posizioni dei linfonodi e delle grandi vene. Dieci sedute tenute due volte alla settimana sono sufficienti per risolvere la stagnazione.

Per mantenere una buona forma delle gambe e rimuovere l'edema, si consiglia di eseguire "Nordic Walking", nuotare, fare ginnastica speciale. Più i muscoli si contraggono, migliore è la linfa. Se hai uno stile di vita sedentario, il ristagno dei linfonodi aumenterà e progredirà.

Esercizio e ginnastica sono eseguiti in calze a compressione. I movimenti della "Bici" vengono eseguiti, le gambe vengono sollevate alternativamente e vengono eseguiti i movimenti di rotazione, la flessione e l'estensione delle dita dei piedi sono sedute sul pavimento. Sono stati sviluppati altri esercizi, purché siano finalizzati a impartire attività linfatica e rimuovere l'edema.

In caso di fallimento del trattamento conservativo, viene eseguito l'intervento chirurgico. Prima dell'operazione immediata, viene iniettato un colorante che tiene traccia della localizzazione.

L'operazione risolve il problema: la formazione di ulteriori percorsi di linfa, tunnel muscolari, rimozione dell'eccesso di tessuto adiposo.

Dopo l'intervento chirurgico, il medico deve prescrivere un massaggio ai piedi per la linfostasi. Con l'aiuto del lavoro manuale professionale, l'aiuto è reso alle navi nella loro riduzione, e gli edemi si placano. Questo è fatto in modo che dopo il massaggio non vi sia ristagno nella linfa e il flusso sanguigno si muova. Di conseguenza, il gonfiore delle gambe è notevolmente ridotto.

Ma la malattia è più facile da prevenire rispetto al trattamento successivo. La linfostasi non fa eccezione. Se la malattia viene rilevata nelle fasi iniziali, è prescritto di registrarsi presso un chirurgo vascolare, periodicamente per seguire corsi di terapia. Importante igiene del piede, assistenza tempestiva per lesioni e abrasioni, l'eccezione suppurazione. Non è necessario aumentare il peso in eccesso, provocando il carico sulle gambe, causando gonfiore.

Un fattore importante nel trattamento e nella prevenzione della linfostasi è una buona alimentazione. L'eccesso di peso dà un grande carico alle gambe, si forma un liquido stagnante e gli arti si gonfiano. Diamo un nome ai principi che dovrebbero essere seguiti in caso di malattia:

  • Il consumo di cibo liquido e salato dovrà essere severamente limitato. Il sale provoca sete e accumula acqua.
  • La quantità di carboidrati consumati è soggetta a riduzione. Prodotti da forno, zucchero, riso, pasta - questi sono alimenti praticamente proibiti nella dieta.
  • È dimostrato che aumenta il volume di frutta e verdura consumata.

La linfostasi non è una frase. Ma devi prima stabilire la causa del suo aspetto, solo allora guarire. È possibile sbarazzarsi della malattia in modo sicuro e non ricordare dopo. È necessario seguire rigorosamente le istruzioni del medico, non per auto-medicare.

È utile non dimenticare gli esercizi fisici, la rimozione dell'edema e lo stile di vita attivo. In movimento - vita!

Il sistema linfatico è una sorta di scudo per proteggere il corpo da virus e batteri. funzioni:

  • fornisce un eccesso di flusso di fluido dallo spazio extracellulare (prevenzione dell'edema);
  • protegge il corpo dalle sostanze nocive (i linfonodi agiscono come una sorta di filtro nel corpo);
  • fornisce all'organismo linfociti (cellule immunitarie);
  • Fornisce il sangue del corpo con grassi e grandi proteine.

La linfostasi dell'arto è una violazione del metabolismo linfatico (congenito o acquisito) con ritenzione di liquidi (linfa) nei tessuti. Se non vengono prese misure, l'edema progredisce costantemente e aumenta di volume, causando dolore alle gambe.

La linfostasi delle gambe è definita in due tipi: primaria e secondaria.

Primaria - rileva un carattere congenito, viene considerata la probabilità di rilevare una malattia in un bambino subito dopo la nascita, sebbene ciò avvenga molto raramente. Molto spesso, la malattia si manifesta nel periodo di maturazione del bambino, quando il corpo dei bambini inizia a ricostruire (si verifica la pubertà).

Linfostasi secondaria (acquisita) delle gambe si verifica quando:

  • rilevazione di tumori (neoplasie) del sistema linfatico (benigni, maligni).
  • trauma linfonodale (lesioni, lussazioni, fratture, gravi contusioni degli arti inferiori, ustioni).
  • con uno stile di vita sedentario (spesso in pazienti costretti a letto).
  • operazioni precedenti per rimuovere i linfonodi, operazioni eseguite nel petto (mastectomia - rimozione delle ghiandole mammarie).
  • aumento di peso (obesità).
  • ostruzione linfonodale.
  • bloccaggio di navi.
  • trasferito malattie infettive.

Il trattamento è obbligatorio. Prima inizia il trattamento, maggiori sono le possibilità di un esito favorevole. Per trattare la stasi linfatica nelle gambe è necessario, a partire dalla scoperta della causa della malattia, quindi i sintomi vengono rimossi. Il trattamento è prescritto per ripristinare il deflusso linfatico degli arti colpiti, normalizzare il lavoro e il funzionamento delle gambe.

Dopo aver esaminato e confermato la diagnosi, prescrivono: un diverso tipo di massaggio (manuale, doccia-massaggio subacqueo), terapia magnetica e laser, pneumocompressione dell'apparato, terapia fisica (allenamento fisico terapeutico), visita alla piscina. Le preparazioni mediche normalizzano il flusso sanguigno, rafforzano il sistema immunitario, normalizzano il lavoro delle vene (aumentando il tono e l'elasticità), rafforzano le pareti dei vasi sanguigni, riducono il sangue, riducono il gonfiore delle gambe. In tempo non procedurale è necessario indossare collant a compressione, calze, calze o rimuovere la gamba dolorante con bende elastiche. Per la notte viene rimossa la benda (benda). Durante il giorno, si consiglia di sollevare la gamba dolorante per 10-15 minuti, di notte per sdraiarsi su un cuscino (rullo).

Quando la linfostasi delle gambe è raccomandata, il punto è estremamente importante, la maggior parte dei pazienti è in sovrappeso. È necessario limitare il consumo di cibi grassi e ricchi di carboidrati, ridurre la quantità di sale consumata, eliminare i piatti fritti e fortemente speziati dalla dieta. Le bevande alcoliche sono proibite. Includere nella dieta di verdure, pesce, latticini e prodotti caseari, cereali.

Qualsiasi trattamento prescritto da un medico. Le raccomandazioni prescritte sono indicate rigorosamente per essere rispettate. È vietato:

  • andare al bagno (sauna).
  • camminare con i tacchi alti, in presenza di lacci non si può stringere forte.
  • sollevare borse pesanti.
  • essere fermo da molto tempo.
  • indossare biancheria intima attillata.
  • sedere "gamba, gamba" o torcere le gambe, sotto il culo.

