Polipo nel retto: dovrebbe essere rimosso?

Polipo nel retto - la formazione della composizione epiteliale, che può essere infiammatoria. L'origine dell'oggetto desiderato è benigna. Tuttavia, nonostante ciò, la formazione di un polipo nell'intestino indica più spesso l'insorgenza del cancro. In questo articolo vedremo cosa è un polipo e determineremo anche se rimuovere la formazione.

Polipo nel retto: dovrebbe essere rimosso?

Cos'è un polipo

Il polipo è un piccolo tessuto che a volte appare nell'intestino. La germinazione dell'oggetto epiteliale avviene dalla mucosa della regione anorettale dell'intestino, viene inviata direttamente nel lume intestinale.

Il numero di tali polipi può essere singolo o multiplo, inoltre, possono anche essere raggruppati. La diagnosi dell'istituzione di germinazione dei polipi nell'intestino, è chiamata "poliposi". Viene installato periodicamente, anche nei bambini in giovane età.

Per distinguere le formazioni epiteliali benigne può essere nella forma. In totale ci sono quattro varietà:

  • un polipo assume la forma di un fungo, che cresce su un gambo che può essere sia sottile che spesso;
  • a volte la formazione si forma come un grappolo d'uva, vagamente somigliante all'aspetto naturale di un grappolo di queste bacche;
  • a volte la forma epiteliale germogliata assomiglia a una struttura spugnosa;
  • molto spesso il polipo si forma come un nodulo.

Area intestinale anorettale

Per stabilire la diagnosi di poliposi, è necessario condurre qualche misura diagnostica chiamata "rectoromanoscopy". Implica l'implementazione della diagnosi della malattia attraverso l'ispezione visiva della mucosa intestinale. Di norma, con l'aiuto della sigmoidoscopia (uno strumento per l'esame), vengono studiati:

  • retto;
  • intestino sigmoideo

Secondo le statistiche, la frequenza massima di rilevamento dei polipi sulla mucosa di uno degli organi più importanti del corpo è del 7,5%. Tuttavia, la prevalenza della malattia è considerata molto più ampia. La deviazione statistica dalla realtà è principalmente dovuta al fatto che la malattia più spesso procede senza sintomi. Tra l'altro, secondo i dati disponibili, durante l'autopsia post-mortem, oltre il 30% dei pazienti mostra polipi localizzati nella parte diretta dell'intestino.

Il gruppo di rischio per la malattia in questione comprende persone la cui età ha superato i 45 anni. È meglio iscriversi immediatamente per una visita da un medico, che implica una colonscopia, all'inizio di questa linea di età. Secondo le stesse statistiche, anche se la possibilità di trasformare un polipo benigno in un'area maligna è piuttosto piccola, questa progressione si verificherà nell'1% dei casi, ed è meglio prevenirla in anticipo. Resta inteso che più polipi si formano, maggiori sono le possibilità di trasformazione in tumori maligni.

Quali sintomi accompagnano la poliposi?

Per essere pienamente preparati e in tempo per far fronte alla malattia, è meglio sapere quali sintomi lo accompagnano. Tuttavia, qui sta una parte della complessità che la persona che ha germogliato un polipo dovrà affrontare. Il fatto è che i sintomi che lo accompagnano, a volte:

  • non così pronunciato da essere difficili da identificare;
  • così non specifico che possono indicare la presenza di altri processi patologici all'interno dell'intestino.

I sintomi della poliposi

Tuttavia, ci sono "chiamate" allarmanti, sentendo che dovresti consultare immediatamente un medico. Anche se la malattia non è una poliposi, ma qualcos'altro, è semplicemente necessario curarla in presenza dei sintomi descritti di seguito.

Sintomo 1. A volte durante la germinazione di un polipo, una persona ha una sensazione estremamente spiacevole, che consiste nel fatto che sente la presenza di qualche oggetto estraneo all'interno dell'ano. Questa sensazione, di regola, è il segnale più sicuro, che indica la presenza di poliposi, come si verifica in risposta alla pressione del tumore sulla parete intestinale opposta.

Tuttavia, solo una persona molto gentile o attenta è in grado di sentire questa pressione in una fase precoce, perché di solito un sintomo si manifesta chiaramente solo quando la formazione epiteliale raggiunge dimensioni veramente grandi. Tra le altre cose, una persona non può costantemente sentire che c'è un oggetto estraneo nell'ano. Questo disagio si manifesta solo periodicamente, assomiglia alle contrazioni. La sensazione può anche essere localizzata nella regione pubica o sul lato di essa.

La differenza tra un intestino sano e popolato da polipi

Nel caso in cui la patologia progredisca ulteriormente, le sensazioni dolorose possono assumere un carattere permanente, una sensazione non sembra più disturbata, ma come se qualcosa stesse scoppiando con un intestino dall'interno.

Sintomo 2. Il secondo sintomo è il dolore, eccitante il basso addome. Se compaiono, questo è un segnale piuttosto pericoloso, dal momento che accompagnano solo quei polipi che aumentano di dimensioni. In altre parole, il dolore si sviluppa nella fase di progressione della malattia. Provocando la stagnazione, i polipi causano una risposta dolorosa dei recettori localizzati sulle pareti intestinali. Più il lume si forma, più stretto il lume intestinale, che porterà alla complicazione dell'escrezione da esso. Ciò porta a costipazione permanente, molto lunga, portando il disagio più grave alla persona malata.

Le masse fecali ristagnano negli intestini, accumulandole e stirandole, provocando dolore. Inoltre, i gas intestinali iniziano a essere prodotti con particolare intensità, riempiendo l'addome, aumentando il grado di dolore e causando meteorismo.

Sintomo 3. Il terzo sintomo importante è una violazione della sedia. Può diventare liquido e può essere espresso in stitichezza permanente. Questo segno appartiene al primario, può accompagnare l'aspetto di una piccola formazione epiteliale.

La diarrea sanguinolenta con muco è comune nella poliposi.

Più diventa un polipo, meno spesso le feci assumono una consistenza liquida. Inoltre, gli atti di defecazione diventano estremamente rari, il paziente non defeca più di due volte a settimana. La durata dell'atto di defecazione dipende anche direttamente dal numero di polipi che abitano l'intestino. Molto spesso, è prolungata costipazione e tutti gli inconvenienti che lo accompagnano provocano una persona a visitare immediatamente un medico.

Sintomo 4. Il prossimo sintomo allarmante è la rilevazione delle seguenti inclusioni nella parte principale delle feci escrete durante la defecazione:

Se il sangue nelle feci è evidente, allora si tratta di un sintomo molto grave, poiché di solito indica che le navi che trasportano il sangue attraversano lo strato sottomucoso del retto e sono danneggiate e non funzionano correttamente.

Tra le altre cose, il sanguinamento può servire come segnale disastroso da un polipo intrappolato da qualcosa o penetrato da processi necrotici.

Al fine di rilevare il sangue, è necessario esaminare attentamente le feci che rimangono nella toilette dopo l'atto di defecazione. Di solito ha l'aspetto di un rosso scarlatto o di sangue rosso.

Spesso una persona non può tenere un movimento intestinale.

Per quanto riguarda il muco, si verifica immediatamente quando si forma un polipo all'interno dell'intestino. Il fatto è che anche le formazioni desiderate hanno una funzione escretoria, che funziona molto intensamente. Di solito il muco nell'intestino svolge il ruolo di un lubrificante necessario per il comodo passaggio di materia fecale attraverso di esso, una piccola quantità di esso è richiesto. Tuttavia, il polipo irrita la parete intestinale, causando la sua secrezione più attiva, con il risultato che il muco diventa evidente nelle feci.

Il pericolo di una maggiore formazione del muco è il seguente: quando è sovraprodotto e non completamente utilizzato, si accumula all'interno dei seni dell'ano. Un lungo periodo di tempo all'interno di questi seni, il muco può provocare la formazione di vari processi infettivi. Di conseguenza, una persona che si ammala di polpizom può defecare non solo con le secrezioni mucose, ma anche con il pus derivante dall'infiammazione.

