Sintomi, cause e trattamento dell'infezione del tratto urinario nelle donne

Il tratto urinario è un singolo complesso, che include organi che producono urina e rimuoverlo dal corpo. È formato da reni, ureteri, vescica e uretra (uretra).

Sono strettamente correlati tra loro e formano il sistema urogenitale, dal quale dipende non solo il normale funzionamento del corpo, ma in alcuni casi, la vita umana. Pertanto, se i sintomi dell'infezione del tratto urinario sono rilevati nelle donne, è necessario un trattamento urgente.

Diagnosi di UTIs: che cos'è?

L'UTI è chiamata infezione del tratto urinario (secondo il codice ICD 39). È un gruppo di malattie infiammatorie che colpiscono il sistema urinario. Possono essere causati da infezioni urogenitali:

    la penetrazione di E. coli dall'intestino all'uretra, dove si deposita e provoca lo sviluppo del processo infiammatorio. Questo di solito è dovuto alla negligenza dell'igiene personale;

attivazione microbica di flora condizionatamente patogena. Questi microrganismi sono sempre presenti nel tratto urinario. Tuttavia, in una persona sana, la loro attività è soppressa dall'azione delle cellule immunitarie e non rappresentano un pericolo per la salute.

Con un'immunità indebolita i batteri patogeni condizionalmente iniziano ad intensificare le loro attività, il che porta allo sviluppo di processi patologici nel tratto urinario;

  • clamidia e micoplasmi che entrano nell'uretra durante un rapporto non protetto con un partner infetto.
  • Un gruppo UTI è formato da diverse malattie:

    In assenza di trattamento tempestivo e corretto, queste malattie possono avere ricadute e complicanze gravi.

    L'infezione cronica dell'IMP si sviluppa sullo sfondo di un trattamento erroneamente scelto, la prescrizione di farmaci antibatterici che non producono l'effetto previsto e un breve ciclo di farmaci. L'esacerbazione della malattia può verificarsi più volte all'anno.

    Durante questo periodo la terapia antibatterica è effettuata. Se ciò non viene fatto, l'insufficienza renale può iniziare a svilupparsi.

    Che cos'è l'insufficienza renale, leggi il nostro articolo.

    Nel periodo di remissione, si raccomanda di condurre un trattamento di sanatorio-resort, così come il rispetto delle misure preventive. In questo caso, uno specialista può prescrivere un corso di assunzione di farmaci antibatterici e diuretici selezionati individualmente.

    Fattori e cause di rischio

    Lo sviluppo dell'infezione del tratto urinario è solitamente causato dai seguenti fattori di rischio:

    • ipotermia, soprattutto nel periodo autunno-invernale;
    • malattie respiratorie frequenti;
    • debole sistema immunitario;
    • operazioni ginecologiche e urologiche;
    • cambiamenti patologici nel sistema urinario a causa dell'età avanzata;
    • violazione del deflusso delle urine causato da varie patologie.

    Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle condizioni del sistema urinario nelle donne in gravidanza.

    Il fatto è che durante questo periodo, oltre a una diminuzione dell'immunità e cambiamenti nei livelli ormonali, il feto in crescita stringe la vescica e altri organi pelvici. Ciò porta alla comparsa di ristagni che contribuiscono alla rivitalizzazione dei batteri patologici.

    Cause correlate, che portano allo sviluppo di UTI, possono essere attribuite alla presenza del paziente:

    • urolitiasi;
    • diabete;
    • adenomi prostatici negli uomini;
    • fibromi uterini nelle donne;
    • insufficienza renale;
    • problemi con lo svuotamento della vescica;
    • lesioni del midollo spinale.

    È molto più probabile che le donne siano infette da un'infezione del tratto urinario rispetto agli uomini. Ciò è dovuto all'uretra corta e larga, che consente ai microrganismi di entrare liberamente nel sistema urinario.

    Sintomi di patologia

    La difficoltà di rilevare le IVU nella fase iniziale è che è asintomatica.

    Anche se si sente il malessere, si manifesta sotto forma di debolezza, rapida stanchezza, irritabilità, apatia, un leggero aumento della temperatura.

    Tali sintomi possono essere caratterizzati da molte malattie, quindi il paziente potrebbe non capire immediatamente che sviluppa un'infezione del tratto urinario.

    Nel processo di sviluppo del sistema urinario, i sintomi iniziano a manifestarsi sotto forma di:

    • dolore e disagio nello svuotamento della vescica;
    • minzione frequente;
    • dolore nell'addome inferiore e nella regione lombare;
    • un significativo aumento della temperatura;
    • nausea e vomito;
    • diarrea;
    • scarico mucopurulento dall'uretra;
    • urina appannata con muco, pus o scaglie.