Ci sono molte ricette popolari che possono avere un risultato positivo nel trattamento. Le ricette sono testate nel tempo, i medici non disdegnano di consigliare infusi e impacchi alle erbe sulla gamba dolorante.

Migliora il funzionamento del sistema linfatico, accelera i processi metabolici nel corpo succo di barbabietola fresco. Per un gusto gradevole, puoi aggiungere una piccola fetta di mela, una fetta di carota, un pomodoro e una zucca. Non si dovrebbe iniziare a usare il succo in grandi volumi, il corpo dovrebbe abituarsi all'uso del prodotto. Inizia con un cucchiaino al giorno, porta gradualmente la porzione a cento grammi. Mentre il corpo si abitua al succo della barbabietola, rimuovi la mela e la carota, passando all'uso del puro succo di barbabietola. Bevi succo per 2 settimane, poi prenditi una pausa. Prima dell'uso, apprendi le controindicazioni per l'assunzione di succo di barbabietola.

Per prevenire secchezza e screpolature della pelle delle gambe, è utile usare bagni alle erbe. Decotto di camomilla e una serie aiuta ad alleviare il gonfiore delle gambe. Cinque cucchiai, erbe miste 1: 1 (è consentito infornare e una sola erba, camomilla o uno spago), versare 0,5 litri di acqua bollente, immergere a bagnomaria a fuoco lento per 20-25 minuti. Dopo aver raffreddato il ceppo del brodo. Tali bagni vengono preferibilmente eseguiti 2 volte al giorno. Il trattamento non deve superare le tre settimane.

In farmacia, puoi raccogliere una pronta collezione di erbe diuretiche. Di norma, le infusioni si consumano al mattino e alla sera per mezz'ora prima dei pasti. I tè diuretici aiutano a far fronte all'edema delle gambe, contribuiscono alla rimozione del fluido in eccesso dal corpo, riducendo il ristagno della linfa negli arti. Prima di iniziare un ciclo di trattamenti diuretici si raccomanda di chiarire le controindicazioni all'uso delle erbe.

Il compito del medico nella nomina del trattamento per ridurre l'accumulo di linfa nelle gambe e ripristinare la salute dell'arto colpito. Per raggiungere l'obiettivo, i medici prescrivono un corso di irudoterapia (sanguisughe). Le procedure riducono l'edema, stimolano il flusso linfatico, rimuovono il fluido in eccesso. Le procedure vengono eseguite due volte a settimana, 3-5 sanguisughe sono posizionate sulla gamba interessata. Il corso del trattamento è 8-10 volte. L'uso della procedura aiuterà a ridurre la stasi linfatica nelle gambe.

Esercizi nella stasi della linfa nelle gambe

Avendo ricevuto una consulenza da un fisioterapista in anticipo, si consiglia di eseguire esercizi separati a casa. Gli allenamenti si svolgono ogni giorno, preferibilmente due volte al giorno. Il paziente esegue esercizi in indumenti compressivi (calze, collant, calze, bende elastiche). La ginnastica si svolge in un ritmo senza fretta, almeno 15 minuti.

Il primo esercizio conosciuto è la "bicicletta". Esegui un esercizio sdraiato sul pavimento. La gamba dovrebbe piegarsi e non piegarsi (facendo funzionare le articolazioni dell'anca e della caviglia). Il piede deve essere impegnato (le dita delle gambe distese da se stesse, quindi tirate su se stesse).

Esercizio "rana" viene eseguita da una posizione prona sul pavimento. Le gambe sono piegate, i piedi sul pavimento, i talloni uniti, la posizione è considerata la posizione di partenza. Lentamente apriamo le ginocchia (diluite), proviamo ad abbassarlo il più possibile. Quando si esegue un esercizio, non ci dovrebbe essere arco posteriore, la schiena è saldamente premuto sul pavimento.

"Forbici" che giace su un lato. La posizione originale di giacere sul lato, gamba diritta, sollevata a 45 gradi dal pavimento. Senza sforzare i muscoli della gamba, iniziamo lentamente dietro la schiena, il corpo (il corpo) rimane sul posto, la gamba funziona. Tornando lentamente alla posizione di partenza, spostando la gamba in avanti. Esercizio da eseguire su una gamba 8-10 volte. Quindi fai l'esercizio sulla seconda tappa.

La posizione iniziale, come nell'esercizio precedente. Tirare il ginocchio fino al mento, raddrizzare lentamente la gamba indietro. Ripeti l'esercizio per la seconda tappa.

Semplice rotazione dei piedi. Esegui sdraiato sulla schiena, sollevando leggermente le gambe dal pavimento. Eseguiamo le inclinazioni dei piedi a sinistra - a destra, disegniamo cerchi nell'una e nell'altra direzione, proviamo a disegnare il segno "infinito", allontaniamo le dita dei piedi da noi stessi, quindi disegnali verso di noi.

Steso sulla schiena, le gambe unite, protese in avanti. Ogni piede a sua volta cerca di tirare avanti. L'esercizio fisico ti aiuterà a rilassare le gambe.

Quando si forma un forte ristagno della linfa nelle gambe, una semplice elevazione delle gambe aiuterà a rimuovere l'edema. Mettendo i piedi contro il muro, sdraiati per 10-15 minuti.

Sdraiato o seduto (con le spalle al muro), le gambe unite, protese in avanti. Lentamente, piegando le estremità delle ginocchia, attiriamo il corpo.

L'esercizio è permesso per eseguire sdraiato o seduto. Le gambe dritte sono chiuse insieme. La gamba sinistra rimane in posizione, il piede destro il più possibile laterale (le bussole funzionanti). Cerchiamo di non piegare la gamba al ginocchio, eseguiamo l'esercizio con una gamba dritta, ogni volta cercando di muovere la gamba sempre di più. Dopo aver completato l'attività 8-12 volte, andare a lavorare la seconda tappa.

Un trattamento adeguato e l'esecuzione di semplici esercizi aiuteranno a ottenere buoni risultati nella lotta contro la malattia.

Escludendo la stagnazione della linfa nelle gambe, ricorda la salute. Al minimo accenno di edema delle gambe, non è necessario posticipare la visita al medico, sarà necessario sottoporsi a un esame completo per identificare le cause del gonfiore delle gambe.

Quando si è seduti, prestare la dovuta attenzione allo sforzo fisico che promuove il buon metabolismo, prevenendo il ristagno della linfa nelle gambe. Uno sport meraviglioso nella prevenzione della linfostasi sarà il nuoto in piscina e il nordic walking con bastoncini. Esegui semplici esercizi per prevenire il ristagno della linfa.

Le scarpe dovrebbero essere comode e solo belle. Venendo dal lavoro, fare un pediluvio rilassante, lasciare riposare i piedi, mettere i piedi sul rullo.

Ricordati della tua salute, mantieni uno stile di vita sano, segui le regole dell'igiene per la cura dei piedi. È più facile prevenire la malattia che curarla. Prenditi cura della tua salute e della salute dei tuoi cari.

