Quanto è lungo il periodo postoperatorio dopo flebectomia?

Nonostante il fatto che le malattie vascolari degli arti inferiori siano state a lungo note all'umanità, la flebectomia è apparsa relativamente di recente - alla fine del XIX secolo. Da allora, l'operazione è stata applicata con successo nelle vene varicose gravi. Se nelle prime fasi della malattia si ottiene un buon effetto mediante l'uso di biancheria intima da compressione e metodi conservativi, quindi in caso di progressione della malattia, non può essere prevenuto con farmaci da solo.

Inizialmente, durante la procedura, il medico si trovò di fronte al compito di completare l'escissione della vena danneggiata con tutti i nodi e i coni varicosi. L'operazione è stata eseguita in ospedale, sotto anestesia spinale e sotto la costante supervisione dei medici. Allo stesso tempo, fu praticata un'incisione cutanea piuttosto ampia, che iniziò nell'area della coscia e durò fino allo stinco. Il processo si è distinto per il trauma e la presenza di gravi conseguenze, il rischio di complicanze aumentate.

Attualmente, con un sistema diagnostico sviluppato per ogni paziente, c'è un'opportunità per scegliere la procedura chirurgica individuale più ottimale per lui. Esistono diversi modi per l'operazione:

  1. Flebectomia combinata. È una delle varietà di trattamento chirurgico delle vene varicose, che viene effettuata rimuovendo i vasi danneggiati attraverso piccole incisioni cutanee. L'operazione comprende diverse fasi e viene eseguita con l'ausilio di strumenti speciali che forniscono la capacità di estrarre vasi di grandi e piccole dimensioni. Questo tipo di procedura è la più comune e ampiamente utilizzata al momento e viene utilizzata anche quando altri metodi sono inefficaci. Lo scopo principale dell'operazione è il ripristino del normale flusso sanguigno nelle vene degli arti inferiori, che riduce significativamente il rischio di complicazioni e processi patologici;
  2. Laser flebectomia. Si tratta di un moderno metodo di trattamento delle vene varicose, in cui il cosiddetto "burn out" della vena colpita viene eseguita utilizzando raggi laser. Questo è un trattamento unico senza dolore, senza cicatrici ed ematomi;
  3. L'ablazione delle vene a radiofrequenza è una procedura innovativa in cui la vena varicosa viene riscaldata, collassa e viene assorbita dall'azione delle onde radio;
  4. Echosclerotherapy. È una procedura in cui i vasi modificati sono riempiti con una sostanza speciale. Contribuisce alla distruzione delle loro mura e al loro legame. Quindi, la vena diventa vuota e si trasforma in tessuto cicatriziale.

Se il medico consiglia un tale intervento, allora non dovresti portarlo con sé, poiché questo aiuterà a evitare ogni sorta di complicazioni in futuro. Inoltre, ci sono una serie di raccomandazioni che devono essere seguite nel periodo postoperatorio. Va notato che le raccomandazioni dopo la flebectomia interessano tutte le aree della vita umana, compresa la dieta, l'esercizio fisico e la modalità motoria.

Cosa in questo articolo:

Periodo dopo l'intervento

Poiché la flebectomia è uno dei metodi dell'intervento chirurgico, viene effettuata esclusivamente in condizioni stazionarie. Per prevenire il dolore, viene utilizzata l'anestesia spinale, la cui durata è di circa 2 o 3 ore. Dopo la procedura, il paziente viene lasciato in sala operatoria e quindi trasferito al reparto sotto la supervisione dell'infermiere di turno.

Subito dopo l'anestesia e l'intorpidimento si attenua, i medici raccomandano che il paziente giri e fletta le gambe. Per migliorare la circolazione del sangue in questi casi, si alza un lato del letto d'ospedale.

La maglieria a compressione e le bende elastiche possono essere utilizzate un giorno dopo l'intervento. Solo allora è permesso di alzarsi dal letto. In questo momento, si raccomanda di non fare movimenti bruschi e camminare a conteggio.

Il periodo postoperatorio dopo flebectomia

Al fine di eliminare le sensazioni dolorose, i medici prescrivono farmaci dal gruppo di flebotonie - di solito usati per diversi giorni, così come i disaggregati che promuovono la fluidificazione del sangue e prevengono la formazione di coaguli di sangue.

Nei casi in cui ci sono delle complicazioni, al paziente viene solitamente prescritto un ciclo di antibiotici. In concomitanza con questo, la terapia compressiva viene eseguita durante il giorno.

In presenza di ulteriori malattie può nominare una dieta che esclude i prodotti grassi, fritti e affumicati.

Finché il paziente è in ospedale, viene fasciato. Di solito durante la degenza ospedaliera si tengono per tre volte. Se le suture postoperatorie sono nella zona inguinale, vengono rimosse una settimana dopo l'intervento chirurgico. Se durante l'operazione è stata cucita la parte poplitea, i fili vengono rimossi 10-12 giorni dopo la procedura. Se non ci sono complicazioni, l'operazione ha avuto successo e il paziente si sente bene, il periodo di ospedalizzazione dura fino a 5-7 giorni, dopo di che il paziente viene dimesso a casa.

Per tutto questo tempo, il paziente subisce un trattamento di compressione con l'aiuto di speciali bende di lino o elastico. Ecco perché è molto importante selezionarlo e acquistarlo prima dell'intervento chirurgico.

10-12 giorni dopo l'operazione, il bendaggio elastico viene sostituito da collant a compressione o da golf della classe che i medici raccomandano di indossare al paziente.

Azioni dopo la dimissione

Dopo essere stato dimesso dall'ospedale, la persona continua ad essere sotto la supervisione di specialisti dell'istituto dove è stata eseguita la venectomia. Ciò è necessario al fine di identificare le varie complicanze postoperatorie in modo tempestivo e di eliminarle il più rapidamente possibile in caso di insorgenza, nonché per la riabilitazione di maggior successo dopo flebectomia.

Entro un mese dall'intervento, il paziente continua a eseguire la compressione 24 ore su 24 in regime ambulatoriale. Dopo questo periodo, puoi continuare a condurre le procedure di compressione solo durante il giorno. Un tale ciclo di terapia continua fino a quando tutte le manifestazioni negative di insufficienza cronica nei vasi venosi scompaiono completamente. Se il medico consiglia, in questo momento è possibile utilizzare farmaci, l'uso di vari metodi di fisioterapia, terapia fisica, terapia magnetica e corsi di ginnastica speciali per una pronta guarigione.

Abbastanza frequente evento per le persone che soffrono di vene varicose è la comparsa di vene varicose sulla seconda gamba, quindi è molto importante osservare le misure preventive che impediscono lo sviluppo della malattia. Va ricordato che la flebectomia in questo caso è consentita non prima di sei mesi dopo il primo intervento.

In assenza di tale patologia, si raccomanda al paziente di sottoporsi all'ecografia Doppler 6 mesi dopo l'intervento.

Raccomandazioni a casa

Il periodo di riabilitazione dopo la procedura è calcolato dal medico per ogni paziente individualmente. Allo stesso tempo, la durata del periodo durante il quale il recupero avviene dopo la flebectomia dipende dal benessere generale del paziente, dalla presenza di ulteriori malattie croniche.

Nonostante il fatto che gli esperti affermino che la flebectomia ha una bassa probabilità di complicanze postoperatorie, è impossibile escludere completamente la possibilità che si verifichino.

