Smistamento del rene per cosa

La stenosi dell'arteria renale è una malattia nefropatica causata da restringimento (stenosi) o occlusione completa (occlusione) delle arterie renali. La stenosi renale può essere unilaterale o bilaterale, quando le navi di entrambi i reni sono colpite. Allo stesso tempo, i sintomi dell'ipertensione renovascolare, l'afflusso di sangue ai reni, fino all'ischemia, sono in aumento. La stenosi dell'arteria renale è di diversi tipi:

  1. Atherosclerotic - costituisce il 70% di tutte le stenosi renali, spesso danneggiando i reni degli uomini più anziani. Questo tipo di stenosi è localizzato nella bocca delle arterie renali.
  2. La displasia fibromuscolare è un tipo meno comune di stenosi, che è più comune nelle ragazze e nelle donne di qualsiasi età. Focus patologico localizzato nella parte centrale o distale delle arterie.

Eziologia e patogenesi

Le cause dello sviluppo di questa malattia sono:

  1. Arteriosclerosi - Il 70% di tutte le stenosi renali si verifica per questo motivo e ci sono il doppio di uomini che soffrono di questa malattia rispetto alle donne.
  2. Displasia fibromuscolare - Il 25% di tutte le stenosi renali si sviluppa a causa della displasia arteriosa, che può essere congenita o idiopatica, più spesso soffrono donne di età compresa tra 30 e 45 anni.
  3. Patologie nefrologiche come l'ipoplasia, l'aneurisma, la compressione esterna o l'occlusione delle arterie renali causano una stenosi renale nel 5% di tutti i casi.
Occlusione (occlusione) dell'arteria nel rene

Fattori che contribuiscono allo sviluppo della stenosi renale:

  • in sovrappeso;
  • glicemia elevata;
  • grandi quantità di colesterolo nel sangue;
  • ipertensione arteriosa;
  • il fumo;
  • età avanzata;
  • malattia renale cronica;
  • predisposizione genetica.

La stenosi renale è caratterizzata dall'attivazione di un meccanismo complesso del sistema renina-angiotensina-aldosterone.

Parlando semplicemente, come risultato di questa malattia, la funzione renale è normale, una grande quantità di liquido è trattenuta nel corpo, c'è molto sodio nel sangue, che colpisce le pareti dei vasi sanguigni, rendendoli più sensibili agli effetti degli ormoni e aumentando il loro tono. Per questo motivo, c'è un aumento renovascolare della pressione sanguigna, che raggiunge 250 mmHg.

Rappresentazione schematica dello stenting dell'arteria renale

Il quadro clinico della malattia

Clinicamente, la stenosi dell'arteria renale si manifesta in ogni paziente a modo suo, ma ci sono una serie di sintomi che indicano lo sviluppo di questo disturbo:

  • ipertensione;
  • mal di testa;
  • vertigini;
  • mosche lampeggianti davanti ai suoi occhi;
  • tinnito;
  • dolore negli occhi;
  • disturbo del sonno;
  • instabilità emotiva;
  • deterioramento della memoria;
  • mancanza di respiro;
  • dolore toracico, che si irradia alla regione del cuore e della mano sinistra;
  • palpitazioni cardiache;
  • debolezza muscolare;
  • dolore lombare dolorante;
  • una piccola quantità di proteine ​​è presente nelle urine;
  • quando si misura la pressione sanguigna, viene rilevata la sua asimmetria in diversi arti;
  • soffio sistolico e diastolico, sentito nella regione delle arterie renali.

diagnostica

Considerando che l'ipertensione renale è molto simile all'ipertensione essenziale, sono necessari numerosi studi supplementari per una diagnosi accurata e la prescrizione di un ciclo di trattamento:

  • analisi del sangue generale e biochimica;
  • analisi delle urine;
  • Ultrasuoni del rene;
  • Risonanza magnetica del rene;
  • ricerca di radioisotopi;
  • scansione duplex delle arterie renali;
  • Angiografia.

trattamento

Fino a poco tempo fa, il trattamento della stenosi dell'arteria renale era limitato alla rimozione di un organo danneggiato. Ma, per fortuna, la medicina è in continua evoluzione, compaiono nuovi metodi di diagnosi e trattamento. Oggi la stenosi renale viene trattata in diversi modi:

  • metodo conservativo;
  • trattamento chirurgico;
  • medicina tradizionale.