L'edema alle gambe è una malattia che è sempre più comune nella vita di tutti i giorni e tutti sono preoccupati per la domanda: esiste una cura? Iniziamo a capire la natura di questa malattia. L'edema alle gambe (il più delle volte in una persona colpite da caviglie e ginocchia) è l'accumulo di liquido nei tessuti.

In un corpo sano, l'equilibrio dei liquidi è controllato dai reni. In caso di violazioni dei reni e di altri organi, questo equilibrio crolla, il fluido si accumula, il corpo umano gronda.

Esistono diverse varianti di gonfiore:

  • l'edema idromico nelle gambe, deriva dal malfunzionamento dei reni, il cui scopo è precisamente la capacità di rimuovere il fluido in eccesso dal corpo;
  • edema grave alle gambe, manifestato in persone che soffrono di malattie del sistema cardiovascolare;
  • edema congestizio nelle gambe, la ragione è una diminuzione della proteina albumina nel sangue;
  • gonfiore meccanico alle gambe, può verificarsi dopo l'infortunio, così come durante la gravidanza;
  • edema neuropatico alle gambe, manifestato in alcolisti e diabetici;
  • Edema di Quincke, edema allergico (edema di Quincke è un sintomo di mancanza di respiro che si sviluppa in soffocamento).

Distinguere anche gonfiore nelle gambe del venoso e linfatico. L'edema venoso alle gambe si manifesta se una persona soffre di insufficienza venosa. Gonfiore linfatico nelle gambe si verifica se una persona soffre di anomalie o anomalie vascolari o a causa di un intervento chirurgico.

Cosa causa gonfiore alle gambe? Per capire come affrontare il gonfiore alle gambe, devi prima capire la causa del loro verificarsi.

Le ragioni possono essere le seguenti:

  • carico eccessivo sulle gambe, vale a dire sulle caviglie (spesso a causa di un peso eccessivo o se il lavoro di una persona è associato al trasferimento di merci);
  • bere eccessivo, in particolare le persone che dissetano con grandi quantità di acqua prima di andare a dormire;
  • problemi metabolici;
  • piedi piatti;
  • posizione sbagliata nelle persone, conducendo uno stile di vita sedentario (caviglie incrociate) o seduto su una sedia o una sedia troppo morbida;
  • scarpe di stile inadatto (tacco alto, scarpa scomoda);
  • vene varicose;
  • malattie cardiovascolari;
  • malattia renale;
  • malattia nell'intestino;
  • fallimento della ghiandola tiroidea;
  • tromboflebite;
  • drenaggio linfatico ostruito;
  • artrite reumatoide delle articolazioni, questa malattia è sempre accompagnata da gonfiore alle gambe, l'artrite reumatoide è più comune negli anziani;
  • dopo un morso di insetto.

È difficile da credere, ma le conseguenze di un innocuo morso di insetto possono portare a prurito, ferite, gonfiore alle gambe e negli stadi successivi di dispnea, temperatura. La situazione può sfuggire al controllo così tanto che può portare all'amputazione degli arti inferiori, se non per prendere misure in tempo.

Cause cliniche di gonfiore

  • la ragione principale è una violazione dell'equilibrio idrico del corpo umano;
  • ridotta pressione del plasma;
  • aumento della pressione nei capillari;
  • maggiore permeabilità;
  • scarso deflusso di umidità dalle vene e dalla linfa;
  • aumento della pressione osmotica nelle cellule;
  • Cardiologia.

Trattamento dell'edema delle gambe a casa

Al fine di "espellere" l'acqua in eccesso dal corpo, è necessario migliorare l'afflusso di sangue alle gambe con qualsiasi mezzo. Il modo migliore per farlo è l'esercizio.

I seguenti sono i principali esercizi per migliorare la circolazione del sangue nelle gambe, progettati per sbarazzarsi della diagnosi - gonfiore delle gambe:

  • rotolando dalla punta al tallone, premendo fortemente il punto di ancoraggio sul pavimento;
  • camminare intorno alla casa alternativamente sulle dita dei piedi, poi sui talloni (2-3 minuti ciascuno);
  • prova a raccogliere qualsiasi oggetto dal pavimento, tendendo i muscoli delle dita dei piedi;
  • rotazione in senso orario delle caviglie;
  • saltando dalla posizione di "calzini";
  • flessione ed estensione delle dita dei piedi;
  • tensione spontanea delle dita;
  • se il gonfiore delle gambe è la causa della puntura d'insetto, allora è meglio prendere compresse locali, i luoghi in cui è presente il prurito devono essere trattati con cura.

I seguenti farmaci sono prescritti:

  • Per il trattamento dell'edema alle gambe, vengono utilizzati tutti i tipi di gel e unguenti per rafforzare il sistema capillare e le pareti dei vasi sanguigni (applicate sulla pelle delle dita dei piedi e sulle ginocchia);
  • uso di farmaci diuretici;
  • farmaci che rallentano significativamente la crescita di aldosterone;
  • componenti contenenti proteine ​​(per aumentare la pressione oncotica);
  • flusso sanguigno (per ridurre la pressione idrostatica);
  • farmaci prescritti per la diagnosi di artrite reumatoide delle articolazioni.

Non dimenticare i rimedi popolari inventati per curare il gonfiore alle gambe.

Puoi utilizzare alcuni di questi metodi:

  • Da 1 a 2 trementina all'olio di ricino riscaldato;
  • tuorlo mescolato con 1 cucchiaino. trementina e 1 cucchiaio. l. aceto;
  • birra astragal;
  • massaggio con cubetti di ghiaccio;
  • bagno con acqua fredda e sali;
  • doccia sulle gambe;
  • limitare la quantità di liquido bevuto durante la notte;
  • brodo di sambuco;
  • uso di qualsiasi diuretici;
  • decotto di foglie di betulla;
  • semi di lino (1 cucchiaino per litro di acqua);
  • se l'edema ha causato l'artrite reumatoide delle articolazioni, si consiglia di utilizzare torte di argilla, che vengono applicate alle zone dolenti delle dita o delle ginocchia.

Rispetto all'edema nelle gambe della gente comune, l'edema nelle donne in gravidanza è diverso. Il trattamento farmacologico è meglio non usare (a causa del rischio di danni al bambino dopo aver consumato il medicinale).

A causa del forte aumento del progesterone, che colpisce anche il bilancio idrico, le donne incinte spesso soffrono di edema. Tale edema è pronunciato nel 3 ° trimestre di gravidanza, quando la quantità di progesterone è maggiore. È in questa fase che una donna guadagna peso, appare la mancanza di respiro.

Va ricordato che la restrizione di una donna incinta nell'acqua non è raccomandata. Consumo normale di qualsiasi fluido - 2 litri al giorno. È anche utile limitare il dolce e il salato, che provoca una forte sensazione di sete. Se vuoi bere, è meglio mangiare 1 mela, che non solo placherà la tua sete, ma fornirà anche vitamine utili e oligoelementi sia per la donna che per il bambino.