Il punto importante è il comportamento e lo stile di vita del paziente dopo la dimissione dall'ospedale. È noto che lo sviluppo delle vene varicose è influenzato da vari fattori, tra cui la predisposizione ereditaria, la presenza di cattive abitudini, uno stile di vita sedentario e altri. Se tutti gli aspetti negativi sono stati completamente fermati durante l'operazione, non ci sono complicazioni, al fine di evitare la recidiva varicosa, il medico curante dà il seguente consiglio:

  • Il recupero rapido dopo l'intervento chirurgico consentirà il cambiamento dello stile di vita sedentario verso uno più attivo;
  • È necessario riconsiderare una dieta, avendo escluso da esso tutti i piatti grassi, affettati, fritti, affumicati;
  • Si raccomanda di trascorrere più tempo possibile all'aria aperta, di escludere l'uso di alcool e tabacco;
  • Dopo aver consultato uno specialista, è possibile applicare i metodi della medicina tradizionale per eliminare i sintomi delle vene varicose e dei coaguli di sangue. Buone recensioni hanno compresse di aceto di sidro di mele, sale marino. È permesso usare erbe diuretiche da edema.

Flebectomia e sport

Nonostante il fatto che una delle cause delle vene varicose sia uno stile di vita sedentario, dopo l'operazione, ci possono essere ricadute e varie complicazioni. Ciò accade soprattutto se tutti i possibili fattori di rischio non vengono eliminati. Ecco perché l'attività fisica è una componente necessaria della vita normale, ma solo entro limiti ragionevoli. Occupazioni in tali sport, in cui un grande carico sui piedi di una persona dopo una flebectomia è inaccettabile.

All'inizio, dopo l'intervento chirurgico, si raccomanda di eliminare completamente l'attività fisica, compresa la ginnastica e l'aerobica. È impossibile in questo momento visitare la sauna e il bagno, impegnarsi in piscina e in cyclette. All'inizio, qualsiasi attività fisica dovrebbe essere supervisionata da personale medico e previa consultazione con il medico.

Durante i primi mesi, qualsiasi esercizio ginnico, esercizi e allenamento sono condotti solo in intimo a compressione.

L'escursionismo e lo yoga hanno dimostrato il loro valore. In seguito è consentito andare in bicicletta e nuotare.

Rimozione delle vene durante la gravidanza

Le donne che soffrono di vene varicose sono spesso preoccupate per la questione della sicurezza della flebectomia durante la gravidanza? Va tenuto presente che qualsiasi operazione, anche la più semplice e la più piccola, è un intervento nel corpo e una violazione della sua integrità.

Le vene varicose non sono una controindicazione per il trasporto di un bambino, ma è meglio pianificare l'inizio della gravidanza dopo il trattamento postoperatorio. Se la gravidanza non è pianificata, l'operazione per rimuovere le vene non è un motivo per risolverla. In questo caso, è necessario rafforzare l'osservazione della donna per tutto il tempo del trasporto del bambino.

La flebectomia è descritta nel video in questo articolo.

Riabilitazione dopo flebectomia

Ogni persona che decide di sottoporsi a un intervento chirurgico venoso è importante per capire che il recupero corretto dopo flebectomia è altrettanto importante della chirurgia stessa. Ciò è dovuto al fatto che le vene varicose sono solo una delle manifestazioni della malattia. La rimozione di queste vene è certamente molto importante per migliorare l'aspetto delle gambe. Ma l'operazione stessa è solo una parte del processo di trattamento.

Problemi risolti nel processo di riabilitazione

L'espansione delle vene sottocutanee delle gambe e delle cosce è una manifestazione della malattia varicosa, che si verifica a causa del ristagno di sangue nei vasi. È promosso da uno stile di vita sedentario, gravidanza, parto, eccesso di peso, cattive abitudini, duro lavoro fisico, lunga data, eredità.

La rimozione delle vene non elimina le cause della malattia. Risolve, prima di tutto, i problemi estetici del paziente. Inoltre, dopo la flebectomia, i sintomi spiacevoli (gravità, intorpidimento, dolore) sono ridotti e la progressione della malattia rallenta. Ma se non segui le raccomandazioni prescritte dal medico, le manifestazioni della malattia possono tornare, e già altre vene si espandono e appaiono sotto la pelle.

Inoltre, possono insorgere complicanze dopo flebectomia (ad esempio, infiammazione postoperatoria della ferita, sanguinamento, divergenza della cucitura). E l'operazione stessa, come un forte fattore di stress, può portare a un'esacerbazione di malattie croniche. Pertanto, quando si sviluppa un piano individuale di riabilitazione, è necessario pianificare attività mirate a:

  • escludere complicazioni durante l'intervento chirurgico e nel primo periodo postoperatorio,
  • prevenzione di esacerbazione di malattie croniche,
  • prevenzione della recidiva della malattia.

Per la decisione di questi compiti vengono utilizzati vari mezzi. Questo regime, droghe e esercizio terapeutico. Un ruolo speciale nella prevenzione della recidiva è giocato dall'osservanza delle raccomandazioni sui cambiamenti dello stile di vita dopo la flebectomia.

Terapia farmacologica prima e dopo l'intervento chirurgico

La malattia varicosa è, di regola, la massa di persone di mezza età e anziani. Alcuni di loro devono costantemente assumere farmaci per malattie concomitanti.

Alcuni farmaci devono essere presi molto attentamente (ad esempio, antipertensivi) per controllare la malattia molto prima e dopo l'intervento. Altri (succede raramente) dovrebbero essere cancellati per diversi giorni. Succede che un paziente con una predisposizione a qualsiasi complicazione è prescritto un breve ciclo di trattamento anti-recidiva (ad esempio, Omez con ulcera peptica o Aspirina con tendenza alla trombosi).

Il paziente dovrebbe risolvere queste domande non in modo indipendente, ma con la partecipazione del chirurgo e anche del medico-anestesista. A volte, per ricevere tali raccomandazioni, è necessario consultare un medico generico o un medico strettamente specializzato.

Tra i farmaci prescritti direttamente per la malattia varicosa, possiamo menzionare la venotonica, mezzi che rafforzano la parete vascolare, le vitamine. La loro ricezione è raccomandata per molto tempo. Occasionalmente nel periodo postoperatorio vi è la necessità di antibiotici (se ci sono segni di infiammazione di una ferita postoperatoria) o in un breve corso di antidolorifici.

Attività motoria postoperatoria

Il prossimo punto a cui si dovrebbe prestare attenzione è l'attività motoria. Le prime ore dopo l'intervento, il paziente è ancora sotto l'azione dell'anestesia e deve rispettare il riposo a letto. Ma non appena l'azione della droga finisce, è possibile e necessario espandere l'attività motoria. I primi esercizi del complesso di ginnastica medica dopo flebectomia vengono eseguiti sdraiati. Questi possono includere i seguenti esercizi:

  • girandosi dalla schiena alla pancia e alla schiena;
  • oscillare le caviglie in posizione prona;
  • "forbici"
  • "Bicicletta".

L'attivazione precoce del paziente dopo flebectomia è importante per la prevenzione dei coaguli di sangue nelle vene. A volte si formano a causa di una prolungata immobilità forzata (in pazienti costretti a letto, dopo l'intervento chirurgico). Se un tale coagulo di sangue si interrompe, può essere trasferito ad altri organi con un flusso sanguigno, causando un tromboembolismo - una complicanza molto grave.

Il giorno successivo all'intervento, il paziente può alzarsi in piedi. Il complesso della fisioterapia dopo flebectomia comprende inclinazioni, salti alle gambe. I punti vengono rimossi il giorno 7-14 dopo l'intervento (a seconda delle dimensioni dell'intervento). Una settimana dopo, puoi iniziare a eseguire squat, affondi e altri esercizi per i muscoli delle gambe.

Dopo aver completato la guarigione delle ferite postoperatorie (circa un mese dopo), puoi iniziare ad allenarti regolarmente: camminare, fare jogging, andare in bicicletta, nuotare. È importante che i muscoli delle gambe siano regolarmente "inclusi nel lavoro". Questo aiuta a normalizzare la circolazione del sangue, migliorare il deflusso venoso. Va ricordato che in caso di malattia varicosa, anche dopo l'intervento chirurgico, sono controindicati lo sforzo fisico intenso, l'uso della sauna e la lunga durata sulle gambe.