    Quando compaiono questi segni, devi contattare immediatamente uno specialista. Senza un trattamento tempestivo, sullo sfondo delle malattie del tratto urinario si sviluppa la pielonefrite, che rappresenta una seria minaccia per la salute.

    Misure diagnostiche

    Quando un paziente viene da uno specialista per la diagnosi di malattie infettive del sistema urinario, vengono utilizzati test strumentali e di laboratorio.

    Prima di tutto, il paziente viene esaminato e vengono analizzati i suoi reclami. Sulla base di questo, viene fatta una diagnosi presuntiva e viene ordinato un test, che è necessario per confermarlo, che include:

    1. Condurre un'analisi generale di urina e sangue, analisi biochimiche del sangue e analisi batteriologiche delle urine. Questi studi rivelano la presenza di un processo infiammatorio;
    2. Esame ecografico, che consente di rilevare la presenza di calcoli nei reni e nella vescica;
    3. Cistoscopia, che esamina le mucose della vescica e dell'uretra;
    4. Radiografia a contrasto, che fornisce un'immagine dello stato del sistema urinario;
    5. Imaging a risonanza magnetica e computerizzata, che vengono utilizzati nei casi in cui vi siano dubbi sulla precisione della diagnosi;
    6. Visita a un ginecologo (per donne).

    Sulla base dei dati dell'indagine, viene effettuata una diagnosi finale e inizia il trattamento richiesto, che a seconda del decorso della malattia può essere effettuato sia a casa che in ospedale.

    Come trattare?

    L'eliminazione delle infezioni del tratto urinario viene effettuata con l'uso di un gran numero di farmaci:

  • antibiotici che sono agenti antibatterici ad ampio spettro e uccidono vari agenti patogeni;
  • compresse anti-infiammatorie che aiutano ad accelerare la riduzione della gravità della manifestazione clinica della malattia;
  • antispastici, eliminando il dolore, che sono accompagnati da spasmi della muscolatura liscia del collo vescicale, mentre vi è un ripristino del normale flusso di urina.
  • Tutti questi farmaci sono finalizzati ad affrontare un problema specifico e hanno controindicazioni per l'uso. Pertanto, dovrebbero essere prescritti da un medico dopo l'esame.

    Allo stesso tempo, realizza professionalmente un complesso medico di diversi mezzi e calcola la dose e il numero di dosi richiesti. Il corso del trattamento dura in genere da 10 a 14 giorni.

    Inoltre, nel trattamento dell'UTI, vengono spesso utilizzati urotettici a base di erbe. Consistono solo di ingredienti naturali e sono completamente innocui. Oltre all'effetto terapeutico, hanno un effetto positivo su tutto il corpo, arricchendolo con vitamine e minerali.

    Come coadiuvanti nella terapia complessa, possono essere utilizzati decotti e infusi di erbe medicinali. Ma questo dovrebbe essere fatto dopo aver consultato uno specialista.

    Se il trattamento viene eseguito in modo tempestivo e corretto, di solito le malattie del tratto urinario passano rapidamente e non danno serie complicazioni. Alla fine del trattamento, il paziente si riprende e torna al suo solito stile di vita.

    Non auto-medicare, in quanto può causare gravi danni alla salute e rappresenta anche una minaccia per la vita.

    Si deve prestare attenzione a trattare l'infezione del tratto urinario in donne in gravidanza. Questa malattia può causare parto prematuro, aumento della tossicosi, aumento persistente della pressione. In questa situazione, usa la quantità minima di farmaci.

    Lo specialista seleziona singolarmente i farmaci antibatterici e antinfiammatori, in base alle condizioni della donna, del feto e dell'età gestazionale.

    Per il trattamento di donne in gravidanza, urinepiti vegetali, candele, immunomodulatori, si utilizzano ampiamente prodotti erboristici urologici, costituiti da uva ursina, equiseto, radici di tarassaco, ginepro, camomilla, prezzemolo e semi di aneto, echinacea, cardo mariano.

    Prevenzione UTI

    Al fine di evitare lo sviluppo di malattie delle vie urinarie, gli esperti consigliano di aderire alle seguenti raccomandazioni:

  • bere circa due litri di acqua per tutto il giorno;
  • svuotare regolarmente la vescica, evitando lunghi ritardi;
  • osservare attentamente l'igiene personale, fare una doccia quotidiana;
  • non prendere antibiotici senza prescrizione di uno specialista;
  • non abusare di cibi piccanti, salati e fritti, così come di prodotti con un gran numero di conservanti, coloranti e aromi;
  • ridurre l'uso di bevande gassate e alcoliche, caffè e tè;
  • includere il succo di mirtillo nella dieta;
  • rafforzare il sistema immunitario mangiando più frutta e verdura, nonché utilizzando vari complessi multivitaminici;
  • evitare l'ipotermia, specialmente durante la stagione fredda;
  • non usare frequentemente il bagno aromatizzato e prodotti per la cura personale;
  • smetti di fumare
  • Aderendo a queste regole, è possibile normalizzare il lavoro del sistema urinario e rafforzare la condizione del corpo nel suo insieme. Questo gli permetterà di resistere alla rivitalizzazione di vari microbi e batteri patogeni che provocano lo sviluppo della malattia.