Il principale sintomo della stenosi renale è l'ipertensione arteriosa, che viene trattata con farmaci. La scelta dei farmaci dipende dalla gravità dell'ipertensione:

  1. Il primo stadio - normotensione o ipertensione moderata - è caratterizzato da una normale funzione renale e dal benessere del paziente, la cui pressione sanguigna non supera il normale o occasionalmente supera leggermente il limite superiore del normale. In questa fase, al paziente possono essere somministrati diuretici o farmaci antipertensivi che aiutano a fermare rapidamente l'attacco.
  2. Il secondo stadio - la compensazione - il segno distintivo di questa fase è l'ipertensione persistente, la ridotta funzionalità renale, una leggera diminuzione delle sue dimensioni. Il paziente ha bisogno di trattamento costante e osservazione del medico curante.
  3. Il terzo stadio - scompenso - è caratterizzato da grave ipertensione, che è refrattaria ai farmaci antipertensivi, la dimensione dei reni è significativamente ridotta e la loro funzione è compromessa. Il trattamento è effettuato solo in un ospedale, sotto la stretta supervisione di professionisti medici.

Inoltre, i medici conoscono il concetto di "ipertensione maligna", quando la pressione sale alla velocità della luce a livelli critici, la dimensione dei reni diminuisce a 4 cm e l'efficienza dell'organo danneggiato è significativamente compromessa. La stenosi dell'arteria renale spesso ha una tale complicazione.

Al fine di normalizzare la pressione sanguigna, prescrivere un corso di trattamento complesso, tra cui:

  • farmaci antipertensivi;
  • Bloccanti ACE;
  • diuretici.

Trattamento chirurgico

La stenosi renale, confermata da test di laboratorio, è un'indicazione per la chirurgia. Il tipo di operazione è determinato dal medico, tenendo conto delle condizioni generali del paziente, della gravità e del tipo di stenosi. Molto spesso, la stenosi renale viene trattata con le seguenti operazioni:

  1. Shunting - creazione con l'aiuto di un sistema di shunt, un percorso aggiuntivo per il flusso di sangue, bypassando l'area interessata delle arterie.
  2. La dilatazione del palloncino endovascolare (angioplastica) è un intervento chirurgico in cui il lume di un vaso ristretto viene dilatato con un palloncino gonfiabile inserito all'interno della nave.
  3. Lo stenting dell'arteria renale è un'estensione del vaso stenotico con l'ausilio di speciali stent a molla o mesh, che vengono installati all'interno del vaso, espandendolo e ripristinando il flusso sanguigno.
  4. Resezione della regione stenotica dell'arteria - rimozione dell'area danneggiata della nave.
  5. La protesi dell'arteria renale è un tipo di chirurgia ricostruttiva che viene eseguita dopo la resezione delle arterie. Il compito principale è quello di ripristinare il flusso di sangue utilizzando un impianto di arteria renale.
  6. La nefrectomia è un metodo radicale di trattamento della stenosi renale, che comporta la rimozione completa di un organo danneggiato.
Bypass dell'arteria renale

Medicina tradizionale nel trattamento della stenosi renale

Come accennato in precedenza, la stenosi renale è più spesso trattata chirurgicamente. Ma in alcuni casi, quando la funzione dei reni e le loro dimensioni non vengono modificate, la pressione arteriosa può essere ridotta usando i metodi della medicina tradizionale.

Pulire e rendere elastici i vasi aiuterà l'infusione di rosa canina e biancospino. Per la sua preparazione, prendiamo i fianchi e il biancospino con un rapporto di 1: 2. Ad esempio, 4 cucchiai di rosa selvatica e 8 cucchiai di biancospino. Laviamo i frutti e li mettiamo in un thermos, che riempiamo con acqua bollente per 8 ore in un volume di 2 litri. Dopodiché, la nostra infusione è pronta, prendi 1 bicchiere 3 volte al giorno prima dei pasti.