Medicazioni, bendaggio con bendaggio elastico e indumenti a compressione

Nonostante il fatto che la flebectomia moderna sia eseguita attraverso piccole incisioni, il volume dei tessuti che sono feriti è relativamente grande - questo è tutto lo spazio sotto la pelle lungo la vena rimossa. Pertanto, il rischio di ematomi e sanguinamento è piuttosto alto.

Per accelerare la guarigione e prevenire il sanguinamento dopo l'intervento chirurgico, viene utilizzato un bendaggio stretto delle gambe con una benda elastica. Il legame migliora anche il deflusso venoso dai tessuti, essendo una prevenzione delle vene varicose. La fasciatura deve essere applicata al mattino, senza alzarsi dal letto, dal basso verso l'alto. Invece di fasciatura può essere utilizzato biancheria intima di compressione - calze o calze.

Il grado di compressione immediatamente dopo l'operazione dovrebbe essere massimo. In questo caso, il paziente deve indossare bende o biancheria intima tutto il giorno. Circa un mese dopo, puoi iniziare a indossare la biancheria intima di una compressione inferiore, e solo durante il giorno, togliendola di notte. Tuttavia, è impossibile abbandonare completamente collant o collant da golf: i pazienti devono indossarli per tutta la vita, specialmente in quei giorni in cui si prevede un carico elevato sulle gambe.

Consigli sullo stile di vita

Come già accennato, uno dei fattori nello sviluppo della malattia varicosa è il sovrappeso. Pertanto, la perdita di peso è un punto importante nella riabilitazione. La nutrizione dopo flebectomia deve essere regolata in modo da ottenere una quantità sufficiente di proteine, cereali, verdure e frutta di alta qualità. La quantità di grassi, in particolare di prodotti animali, zucchero e farina, al contrario, dovrebbe essere ridotta.

Un'attenzione particolare dovrebbe essere rivolta alle vitamine e ai minerali. Se è impossibile preparare una dieta completa, è possibile utilizzare integratori alimentari per colmare la carenza di sostanze necessarie.

È anche molto importante nella riabilitazione è rinunciare a cattive abitudini (fumo, abuso di alcool). Inoltre, alcuni pazienti possono richiedere un cambio di lavoro (se associato a uno sforzo fisico intenso o una condizione prolungata) o il passaggio a lavori leggeri.

In conclusione, va detto che la riabilitazione dopo la flebectomia non è questione di un paio di giorni o anche di un paio di settimane. Inizia dal momento della preparazione del paziente per l'operazione, continua nel periodo postoperatorio e non si ferma nemmeno dopo la dimissione dall'ospedale. Alcune raccomandazioni volte a prevenire lo sviluppo di recidiva dovrebbero essere rispettate per tutta la vita.

Raccomandazioni nel periodo postoperatorio di flebectomia

Poiché oggi circa il 30% della popolazione soffre di vene varicose, una delle operazioni più comuni è la flebectomia: la rimozione chirurgica della zona interessata delle vene.

Sebbene questo tipo di intervento non sia considerato pericoloso, il successo della guarigione dipende in gran parte non solo dall'esperienza e dalle qualifiche del chirurgo, ma anche dal fatto che il paziente aderisca ai consigli per un ulteriore recupero.

Qual è l'operazione?

La probabilità di complicanze postoperatorie è piuttosto piccola, ma non possono essere completamente escluse. Quali raccomandazioni nel periodo postoperatorio di flebectomia (venectomia) devono essere seguite e quanto dura il recupero?

Oggi la flebectomia viene anche chiamata venectomia, durante la procedura il chirurgo con l'aiuto di speciali attrezzi rimuove le aree delle vene colpite da vene varicose e ricuce nuovamente i vasi. Operazioni di questo tipo non sono considerate pericolose, perché il corpo può far fronte senza vene safene, stabilendo nuove vie di deflusso del sangue.

Gli obiettivi principali della flebectomia:

  • estrazione meccanica dei capillari interessati;
  • normalizzazione della circolazione sanguigna nelle vene profonde;
  • accelerazione del flusso sanguigno.

La flebectomia viene più spesso prescritta per insufficienza venosa cronica o quando il trattamento farmacologico non funziona.

Come viene eseguita l'operazione?

Attualmente, diversi tipi di flebectomia vengono eseguiti nei centri medici, la tecnica viene scelta individualmente per ciascun paziente. Secondo le statistiche, il più comune è considerato combinato di flebectomia.

Prima dell'intervento, eseguire sempre ecografia e flebografia: identificazione delle aree interessate con l'introduzione di un mezzo di contrasto. Dopo che le parti delle vene da rimuovere sono contrassegnate, il paziente viene anestetizzato e l'operazione stessa consiste dei seguenti passaggi:

  1. Crossectomia. Il chirurgo esegue una piccola incisione nella zona inguinale, all'interno della quale si trova la bocca della grande vena safena. Il medico fascia delicatamente gli affluenti alla bocca e attraversa la nave stessa. A causa di questo effetto, è possibile ottenere la legatura di tutti i dotti.
  2. Spogliarello. Rimozione della zona interessata della vena utilizzando uno strumento speciale. Nei casi avanzati, il paziente viene immediatamente rimosso l'intera vena dalla gamba all'inguine.
  3. Miniflebektomiya. L'implementazione di piccole incisioni per la rimozione delle aree della vena che hanno subito modifiche. Dopo che i tessuti interessati sono stati rimossi, il chirurgo vestirà le vene perforanti.

Ogni stadio di venectomia dura da 40 a 60 minuti, la durata media di un tale intervento è di circa 3 ore.

Periodo postoperatorio

La riabilitazione dopo l'intervento di flebectomia richiede spesso non più di 2 settimane e passa senza complicazioni. Per ottenere un risultato così favorevole, l'intervento chirurgico deve essere eseguito solo da uno specialista qualificato con esperienza e il paziente deve seguire scrupolosamente tutte le raccomandazioni mediche.

Principali complicanze dopo la rimozione delle vene

Una delle conseguenze più comuni è la formazione di ematomi e sanguinamento dalle incisioni. I flebologi affermano che una tale reazione è la norma e non dovresti averne paura.

Nel periodo postoperatorio dopo flebectologia, possono verificarsi anche le seguenti complicanze:

  • sviluppo di tromboflebiti;
  • fistola e suppurazione dei tessuti molli;
  • linfoterapia prolungata;
  • formazione di coaguli di sangue patogeni nelle vene profonde;
  • violazione della sensibilità dovuta al danno del nervo cutaneo;
  • tromboembolismo aortico polmonare.

Il compito di ogni medico è di prevenire lo sviluppo di tali complicazioni, poiché aggravano la condizione e il paziente si sentirà ancora peggio di prima dell'intervento.

È importante! Se le raccomandazioni non vengono seguite, le complicanze possono essere estremamente gravi e persino provocare la morte del paziente.

Cosa succede subito dopo l'intervento chirurgico, quanto stare in ospedale

Durante il primo giorno di riabilitazione, molti pazienti si lamentano che la loro gamba fa male dopo un flebectomia. L'insorgenza di disagio e dolore è una reazione naturale.

Al fine di ridurre al minimo la loro probabilità, si raccomanda di aderire al riposo a letto per i primi 2 giorni. I tentativi di muovere le gambe possono essere non prima di 4 ore dopo l'intervento chirurgico. Quando il paziente può alzarsi in piedi, il medico curante decide in base alle condizioni generali e alla velocità di recupero.