In alcuni casi, l'uso di diuretici è permesso, tuttavia, tali farmaci possono essere avviati solo dopo la raccomandazione di un medico. Lo stile di vita inattivo e immobile contribuisce al fatto che la ritenzione di umidità si verifica nel corpo.

Pertanto, si consiglia di consultare il proprio medico per lo scopo di un esercizio moderato. Fare massaggi profilattici ai piedi. Tè con composta di limone e mirtillo rosso perfettamente dissetati.

Il gonfiore può presentarsi come un fattore innocuo ed essere il risultato di una grave malattia. Ecco perché prima di affrontare i sintomi dell'edema degli arti inferiori, devi consultare un medico.

Lanciare gonfiore delle gambe può portare a ulcere, cancrena, che porta alla chirurgia, e dopo di loro, all'amputazione degli arti inferiori (da un dito a tutta la gamba).

I diabetici sono ospiti frequenti di questa malattia. A causa di disturbi circolatori, sono spesso suscettibili di edema, ristagno e a causa dell'amputazione della vecchiaia e degli arti inferiori.

Il segnale per evitare l'amputazione degli arti è una violazione dell'integrità della pelle e mancanza di respiro. Ulcere non cicatrizzanti e, a prima vista, piaghe innocue possono ulteriormente portare all'amputazione.

Le conseguenze di un normale morso di insetto possono essere molto pericolose. Gli effetti di un morso possono portare al fatto che c'è una forte mancanza di respiro, prurito, dolore all'articolazione, una forte reazione allergica, infezione degli arti inferiori, che porta anche all'amputazione.

Notare se c'è una vescica spessa sulla pelle (morso di insetto). Dovrebbe consultare uno specialista. Non trascurare il pericolo di una puntura d'insetto.

Anche un sicuro segno di predisposizione alla chirurgia è una diagnosi di artrite reumatoide delle articolazioni.

Quindi, se ritieni ragionevolmente non così significativo come i sintomi possono sembrare a prima vista, allora puoi vivere una lunga vita senza droghe, operazioni e amputazione. Non devi imparare cosa sono la cardiologia e la chirurgia, l'artrite reumatoide delle articolazioni e la tromboflebite, il gonfiore delle estremità, la mancanza di respiro, ecc.

La linfostasi è chiamata la violazione del drenaggio linfatico negli arti inferiori. La malattia può essere ereditaria e si verifica sullo sfondo di altre malattie. A causa di un fallimento nel deflusso del componente liquido linfatico, le gambe iniziano a gonfiarsi.

L'edema linfatico è anche chiamato linfedema. Sulla base di dati statistici, questa malattia è osservata nel dieci percento della popolazione mondiale. Con un trattamento improprio o tardivo, la malattia può progredire portando all'elefilasia, che a sua volta causa non solo sofferenza psicologica e fisica, ma spesso causa anche disabilità.

Lo sviluppo della linfostasi degli arti inferiori è influenzato da molti fattori. Il drenaggio linfatico può essere interrotto a causa di problemi cardiaci, problemi ai reni o ipoproteinemia. Queste malattie portano ad un restringimento dei vasi linfatici, in conseguenza del quale passano male la linfa e viene trattenuto nei tessuti, causando gonfiore.

La linfa può indugiare nelle gambe a causa dell'insufficienza venosa nella fase cronica, che compare nelle vene varicose decompressive, nelle fistole artero-venose e nella sindrome post-tromboflebica. Con la rimozione di una grande quantità di componente liquida, vi è un'espansione della rete vascolare linfatica, a seguito della quale il tono diminuisce e le valvole responsabili della distribuzione del fluido nel sistema linfatico non funzionano bene.

La linfostasi può essere osservata con difetti congeniti del sistema linfatico a causa dell'ostruzione della rete vascolare linfatica, che si forma a causa di danni meccanici, compressione o infiammazione del restringimento del lume nei vasi.

La perdita del tono vascolare del sistema linfatico, osservata con linfoadenite, porta al fatto che si espandono e il normale funzionamento delle valvole di altre navi viene interrotto. Di conseguenza, c'è ristagno di linfa e c'è un forte gonfiore.

Nel cancro al seno viene spesso eseguita la mastectomia, che a sua volta è complicata dal linfedema degli arti superiori e inferiori. Spesso la mastectomia viene eseguita sull'ascella. I chirurghi rimuovono i linfonodi colpiti dalle cellule tumorali e poiché il flusso linfatico non è più "nessuno da controllare", il liquido ristagna e le mani iniziano a gonfiarsi. Se le metastasi si trovano nell'inguine, i linfonodi verranno rimossi lì, portando al linfedema degli arti inferiori.

La congestione linfatica può anche causare il cancro alla prostata, in cui vengono rimossi i linfonodi inguinali e viene effettuata la radioterapia, portando a problemi nel sistema linfatico.

Il drenaggio linfatico è violato, forse a causa di linfangite da streptococco, che ha una natura ricorrente e come risultato dell'infezione da malattie infettive parassitarie.

Nei paesi tropicali, i problemi con il sistema linfatico possono essere causati da zanzare, che sono portatrici di filariosi linfatica, che colpisce e porta ad un aumento dei linfonodi, alla comparsa di febbre, algia severa ed edema esteso.

A seconda delle cause del linfedema, può essere primario e secondario.

Nel tipo primario, la malattia può essere congenita o acquisita. Nel caso di un'anomalia congenita, la malattia può manifestarsi durante l'infanzia o l'età di transizione.

Nel tipo secondario, i seguenti fattori possono influenzare lo sviluppo della malattia:

  • Stile di vita inattivo
  • Processi tumori nel sistema linfatico.
  • Lesioni che portano ad una maggiore pressione nelle navi.
  • Malattie venose croniche degli arti inferiori.
  • Malattie infettive che portano a violazioni nei principali sistemi del corpo.
  • L'obesità.
  • Intervento chirurgico

La linfostasi ha tre fasi di sviluppo:

  • Lo stadio I è caratterizzato dalla presenza di gonfiori, che compaiono di volta in volta e scompaiono da soli. Le gambe si gonfiano nel tardo pomeriggio, durante il riposo notturno il drenaggio linfatico si normalizza e scompaiono. Il gonfiore del tessuto si verifica con un forte sforzo fisico o con una lunga permanenza in una posizione. Il carico sugli arti inferiori provoca anche una violazione del deflusso del fluido linfatico. Nella fase iniziale, viene diagnosticata la variazione e la crescita del tessuto connettivo. In questo caso, il medico può prescrivere un metodo conservativo, che spesso consente di arrestare la malattia e impedirne lo sviluppo.
  • Quando diagnostichi l'II grado della malattia, il gonfiore non scompare più e persiste anche dopo il sonno. I tessuti connettivi crescono, la pelle si stringe, si stringe e quando li si preme, la persona avverte dolore. Con un'area palpata di edema, rimangono tracce sul luogo della pressatura, che non scompaiono a lungo. La linfa stagnante provoca la comparsa di convulsioni e porta a una rapida stanchezza.
  • Se la malattia si è sviluppata allo stadio III, il medico diagnostica un danno irreversibile nel sistema linfatico. I tessuti degli arti inferiori sono sottoposti a una grave deformazione, a causa della quale le gambe cessano di funzionare pienamente, perdendo proporzioni e contorni. In questa fase, la malattia può essere diagnosticata con problemi articolari e la pelle è spesso coperta da ferite e ulcere, che alla fine portano alla sepsi e alla morte. Inoltre, questa fase spesso porta al linfosarcoma.