Quadro clinico

A seconda della struttura della formazione epiteliale, il quadro clinico della poliposi può essere molto diverso. Diamo un'occhiata alle opzioni esistenti.

È meglio andare all'ospedale immediatamente.

La prima opzione prevede la formazione del cosiddetto adenoma - un tumore benigno dell'epitelio ghiandolare. Più spesso è durante la formazione di questo tipo che il sangue viene rilasciato nelle feci.

Nell'aspetto e nella struttura dell'adenoma sono spessi, dipinti in rosa, la stessa della mucosa intestinale.

È questa forma che molto spesso diventa maligna. La dimensione del polipo-adenoma è di circa 2-3 centimetri. La connessione con l'intestino avviene attraverso le gambe:

Il secondo tipo di formazioni, che aumenta con la poliposi, ha un carattere villoso. È formato anche dall'epitelio, come altre specie. Spesso è un polipo villoso che causa sanguinamento rettale, poiché il suo corpo è permeato di rami vascolari. Inoltre, le formazioni che rappresentano l'aspetto villico sono più inclini allo sviluppo di processi necrotici, il cui risultato è la formazione di tessuti ulcerati.

La dimensione della formazione dei villi è di solito impressionante, il limite inferiore della grandezza è nella regione di tre centimetri, di norma, crescono molto di più, provocando stitichezza permanente nel paziente.

I polipi si differenziano per struttura e aspetto.

Il terzo tipo di polipo è chiamato iperplastico. Il diametro di tali formazioni può raggiungere un massimo di 5 millimetri. La crescita di tali formazioni spesso non è accompagnata da alcun sintomo, inoltre, essi stessi raramente causano gravi danni. Dopo tutto, le loro strutture morbide e la loro bassa statura non solo ostacolano l'implementazione del processo delle feci naturali, ma non influenzano anche la formazione aggiuntiva di alcun segreto, l'apertura di sanguinamento e non causano molte altre conseguenze negative.

Il quarto tipo è rappresentato da una miscela di due strutture:

La loro struttura è combinata, a causa della quale si verifica abbastanza raramente (secondo le statistiche, solo il 20% dei pazienti viene "premiato" con una struttura mista di poliposi). I sintomi durante la germinazione della formazione della forma desiderata sono molto scarsi, anche le inclusioni di sangue nelle feci sono quasi impossibili da rilevare, tranne forse con l'aiuto di ricerche condotte sulla base del laboratorio.

Video - Informazioni sulla cosa più importante. Polipi nell'intestino

Cause della germinazione del polipo intestinale

Secondo la ricerca medica, le cause che influenzano la comparsa di piantine epiteliali nell'intestino combinano molti fattori diversi.

Come risultato della considerazione scientifica del problema, è stato scoperto che i polipi non possono formarsi all'interno della mucosa intestinale sana, poiché l'ambiente esistente in esso non è amichevole con loro. Di conseguenza, se scopri che i polipi sono germogliati nell'intestino, sappi che i processi patologici nell'organo hanno avuto inizio un po 'prima che si verifichino. In altre parole, nonostante il fatto che la poliposi sia una malattia separata, è essa stessa un sintomo di qualche altra patologia della membrana intestinale.

La poliposi benigna può trasformarsi in cancro

C'è anche una lista di cosiddetti fattori di rischio che contribuiscono alla formazione della poliposi. Consideralo sotto.

Fattore aggravante che aggiunge la probabilità di poliposi - ereditarietà. Secondo gli studi, c'è una certa predisposizione genetica che causa l'insorgenza di poliposi nei parenti di sangue. Se almeno una persona nella tua famiglia ha sofferto di germinazione dei polipi nell'intestino, i suoi discendenti sono già a rischio. Molto probabilmente, questi tumori verranno rilevati anche in essi.

Inoltre, non solo i discendenti, ma anche altri parenti sono a rischio. Ciò è dovuto al fatto che il membro suscettibile della predisposizione familiare alla poliposi, molto probabilmente, è anche trasmesso da qualsiasi antenato. Ciò significa che la malattia può verificarsi anche in:

  • fratelli e sorelle;
  • nipoti;
  • altri parenti.

Secondo gli studi, i parenti di sangue che hanno una predisposizione alla poliposi soffrono di questa patologia circa 10 volte più spesso della massa generale delle persone.

Inoltre, durante il periodo prenatale dello sviluppo umano (quando è nell'utero), quando si verifica la formazione del retto, la predisposizione alla malattia è già posta in una persona. Dopo la nascita e come adulto diventa, sotto l'influenza di una varietà di fattori, una persona ha maggiori probabilità di ottenere i disturbi che hanno identificato un insieme di geni in lui.

Spesso la poliposi è ereditata dai genitori

Il secondo fattore che influenza la formazione di quasi tutte le patologie dell'intestino e del tratto gastrointestinale, così come molti altri organi, è anche inerente alla poliposi. Questi sono disordini nutrizionali che comportano una scarsa funzionalità intestinale e costipazione costante. Riguarda principalmente:

  • dieta squilibrata, in cui prevalgono i grassi animali;
  • mancanza di orari dei pasti;
  • la presenza di una grande quantità di detriti alimentari nel menu.

È molto importante che la motilità intestinale funzioni perfettamente, in modo che i polipi non possano crescere sulle sue mucose. Per fare questo, devi seguire alcune regole, formando una dieta. Diamo un'occhiata nella tabella seguente, quali prodotti funzionano a detrimento e quali ne trarranno beneficio.

Tabella 1. Effetti sulla motilità intestinale

La cultura nutrizionale è una questione molto seria dal punto di vista della medicina di oggi, poiché "tu sei ciò che mangiamo". In altre parole, una dieta adeguatamente formulata è a volte più efficace e più benefica rispetto alle vitamine e ai farmaci. A volte la normalizzazione della dieta è in grado sul nascere di fermare lo sviluppo di una malattia, che di per sé parla di volumi.

Naturalmente, la tabella contiene lungi dall'elenco completo dei prodotti che possono avere un impatto positivo o negativo. Abbiamo presentato solo quelli di loro che, nonostante l'ovvia utilità, sono quasi assenti nella dieta di un normale russo o di un residente di un altro paese, o, nonostante l'evidente danno, al contrario, sono presenti in eccesso.

La mancanza di fibre nel menu influisce negativamente sulla formazione dei polipi, poiché è questa sostanza che aiuta la formazione delle masse fecali e lascia il corpo liscio. Ma i prodotti lavorati e raffinati lo inibiscono molto fortemente, in particolare la cottura della farina di frumento, lo zucchero, i prodotti affumicati e salati sono particolarmente dannosi. L'inclusione di questi residui di cibo nel menu crea un ambiente favorevole per lo sviluppo di polipi all'interno dell'intestino, così come la comparsa di altre patologie del tratto gastrointestinale.

Il terzo fattore che rende una persona a rischio sono le malattie di qualsiasi parte dell'intestino che sono croniche. Il più delle volte precedere la poliposi:

  • colite;
  • colite ulcerosa;
  • proctosigmoiditis.

Oltre alle malattie croniche, la proliferazione dei polipi provoca anche infezioni intestinali acute. Molto spesso, il colon viene colpito per primo, creando un ambiente favorevole per la formazione di polipi.

Le seguenti malattie infettive sono particolarmente pericolose (e favorevoli per i polipi):

  • infezione da rotavirus;
  • dissenteria;
  • salmonellosi e simili.

Anche se è possibile guarire il processo patologico piuttosto rapidamente, dopo di esso la mucosa è ancora indebolita per qualche tempo, e i polipi possono germogliare. Si presentano come conseguenza di una mancanza di ossigeno all'interno dell'epitelio dell'intestino.

L'influenza sulla formazione della poliposi può anche influenzare lo stile di vita di un potenziale paziente, solitamente accompagnato da un basso grado di mobilità, ad esempio a causa del lavoro d'ufficio. Inoltre, se l'ecologia insoddisfacente della regione della residenza di una persona si unisce all'ipodynamia, la probabilità che si verifichi diventa ancora più elevata.