Se il recupero avviene senza complicazioni, il paziente viene dimesso dalla clinica già il terzo giorno. Nei prossimi 2 mesi, è necessario indossare indumenti speciali a compressione giornaliera e prendere la venotonica, che rafforzerà le pareti delle vene. Inoltre, ad alcuni pazienti vengono prescritti farmaci che promuovono il diradamento del sangue e riducono la probabilità di coaguli di sangue.

Dopo 7-10 giorni dopo la flebectomia, è prevista una visita alla terapia fisica (esercizi terapeutici). Gli esercizi di recupero aiuteranno anche ad accelerare il processo di guarigione dei tessuti e rafforzare i capillari. Per ottenere un risultato ottimale, si consiglia di associare la terapia fisica a lunghe passeggiate.

È importante! Il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose degli arti inferiori richiede in genere non più di 2 mesi. Durante questo periodo, viene completata la riparazione dei tessuti.

Cosa non fare dopo lo scarico

Per prevenire lo sviluppo di complicanze dopo l'intervento chirurgico, i pazienti devono attenersi rigorosamente a determinate regole:

  1. È severamente vietato bagnare l'arto (specialmente durante le prime due settimane), che ha subito un intervento chirurgico.
  2. Se sulla superficie dei tagli appaiono piccole croste, non dovresti toccarle e provare a romperle. Tali azioni possono interrompere il processo di guarigione dei tessuti e provocare infezioni. È anche impossibile escludere la possibilità di divergenza della cucitura.
  3. Nei primi 10 giorni è vietato esporre l'arto a stress fisico. Il paziente deve prendere un congedo per malattia per almeno 7 giorni e cercare di non andare fuori durante questo periodo inutilmente.
  4. Durante il periodo di recupero dopo flebectomia, tutte le suture devono essere trattate con cura. Se non si avvolge un arto con speciali bende igieniche, la probabilità di infezione aumenta più volte.

Trattamento domiciliare di supporto

Se dopo un'operazione di vene la gamba fa male, l'uso della biancheria intima a compressione può aiutare in questa situazione. Le calze a compressione sono realizzate con speciali materiali elastici che non solo fissano la gamba, ma danno anche un effetto massaggio. Di conseguenza, il sangue negli arti inizia a circolare più velocemente, il che aiuta anche ad accelerare il recupero.

I flebologi avvertono sempre i pazienti che dovranno indossare la compressione tutto il giorno, questo è l'unico modo per superare completamente l'insufficienza venosa. Quando la predisposizione genetica a indossare la biancheria intima di compressione può essere anche dopo la riabilitazione, perché tali misure sono un'eccellente prevenzione delle vene varicose.

Per evitare complicazioni, il paziente deve prestare particolare attenzione alle cuciture. È importante ricordare che la formazione di cicatrici può richiedere diversi mesi e durante questo periodo è necessario aderire a tali raccomandazioni:

  • È vietato fare un bagno caldo. Il massimo consentito - solo una doccia calda (non superiore a 40 gradi). È necessario lavare con acqua naturale, senza l'aggiunta di gel;
  • le cuciture non devono essere strofinate con salviette e spugne, poiché la superficie può contribuire alla violazione dell'integrità della crosta protettiva;
  • il trattamento di punti con vari unguenti e gel curativi è vietato senza la previa approvazione del medico;
  • durante il periodo di recupero è richiesto di aderire ad una dieta speciale. Le basi della dieta dovrebbero essere prodotti che contribuiscono alla diluizione del sangue e rafforzano le pareti dei vasi sanguigni. È severamente vietato mangiare piatti fritti e affumicati, nonché cibi ricchi di grassi.

Il paziente deve tenere d'occhio lo sforzo fisico, è possibile tornare alla normale attività fisica non prima di 1,5 mesi.

conclusione

La flebectomia è il metodo più efficace per trattare le vene varicose. Se trovi una buona clinica e un medico esperto, e dopo l'intervento chirurgico per aderire a tutte le raccomandazioni, non si avranno complicazioni dopo la procedura.

Recupero dopo flebectomia

La riabilitazione dopo la flebectomia deve essere monitorata dal medico curante, mentre è importante che il paziente segua rigorosamente tutte le raccomandazioni e non violi regole importanti che possano aiutare a prevenire conseguenze negative. Nei primi giorni, fino a quando lo stato è normale, il paziente è in ospedale. Successivamente, puoi recuperare a casa. L'intero periodo durante la riabilitazione è in corso, il paziente è in congedo per malattia.

L'essenza della procedura

La flebectomia delle vene degli arti inferiori è una procedura in cui vengono rimosse le aree delle vene che sono affette da vene varicose, rendendo possibile la circolazione del sangue. La chirurgia è prescritta se il paziente sviluppa le seguenti condizioni:

  • vene varicose sulla gamba;
  • grave corso di vene varicose, in cui si formano grandi protuberanze, edema cronico;
  • violazione acuta del deflusso di sangue;
  • ulcere trofiche apparvero sulla pelle;
  • la tromboflebite si forma:
  • con flebectasia esofagea congenita.

Per prevenire lo sviluppo di recidive, viene eseguita una flebectomia combinata, durante la quale, dopo la rimozione della vena, viene iniettata una preparazione chimica al tessuto della nave. Una delle fasi di questo tipo di flebectomia è la miniflebectomia, che viene eseguita con l'aiuto di piccole iniezioni. Dopo la minifleobectomia, il paziente può recuperare meglio ed evitare complicazioni durante il periodo di riabilitazione.

Se il paziente non segue le raccomandazioni del medico e conduce una vita malsana, né la flebectomia né l'indurimento contribuiranno a ottenere una remissione stabile.

Periodo postoperatorio

Dopo un intervento chirurgico nelle vene, il paziente per qualche tempo si allontanerà dall'anestesia. La sensibilità inizierà a tornare gradualmente e un sintomo doloroso causato da un danno alle strutture molli durante l'intervento inizierà a disturbare. Se il dolore è grave, viene prescritto un trattamento farmacologico, che utilizza antidolorifici e venotonici.

2-3 ore dopo la flebectomia, puoi fare esercizi leggeri, ad esempio, muovi i piedi con le dita dei piedi, piegati e apri le gambe. Per ripristinare la circolazione sanguigna e normalizzare il deflusso plasmatico, si consiglia di posizionare un arto operato su un'altezza. Se la condizione migliora, il giorno successivo all'intervento, puoi iniziare a camminare lentamente.

reinserimento

La compressione continua dopo flebectomia contribuirà ad alleviare le vene. Per questi scopi vengono utilizzati maglieria a compressione o bende elastiche. Dopo 15-20 giorni, la ligazione della compressione non viene utilizzata di notte, la fissazione è necessaria solo per lo sforzo fisico. Nei giorni 7-10, di solito viene eseguita la sutura. Una persona può rilevare lividi ed ematomi nel sito dell'operazione. Questi fenomeni scompariranno col tempo, ma finché le ferite non saranno guarite e le cicatrici rimarranno, è importante aderire a queste regole:

Finché il paziente non guarisce completamente, il paziente deve evitare di visitare il bagno.