    Caratteristiche delle infezioni in Russia e il loro trattamento, imparare dal video:

    Qual è la diagnosi di UTI?

    Migliaia di pazienti sono diagnosticati con infezioni del tratto urinario ogni anno. Molti pazienti non sanno nemmeno cosa significa, da dove viene e cosa fare quando ciò accade. Questa abbreviazione nasconde una malattia come l'infezione del tratto urinario, che colpisce sia le donne che gli uomini (anche se le donne hanno maggiori probabilità di incontrarlo) e persino i bambini. Quali sono le cause di questa malattia e quali sono le sue caratteristiche?

    Infezioni del tratto urinario: fattori di rischio

    UTI è una malattia infiammatoria causata da agenti patogeni. In assenza di un trattamento adeguato può assumere una natura protratta e ricorrente.

    È interessante notare che questa infezione è più comune nelle donne che negli uomini. Ciò è spiegato dal fatto che nelle donne è più facile entrare nel corpo, dal momento che la loro uretra è più corta e larga. Molto spesso, questa malattia si verifica nei bambini di età inferiore ai tre, perché hanno un sistema immunitario piuttosto debole. Il gruppo di rischio comprende le persone affette da malattia renale cronica. Ad esempio, nella urolitiasi esiste un altro fattore di rischio: la presenza di calcoli.

    Pertanto, una diminuzione dell'immunità gioca un ruolo importante nello sviluppo di questa malattia. Inoltre, i fattori di rischio per l'infezione del tratto urinario sono l'ipotermia, la presenza di malattie respiratorie e problemi con la violazione del deflusso del lobo.

    motivi

    Quali sono le cause di questa malattia? In condizioni normali, i reni si formano sterili, cioè urina esente da urina, che contiene solo prodotti metabolici. Ma se l'agente causale dell'infezione penetra nel corpo, allora l'UTI è sviluppato. Inoltre, se entra nell'uretra, dà impulso allo sviluppo dell'uretra. Se ha tempo di spargersi più in alto verso la vescica, inizia la cistite. Se non lo tratti, l'infezione può entrare nei reni e quindi si sviluppa la pielonefrite.

    Le infezioni urogenitali possono essere causate da vari agenti patogeni. Molti credono che sia principalmente la clamidia e il micoplasma. In effetti, questa è una causa comune di infezione. Ma in effetti, E. coli, che è un rappresentante della microflora intestinale, può contribuire al verificarsi di tale malattia, ma a causa della non conformità con le regole di igiene, può anche entrare nell'uretra. Nei bambini, i patogeni sono spesso microrganismi come Klebsiella e Streptococco.

    E anche i modi di penetrazione di questi microrganismi nel sistema urinario sono diversi. Negli adulti, si tratta sia della trasmissione sessuale che dell'uso di determinati tipi di contraccezione. Nei bambini, la maggior parte dei problemi inizia a causa di urina stagnante in alcune malattie.

    Le donne incinte spesso soffrono di questa malattia. In questo caso, si sviluppa a causa del fatto che l'utero allargato esercita una pressione sulla vescica, che porta al ristagno e alla riproduzione di microrganismi. Poiché l'immunità della futura madre è indebolita dall'alterazione ormonale del corpo, si crea uno sfondo favorevole per una forma prolungata della malattia infettiva.

    Negli uomini, lo sviluppo di IVU può essere associato a urolitiasi ea volte con ingrossamento della ghiandola prostatica. Pertanto, il trattamento inizia spesso con la rimozione di un ostacolo al flusso di urina, cioè con la frantumazione e la rimozione dei calcoli renali.

    Segni di

    Quali sono i sintomi della malattia? Questi disturbi non sono per niente che definiscono il termine generale - infezioni urogenitali. Dal momento che esistono in diverse forme (è cistite, uretrite, pielonefrite) e possono diffondersi sia in senso ascendente che discendente. Pertanto, i sintomi potrebbero essere diversi. E in alcuni casi, che queste malattie sono pericolose, le infezioni nella fase iniziale sono asintomatiche. Sebbene una persona possa lamentare debolezza e superlavoro, il dolore e la febbre potrebbero non esserlo. Di norma, il dolore si verifica quando il processo infiammatorio avviene già nei reni. Quindi è localizzato nella regione lombare. I sintomi di intossicazione, febbre, brividi sono ancora caratteristici di questa malattia.