Il fatto è che la scarsa mobilità implica un lento movimento del sangue all'interno del bacino, il cosiddetto ristagno, che provoca disturbi della linfa e del flusso venoso, che alla fine porta a gonfiore e costipazione.

Un polipo può essere rilevato da molti metodi diversi.

Effetti pericolosi della poliposi

Quale pericolo pone l'insorgere di polipi all'interno del retto? Questi tumori rappresentano una minaccia tangibile per la salute e la vita futura di una persona. Molte persone non capiscono questo, dal momento che le formazioni sono considerate inizialmente benigne. Tuttavia, nonostante ciò, causano una serie di conseguenze estremamente negative.

Prima di tutto, stiamo parlando della trasformazione di un polipo in un cancro. In questo caso, la germinazione sarà la più pericolosa, classificata come adenoma. Questo tipo di polipo viene diagnosticato più spesso. La loro forma molle, coronata da molti processi simili a dita, è particolarmente suscettibile al maling.

Più è esteso l'adenoma, più è probabile che diventi un cancro. Per quanto riguarda l'attaccamento alle pareti dell'intestino, se si trova su una gamba spessa - anche un brutto segno.

Rimozione di un polipo bruciando un'ansa diatermica

Con la formazione di un polipo si può sviluppare un'ostruzione intestinale. In altre parole, le feci non saranno semplicemente lasciate un posto dove passare, quindi si verificherà la stagnazione. Le feci rimarranno nell'intestino, di conseguenza le tossine verranno risucchiate nelle sue pareti, lasciando il corpo. Ciò non solo porterà ad avvelenamento, allergie e disidratazione, ma anche in casi particolarmente avanzati giustificherà lo sviluppo di processi necrotici (morte intestinale). Di conseguenza, le feci cadranno nel peritoneo, si svilupperà la peritonite e il paziente morirà.

Enterocolite, acquisendo una forma acuta, può anche formarsi sullo sfondo di irritazione della parete intestinale con polipi. Come risultato della sua comparsa, le ulcere copriranno il retto e il resto dell'intestino. Sinteticamente, questo si manifesterà come segue:

  • una persona sentirà un forte dolore nel peritoneo;
  • la sua temperatura corporea aumenterà;
  • il sangue può essere trovato nelle feci.

Se in tempo in tali circostanze non eseguire interventi chirurgici, la persona morirà a causa di:

  • perforazione delle pareti intestinali;
  • infezione che si diffonde attraverso il sangue.

I processi infettivi all'interno del retto, dovuti alla proliferazione di un polipo, possono penetrare direttamente da esso negli strati grassi del corpo, formando in essi dei sacchi pieni di pus. Ciò causa non solo un dolore molto sensibile, ma anche un aumento della temperatura corporea. Di conseguenza, la malattia diventa cronica. Una persona perde la capacità di lavorare, c'è costante stanchezza, letargia.

La formazione di polipi può portare a disturbi della defecazione, ad esempio, a:

Nonostante il fatto che le violazioni sembrano essere polarmente diverse, con la poliposi, si alternano tra loro, causando un grave disagio. Negli adenomi, la diarrea si apre più spesso, dal momento che un polipo è isolato molto:

Come risultato, un elemento chimico così necessario come il potassio viene lavato via, si sviluppa la sua carenza nel corpo, che provoca un disturbo nel lavoro degli organi che hanno bisogno di questo elemento costantemente.

Con un grado particolarmente elevato di feci liquide, una persona perde la capacità di contenere il flusso di masse fecali e di trattenere i gas.

I polipi causano dolore all'interno dell'intestino

Il risultato di stitichezza e ristagno causato dalla poliposi, può diventare calcoli fecali formati nell'intestino. Le masse fecali si induriscono e formano la pietra, formando sigilli che, di conseguenza, interrompono il lavoro associato alla digestione del cibo che entra nel corpo. Inoltre, spesso i processi oncologici spesso iniziano a svilupparsi in punti di contatto tra le pietre fecali e l'intestino.

Sotto l'influenza di polipi, le pareti del retto possono incrinarsi. Questo perché quando le feci escono, i polipi bloccano il passaggio e l'intestino deve allungarsi. Le pareti si spezzano e c'è un dolore acuto che non può essere ignorato. Per questo motivo, la persona cerca di trattenere gli atti di defecazione, che a sua volta porta alla formazione di stitichezza e pietre fecali.

La perdita permanente di sangue che i polipi in qualche modo provocano è un'altra minaccia molto sgradevole per la salute umana. L'anemia causa debolezza in una persona, una rottura è avvertita costantemente.

Come diagnosticare la poliposi

Oggi ci sono vari metodi per diagnosticare la presenza di polipi all'interno del retto.

Prima di tutto, stiamo parlando di sondare la cosiddetta regione anorettale. Il dottore tiene il dito in un guanto di gomma, cosparso di gelatina di petrolio. Di conseguenza, palpa la superficie interna del retto lungo una lunghezza di 10 centimetri, direttamente dal passaggio anale.

Questa ricerca viene effettuata necessariamente almeno nel caso in cui è pianificato l'ulteriore prodotto di sigmoidoscopia. Questo è necessario per valutare preliminarmente lo stato dell'intestino e capire quanto è sicuro l'ulteriore esame.

Il secondo studio è in realtà rectoromanoscopy. Ti permette di esaminare l'intestino in maggior dettaglio.

Come viene eseguita la rettoscopia?

Il terzo studio è un irrigoscopio, questa diagnosi viene eseguita molto meno frequentemente rispetto all'esame presentato nel paragrafo precedente. Rappresenta l'introduzione del contrasto nell'intestino, la cui diffusione viene quindi visualizzata attraverso i raggi X. È usato per trattare la parete intestinale. Affinché i risultati siano affidabili, è necessario prima pulire completamente l'intestino.

Il quarto metodo diagnostico è la tomografia computerizzata, che è assolutamente indolore per il paziente, suggerendo informazioni affidabili su:

  • forme di polipi;
  • la dimensione che ha raggiunto la neoplasia;
  • l'estensione della loro crescita nell'intestino, ecc.

L'ultimo metodo diagnostico è la ricerca nel laboratorio presentato dagli esami del sangue:

Inoltre, i laboratori possono esaminare le feci per rilevare l'eccesso di muco o inclusioni di sangue.

Devo rimuovere polipi?

Secondo le raccomandazioni della maggior parte dei professionisti dell'industria medica, i polipi formati nell'intestino sono soggetti a rimozione obbligatoria. Anche se la loro crescita si arresta (il che è improbabile) e non causerà disagi significativi, c'è un grande rischio di trasformare tumori benigni in tumori maligni, che alla fine portano a gravi complicazioni, persino alla morte.

L'operazione per rimuovere i polipi in una fase precoce è molto semplice e non particolarmente traumatica, l'intestino guarisce rapidamente, il paziente avrà bisogno di circa 14 giorni per riprendersi.

Non vengono usati metodi conservativi di trattamento basati sull'assunzione di droghe per l'eliminazione dei polipi, poiché oggi tali fondi semplicemente non esistono. Gli unici farmaci che il paziente dovrà ingerire saranno dati prima dell'operazione. Lo scopo del loro ricevimento sarà l'eliminazione delle sensazioni dolorose, nonché una diminuzione del grado di attività del processo di formazione dei gas all'interno dell'intestino.

La rimozione dei polipi è necessaria perché possono trasformarsi in cancro.

È l'intervento chirurgico che è l'unico metodo con cui viene trattata la poliposi. In altre parole, i polipi possono essere rimossi solo dal retto, mentre se ce ne sono pochi e la struttura istologica delle neoplasie è adatta, la rimozione delle formazioni epiteliali può essere effettuata mediante endoscopia.

Inoltre, piccoli polipi singoli possono essere elettricamente coagulati, cioè bruciati. Questo metodo di trattamento può essere applicato solo a tumori benigni, altrimenti non può essere toccato.