  • Non lavare con acqua calda, andare in bagno o in sauna. Consentito di fare una doccia calda, elaborare la cucitura con un detergente delicato senza l'uso di salviette.
  • La crosta formatasi sulla ferita è vietata a strappare, in quanto ciò prolungherà il processo di guarigione.
  • Al fine di prevenire l'adesione di un'infezione batterica, si raccomanda di effettuare regolarmente medicazioni antibatteriche per le quali viene utilizzato un unguento speciale prescritto dal medico.
  • Mentre dura il primo periodo di riabilitazione e viene effettuato un trattamento, qualsiasi alcol e sigarette sono severamente vietati.
  • Il massaggio può essere visitato solo dopo il permesso del medico, perché a volte tale procedura può causare il deterioramento.
  • Se c'è intorpidimento (parestesia) 7-10 giorni dopo l'operazione, l'ematoma non passa e si forma un nodulo che, se premuto, fa male, non bisogna esitare a visitare il medico, perché potrebbero esserci delle complicazioni dopo la flebectomia.
Torna al sommario

esercizi

La terapia fisica e l'esercizio moderato vengono nominati il ​​giorno successivo all'intervento. Inizialmente, vengono eseguiti allenamenti elementari, ad esempio sollevando le gambe, muovendo le dita dei piedi e estendendo la flessione. Affinché la riabilitazione dopo la flebectomia avvenga senza complicazioni, durante il corso della terapia fisica è necessario comprimere l'arto usando calze speciali o fissarlo con un bendaggio elastico. Dopo il periodo di recupero, quando le vene sono guarite dopo flebectomia, è utile praticare sport come:

Dopo un pieno recupero, il paziente può iniziare a praticare yoga.

  • yoga;
  • nuoto;
  • ciclismo;
  • corsa a piedi
Torna al sommario

Possibili complicazioni

Spesso, dopo l'intervento chirurgico, il rischio di effetti collaterali è piccolo, ma è ancora lì. Gli effetti comuni dopo l'intervento chirurgico sono i seguenti:

  • Trombosi venosa profonda Si verifica raramente ed è una conseguenza di uno stile di vita sedentario. In questo caso, viene eseguita una seconda operazione, in cui viene rimosso un pezzo del trombo.
  • Ematomi, foche, lividi, dolore. Spesso manifestato dopo l'intervento chirurgico, ma non richiede un trattamento speciale. Se il paziente ha seguito rigorosamente le raccomandazioni del medico, tali complicazioni scompaiono da sole.
  • Suppurazioni e infiltrati dopo flebectomia. Sorgere a causa di violazioni della tecnologia della chirurgia. Trattato con antibiotici e farmaci antinfiammatori locali.
Torna al sommario

Conseguenze dopo flebectomia e loro prevenzione

Se un paziente viene prescritto un tale tipo di trattamento chirurgico delle vene varicose, la durata del recupero può essere diversa, perché tutto dipende dal grado di abbandono della patologia e delle caratteristiche individuali del corpo del paziente. Durante la riabilitazione, è controindicato andare al lavoro, quindi finché lo stato non è completamente normalizzato, viene rilasciato un certificato di congedo per malattia.

Per prevenire le complicanze postoperatorie, è importante seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni dopo la flebectomia. Sarà possibile evitare le ricadute con l'aiuto di un'alimentazione corretta, il rifiuto delle cattive abitudini, uno sforzo fisico moderato e uno stile di vita sano. Ai pazienti con diagnosi di "varici" è vietato indossare tacchi alti. Preferire i modelli ortopedici che distribuiscono uniformemente il carico sugli arti. Anche se il recupero ha avuto successo e non ci sono state complicazioni, durante lo sforzo fisico si consiglia di indossare calze a compressione che controllano la pressione nelle vene degli arti inferiori.

Possibili complicazioni e regole di riabilitazione dopo flebectomia

Vene varicose e tromboflebiti - malattie delle vene, che spesso richiedono un intervento chirurgico. Dopo ogni operazione, inizia il periodo postoperatorio, che richiede il ripristino del corpo. La riabilitazione dopo la flebectomia degli arti inferiori ha lo scopo di normalizzare il flusso sanguigno attraverso i vasi e prevenire la formazione di coaguli di sangue. Viene eseguito con l'aiuto di una serie di attività.

Il bisogno di riabilitazione

Chirurgia - grande stress per il corpo. Pertanto, ci vuole tempo per mettere in ordine le funzioni compromesse. Questa volta è chiamata la riabilitazione o il periodo di recupero. A una persona vengono prescritte misure per ripristinare il normale flusso sanguigno nelle vene, curare i danni. La riabilitazione è anche necessaria per prevenire le conseguenze indesiderate della flebectomia e, durante il loro sviluppo, per eliminare le complicanze.

complicazioni

Come con qualsiasi operazione, la flebectomia può essere accompagnata da una serie di complicazioni:

  • Il danno alle fibre nervose porta a compromissione della sensibilità degli arti;
  • Lividi sulle gambe;
  • La cura insufficiente per la ferita, la presenza di diabete mellito è un alto rischio di sviluppo di processi suppurativi;
  • Patologia della coagulazione del sangue porta a sanguinamento o, al contrario, trombosi venosa;
  • A causa di alterazioni del flusso sanguigno, l'eczema può svilupparsi sulle gambe dopo flebectomia;
  • La complicazione più sgradevole possibile dopo la flebectomia nelle gambe è il tromboembolismo dell'arteria polmonare, che è causata da un coagulo di sangue dalle vene delle gambe ai vasi polmonari.

Una complicazione non comune è una ricaduta della malattia.

Il rischio di conseguenze indesiderabili aumenta a causa di una riabilitazione incompleta.

Periodi di recupero dopo l'intervento

La durata media del periodo postoperatorio è di 7-10 giorni. Questo periodo può variare a seconda dell'andamento dell'operazione, delle condizioni generali del paziente. Se ci sono patologie aggiuntive, il medico stabilisce un periodo individuale di riabilitazione.

Il periodo di recupero dopo l'intervento chirurgico è diviso in due fasi: precoce e tardiva. Il periodo iniziale inizia immediatamente dopo l'operazione, dura due giorni. Il paziente subisce quindi un importante recupero, che può richiedere fino a tre mesi dopo l'intervento chirurgico.

Compiti del periodo di riabilitazione

Durante la riabilitazione dopo l'intervento chirurgico, la flebectomia richiede:

  • Crea le migliori condizioni per la guarigione delle ferite;
  • Ripristina le proprietà del sangue;
  • Prevenire lo sviluppo di complicanze;
  • Restituire la capacità di lavorare la persona

Per raggiungere questi obiettivi, il medico formula le raccomandazioni necessarie nella fase postoperatoria della flebectomia.

Il periodo di riabilitazione non è meno importante dell'operazione stessa. L'effetto dell'intervento chirurgico si dimezza se una persona ignora le raccomandazioni date a lui. Le ricadute della malattia sono principalmente associate all'attuazione errata delle misure di recupero o alla loro completa assenza.

Metodi applicati

Per il recupero dopo l'intervento chirurgico, viene utilizzata tutta una serie di tecniche, tra cui nutrizione e regime, farmaci e ginnastica. Il primo periodo dopo flebectomia comporta un rigoroso riposo a letto, effettuato in condizioni stazionarie. L'obiettivo principale di questa fase è evitare le complicanze tromboemboliche. È possibile calpestare la gamba solo dopo due giorni dall'intervento. In futuro, la persona riceverà raccomandazioni in cui sono descritte tutte le attività necessarie.

dieta

Dopo l'operazione, la persona dovrebbe essere a riposo a letto. Una bassa attività motoria porta ad una diminuzione della motilità intestinale. Pertanto, la nutrizione dopo la flebectomia dovrebbe essere facile, rapidamente digeribile. Raccomandata dieta a base di latte e verdure con l'aggiunta di verdure, frutta, erbe. Questi prodotti contengono rutina e vitamina K, che sono necessari per rafforzare le pareti delle vene e prevenire il sanguinamento.

igiene

Fondamentalmente, il recupero dopo flebectomia viene effettuato a casa, quindi, grande importanza è legata alle procedure di igiene. È vietato lavare la gamba per 2-3 giorni dopo l'intervento. Quando le croste si formano sulle cuciture, è permesso fare la doccia, solo l'acqua calda o fredda è consentita dopo la flebectomia. È vietato fare bagni caldi, strofinare la zona delle cuciture con un panno.