Bene aiuta con decotto di stenosi della corteccia di cenere di montagna. 100 g di corteccia versare 300 ml di acqua e far bollire per circa 2 ore. Dopo il raffreddamento, filtrare e conservare in frigorifero. Accettare un tale decotto di 3 cucchiai. l. prima dei pasti

L'erba curativa Melissa aiuta a rimuovere tinnito, vertigini e mal di testa. A tal fine, puoi aggiungerlo al tè o fare un'infusione speciale. Le ricette della medicina tradizionale non allevia la stenosi, ma miglioreranno significativamente il benessere generale del paziente.

Rimuovere il liquido in eccesso dal corpo e quindi ridurre la pressione aiuterà la raccolta dei reni. Può essere preparato in modo indipendente, ma è meglio comprare il tè del rene già pronto in farmacia.

Stenosi renale: prognosi

Se la diagnosi e il trattamento tardivo della malattia, la stenosi renale può avere le seguenti complicazioni:

Dopo aver eseguito un intervento chirurgico per ripristinare la salute del paziente occorrono 4-6 mesi. Dopo aver identificato e trattato questa malattia, il paziente è sul conto "D" con un nefrologo e cardiologo.

prevenzione

La stenosi renale, come qualsiasi altra malattia, è più facile da trattare con una tempestiva diagnosi precoce. Per prevenire lo sviluppo di questa malattia, è necessario rispettare alcune regole:

  • monitorare costantemente la pressione sanguigna;
  • sbarazzarsi di chili in più;
  • smettere di fumare, limitare l'uso di bevande alcoliche;
  • condurre uno stile di vita sano e attivo;
  • quando compaiono i primi sintomi di disturbo, consultare immediatamente un medico.

Con un trattamento tempestivo da parte del medico e l'implementazione di tutte le sue raccomandazioni, tutti hanno la possibilità di guarire. Non perderlo, auto-guarigione.

Bypass di manovra

Le operazioni di smistamento dello smistamento sono ora ampiamente utilizzate nelle cliniche all'estero (Morris et al., 1966, Kaufman et al., 1969; Maxwell, 1970, et al.). Come shunt, le protesi vascolari fatte di dacron, teflon 7-8 mm di diametro, auto vena e autoartery sono usate più spesso (Owen, 1964, Kaufman e Lupu, 1971).

I vantaggi delle operazioni di manovra risiedono nella relativa semplicità della tecnica, nel breve periodo di interruzione del flusso sanguigno nell'arteria renale, nella possibilità di una posizione comoda dello shunt senza il pericolo della sua flessione.

Negli ultimi anni, le indicazioni per lo shunt di bypass con protesi sintetiche sono diventate più limitate.

Nella stenosi fibromuscolare con una lesione della parte distale dell'arteria renale, l'imposizione di un'anastomosi efficace della protesi con un'arteria renale di piccolo diametro (2-3 mm) presenta difficoltà tecniche note o è impraticabile. Nell'area dell'anastomosi con l'arteria renale, si crea una significativa discrepanza nel diametro della protesi e dell'arteria, che contribuisce alla violazione della natura laminare del flusso sanguigno e della formazione di trombi. A questo proposito, i risultati immediati ea lungo termine del trattamento sono spesso insoddisfacenti (Kaufman et al., 1968). Nel caso della stenosi fibromuscolare, la sostituzione o il bypass bypass del segmento dell'arteria interessata con la propria vena o arteria è più efficace.

La tecnica di operazioni dello smistamento aorto-renale è la seguente. Dopo l'isolamento e la revisione dell'aorta e dell'arteria renale, la parte più conveniente di quest'ultimo viene scelta per applicare l'anastomosi distale al sito di costrizione. L'anastomosi dello shunt con l'arteria renale viene eseguita da un capo all'altro, e se il diametro dell'arteria è piccolo o danneggiato, raggiunge il punto di divisione sul ramo del primo ordine, da un lato all'altro.