L'esame dell'istruzione può essere transanale utilizzando l'anestesia. L'unico svantaggio di questo metodo di rimozione dei polipi è la possibilità di sanguinamento.

Un altro modo per sbarazzarsi dei polipi - la distruzione delle formazioni con l'aiuto di un loop che passa corrente. I loro tessuti vengono distrutti dalla tensione fornita attraverso l'anello, mentre contemporaneamente bruciano i vasi, che impedisce il verificarsi di sanguinamento.

Oggi sono apparse nuove tecniche. Ora è possibile rimuovere le escrescenze usando un laser, mentre i tessuti e le reti vascolari traumatizzati in modo minimale. Tuttavia, un professionista deve utilizzare l'attrezzatura durante l'operazione, poiché questa tecnica è molto facile da perforare le pareti intestinali.

Se la poliposi è diventata un processo di cancro, a volte sorge la domanda di resezione del retto. Può essere rimosso completamente o parzialmente, a seconda dell'estensione della patologia.

Riassumiamo

Quando un polipo appare nel retto, la prognosi per il completo recupero, che passa senza conseguenze, è molto favorevole. Le ricadute si verificano dopo un po 'di tempo nel 30% dei pazienti, tuttavia, possono essere influenzate osservando un'alimentazione corretta e conducendo uno stile di vita sano.

La poliposi non è una frase: nelle prime fasi, la prognosi per il suo trattamento è completamente favorevole.

Il tempo dopo il quale c'è una ri-proliferazione del polipo è di circa un anno. È dopo 12 mesi che i pazienti sottoposti a intervento chirurgico vengono per una ri-colonscopia. Se i risultati sono favorevoli, la prossima volta che hai bisogno di arrivare al sondaggio dopo 36 mesi.

Ascoltare attentamente i propri sentimenti e non tirare con un appello a un medico se si trova a mostrare segni di poliposi. Ricorda, in tuo potere per prevenire lo sviluppo della malattia e le sue conseguenze.

Polipi nel retto: trattamento o rimozione?

Questa patologia insidiosa è quasi asintomatica e spesso si trova completamente per caso, quando il paziente visita il medico per un problema completamente diverso. Questi sono polipi rettali.

Cosa sono i polipi nel retto e la loro classificazione

I polipi rettali sono tumori benigni sotto forma di piccoli tumori che crescono dalle pareti intestinali nel suo lume. Sembrano crescite su un gambo ampio, con una forma sferica, a forma di fungo o ramificata. I polipi hanno una consistenza morbida e possono essere di diversi colori: dal rosa al rosso scuro o al bordeaux.

I polipi crescono dal tessuto epiteliale, ma all'interno della formazione il tipo di tessuto è diverso. I polipi fibrosi sono costituiti da tessuto connettivo e si formano sulla membrana mucosa in corrispondenza di infiammazioni precedenti. Raramente rinascono in un tumore maligno, ma spesso diventano infiammati e suppurati.

Il polipo adenomatoso è costituito da tessuto ghiandolare, il tumore si trova sulla gamba mobile e può raggiungere i 2-3 cm di diametro. È questo tipo di formazioni che è più incline alla degenerazione in un cancro. Pertanto, quando si verificano tali polipi, stanno parlando di una condizione precancerosa.

Il polipo molle è una crescita allungata o rotonda con una superficie vellutata composta da una varietà di villi-papille. È molto morbido, facilmente lesivo e può sanguinare. Questo tipo di tumore è anche soggetto a degenerazione maligna.

I polipi multipli possono essere di tipo misto - villico-ghiandolare o mucoso-cistico. Inoltre, ci sono forme marcate della malattia, come la poliposi diffusa, quando i polipi di interi gruppi si diffondono su tutta la superficie intestinale, impedendo il passaggio di contenuti intestinali riciclati.

Cause di polipi rettali

Gli scienziati non hanno ancora individuato la causa esatta della formazione dei polipi, ma hanno dimostrato che i tumori derivano da malattie infiammatorie croniche dell'intestino crasso e dall'invecchiamento dell'epitelio del rivestimento. Il rischio di formazione di polipi aumenta molte volte con malattie come:

Costipazione e disturbi frequenti del sistema digestivo contribuiscono al loro aspetto. A volte i polipi appaiono non solo negli adulti, ma anche in bambini perfettamente sani. Ciò conferma l'assunzione di esperti secondo cui la malattia è di natura ereditaria o virale.

Un'altra teoria suggerisce che i tumori si formano quando il consumo eccessivo di grassi animali e la mancanza di alimenti vegetali e fibre grossolane. Vi sono opinioni che lo sviluppo della malattia contribuisca a un ambiente povero, un'alimentazione scorretta, l'abuso di alcool e tabacco. Questi fattori sono associati a bassa attività motoria (ipodynamia) e fattore di età. I polipi vengono diagnosticati più spesso dopo 50 anni.

sintomi

I polipi possono non manifestarsi da molto tempo. Eventuali sintomi specifici sono spesso assenti e la patologia nella maggior parte dei casi viene rilevata per caso, durante un esame proctologico o durante l'endoscopia. Molto spesso, la malattia viene rilevata nelle persone di età matura, con più di 50 anni.

I polipi possono manifestarsi ferendo queste formazioni o attaccando il processo infiammatorio. In questi casi, compaiono i seguenti sintomi:

  • Feci dolorose e frequenti con l'aspetto di una piccola quantità di sangue rosso e muco
  • Se il polipo è danneggiato, può verificarsi sanguinamento.
  • Quando si unisce al processo infiammatorio si nota la febbre, brividi
  • I grandi polipi causano la sensazione di un oggetto estraneo nell'ano e spesso causano stitichezza, poiché bloccano parzialmente il lume dell'intestino e impediscono il passaggio delle masse fecali
  • Un polipo su un gambo sottile è in grado di cadere da un passaggio rettilineo durante i movimenti intestinali, ferendo e soffocando lo sfintere.
Possibili complicazioni

Se la poliposi è accompagnata da sanguinamento, muco abbondante, diarrea, il paziente sviluppa anemia ed esaurimento nel tempo. La poliposi è spesso complicata da processi infiammatori nel retto, portando ad una esacerbazione della malattia emorroidaria, alla comparsa di ragadi anali e paraprocititi.

La più terribile complicazione è la degenerazione maligna dei polipi e lo sviluppo del cancro del colon-retto.

Diagnosi della malattia

Se compaiono sintomi avversi, non è necessario posticipare la visita al medico, ma consultare un proctologo qualificato il più presto possibile. Solo lui è in grado di fare una diagnosi corretta, dal momento che i sintomi della poliposi sono simili alle manifestazioni delle emorroidi e queste malattie sono spesso confuse.

Lo specialista può rilevare le formazioni indesiderate già durante l'esame digitale del retto. Questo determina il numero di formazioni, la loro dimensione e consistenza. Questo metodo consente di escludere altre condizioni patologiche (ragadi anali, emorroidi, cisti). È efficace nel caso in cui i polipi si trovano a non meno di 10 cm dall'ano.

Per chiarire la diagnosi, il medico può prescrivere la sigmoidoscopia o la colonscopia. Questi studi sono i più istruttivi e permettono all'interno di esplorare il retto, il sigmoide e l'intestino crasso.

Un altro metodo che consente di rilevare polipi con un diametro superiore a 1 cm è l'irridoscopia, cioè una radiografia dell'intestino usando un agente di contrasto. In alcuni casi, uno specialista può ordinare un test delle feci per rilevare il sangue nascosto. La risonanza magnetica (MRI) può fornire un'immagine più accurata.

Se durante l'esame si riscontrano polipi nel paziente, il medico deve eseguire una biopsia (campionando un pezzo di tessuto) per la successiva analisi di citologia e istologia. Questo eliminerà il sospetto di cancro.