I punti vengono solitamente rimossi il 10 ° giorno dopo l'operazione, quindi nella seconda settimana è consentito eseguire misure igieniche regolari. Il trattamento delle cuciture viene effettuato quotidianamente, utilizzando un antisettico. Quindi una medicazione sterile asciutta viene applicata sulla ferita.

Terapia farmacologica

Lo scopo del trattamento farmacologico è quello di migliorare le proprietà reologiche del sangue, cioè la sua fluidità e viscosità. Inoltre, vengono prescritti farmaci per eliminare gli effetti collaterali dopo l'intervento chirurgico:

  • Venotonics - Detraleks, Phlebodia. Contribuiscono alla riduzione della viscosità del sangue, migliorano il tono delle pareti delle vene. Fai un corso in due settimane;
  • Eparina pomata, crema Lioton. Indicato nella formazione di ematomi o foche sulle gambe dopo l'intervento chirurgico;
  • FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) - Ibuprofen, Nimika. Assegnare per la prevenzione dell'infiammazione delle vene, se la gamba fa male, c'è intorpidimento delle gambe, con l'aumentare della temperatura. Prendi 3-4 giorni;
  • Antibiotici - Ceftriaxone. Utilizzato nello sviluppo di complicanze dopo flebectomia - suppurazione, formazione di fistole.

I farmaci necessari sono prescritti dal medico, spiegando come e per quanto tempo prenderli.

È impossibile prescrivere o cancellare i farmaci, questo può portare allo sviluppo di complicazioni pericolose.

Maglia a compressione

Un prerequisito per il recupero dopo la flebectomia sta indossando una maglia a compressione. Fasciatura della gamba dopo l'intervento chirurgico flebectomia è raccomandato il primo giorno - questa è la prevenzione delle complicanze tromboemboliche. La durata del bendaggio con bende elastiche - fino a quando le suture vengono rimosse, cioè circa dieci giorni.

Dopo di ciò, la persona viene prescritta per indossare calze a compressione. Sono anche prevenzione della trombosi, aiutano a rinforzare le pareti delle vene, riducono il carico sulle gambe. Le calze vengono selezionate individualmente, misurando la circonferenza della parte inferiore della gamba, della caviglia e della coscia. Indossare una maglia di compressione continua per 2-3 mesi dopo l'intervento chirurgico.

ginnastica

Fare ginnastica dopo flebectomia aiuta a ridurre il dolore, rafforza i muscoli e la parete delle vene. Esercizi dopo la flebectomia iniziano a svolgere il primo giorno - flessione ed estensione delle gambe, sollevamento lento delle gambe, curve. Dopo il decimo giorno, viene nominata la gamma completa di esercizi di fisioterapia:

  • Jogging - 2 minuti;
  • Oscillare i piedi a destra e a sinistra - 10-15 avvicinamenti ciascuno;
  • Accovacciata: 10-15 volte;
  • Lunges in avanti - 10-15 volte;
  • Marcia sul posto - 2 minuti.

La sessione si conclude con un leggero massaggio degli arti.

Congedo per malattia

L'operazione e il periodo successivo: questo è il momento della disabilità di una persona. Se il paziente è ufficialmente impiegato, gli viene dato un congedo per malattia. Dopo un intervento standard su 1-2 vene, senza complicazioni, il periodo di disabilità è di 2 settimane. Se la flebectomia combinata è stata eseguita, o il lavoro coinvolge fattori dannosi - la lista malata è prolungata fino a 30 giorni.

sport

Lo sport è un grande carico nelle vene degli arti. Immediatamente dopo l'intervento chirurgico, è vietato qualsiasi sport. Puoi farlo due mesi dopo flebectomia, ma con alcune restrizioni. Permessi e utili sono nuoto, jogging, aerobica, ginnastica. Sotto il divieto ci sono sport di potenza, maratona.

La flebectomia è un trattamento importante per le malattie venose. L'operazione viene eseguita secondo indicazioni rigorose, richiede un periodo di recupero obbligatorio. La frequenza delle complicanze durante la riabilitazione completamente eseguita è molto inferiore rispetto alla sua assenza.

Riabilitazione dopo flebectomia (periodo postoperatorio)

Trattamento chirurgico delle vene varicose. Suggerimenti per la riabilitazione

Dopo l'operazione di flebectomia (intervento chirurgico per l'escissione delle vene safene alterate da varici), il paziente deve attenersi a determinate raccomandazioni volte a prevenire possibili complicanze e ad accelerare il processo di recupero. La riabilitazione e la sua durata dipendono dalla tecnica della flebectomia e dal grado di trauma dell'operazione per il paziente.

Misure postoperatorie

Il primo periodo postoperatorio dovrebbe essere tenuto in ospedale sotto la costante supervisione dei medici. La flebectomia combinata viene eseguita in anestesia generale o spinale.

Nelle prime ore dopo la procedura, il paziente si allontana dall'azione dell'anestesia. Durante questo periodo, il dolore può verificarsi a causa di danni ai tessuti molli durante l'intervento chirurgico. Per eliminare le sensazioni dolorose, si consiglia di usare antidolorifici e farmaci venotonici.

Dopo il ripristino della capacità motoria degli arti inferiori, si sconsiglia di trovarsi in una posizione immobile Entro poche ore dall'intervento, si dovrebbero muovere le gambe, sollevarle e piegarle. Per migliorare il flusso sanguigno, le gambe dovrebbero essere in posizione leggermente rialzata. Il giorno successivo all'intervento, puoi iniziare a camminare.

Raccomandazioni più accurate riguardanti la terapia farmacologica, il massaggio terapeutico e gli esercizi per la normalizzazione della circolazione del sangue nelle gambe sono dati al paziente individualmente in ciascun caso e dipendono da:

  • il grado di sviluppo della malattia varicosa;
  • condizione generale del paziente;
  • la presenza di malattie croniche;
  • il volume dell'intervento chirurgico;
  • natura e tecnica della flebectomia.

I punti dell'incisione all'inguine vengono solitamente rimossi una settimana dopo l'intervento. Nella zona popliteo - dopo 10 giorni. La durata del ricovero dopo la rimozione chirurgica delle vene dilatate varia da 3 a 5 giorni (a seconda delle condizioni del paziente). La compressione permanente degli arti inferiori, necessaria nel tempo postoperatorio, viene effettuata con bende elastiche.

Il processo di recupero a casa

Alla fine del periodo di ospedalizzazione, al fine di evitare il ripetersi della malattia, al paziente viene prescritto l'uso continuo di calze a compressione. In un mese, la compressione round-the-clock viene sostituita da quella giornaliera, necessaria fino alla completa scomparsa dell'insufficienza venosa (circa 2-3 mesi).

Il processo di recupero può essere eseguito correttamente quando l'operazione viene eseguita correttamente tecnicamente. Il periodo dopo la riabilitazione dovrebbe essere conforme al piano designato. Come un diverso intervento, una variante combinata di flebectomia a volte provoca l'apparizione di alcune complicanze. Ciò accade quando la procedura ha luogo o il periodo dopo l'inizio dell'operazione. Complicazioni compaiono se le regole della riabilitazione non vengono seguite.
Quando compaiono complicazioni, viene prescritto un farmaco. In questo modo, si ottiene la rimozione dei sintomi dopo l'intervento chirurgico. Assegnare una procedura che ripristini il flusso sanguigno normale alle gambe.
Va ricordato che non è necessario caricarsi fortemente di sforzi fisici. Se si verifica stanchezza, è necessario rilassarsi ed eseguire esercizi di respirazione.

Per la prevenzione delle vene varicose, si consiglia di indossare maglieria a compressione (calze elastiche) in futuro. Soprattutto durante carichi pesanti sulle gambe. Tali calze prevengono il gonfiore e il dolore agli arti inferiori.