I sintomi comuni del linfedema comprendono:

  • Debolezza e stanchezza.
  • Mal di testa costante
  • Lingua coperta di fioritura bianca.
  • Mancanza di concentrazione
  • L'obesità.
  • Algia nelle articolazioni articolari.

"Data-medium-file =" https://i2.wp.com/nogi.guru/wp-content/uploads/2017/01/diagnostika-limfedemy-min.jpg?fit=200%2C133l=1 "dati- large-file = "https://i2.wp.com/nogi.guru/wp-content/uploads/2017/01/diagnostika-limfedemy-min.jpg?fit=500%2C333ssl=1" class = "wp- image-7804 size-full "src =" https://i2.wp.com/nogi.guru/wp-content/uploads/2017/01/diagnostika-limfedemy-min.jpg?resize=500%2C333ssl=1 " alt = "linfa ritardata nelle gambe" width = "500" height = "333" data-recalc-dims = "1">

Esame ecografico delle vene

Se il paziente ha un sintomo caratteristico del disturbo, allora per confermare la diagnosi, il medico prescrive un'ecografia della rete venosa degli arti inferiori. Inoltre, è possibile prescrivere un'ecografia del peritoneo e della giornata pelvica al fine di rilevare i cambiamenti negli organi e le malattie che possono causare edema linfatico.

Inoltre, il paziente deve sottoporsi a linfografia a raggi X e linfoscintigrafia e passare esami generali del sangue e delle urine. I primi due studi consentono di vedere quanto bene le navi hanno una buona permeabilità e dove si trova il blocco linfatico. Inoltre, ti permettono di determinare se ci sono cambiamenti vascolari, esaminare la loro zona di tortuosità e vederli per insufficienza valvolare e linfangiectasia.

Il chirurgo può condurre studi differenziali per determinare se vi sia una trombosi venosa profonda e una sindrome post-flebica, poiché danno un linfedema unilaterale, con lieve gonfiore, pigmentazione, eczema e vene varicose nelle gambe. Al fine di escludere la patologia venosa, è prescritto un USGD della rete venosa delle estremità.

Se necessario, il chirurgo può ordinare un esame di altri organi al fine di ridurre la ricorrenza della malattia dopo che è stata eliminata.

Il trattamento dell'edema è finalizzato al ripristino graduale del drenaggio linfatico dagli arti malati. Spesso questo trattamento è presentato:

  • Indossare costantemente il golf o i pantaloni a compressione.
  • Terapia magnetica
  • Compressione pneumatica dell'apparato.
  • Acqua e massaggio manuale di drenaggio linfatico.
  • Laser terapia.

Inoltre, con l'edema, i pazienti devono:

  • Osservare una dieta speciale e eliminare completamente il sale dalla dieta.
  • Partecipa alla piscina no due volte a settimana.
  • Impegnarsi nella camminata nordica.
  • Esercizi terapeutici giornalieri per ridurre il gonfiore.

La terapia farmacologica include farmaci:

  • Con azione flebotonica.
  • Angioprotectors.
  • Immunostimolanti ed enzimi

Se gli arti hanno iniziato a coprirsi di ferite e ulcere trofiche, il trattamento principale è anche la terapia per eliminarli. Quando si effettua una diagnosi di "linfedema", è necessario curare attentamente i piedi per prevenire la linfangite. A tale scopo, è necessario contattare il podologo per eseguire occasionalmente pedicure con apparecchi medici con agenti terapeutici speciali.

Se si dispone di un'infezione fungina, è necessario utilizzare unguenti e gel antifungini, è anche possibile utilizzare preparazioni per compresse.

Se i metodi conservativi non hanno dato risultati favorevoli e la malattia continua a progredire, ci sono ulcere estese e borse linfatiche deformanti, è necessaria un'operazione chirurgica urgente. È mirato all'espansione microchirurgica dei lumi vascolari e alla liposuzione.

Nel linfedema primario, a un paziente viene prescritto un trapianto di tessuto linfoide. Se un paziente ha elefantiachezza evidente, allora gli interventi chirurgici radicali non sono effettuati. Viene mostrato il tunneling dei tessuti interessati per deviare la linfa in siti di tessuti sani. Può essere applicata anche una resezione.

Al fine di non iniziare la malattia ai suoi primi segni, è necessario consultare immediatamente un medico per prevenire le complicazioni e liberarsi rapidamente della malattia.

Se trovi un errore, seleziona il frammento di testo e premi Ctrl + Invio.

Il gonfiore delle gambe e delle braccia, almeno una volta nella vita, ha incontrato ogni persona. Carichi eccessivi, scarpe scomode o nuove - tutto ciò può portare a un temporaneo "gonfiore" degli arti. Di solito tali sintomi non durano più di 12 ore. Un'altra cosa, se le gambe sono costantemente in uno stato gonfio. In questo caso, è già edema patologico linfatico - linfostasi.

La linfostasi si riferisce ad un eccesso di fluido che si accumula nei tessuti del tessuto sottocutaneo e non viene escreto normalmente (non si verifica fuoriuscita). Gli edemi possono apparire sia sulle estremità inferiori che su quelle superiori, ma il più delle volte sono le gambe a soffrire.

La linfostasi appartiene alla categoria delle malattie lenta-progressiste. Tuttavia, questo non significa che quando appare l'edema, dovrebbe essere ignorato. Se i vasi linfatici sono colpiti, causerà danni minimi all'organismo, ma in caso di problemi nei condotti di grandi dimensioni, i tessuti inizieranno a deformarsi. Nei casi avanzati, i medici diagnosticano lo sviluppo di linfodema nei pazienti (questo disturbo richiede un trattamento più complesso).

Il gonfiore linfatico della mano è estremamente raro e di solito le donne di 35 anni ne soffrono.

Molto spesso, la linfostasi si sviluppa sullo sfondo di vene varicose, tromboflebiti, trombosi e ulcere trofiche. La patologia viene diagnosticata anche negli anziani e in quelli che conducono uno stile di vita sedentario e sedentario. L'edema delle gambe linfatiche si presenta spesso nelle persone con disabilità. Inoltre, un lungo riposo a letto e una ridotta circolazione del sangue possono portare a questa malattia.

Inoltre, le persone a rischio sono:

  • insufficienza vascolare linfatica congenita;
  • tumori del cancro;
  • insufficienza cardiaca;
  • lesioni e ustioni degli arti superiori e inferiori;
  • insufficienza venosa cronica;
  • fistole arteriose e venose;
  • lesioni da streptococco;
  • infiammazioni della pelle delle mani e dei piedi;
  • patologie gravi dei reni;
  • malfunzionamento del sistema endocrino.