Trattamento di polipi rettali - chirurgia di rimozione

Nel trattamento dei polipi, la terapia conservativa è inefficace. Il problema può essere risolto chirurgicamente. I metodi di intervento chirurgico possono essere diversi. Dipendono dal tipo di polipi, dalla loro posizione, dal numero e dalla dimensione dei tumori. I polipi del retto devono essere rimossi necessariamente e quindi esaminati istologicamente. Ci sono due tipi di operazioni per rimuovere le lesioni patologiche: procedure minimamente invasive, quando i polipi vengono rimossi, preservando l'organo e la resezione del retto.

• Intervento endocopico. Il tumore viene rimosso utilizzando un sigmoidoscopio o colonscopio. L'operazione viene eseguita su base ambulatoriale. Prima della procedura, il paziente deve seguire una dieta rigorosa per diversi giorni per ridurre i processi infiammatori.

• Elettrocoagulazione. La procedura è effettuata attraverso un proctoscope e piccoli polipi semplici su una base larga e polipi su un peduncolo pronunciato sono cauterizzati. L'elettrocoagulazione non viene eseguita per i grandi polipi su basi ampie e tumori villosi, poiché vi è un alto rischio di perforazione delle pareti intestinali.

• Asportazione transanale. L'accesso ai polipi avviene attraverso il proctoscopio e viene eseguito nei casi in cui la formazione si trova nell'intestino ad un'altezza di oltre 7 cm dall'ano. Questo metodo rimuove i grandi polipi villosi. Sono asportati usando un bisturi per elettrocauterio o ultrasuoni. L'operazione viene eseguita in ospedale, con l'uso dell'anestesia.

• resezione rettale. Eseguire in anestesia generale, durante l'operazione, viene rimossa l'area interessata del retto. Un intervento di questo tipo è necessario quando vengono rilevati neoplasie maligne e c'è il rischio di metastasi. Se un paziente ha una poliposi diffusa, è necessario rimuovere completamente il retto, formando una colostomia attraverso la quale escono i prodotti di scarto.

Trattamento dei polipi con metodi di medicina tradizionale

Ci sono ricette per la medicina tradizionale che possono evitare la chirurgia per rimuovere i polipi. Il trattamento più popolare di celidonia e infusioni di erbe medicinali.

celandine

Celandine ha la gloria di "ginseng russo" per una ragione. Un altro nome per questa pianta è un facocero, che testimonia eloquentemente la sua straordinaria capacità di salvare una persona da verruche e altre malattie della pelle. Nella medicina popolare, usa il succo di questa pianta, così come un decotto e una sua infusione. Hanno un eccellente effetto battericida, antinfiammatorio, cicatrizzante e analgesico. Celidonia guarisce le malattie della pelle, guarisce i tessuti, ferma la crescita dei tumori maligni. Per il trattamento dei polipi, si consiglia di creare microclasti con un decotto di questa pianta medicinale.

Per preparare il decotto, 1 cucchiaino di erba secca viene versato 200 ml di acqua e messo in un bagno d'acqua per mezz'ora. Il decotto pronto deve essere raffreddato e filtrato. Il fluido risultante dovrebbe essere iniettato nell'ano con una piccola siringa in un certo modo. In primo luogo, occupano la posizione sul lato destro e iniettano parte del decotto, quindi il decotto viene introdotto nella posizione sul lato sinistro e, in conclusione, il resto del liquido viene introdotto e posto sul retro. Quindi, il decotto medicinale elaborerà completamente il retto. I clamidi con celidonia dovrebbero essere fatti per 10 giorni, quindi fare una pausa per tre giorni e ripetere di nuovo il ciclo di terapia di dieci giorni.

Per migliorare l'effetto e liberarsi rapidamente dei polipi, si consiglia di combinare il trattamento con clisteri con l'assunzione di succo di celidonia all'interno. Dovrebbe essere preso con attenzione, in gocce, osservando rigorosamente il dosaggio e senza dimenticare che questa pianta è velenosa. Iniziare a prendere una goccia al giorno, ogni volta aggiungendo una goccia a goccia e aumentando gradualmente la dose giornaliera a 15 gocce al giorno. Questo ti richiederà 15 giorni. Inoltre, la dose inizia ad essere ridotta nell'ordine inverso, prendendo meno gocce ogni giorno. Pertanto, il corso del trattamento con succo di celidonia richiederà un mese.

Aghi di abete rosso

Un decotto di aghi di abete aiuta anche a sbarazzarsi dei polipi, impedendone la crescita. Preparare come segue: aghi verdi succosi nella quantità di due cucchiai versare 200 ml di acqua bollente e insistere sotto il coperchio per 30 minuti. Il brodo raffreddato viene filtrato e portato per tutto il giorno. Bere infuso di abete per tre giorni di seguito, quindi fare una pausa di sei giorni e ripetere il ciclo di trattamento di tre giorni.

Succo di foglie di bardana

Il succo di bardana è usato per trattare molte malattie. È preso in malattie del sistema digestivo, problemi con il fegato e la cistifellea, inoltre, impedisce lo sviluppo e la crescita di polipi. Raccogli le foglie giovani e succose di bardana, tagliarle, passare attraverso un tritacarne.

Spremere la massa risultante attraverso una garza e prendere il succo appena preparato secondo un determinato schema. Per prima cosa, bevono 1 cucchiaino due volte al giorno per due giorni di seguito, quindi prendono tre cucchiaini tre volte al giorno per tre giorni. Continua a bere con tali alternanze per trenta giorni. Poi si prendono una pausa per un mese, dopo di che il trattamento viene ripetuto.

Mescolare sulla base di olio di girasole

Questa ricetta popolare non solo allevia efficacemente i polipi, ma purifica la pelle dalle moli e dalla pigmentazione. Per farcire, far bollire sette uova, togliere i tuorli, strofinarli e mescolarli con 500 ml di olio di girasole. Sei cucchiai di semi di zucca sono passati attraverso un tritacarne e aggiunti alla miscela.

La massa risultante deve essere fatta bollire a bagnomaria per circa 20 minuti. Prendete la miscela dovrebbe essere a stomaco vuoto per 1 cucchiaino di cinque giorni di fila. Quindi viene fatta una pausa di cinque giorni e il farmaco di cinque giorni viene ripreso di nuovo. Il corso del trattamento viene proseguito fino al completamento della miscela.

Microclicter con la collezione di erbe medicinali

Tali clisteri dovrebbero essere combinati con un digiuno di tre giorni. Per la preparazione dell'infusione prendete tre parti di celidonia e prati schiacciati secchi e due parti di erba di San Giovanni, fiori di calendula e agape. Un solo art. un cucchiaio della miscela viene versato oltre 1,5 tazze di acqua bollente e lasciato in infusione per sei ore. Decotto raffreddato e filtrato viene utilizzato per i microcleari. Il clistere è composto da 50 ml di infusione medicinale un'ora prima di andare a dormire.

Per migliorare l'effetto del trattamento dei rimedi popolari aiuterà tisane, in particolare il tè, preparato con bacche secche o fresche di viburno. Puoi berla tre o quattro volte al giorno, aggiungendo il miele a piacere. Il tè Kalinov previene l'ulteriore proliferazione dei polipi e riduce il rischio di degenerazione maligna.

Per i polipi nel retto, la propoli in combinazione con il burro può aiutare. Per fare questo, preparare una miscela di una parte di propoli e 10 parti di burro. Assumere tre volte al giorno tra i pasti, sciogliendo un cucchiaino della miscela in un bicchiere di latte caldo.

La medicina tradizionale per combattere i polipi consiglia l'uso della tintura dei baffi d'oro delle piante medicinali. Viene preparato come segue: 500 ml di vodka di alta qualità sono combinati con steli di piante frantumate (15 pezzi sono sufficienti) e infusi per due settimane. L'infusione pronta deve essere filtrata e assumere 1 cucchiaio. cucchiaio tre volte al giorno per quattro settimane. Dopo questo, viene effettuata un'interruzione di 10 giorni e viene ripetuto il ciclo di trattamento mensile.

Il trattamento con l'aiuto della medicina tradizionale non sempre dà risultati positivi, prima di iniziare le procedure è importante consultare il medico e condurre le cure sotto il suo controllo.