Per evitare complicazioni nel periodo postoperatorio, occorre prestare particolare attenzione alle cuciture. La formazione della cicatrice richiede diversi mesi, quindi dopo la flebectomia, è necessario seguire alcune regole per la cura dei punti:

  • In un primo momento, non è possibile strofinare la zona di giunzione e utilizzare strofinacci ruvidi e detersivi aggressivi;
  • E 'vietato fare un bagno caldo, andare in sauna o bagno, che porta all'espansione dei vasi sanguigni. Consigliato per lavare con acqua tiepida;
  • è impossibile strappare la crosta formata sulle suture, in modo da non interrompere il processo di guarigione della ferita;
  • Si raccomanda di lubrificare la zona della sutura con agenti antimicrobici per prevenire l'infezione.

Il recupero nel primo mese comporta la limitazione del carico e uno stile di vita limitato. Si raccomanda di camminare e normalizzare gli esercizi per il flusso del sangue. Dopo questo periodo, è possibile tornare alla solita attività fisica.

Una dieta che è prescritta per il recupero rapido e la prevenzione delle vene varicose dovrebbe includere prodotti che aiutano a fluidificare il sangue e rafforzare la parete vascolare. È necessario limitare il consumo di grassi e aumentare la quantità di prodotti contenenti vitamine (frutta e verdura) nella dieta.

Misure preventive

Anche quando il periodo di riabilitazione è finito, al fine di prevenire il ripetersi della malattia, si dovrebbe condurre uno stile di vita sano e aderire a determinate raccomandazioni, suggerendo:

  • corretta alimentazione e controllo del peso;
  • rifiuto delle dipendenze;
  • camminare all'aria aperta;
  • andare in bicicletta, correre, nuotare;
  • Esercizi per la prevenzione dell'insufficienza venosa.

Gli esercizi più efficaci per rafforzare le vene degli arti inferiori che possono essere eseguiti durante il periodo post-operatorio sono elencati di seguito:

  • un esercizio che viene eseguito stando sul pavimento. Le gambe devono essere regolate alla larghezza delle spalle e piegate verso il basso. Le dita dovrebbero toccare il pavimento e le gambe dovrebbero essere diritte;
  • seduto sul pavimento. Le gambe dovrebbero essere divaricate e le braccia piegate sul petto. In questo caso, vengono eseguite piegature in avanti;
  • in ginocchio. È necessario separarsi di lato e camminare sulle ginocchia in avanti e indietro.

Sono anche utili esercizi con movimenti circolari delle gambe, in piedi sulle dita dei piedi, flettendo ed estendendo le dita sugli arti inferiori. Non dimenticare che l'esercizio non dovrebbe essere eccessivo. In caso di stanchezza, è necessario fermarsi a riposo e fare esercizi di respirazione.

Si raccomanda inoltre di esaminare periodicamente le variazioni dello stato delle vene e l'individuazione di nuovi coaguli di sangue.

Esercizi per rafforzare le vene degli arti inferiori

Possibili complicazioni

Il recupero è abbastanza efficace se l'operazione è stata eseguita tecnicamente correttamente e con precisione, e la riabilitazione postoperatoria è avvenuta secondo il piano designato. Tuttavia, come ogni altro intervento, la flebectomia combinata può provocare alcune complicanze. Compaiono direttamente durante la procedura o nel periodo postoperatorio, che può essere dovuto al mancato rispetto delle regole della terapia riparativa.

Le principali complicanze derivanti dalla rimozione delle vene varicose includono:

  • diminuzione della sensibilità o intorpidimento. Può verificarsi a causa di danni alle terminazioni nervose durante l'intervento chirurgico;
  • infiammazione nell'ematoma;
  • sanguinamento;
  • la comparsa di nuove vene dilatate;
  • cambiamenti nella pigmentazione della pelle nelle aree danneggiate (contusioni, ematomi);
  • sindrome del dolore.
Dolore alle gambe dopo flebectomia

In caso di complicanze, viene prescritta una terapia farmacologica che elimina i sintomi postoperatori e le procedure terapeutiche che hanno un effetto benefico sul ripristino del normale flusso sanguigno negli arti inferiori.

E un po 'sui segreti.

Hai mai provato a liberarti delle vene varicose? A giudicare dal fatto che stai leggendo questo articolo, la vittoria non è stata dalla tua parte. E ovviamente sai di prima mano di cosa si tratta:

  • ancora e ancora per osservare la prossima porzione di vene varicose sulle gambe
  • svegliarsi al mattino con il pensiero di cosa indossare per coprire le vene gonfie
  • soffrire ogni sera da pesantezza, pianificazione, gonfiore o ronzio alle gambe
  • cocktail in continua ribollente di speranza per il successo, attesa ansiosa e delusione per un nuovo trattamento infruttuoso

E ora rispondi alla domanda: ti va bene? È possibile sopportare questo? E quanti soldi hai già "fatto trapelare" con unguenti, pillole e creme inefficaci? Proprio così - è ora di smetterla con loro! Sei d'accordo? Per questo motivo abbiamo deciso di pubblicare un'intervista esclusiva con il capo dell'Istituto di Flebologia del Ministero della Sanità della Federazione Russa, Viktor Mikhailovich Semenov, che ci ha detto come sconfiggere VARIKOZ in una o due settimane e salvarci da cancro e coaguli di sangue a casa. Continua a leggere.

Nel periodo di riabilitazione dopo miniflebectomia "sugli scaffali"

Cos'è la miniflebectomia? Questo termine è usato per designare una varietà di interventi chirurgici, durante i quali gli specialisti rimuovono le vene dilatate sugli arti di un paziente per regolare la circolazione sanguigna. Le manipolazioni mediche in questo caso possono comportare incisioni tissutali o tutto è limitato alle sole punture della pelle. L'operazione viene eseguita in anestesia locale in un day hospital. Ciò significa che diverse ore dopo la procedura, il paziente può tornare a casa.

Varietà di chirurgia

Ci sono due modi per sbarazzarsi di foche e vasi dilatati:

  1. Miniflebectomia di Varadi. Nel processo, i noduli trofici o le aree dei vasi dilatati sono esposti attraverso piccole incisioni nella pelle. Come strumento, il medico usa un gancio specializzato. Molto spesso, la procedura viene eseguita in tandem con manipolazioni ausiliarie.
  2. Miniflebectomia di Muller. Durante l'operazione, le aree danneggiate delle vene vengono rimosse attraverso piccole perforazioni cutanee. Questo metodo è più rispettato sia tra i pazienti che tra gli specialisti: la probabilità di recidiva è quasi zero e prevale il fattore estetico.

Caratteristiche del periodo di recupero

Sotto la condizione di una operazione decente, la riabilitazione dopo la manipolazione medica passa senza problemi. I reclami da pazienti che usano il metodo Müller sono particolarmente rari.

L'operazione è fatta - cosa succede dopo?

Nelle prime 24 ore dopo l'intervento, il paziente viene mostrato in una modalità pastello. Il paziente può spostare gli arti entro un paio d'ore. Questa attività prevede l'esecuzione di diversi esercizi di luce basati sull'innalzamento delle gambe al di sopra del livello del corpo disteso. Quindi girare, flettere ed estendere l'arto operato. Queste misure sono necessarie per ripristinare la circolazione venosa.

Importante sapere! Durante l'esercizio, il paziente può lamentare dolore minore nella gamba operata - questo è normale.

Dopo l'esame, il medico e le sue consultazioni, il paziente viene dimesso dall'ospedale. Questo di solito accade dopo poche ore. Se ci sono prove, è necessario trovare il paziente sotto la supervisione dello staff medico per un altro giorno.