Inoltre, il gonfiore linfatico delle estremità può svilupparsi a causa di sedute di radioterapia.

La linfostasi delle mani si manifesta più spesso dopo l'intervento chirurgico. Questa malattia si verifica principalmente nelle donne che hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere una parte dei muscoli pettorali.

Esistono 3 gradi di linfostasi:

  1. Edema spontaneo reversibile (linfedema). Questa è la fase più facile della malattia, che si manifesta sotto forma di gonfiore regolare delle gambe la sera. Di norma, tutti i sintomi scompaiono dopo una notte di riposo. Gli edemi di questo tipo sono chiaramente visibili e di solito compaiono dopo uno sforzo fisico intenso sugli arti. Il luogo gonfio è facilmente palpabile. Nella fase iniziale dello sviluppo, la malattia viene trattata con metodi conservativi e non ha un effetto distruttivo sul corpo.
  2. Edema spontaneo irreversibile (fibriderma). Per la fase intermedia della linfostasi è caratterizzata da indurimento della pelle. Ciò è dovuto alla crescita del tessuto connettivo. Tali edemi sono chiaramente visibili ad occhio nudo. Sono molto duri, quando si preme sull'area infiammata, il paziente avverte molto dolore a causa della pelle tesa. Gonfiore di questo tipo è considerato in esecuzione. Non scompare dopo un periodo di riposo. A causa del corpetto congelato nei vasi, iniziano a svilupparsi nuovi sintomi: convulsioni e affaticamento dell'arto colpito.
  3. Gonfiore irreversibile (elefantiasi). Questo stadio di linfostasi è il più grave. A causa di gravi danni ai tessuti, l'arto è deformato, ponderato e diventa quasi immobile. L'uscita della linfa è completamente disturbata. Le lesioni fibro-cistiche compaiono nei tessuti malati. L'elefantiasi non è curabile e in alcuni casi è fatale.

Le fasi iniziali della malattia non rappresentano un rischio elevato. Tuttavia, si deve tenere presente che l'edema linfatico influisce sulla qualità della vita del paziente. Le membra colpite sono piuttosto doloranti, una coma di questo, sullo sfondo della malattia, si sviluppano malattie infettive. Se la pelle sulla gamba gonfia scoppia, i batteri pericolosi possono entrare nel corpo attraverso la ferita, che porterà a un intero "ammasso" di nuovi disturbi.

Quando appare un gonfiore prolungato, è necessario visitare un medico il più presto possibile.

Prima di tutto, il medico esamina l'arto con edema linfatico e determina lo stadio di sviluppo della patologia. Dopo di ciò, viene nominato un numero di misure diagnostiche, che consentono di determinare con maggiore precisione l'entità del danno tissutale, l'infiammazione e le possibili complicanze:

  • esami delle urine e del sangue;
  • scansione venosa;
  • ultrasuoni;
  • linfografia.

In alcuni casi, viene eseguita una scansione TC o MRI. Sulla base dei dati ottenuti, il medico prescrive un corso di preparazioni e procedure mediche.

Al fine di curare la malattia, è necessario ripristinare il deflusso della linfa dagli arti. Molto spesso, l'edema viene rimosso con un metodo non chirurgico, mediante terapia compressiva, massaggio e farmaci. Nelle fasi più avanzate, è richiesto un intervento chirurgico - ricostruzione dei percorsi di drenaggio linfatico.

Indipendentemente dal grado della malattia, il paziente deve regolarmente frequentare un angiosurgeon e trattare le malattie dei vasi renali, cardiaci e venosi nel tempo.

Dal gonfiore delle gambe linfatico, ci sono molti farmaci diversi che possono essere sia aggressivi che più conservativi. Per ripristinare la normale circolazione della linfa, ridurre la permeabilità dei vasi e aumentare la loro elasticità, si consiglia di assumere le seguenti compresse:

  • "Troxevasin" e "Detralex" sono agenti flebotropici che stimolano il deflusso di liquidi in eccesso dal sangue e dai tessuti.
  • "Wobenzym" e "Flobenzym" - appartengono alla categoria di preparati enzimatici che migliorano l'immunità e riducono il gonfiore.
  • La "cumarina" è benzopirone, che riduce il gonfiore e diluisce il sangue.
  • "Limfomiazot" è un rimedio omeopatico che ripristina il deflusso del fluido. Accelera anche l'eliminazione delle tossine dal sangue umano. Questo farmaco è considerato il più innocuo. Può essere preso senza paura per il trattamento dell'edema linfatico delle gambe degli anziani e delle donne incinte.

Oltre a questi farmaci, i medici prescrivono diuretici, antiaggreganti e immunomodulatori. È bene iniziare a prendere complessi vitaminici (P, PP ed E), che riducono la permeabilità dei vasi sanguigni.

I medici non sono contro i rimedi popolari per l'edema nel caso in cui vengano assunti insieme al corso di trattamento prescritto.

Per rimuovere l'edema linfatico a casa, puoi preparare semplici decotti e applicare impacchi. Ecco alcune ricette efficaci:

  • Comprime di miele e cipolle. Per farlo, devi tagliare una cipolla e aggiungere 1 cucchiaio di catrame alla massa risultante. Dopo, versa del miele nella miscela. Questo impacco dovrebbe essere applicato di notte.
  • Tintura di miele e aglio. Per la sua preparazione è necessario tritare 250 g di aglio. Successivamente, la massa risultante viene miscelata con 300 ml di miele liquido e infusa in un luogo fresco e buio per 7 giorni. Prendere l'infusione una volta al giorno prima dei pasti e 1 cucchiaio. Il corso del trattamento è di 2 mesi.
  • Decotto di piantaggine Per la sua preparazione è necessario preparare 1 cucchiaino di erba con un bicchiere di acqua bollente. Il corso del trattamento è di 2 mesi. Un decotto di 70 ml viene assunto ogni giorno prima dei pasti.
  • Pappa reale Da questo prodotto naturale, puoi fare degli impacchi o berla nella sua forma pura. Se mescoli in proporzioni uguali di pappa reale e miele, aumenterà l'efficacia dello strumento.

Se le gambe si gonfiano costantemente la sera, si consiglia di fare il bagno con una corda. 6 cucchiai di erba secca aggiungono 2-3 litri di acqua bollente. Dopodiché, devi aspettare che il liquido si raffreddi un po 'e la linea si gonfia. Quando la temperatura dell'acqua scende leggermente, è necessario abbassare il piede gonfio nella vasca da bagno per 20 minuti. Per eseguire tali procedure può essere 3 volte al giorno, ma non più di 3 settimane.

Oltre ai farmaci e alla medicina tradizionale, la fisioterapia aiuta anche con l'edema linfatico, che include:

  • massaggi;
  • bende di compressione;
  • esercizio terapia.