Prevenzione dei polipi rettali

Il metodo principale per prevenire la degenerazione maligna dei polipi è il loro tempestivo rilevamento e rimozione. Particolarmente attenti alla comparsa di sintomi avversi dovrebbero essere persone di età matura. Come misure per prevenire la comparsa di polipi, i medici raccomandano l'adesione ad alcune semplici regole:

• Cerca di mangiare bene.
• Limitare il consumo di grassi animali, sostituendoli con vegetali
• La dieta dovrebbe essere dominata da cibi ricchi di fibre: cavoli, zucchine, barbabietole, zucche, rape, mele
• Ridurre al minimo il consumo di cibi raffinati e ricchi di carboidrati.
• Limitare o smettere di bere e fumare del tutto.
• Condurre uno stile di vita attivo, monitorare la salute, trattare tempestivamente le malattie del tratto gastrointestinale
• Se si verificano disagio e sintomi spiacevoli, si dovrebbe essere esaminati in tempo.

Un proctologo specialista competente identificherà la causa del disagio e prescriverà il trattamento corretto e adeguato. Tutte queste misure aiuteranno a mantenere la salute, migliorare il benessere e prevenire la comparsa di polipi.

Caratteristiche della rimozione dei polipi nel retto

La rimozione dei polipi nel retto è una condizione indispensabile per eliminare il rischio di gravi malattie, perché i polipi in forma trascurata sono pieni di complicazioni. I polipi sono formazioni abbastanza comuni che, a seconda del luogo e del tipo, comportano diversi gradi di pericolo per la vita umana.

La rimozione dei polipi nel retto, con la sua implementazione tempestiva, non è molto difficile. Quando eseguito in anestesia locale, una piccola operazione chirurgica si svolge rapidamente e raramente porta a effetti collaterali. Il compito principale è quello di prevenire la proliferazione della poliposi in uno stato in cui l'intervento chirurgico richiederà una scala molto più ampia.

Caratteristiche dello sviluppo dei polipi

I polipi nel retto sono formati da formazioni benigne sulla parete interna dell'intestino e si innalzano sopra lo strato mucoso sotto forma di una palla, un fungo o una mano ramificata. Più spesso alla base hanno una gamba sottile, ma ci sono varietà con una base larga. Con la loro composizione quantitativa, i polipi sono divisi in tipi singoli, multipli e diffusi. In presenza di diverse escrescenze nel retto, si sviluppa una malattia - poliposi, che nello sviluppo avanzato può portare alla malignità delle formazioni.

Le cause principali dei polipi sono considerate come effetti infiammatori frequenti sulla mucosa, lesioni tissutali, la natura anormale della composizione fecale o il suo ristagno cronico. Nell'infanzia, la causa dei polipi, molto spesso, diventa un fattore genetico. Lo sviluppo delle formazioni è promosso da ipodynamia, malnutrizione, ecologia inquinata, alcol, malattie predisponenti (ulcere, dissenteria, febbre tifoide e altri).

I singoli polipi, di norma, si sviluppano in modo asintomatico e vengono trovati casualmente durante gli esami per un'altra ragione. Possono apparire se sono sottoposti a distruzione meccanica durante i movimenti intestinali difficili, sotto forma di piccole tracce di muco e sangue nella massa fecale. Con la numerosa formazione di polipi nel retto, i sintomi della poliposi assumono un aspetto caratteristico: sanguinamento, muco delle feci, frequente defecazione con una diversa consistenza delle feci, affaticamento, comparsa di anemia. Nel caso in cui i polipi appaiano vicino all'ano, possono cadere durante i movimenti intestinali, sanguinare e pizzicare nello sfintere, causando dolore all'addome inferiore.

Principi di rimozione di polipi

Finora, non esiste un trattamento farmacologico efficace per i polipi e vengono rimossi dall'intervento chirurgico. A questo proposito, aumenta l'importanza di una diagnosi corretta della poliposi e la sua differenziazione da altre malattie. Il primo rilevamento di polipi del retto viene effettuato con la palpazione dell'ano. Dopodiché, viene tenuto il sigmoidoscopio, che prevede l'ispezione delle pareti rettali a una distanza massima di 25 cm dall'ingresso. Un'ispezione più dettagliata viene eseguita mediante colonscopia.

La diagnosi finale è confermata dalla radiografia a contrasto con l'introduzione di un liquido speciale, dopo il quale vengono eseguiti gli studi citologici e istologici delle cellule polipo. Ultrasuoni, risonanza magnetica e metodi di tomografia computerizzata aiutano anche nella diagnosi.

Per decidere definitivamente sulla rimozione dei polipi nel retto, devono essere differenziati dalle altre patologie. Le seguenti formazioni possono essere scambiate per polipi: lipoma, fibromi, angioma, actinomicosi, morbo di Crohn e alcuni altri. Inoltre, il grado di neoplasia educativa deve essere determinato in modo affidabile, poiché in questo caso sarà necessaria un'operazione completamente diversa.

I principali metodi di intervento chirurgico per la rimozione dei polipi sono la polipectomia, l'intervento transanale, la resezione della sezione intestinale, la resezione transanale e il metodo endomicrosurgico. Il modo più comune è quello di rimuovere solo il corpo della crescita durante l'esame endoscopico. Le grandi dimensioni delle formazioni richiedono la rimozione della zona dell'intestino con polipi con la formazione di anastomosi (connessione delle estremità dell'intestino dopo aver tagliato la sua parte).

Asportazione transanale di polipi

L'escissione transanale è l'operazione più semplice per rimuovere i polipi situati a non più di 10 cm dall'ano. Il metodo consiste nel tagliare il corpo della crescita con un bisturi o forbici.

L'operazione viene eseguita nel seguente ordine. Inizialmente, l'anestesia locale viene eseguita utilizzando novocaina (0,25%), se necessario, può essere utilizzata l'anestesia. Con l'aiuto di uno speculum rettale il canale anale viene massimizzato al massimo.

La base (gamba) del polipo insieme alle aree adiacenti della mucosa sono afferrate dal morsetto di Billroth.

Il taglio è fatto. L'area danneggiata della membrana mucosa viene suturata con una sutura catgut o tre punti di sutura interrotti.

Nel caso di un polipo con una base ampia, viene rimosso con la cattura di una parte del tessuto mucoso, e quindi il difetto risultante viene suturato con una sutura catgut.

Se è necessario rimuovere una crescita ad una distanza di 10 cm dall'ano, quindi il canale anale con l'aiuto di uno speculum rettale, e poi in aggiunta con le dita, si espande fino al completo allentamento dello sfintere.

Un grande speculum viene inserito nell'intestino per i ginecologi per deviare verso la parete intestinale sana, quindi viene posizionato un piccolo specchio e i muscoli del paziente si stringono, il che garantisce l'approccio più vicino del polipo e la sua cattura con le clip di Billroth. Il piccolo specchio viene rimosso, viene eseguita un'anestesia aggiuntiva e la crescita viene interrotta.

Il metodo per rimuovere un polipo rettale su un peduncolo o su una base ampia utilizzando un anello di elettrocoagulazione trova la sua applicazione.

Se la crescita si trova sulla gamba, il ciclo viene lanciato attorno ad esso e la gamba viene tagliata più vicino al corpo del polipo che alla parete intestinale per prevenire danni al tessuto della parete. Un'erosione sulla base viene rimossa per escissione in parti: la prima è una sezione del tessuto obliquamente; infine - su emostasi.

L'uso dello strumento endoscopico

Se i polipi si trovano a più di 10 cm dall'ano, il trattamento chirurgico viene eseguito utilizzando uno strumento endoscopico. Il principio della chirurgia endoscopica si basa sul seguente meccanismo. Attraverso l'ano del paziente, un endoscopio flessibile viene inserito nel canale anale, che ha un elettrodo di tipo loop.

Con l'aiuto del dispositivo, si trova la formazione, il ciclo dell'elettrodo si attacca alla gamba (base) del build-up e lo tira. Viene applicato un segnale elettrico all'elettrodo e viene eseguita l'elettrocoagulazione - cauterizzazione della gamba di crescita. In pochi secondi, la base del polipo diventa carbonizzata, il suo corpo cade fuori e fuori.