Informazioni sulla biancheria intima di compressione

Dopo l'intervento chirurgico sulle vene, il paziente viene mostrato 24 ore su 24 indossando calze a compressione, golf o calze (a seconda delle specifiche del caso clinico). L'obiettivo principale perseguito dai medici è ridurre al minimo il rischio di malattie ricorrenti e accelerare il recupero del corpo durante il periodo postoperatorio.

Per quanto tempo devi stare al passo con la biancheria intima a compressione? Il paziente dovrà portarlo tutto il giorno per 30 giorni, poi per 2-3 mesi fino alla scomparsa dell'insufficienza venosa, l'intimo dovrebbe essere indossato per un giorno e rimosso di notte.

Prendi in considerazione! Indossare calze a compressione (calze, collant) dovrebbe essere al mattino immediatamente dopo il risveglio, senza alzarsi dal letto.

Consulenza medica al paziente

Dopo la minifleobectomia, il paziente deve aderire a una serie di regole associate al ripristino del corpo e riducendo al minimo il rischio di recidiva. In connessione con la guarigione graduale (su diversi mesi) delle cicatrici postoperatorie al paziente a casa, gli esperti raccomandano:

  • non usare una salvietta dura mentre fai il bagno;
  • Non strofinare o graffiare l'area di sovrapposizione per i primi giorni;
  • è possibile lavare l'arto operato solo il 9o giorno dopo la manipolazione medica;
  • eliminare l'uso di bagni troppo caldi, bagni, perché queste procedure sono ulteriori stimolanti per l'allargamento della vena, minimizzare il carico sugli arti;
  • condurre uno stile di vita misurato;
  • eseguire regolarmente una serie di esercizi per le gambe (sono progettati per stimolare il flusso sanguigno negli arti);
  • mangiare bene (mangiare cibi che aiutano a fluidificare il sangue e rafforzare le pareti venose);
  • rinunciare a cattive abitudini;
  • camminare di più;
  • monitorare il peso corporeo;
  • Non rimanere incinta per almeno 6 mesi dopo l'intervento.

Maggiori informazioni sulla dieta dopo la chirurgia della vena

Nella dieta del paziente devono essere presenti prodotti ricchi di sostanze che possono influire sulle condizioni del sangue e delle vene del paziente. Il numero 1 di questa lista è frutta e verdura sature di vitamina C (agrumi, kiwi, ribes nero).

Il pesce è un altro componente indispensabile del menu del paziente nel periodo postoperatorio. Stiamo parlando di cozze, calamari, ostriche, alghe, ecc.

Non escludere dalla dieta e dagli alimenti ricchi di fibre vegetali (cavolo, lattuga, rabarbaro, ecc.). Miglioreranno il lavoro del tratto gastrointestinale, ridurranno la pressione sulle pareti dei vasi sanguigni e aiuteranno a rimuovere le tossine dal corpo.

I mozzi di cumarina devono essere necessariamente inclusi nel menu di una persona sottoposta ad intervento chirurgico vascolare. Questo gruppo comprende: limone, cipolla e aglio, ciliegie dolci e ciliegie, olio d'oliva.

Particolare attenzione sarà prestata alla quantità di acqua consumata durante il giorno. Ogni giorno una persona ha bisogno di consumare almeno 2 litri di acqua pura senza impurità. Inoltre, puoi bere erbe, tè verde, bevande alla frutta e succhi di frutta freschi.

L'elenco dei prodotti vietati è standard:

Dovresti mangiare spesso (ogni 3 ore) in piccole porzioni e cercare di non mangiare troppo. L'ultimo pasto di un paziente sottoposto a intervento chirurgico deve essere non più tardi di 3 ore prima di andare a letto.

Informazioni per gli appassionati di sport

L'attività fisica durante il periodo di recupero è mostrata al paziente entro limiti ragionevoli. Caricare molto gli arti dopo che l'operazione è impossibile.

Durante i primi 10 giorni di esercizio per le gambe del paziente è controindicato. Non puoi fare ginnastica, aerobica, andare in bicicletta, nuotare. Vale la pena iniziare con alza gamba elementare, la sequenza e l'intensità di ulteriori carichi è coordinata con il medico.

Eventuali esercizi dopo la procedura devono essere eseguiti in indumenti compressivi (almeno entro i prossimi 2 mesi).

La questione dello sforzo fisico durante il periodo di recupero è particolarmente acuta per gli anziani. Per tali pazienti, l'esercizio è l'unica garanzia dell'assenza di possibili complicazioni.

Riguardo allo spiacevole, ma importante: possibili complicanze postoperatorie

Le conseguenze negative dopo l'operazione non sono escluse. Il grado del loro sviluppo dipende da fattori quali lo stato iniziale della rete vascolare, il corso dell'operazione, la presenza di disturbi accompagnatori.

Tra le complicazioni più comuni ci sono:

  1. Lividi, lividi Lasciare il paziente 10 giorni dopo la procedura.
  2. Sanguinamento dai piccoli capillari. Scompare mentre le cicatrici guariscono.
  3. Tromboembolia: blocco delle vene arteriose dovuto alla separazione di un coagulo di sangue (raramente osservato). Causato più spesso da infezione delle ferite, bassa pressione sanguigna nelle arterie, stile di vita sedentario.
  4. Recidiva - le altre vene si espandono, appare l'indurimento. Per evitare questo, vengono prese misure per prevenire lo sviluppo delle vene varicose.
  5. Intorpidimento dei tessuti nell'area operata, pus, tenerezza. La ragione di ciò è la non conformità con l'igiene, la mancanza di cure adeguate per le cicatrici.

È importante! Se viene rilevata almeno una delle suddette manifestazioni, si consiglia di consultare immediatamente un medico.

Misure preventive o come assicurarsi contro le vene varicose

Miniflebectomia - che cos'è? Questa è intrinsecamente un'operazione per rimuovere solo i vasi interessati. Ciò significa che l'espansione delle vene sane è teoricamente possibile. Pertanto, il paziente durante il periodo di recupero dovrebbe pensare alla prevenzione delle vene varicose. Le principali misure preventive per lo sviluppo delle vene varicose includono:

  1. Mantenere uno stile di vita scorrevole:
  2. Dieta e controllo del peso.
  3. Rifiuto di cattive abitudini.
  4. Indossare biancheria intima da compressione.
  5. L'uso di prodotti cosmetici e medici, la cui azione è volta a rilassare gli arti e rafforzare le pareti dei vasi sanguigni.
  6. Igiene del piede
  7. Esercizio (soggetto all'assenza di carico eccessivo sugli arti).

Particolare attenzione alla prevenzione dello sviluppo della malattia dovrebbe essere rivolta alle persone predisposte alle vene varicose e alle donne incinte.

E infine: una tale operazione come miniflebectomia è efficace? È possibile rispondere a questa domanda sulla base dell'analisi del feedback dei pazienti operati e dei medici che hanno condotto direttamente tale procedura medica. La maggior parte dei feedback degli specialisti e dei loro pazienti è positiva. Entrambi si concentrano sull'effetto benefico globale dell'operazione sulla condizione delle vene. Tuttavia, è previsto un risultato positivo solo se tutte le raccomandazioni mediche vengono seguite durante il periodo di recupero.

Pubblicazioni Sul Trattamento Delle Vene Varicose

Temperatura corporea 39 senza sintomi in un adulto

Temperature superiori a 39 in un adulto: come abbattereL'immunità di una persona adulta sana abbastanza spesso reagisce a varie infezioni aumentando la temperatura corporea.

Leucociti e neutrofili abbassati

Aumento e diminuzione dei leucociti neutrofili nel sangueI leucociti neutrofili sono globuli bianchi contenuti nel citoplasma granulare. Ecco perché il loro secondo nome suona come granulociti.