Procedure di massaggio: questo è uno dei metodi più efficaci per eliminare sensazioni spiacevoli. Per eseguire questa procedura, non è necessario visitare i centri cosmetici o medici. Puoi rimuovere un piccolo gonfiore a casa. Per questo è necessario massaggiare ritmicamente la pelle della zona gonfia. Il movimento dovrebbe essere regolare, non più di 12 clic al minuto. Il massaggio spesso non è raccomandato. Le membra devono massaggiare non più di 1 ora al giorno.

Tuttavia, non dovresti essere coinvolto nell'auto-trattamento, poiché qualsiasi sintomo sgradevole può essere indice di malattie più pericolose. Pertanto, è necessario consultare un medico e chiarire se questa patologia è pericolosa.

Come sai, molte persone soffrono di edema alle gambe.

Di sera, a volte puoi vedere il gonfiore dei piedi e le vene tese, e anche se la mattina passa spesso gonfiore, vale la pena prestare attenzione a - questo può essere un segno lontano di una tendenza alle vene varicose e tromboflebiti.

Se il gonfiore degli arti inferiori nel tempo diventa solo più visibile, allora questo è un motivo importante per la diagnosi di una malattia estremamente spiacevole, cioè la linfostasi degli arti inferiori.

Una malattia come la linfostasi degli arti inferiori o il linfodema delle gambe, è una patologia del sistema linfatico caratterizzata da un alterato processo linfatico, con conseguente linfa linfatica ritardata nei tessuti.

Circa il 10% delle persone soffre di questa malattia.

Un ulteriore sviluppo grave porta a un risultato deplorevole: l'elefantiasi, il risultato quasi sempre diventa una disabilità.

Questa malattia non va via senza trattamento.

Tuttavia, questa patologia non è sempre accompagnata da edema, perché con il ristagno della linfa si ferma anche la rimozione delle scorie, che aumenta l'acidità della pelle e si manifesta come sensazione di prurito. La pelle è ispessita, ma le sue capacità protettive cadono, il che porta alla penetrazione delle infezioni e alla comparsa di infiammazione.

Numerose cause che portano alla linfostasi sono molto diverse: patologie renali, insufficienza cardiaca, geni, sovrappeso, infezioni, post-tromboflebite, danno vascolare - questo non è un elenco completo di cause.

Le vene varicose sono spesso accompagnate da linfostasi, poiché le vene si bloccano e il flusso linfatico viene disturbato.

Inoltre, l'impulso allo sviluppo della linfostasi può essere la sconfitta dello streptococco e di altri microrganismi dannosi quando il corpo è debole.

Tra le cause comuni, è importante ricordare che questa malattia è divisa in forme congenite e acquisite e ciascuna di esse ha le sue cause specifiche.

Durante la gravidanza, può verificarsi linfostasi se c'è una predisposizione genetica (linfedema primario degli arti inferiori).

La foto mostra una distinta linfostasi degli arti inferiori.

La linfostasi delle gambe ha forme primarie e secondarie.

La differenza tra loro risiede nella natura dell'evento: la forma primaria è innata e la forma secondaria è acquisita.

La presenza della forma primaria può essere vista durante l'infanzia, si manifesta sempre più con l'età.

Linfodema secondario è un danno al sistema linfatico sano causato da ragioni indipendenti dall'eredità.

Ci sono tali ragioni per la forma primaria (congenita) della linfostasi:

  • difetti dei vasi linfatici (restringimento, atresia, raddoppio);
  • cicatrici anormali amniotiche che comprimono i vasi sanguigni;
  • insufficienza ereditaria del sistema linfatico.

La forma congenita è rara, diagnosticata per i segni di questa malattia nella famiglia del paziente, così come per i test che consentono di rilevare i difetti nei cromosomi.

La forma secondaria o acquisita della malattia si trova più spesso nella pratica della diagnosi e del trattamento. Le cause di questo tipo di patologia includono:

  • la presenza di cancro;
  • chirurgia, cicatrici postoperatorie;
  • malattie infiammatorie della pelle;
  • insufficienza venosa cronica;
  • insufficienza cardiaca;
  • malattia renale.

Stile di vita sedentario, cattive abitudini, trattamento pesante - tutto ciò porta a una forma secondaria di linfostasi.

Ciascuno degli stadi della linfostasi degli arti inferiori ha i suoi sintomi. Esistono tre livelli di patologia:

  1. Lieve gonfiore (linfedema). Il gonfiore è regolare, va al mattino, dopo il riposo, aumenta dallo sforzo fisico. I tessuti connettivi non crescono, la pelle è pallida, è facile da sentire, forma una piega durante la palpazione. Con il freddo può scomparire completamente. In questa fase non ci sono cambiamenti irreversibili.
  2. Edema irreversibile (fibridema). Il gonfiore non scompare, il dolore appare, la pelle è densa, con una palpazione rimane una traccia di pressione, le gambe si stancano facilmente. Al sito delle lesioni, si verificano convulsioni, la pelle non si raccoglie nella piega, la pelle gradualmente si scurisce.
  3. Elefantiasi. Il tessuto connettivo sotto la pelle cresce fortemente, la pelle è bluastra, ruvida, tesa. Gli edemi fanno molto male, la gamba assomiglia all'arto di un elefante, ispessendosi sempre di più. Ulcere, processi necrotici, infiammazioni compaiono. L'arto si sta gradualmente deformando, le articolazioni non sono piegate.

La diagnosi di linfostasi (elefantiasi) degli arti inferiori inizia con l'esame dell'arto ferito e la storia.

Il prossimo è il rilascio di analisi delle urine e analisi biochimiche del sangue. Per escludere insufficienza venosa o trombosi, le vene duplex vengono scansionate.

L'estensione della lesione è determinata dall'ecografia dei vasi delle gambe e dei tessuti molli, e viene eseguita l'ecografia degli organi pelvici e della cavità addominale, identificando la provocazione o le relative diagnosi.

Per la conferma finale, vengono eseguite linfografia e linfoscintigrafia, dando un quadro chiaro dei vasi linfatici.

Il trattamento della linfostasi degli arti inferiori può essere conservativo, medico e chirurgico. I seguenti metodi di trattamento sono più spesso raccomandati:

  • fisioterapia (laserterapia, magnetoterapia, idromassaggio);
  • indossare biancheria intima a compressione;
  • una dieta che limita l'assunzione di sale;
  • terapia fisica;
  • prendere flebotonie con azione linfotropica;
  • prendendo enzimi e immunostimolanti.

Gli obiettivi principali del trattamento di questa malattia includono:

  • ripristino del sistema di drenaggio linfatico;
  • ripristino delle funzioni dell'arto inferiore.

Il trattamento della linfostasi non è un compito facile, dipende dalla negligenza dei processi.

L'effetto viene valutato misurando il diametro dell'arto.

Allo stesso modo determina l'edema linfatico in una fase precoce, che consente al paziente di iniziare il necessario ciclo di trattamento nel tempo, che è molto importante, perché il trattamento iniziato in tempo previene il linfedema e le sue complicanze, per le quali la riabilitazione è molto difficile e il ritorno delle sue funzioni è irto di difficoltà.