Con grandi dimensioni di polipi l'elettrocoagulazione può essere effettuata in più fasi, in parti. L'eliminazione endoscopica dei polipi avviene senza dolore e senza reazioni avverse. Solo un giorno dopo tale operazione, una persona può tornare a un normale ritmo di vita.

L'elettrocoagulazione dei polipi viene spesso effettuata dopo l'introduzione di soluzioni petrolifere nell'area di operazione con blocco simultaneo con anestetici insieme a ganglioblokatorami. Le soluzioni vengono iniettate due volte, 3 giorni prima dell'operazione e il giorno in cui viene eseguita.

Un cuscinetto di una composizione oleosa con un antisettico riduce significativamente il rischio di ustione termica del tessuto rettale.

Nel caso in cui i polipi siano di dimensioni considerevoli e situati su una base ampia, così come quando ci sono difficoltà nell'uso della chirurgia endoscopica, viene utilizzato un intervento chirurgico più radicale: la colotomia. Tale operazione viene eseguita come segue. Viene praticata un'incisione nella zona mediana inferiore o sinistra, attraverso la quale viene estratto l'intestino. Dopo un esame approfondito dell'area con il polipo, i morsetti superiore e inferiore vengono applicati all'intestino e l'area tra i morsetti viene aperta da un'incisione longitudinale. Tutti i tessuti malati vengono asportati e il danno risultante viene suturato con un punto a doppia fila.

Periodo postoperatorio

La complicazione più comune durante la rimozione di polipi è il sanguinamento, che può verificarsi entro 10 giorni dopo l'intervento chirurgico. Sanguinamento il primo giorno dopo l'intervento chirurgico indica un fallimento della coagulazione della base del polipo.

L'emorragia successiva (dopo 7-10 giorni dopo l'intervento chirurgico) è solitamente dovuta al rigetto della scabbia. Il sanguinamento può essere minore o pesante, che è pericoloso per la salute del paziente. In questo caso, è necessario condurre un esame endoscopico aggiuntivo durante il quale si può eseguire l'elettrocoagulazione del nidos sanguinante. Con un esito insoddisfacente di un tale evento, dovrai ricorrere alla resezione dell'intestino.

Come viene eseguita la chirurgia per rimuovere i polipi nel retto e nell'intestino?

La terapia farmacologica è inefficace con le escrescenze sulla mucosa intestinale. Pertanto, la rimozione dei polipi nel retto è un metodo a cui i medici ricorrono immediatamente. Quando si sceglie un'operazione, vengono presi in considerazione diversi fattori: la dimensione della formazione, la sua forma, la sua posizione e la struttura morfologica. Quando si trova un singolo polipo nel retto, viene utilizzato un intervento minimamente invasivo. La rimozione viene eseguita utilizzando strumenti endoscopici. Pertanto, la riabilitazione richiede meno tempo e la probabilità di rischio è ridotta.

Tipi di operazioni

L'eliminazione di neoplasie del retto senza chirurgia è impossibile. Ci sono 2 modi per eseguirlo - un metodo chirurgico ed endoscopico.

La rimozione endoscopica di polipi con un rettoscopio non consente incisioni sul corpo del paziente. Tale intervento è considerato minimamente traumatico. È caratterizzato da una piccola perdita di sangue, l'assenza di anestesia generale, un piccolo numero di aderenze. La riabilitazione dura di meno. L'operazione per rimuovere un polipo rettale si verifica nella cavità stessa. Pertanto, non sono necessari tagli aggiuntivi.

Qualsiasi intervento chirurgico per rimuovere un polipo è prescritto dopo una biopsia. L'istologia fornisce informazioni sulla trasformazione dell'educazione benigna in oncologia.

La rimozione dei polipi del retto viene effettuata in diversi modi:

  • poliektomiya;
  • escissione transanale;
  • rimozione laser;
  • resezione di parte del retto;
  • escissione endomirurgica.

Ogni tipo di intervento ha i suoi vantaggi e svantaggi.

Indicazioni per la chirurgia:

  • la probabilità di trasformazione di una neoplasia in un tumore canceroso;
  • ostruzione intestinale;
  • pietre fecali;
  • enterocolite acuta;
  • l'anemia;
  • ragadi rettali.

Controindicazioni:

  • diabete;
  • un pacemaker;
  • epilessia;
  • infiammazione acuta;
  • malattie infettive;
  • glaucoma.

Gli adenomi nel 75% dei casi sono convertiti in cancri. Il tipo villoso è particolarmente pericoloso. Se il suo diametro raggiunge 20 mm, la probabilità di cancro aumenta del 20%. Un altro fattore che influenza la neoplasia è la forma di una neoplasia. È stato trovato un modello secondo cui l'educazione sul gambo sottile è meno suscettibile alla neoplasia che su una base ampia. Durante la gravidanza, i tumori sono anche soggetti ad eliminazione.

polipectomia

La polipectomia viene eseguita in 2 modi:

  1. Con sigmoidoscopia.
  2. Con un colonscopio.

Il rectoromanoscopio è un tubo di metallo lungo 30 cm, che il medico inserisce delicatamente nell'ano. Nella parte finale del dispositivo è posizionata una lampadina e un dispositivo che fornisce aria. Con esso, il corpo si gonfia, formando spazio per la manipolazione.

Quindi, invece del dispositivo per l'alimentazione d'aria, il medico imposta l'oculare. Ti permette di studiare la condizione delle mucose. Anestesia locale Prima dell'introduzione del tubo viene accuratamente lubrificato con vaselina. Un ciclo o una pinza viene utilizzato per rimuovere un polipo rettale. Alla fine dell'intervento, viene eseguita una biopsia. Se il tumore è localizzato a 300 mm dall'anello anale, utilizzare un colonscopio. Per la procedura richiede una sonda speciale. È molto più lungo (145 cm).

Durante la polipectomia, la fotocamera sul dispositivo consente di trasferire l'immagine sullo schermo del monitor. Pertanto, il medico conosce la posizione e le dimensioni del tumore. L'intervento è effettuato in anestesia locale. Il paziente è in ospedale.

pro:

  1. Trauma basso
  2. Ben tollerato Il paziente può sentire un leggero disagio a causa della presenza di aria nell'organo.
  3. Mancanza di controindicazioni
  4. Manca il periodo di riabilitazione.
  5. La dieta speciale non è necessaria.

Questi benefici confermano il feedback sulla procedura.

Asportazione transanale

La rimozione del polipo del retto transanale viene utilizzata se il tumore si trova a non più di 100 mm dall'anello anale. La preparazione all'intervento è di pulire gli intestini. Vengono utilizzati anestetici locali e dilatatori del canale anale.

Quindi, usando una pinza speciale, il medico ritarda la gamba della crescita e taglia la testa con un bisturi. Una sutura catgut viene applicata al difetto della parete mucosa. In presenza di una base ovale invece di una gamba, viene tagliato. Quindi, la neoplasia viene visualizzata per la mucosa. Viene applicata la sutura Catgut. La superficie della ferita viene trattata con una soluzione antisettica. Un tampone con linimento Vishnevsky è inserito nella parte finale del tubo digerente. Il tampone può essere rimosso il giorno successivo.

Il principale svantaggio è che dopo l'intervento chirurgico si elimina un'alta probabilità di sanguinamento. È necessario cucire o utilizzare l'elettrocoagulazione per il vaso sanguinante. Dopo 60-90 giorni, il paziente viene sottoposto a una sigmoidoscopia di controllo.

resezione

Nel caso di una diagnosi di poliposi, gli accumuli dal retto vengono rimossi dalla resezione. È considerato un metodo radicale, è usato per i sintomi della malignità. Se i polipi nel retto sono maligni, viene eseguita l'escissione completa o la rimozione delle parti. Sono effettuati sotto anestesia generale. La lunghezza dell'area interessata rimossa è strettamente correlata al grado di malignità della neoplasia. Se il processo del cancro ha iniziato a penetrare nelle aree vicine, viene eseguita l'escissione completa del retto con le formazioni. In presenza di metastasi, vengono rimossi anche i vasi linfatici.