Con una condizione soddisfacente del muro senza il suo assottigliamento pronunciato, può essere usato per imporre una anastomosi sull'espansione post-stenotica dell'arteria. Per la cucitura è consigliabile utilizzare fili sottili (6-0). Dopo aver applicato l'anastomosi con l'arteria renale, stringere lo shunt vicino all'anastomosi, attivare il flusso sanguigno attraverso l'arteria renale e procedere all'imposizione dell'anastomosi con l'aorta. A tal fine, un morsetto vascolare viene applicato all'aorta per la spremitura laterale al di sotto delle arterie renali.

Con lesione bilaterale delle arterie renali, l'operazione può essere eseguita in una fase utilizzando una protesi di biforcazione (B. V. Petrovsky, V. S. Krylov, 1968).

"Chirurgia dell'aorta e grandi vasi", A.A. Shalimov

L'ipertensione vasorenale non ha un quadro clinico tipico e le sue manifestazioni differiscono poco dall'ipertensione. I reclami dei pazienti sono ridotti al mal di testa, vertigini, dolore al cuore, mancanza di respiro, affaticamento, dolore nella regione lombare. Spesso, l'alta pressione sanguigna viene rilevata casualmente in assenza di disturbi significativi, che è molto caratteristico dell'ipertensione giovanile. Nell'ipertensione molto prima...

L'accesso all'arteria renale viene effettuato mediante toracofrenolombotomia sullo spazio intercostale X dal lato della lesione. L'arteria renale viene mobilizzata fino alla porta del rene in modo che sia sufficientemente mobile nella ferita chirurgica. L'aorta addominale è isolata e i supporti sotto di esso distali e prossimali al sito di scarico dell'arteria renale sono posti sotto di esso. Per un migliore accesso alla superficie laterale dell'aorta è legato...

I dati sulla frequenza di ascolto del rumore sistolico nelle lesioni stenotiche delle arterie renali sono contraddittori. L'auscultazione va fatta a stomaco vuoto nella regione epigastrica e in entrambi gli ipocondri. Registriamo anche il suono del rumore. Il soffio sistolico in quest'area può essere associato a stenosi delle arterie mesenterica celiaca e superiore, nonché a lesioni aortiche aterosclerotiche. D'altra parte, in pazienti con elevata...

La resezione della stenosi dell'arteria renale con il ripristino del flusso sanguigno principale è più frequente nei pazienti con iperplasia fibromuscolare. Con una lesione limitata della sezione iniziale e una lunghezza sufficiente dell'arteria, viene reimpiantato nell'aorta con resezione del segmento interessato. In generale, questo metodo di ricostruzione è usato relativamente raramente, per esempio, in caso di flessione e allungamento dell'arteria renale con nefroptozite renale, che ha causato una violazione del flusso sanguigno in...

La renografia isotopica è un metodo sicuro, poco costoso, abbastanza obiettivo per lo studio separato della funzione renale e del tratto urinario superiore. I preparati nefrotropici, cioè escreti selettivamente dai reni, etichettati con iodio radioattivo sono usati come isotopi. Ippurano ha trovato il miglior uso. A causa della breve emivita (20 min) e della bassa dose di radioattività richiesta per uno studio, può essere ripetuta molte volte, il che è specialmente...

Pubblicazioni Sul Trattamento Delle Vene Varicose

Bruciore nell'intestino: quali patologie causano un sintomo simile?

Bruciore nell'area intestinale può indicare una moltitudine di problemi. Questo sintomo non dovrebbe essere ignorato, perché la patologia in assenza di misure tempestive può iniziare molto, il che porterà a molte complicazioni.

Quando viene eseguita una minifleectomia, quali risultati può ottenere?

L'autore dell'articolo: Nivelichuk Taras, capo del dipartimento di anestesiologia e terapia intensiva, esperienza lavorativa di 8 anni.