Il trattamento non iniziato nel tempo rende difficile liberarsi della malattia e rende pericolosi tutti i metodi di terapia, in particolare la chirurgia. Gravi complicazioni anche con tutti gli sforzi possono portare alla disabilità, allo sviluppo di infezioni, alla comparsa di processi necrotici.

Il trattamento conservativo del piede di elefante è molto efficace in una fase in cui non ci sono processi irreversibili. Include le seguenti procedure:

  • massaggio linfodrenante manuale;
  • compressione pneumatica hardware;
  • bendaggio speciale;
  • l'uso di dieta;
  • educazione fisica speciale;
  • fisioterapia e cure termali;
  • l'uso di droghe di azione tonica (troxerutin, troxevasin, vapore, venoruton).

Dovremmo anche affrontare il problema dell'attività fisica. Nel caso di questa malattia, si raccomanda il nuoto o il "nordic walking" (con bastoncini da sci).

Gli esercizi sono importanti da fare 2 volte al giorno per 10-15 minuti. Dovrebbero essere eseguiti solo con un bendaggio compressivo (o in calze compressive).

Tra i più utili:

  1. Mentire, con il resto completo di una gamba sana, per spostare non solo l'articolazione dell'anca, ma anche la caviglia, come se spingesse i pedali della bicicletta.
  2. Con le gambe stirate - alternativamente piegare, raddrizzare ed estendere le dita sui piedi;
  3. Raddrizza le gambe, ruota i piedi alternativamente a destra e a sinistra, quindi scrivi "otto" con i piedi.
  4. Senza staccare i piedi dal pavimento, piega le ginocchia, premi i talloni contro la parte posteriore delle cosce e poi raddrizza di nuovo le gambe.
  5. Fai movimenti rotazionali alternativamente a sinistra e a destra, quindi abbassa la gamba nella posizione iniziale.

Tutti gli esercizi si sono esibiti sul pavimento per circa 15-20 volte.

Per quanto riguarda la nutrizione, la dieta per la linfostasi degli arti inferiori è importante, poiché la maggior parte dei pazienti è in sovrappeso.

Le regole principali sono restrizioni sull'assunzione di sale e liquidi. I nutrizionisti raccomandano quotidianamente non più di 100 g di proteine. Per quanto riguarda il grasso, dovresti mangiare almeno 10 g di grassi animali al giorno e 20 g. oli vegetali

È importante ridurre il consumo di alimenti a base di carboidrati: farina e dolce.

Raccomandato per linfostasi:

  • latticini (kefir, formaggio, yogurt);
  • carne e frutti di mare;
  • legumi (fagioli, soia);
  • cereali (grano saraceno, avena, frumento);
  • grassi (burro, girasole, olio d'oliva);
  • verdure e frutta (in particolare pomodori e agrumi).

Motivi per il trattamento chirurgico: l'inefficacia della terapia conservativa, un aumento dell'edema e la comparsa di sacche linfatiche e fibrosi.

Il trattamento chirurgico comporta:

  • creazione di anastomosi linfoide;
  • liposuzione;
  • trapianto complesso linfoide;
  • tunneling delle aree colpite e rimozione della linfa in tessuto sano, seguita da resezione.

I più efficaci sono l'imposizione di anastomosi linfonodali.

I vasi linfatici possono essere determinati solo mediante colorazione, quindi, prima dell'operazione, per 1-1,5 ore, il colorante blu linfotropo viene iniettato nel primo, nel secondo e nel quarto spazio interdigitale ei vasi linfatici diventano blu.

Quando possibile, si distinguono per il numero più grande con le vene safene più vicine. Successivamente, i vasi linfatici si fermano, le loro estremità centrali si coagulano e le anastomosi periferiche con le vene, eseguendo fino a 10 anastomosi. Questa operazione riduce il gonfiore e normalizza il flusso linfatico.

Solo il medico curante dovrebbe scegliere come trattare la linfostasi degli arti inferiori usando la chirurgia o metodi conservativi.

La medicina tradizionale consiglia:

  1. Rimedio efficace - comprime con cipolle al forno e catrame di betulla. Per questa cipolla nel guscio da cuocere, sbucciare, mescolare con 1 cucchiaio. l. tar. Applicare su tessuto di cotone e applicare (con fissazione con una benda) su un punto dolente durante la notte. Corso - 2 mesi.
  2. L'infusione terapeutica richiede 350 g di miele e 250 g di aglio tritato. Insistere per 1 settimana., E poi 2 mesi. prendere 1 cucchiaio. l. 3 felici al giorno - un'ora prima dei pasti.
  3. Si consiglia un decotto di foglie di piantaggine (1 ora), foglie di tarassaco (1 ora) e il colore di immortelle (2 ore). La miscela viene versata 0,5 litri di acqua bollente, insistono 5-6 ore, prendere 100 ml 4 volte al giorno prima dei pasti - 1 mese.

Nei casi più gravi, ci sono disturbi irreversibili del flusso linfatico, lo sviluppo di patologie fibrocistiche dei tessuti, elefantiasi.

L'estremità perde i suoi contorni e la sua capacità di funzionare normalmente. In questa fase, possono verificarsi lo sviluppo di contratture e osteoartrosi, ulcere trofiche, eczema. Possibile morte per sepsi.

Indipendentemente dallo stadio, la linfostasi deve essere monitorata da un angiosurgeon.

Le procedure terapeutiche di sostegno sono indicate per tutti i pazienti inclini alla malattia.

È importante prevenire la violazione, è importante curare attentamente la pelle delle mani e dei piedi, il trattamento tempestivo di eventuali ferite e la prevenzione delle infezioni. Terapia necessaria di malattie dei reni, cuore, vasi venosi.

Per evitare processi stagnanti, passeggiate all'aria aperta, si raccomandano esercizi mattutini. Si consiglia di limitare l'assunzione di cibi salati e grassi.

Il trattamento precoce promette una prognosi favorevole. In caso di rifiuto della terapia, il gonfiore continuerà, il pericolo di infezioni croniche apparirà, il corpo sarà indebolito.

È possibile prevenire lo sviluppo di linfostasi osservando gli standard di igiene degli arti inferiori, modificando gli aspetti negativi delle attività quotidiane e curando le malattie e le predisposizioni già esistenti.

Pubblicazioni Sul Trattamento Delle Vene Varicose

Detralex - istruzioni ufficiali * per l'uso

Numero di registrazione:Nome commerciale: DETRALEKS ®
Forma di dosaggio:ingredienti:descrizione
Compresse ovali rivestite con film, di colore arancio-rosa.
Una specie di compressa in pausa: dal colore giallo pallido al giallo della struttura eterogenea.

Cos'è il varicocele negli uomini: il pericolo di questa malattia e come trattarla

Il varicocele è uno dei più sgradevoli e pericolosi per le malattie della salute maschile associate alle vene varicose.