Operazione endomicrosurgica

L'operazione è mostrata per rimuovere i polipi all'inizio dello sviluppo. Il metodo consente di rimuovere i tumori da altri organi interessati del sistema digestivo. È possibile interrompere l'emorragia utilizzando vari metodi: lampeggiante, coagulazione, laser. Ti dà la possibilità di rimuovere il tessuto nelle vicinanze.

Asportazione laser

Come trattare un polipo rettale è determinato dal medico dopo aver ricevuto i risultati dello studio. La procedura è progettata per singoli tumori su un gambo sottile o con una base larga. Per grandi dimensioni, la cauterizzazione laser non viene eseguita a causa della possibile perforazione delle pareti intestinali. Non usato per tipo villoso. Viene eseguito in anestesia locale. Quanto dura la procedura? 15 a 20 minuti. Con l'aiuto di un retroscopio, il medico ottiene l'accesso alla crescita. Ogni strato brucia alternativamente, quindi il processo è praticamente non traumatico. Allo stesso tempo i vasi sanguigni sono sigillati. Di conseguenza, il rischio di sanguinamento è minimo. Le revisioni dell'asportazione laser sono positive.

La rimozione dei polipi intestinali è possibile se le crescite non si trovano più lontano di 7-8 cm dall'ano. Dopo la fine delle manipolazioni, il luogo del loro attaccamento viene rielaborato dal laser per prevenire le ricadute. Il periodo di recupero varia da 2 a 3 settimane. Durante questo periodo, è raccomandata la dieta, la restrizione del lavoro fisico, il rifiuto delle cattive abitudini.

elettrocauterizzazione

La gamba o la base della neoplasia viene distrutta dall'azione della corrente. Quindi la crescita viene catturata dal ciclo, accuratamente rimosso dal retto. Prima dell'inizio della manipolazione è necessaria la biopsia.

Indicazioni per l'intervento:

  • posizione di crescita a una distanza di 10-30 cm dall'ano;
  • nessun segno di malignità;
  • le crescite non crescono più di 3 cm;
  • neoplasia singola.

La procedura è simile alla sigmoidoscopia. L'intestino è pre-pulito. Il paziente non fa colazione prima dell'intervento. Il medico inserisce un rectoscopio nell'ano e di nuovo esamina l'area interessata. Quindi il dottore entra nel ciclo diatermico del tubo, emozionante neoplasia. Una corrente elettrica viene applicata al circuito. La coagulazione viene eseguita in pochi secondi. Il dottore estrae attentamente una crescita carbonizzata dall'ano con uno scatto. Durante il periodo di riabilitazione, si dovrebbe osservare il riposo a letto e seguire una dieta speciale. Con piccoli polipi spendere la folgorazione. L'elettrodo tocca la superficie di accumulo una volta.

Microchirurgia endoscopica transanale

Per questo metodo viene utilizzato un proctoscopio. È inserito nel canale anale. Un dispositivo speciale è collegato ad esso che illumina le pareti intestinali, e la sua cavità è gonfiata a causa della fornitura di anidride carbonica. L'eliminazione della crescita viene eseguita con uno strumento endoscopico.

vantaggi:

  • il sanguinamento si ferma per coagulazione;
  • la crescita può essere completamente rimossa, senza dividerla in parti.

Il metodo è adatto per rimuovere polipi in qualsiasi parte della parte finale del tubo digerente. Tra i chirurghi praticanti è possibile trovare recensioni positive su questo tipo di intervento chirurgico.

Rimozione di escrescenze nello stomaco

Le crescite adenomatose sono difficili da trattare. C'è un'alta probabilità di morte cellulare e lo sviluppo di sanguinamento interno. In una fase iniziale, sono difficili da rilevare, quindi diventa necessario rimuovere i polipi nello stomaco.

Con un intervento chirurgico tempestivo, non ci sono conseguenze negative. Tra i medici, la formulazione prevalente è che le crescite nel tratto gastrointestinale devono essere eliminate, in quanto possono trasformarsi in oncologia.

La rimozione dei polipi nello stomaco viene effettuata in 3 fasi:

  1. Chirurgia aperta Il periodo di recupero richiede molto tempo.
  2. Polipectomia. Un'erosione può essere tagliata meccanicamente (con una pinza o una fionda) o con strumenti chirurgici. La moxibustione viene eseguita in regime ambulatoriale o in ospedale.
  3. Rimozione laser. Nonostante l'alto costo rispetto ad altri metodi, è delicato. Non ci sono cicatrici, la ferita guarisce rapidamente, la probabilità di sanguinamento è piccola.

La scelta del metodo è determinata dal medico in base alle dimensioni, alla natura della neoplasia.

Raccomandazioni dopo l'intervento chirurgico

Anche se la chirurgia sul retto ha avuto successo, ciò non significa che il trattamento sia finito. È importante prevenire le ricadute. Pertanto, per qualche tempo il medico controlla le condizioni del paziente. La durata dell'operazione dipende dalla complessità. Dopo la sua conclusione, il paziente può essere disturbato dalla sensazione di disagio. Ciò è dovuto alla preparazione per la manipolazione (pulizia dei clisteri, farmaci lassativi), a causa della quale si forma il gonfiore. Le prime 24 ore dopo l'intervento chirurgico, gli antidolorifici possono essere prescritti al paziente per eliminare il disagio.

Entro 2 anni, il paziente è registrato e deve superare un esame preventivo ogni sei mesi. Quindi l'ispezione viene eseguita 1 volta all'anno. Se la recidiva non viene rilevata, l'interruzione viene estesa a 5 anni. Ai primi sintomi allarmanti, è necessario consultare un medico. Questi includono: febbre, stitichezza, dolore, nausea, gonfiore.

Raccomandazioni generali:

  1. Non ignorare l'ispezione.
  2. Segui le prescrizioni del medico.
  3. Abbandona le cattive abitudini.
  4. Non sollevare oggetti pesanti.
  5. Evita il lavoro eccessivo e lo stress.
  6. Non sovrariscaldare il corpo e non surriscaldare alla luce ultravioletta.

L'intervento chirurgico è indolore, ma il periodo dopo l'intervento è pericoloso con complicanze:

  • sanguinamento;
  • ostruzione intestinale;
  • l'anemia;
  • malignità della zona interessata;
  • pietre fecali

Pertanto, non possiamo ignorare le misure di prevenzione e trattamento.

Istruzione: laureata presso la Russian National Research Medical University. NI Pirogov, Facoltà di medicina. Corsi passati per migliorare le competenze. Specializzazione primaria - in coloproctologia presso il Centro di ricerca statale di Coloproctology. Ha lavorato al City Scientific and Practical Center for Coloproctology of St. Petersburg.

Esperienza lavorativa: proctologo. L'esperienza della pratica medica è di 25 anni. Autore di oltre 40 articoli su argomenti medici. Partecipante permanente a conferenze e simposi, che evidenziano i problemi della medicina moderna.

Fornisce diagnosi e trattamento altamente qualificati di molte patologie: emorroidi, ragadi anali, varie malattie del colon, diagnosi con successo nelle prime fasi di neoplasia della regione perianale e del retto. Conduce anche indagini sui bambini.

Pubblicazioni Sul Trattamento Delle Vene Varicose

Farmaci cerebrovascolari per il cervello

Con lo sviluppo di Internet e del flusso di lavoro elettronico, molte persone hanno sviluppato uno stile di vita sedentario. Ciò porta all'accumulo di sovrappeso, malattie ischemiche e indebolimento dei vasi sanguigni, motivo per cui la circolazione del sangue nel cervello è compromessa.

Bruciore alle gambe

Bruciore alle gambe è un sintomo non specifico che può essere una manifestazione di un certo processo patologico (non sempre nell'area dell'apparato muscolo-scheletrico) e può essere il risultato di un eccessivo stress fisico, statico o meccanico.