    Ma con l'uretrite e la cistite, i sintomi saranno diversi. Di solito la minzione diventa più frequente e può essere accompagnata da bruciore e tagli. Quando queste malattie cambiano il colore dell'urina, diventa torbida, può apparire muco. Certo, solo un medico può diagnosticare.

    diagnostica

    I soli segni di cui sopra non sono sufficienti per fare una diagnosi. Inoltre, sono spesso sfocate. Ad esempio, anche con la pielonefrite, il dolore potrebbe non apparire nei primi giorni e potrebbero esserci solo segni.

    Pertanto, il medico di solito prescrive test aggiuntivi. Ad esempio, questo è un esame emocromocitometrico completo, un esame del sangue biochimico (vengono determinati indicatori come urea e creatinina). È richiesto un test delle urine generale. Gli indicatori più importanti sono il numero di eritrociti e leucociti, oltre a proteine ​​e zucchero.

    È molto importante condurre uno studio batteriologico, la cosiddetta cultura delle urine. Ti permette di stabilire un tipo specifico di agente patogeno. Questo è necessario per continuare a raccogliere antibiotici. Se bakposev non identifica l'agente eziologico dell'infezione, ma la malattia si sviluppa ulteriormente, vengono eseguiti i test PCR. Altrettanto importante per la diagnosi dei metodi strumentali: ecografia della vescica o dei reni, cistoscopia, ecc.

    Nei bambini

    Nei neonati, l'infezione si sviluppa a causa di anomalie congenite del tratto urinario, rari svuotamenti della vescica e vari disturbi funzionali. I sintomi compaiono in base all'età. È improbabile che i bambini di età inferiore a 1,5 anni siano in grado di spiegare cosa li ferisce, ma perdono l'appetito, diventano lamentosi e irritabili. In alcuni casi, una temperatura non molto elevata può aumentare senza una ragione apparente che i farmaci antipiretici non possano farcela. I bambini di età superiore a 2 anni possono lamentare dolore alla schiena o all'addome inferiore. Inoltre, a questa età, la minzione frequente è già evidente.

    L'indagine per sospetta UTI dovrebbe essere completa.

    Per determinare l'agente eziologico dell'infezione sono necessari un esame del sangue clinico, un'analisi delle urine e una coltura di urina batterica. Si ritiene che tutti i bambini con sospetto di questa infezione debbano essere sottoposti ad ecografia degli organi urinari per comprendere le cause delle violazioni del deflusso delle urine. Nei maschi, nel primo caso di cistite, viene eseguita la cistografia mica (questo è un tipo di studio di contrasto ai raggi X), nelle ragazze, quando la malattia riappare.

    Il trattamento di questa malattia nei bambini dovrebbe essere complesso, perché è necessario eliminare non solo i patogeni della malattia, ma anche la vera causa. Molto spesso, con un trattamento adeguato, tali infezioni scompaiono senza lasciare traccia. Tuttavia, a volte ci sono conseguenze come l'ipertensione o disfunzione renale minore. In questo caso, il bambino dovrebbe essere nel dispensario.

    trattamento

    A seconda della gravità della malattia è necessario fornire riposo a letto o riposo a letto semi. Nei casi più gravi sono necessari l'ospedalizzazione e il trattamento ospedaliero. A casa è molto importante stabilire una corretta alimentazione, eliminare i piatti piccanti e salati. In alcuni casi, i medici prescrivono una dieta speciale: la tabella principale numero 7, le sue varietà 7a e 7b.

    Il ruolo più importante è svolto dal trattamento antibatterico. In nessun caso non è possibile scegliere autonomamente un antibiotico, in modo da non creare resistenza ad esso nel patogeno. Una varietà di farmaci sono usati per il trattamento, ad esempio, Ofloxacina, Amoxicillina, farmaci di altri gruppi. A volte il medico prescrive anche una combinazione di farmaci. È impossibile assumere antibiotici per più di 2 settimane, tranne in rari casi, se si verificano patologie concomitanti o si sviluppano complicanze settiche. Dopo la fine degli antibiotici, gli studi clinici vengono nuovamente condotti in modo che il medico possa monitorare l'efficacia della terapia scelta. Allo stesso tempo, vengono adottate misure per eliminare la causa della malattia. I sintomi individuali sono eliminati. In questo caso, ad esempio, vengono usati farmaci antipiretici.

    Di norma, l'infezione scompare entro 2 settimane. Ma a volte è possibile e il trattamento per diversi mesi.

    Con un'infezione protratta, è molto importante stabilire il corretto regime di consumo. Durante il giorno è necessario bere almeno 1,5 litri di acqua. Allo stesso tempo è necessario controllare il processo di svuotamento della vescica. Quanto liquido era bevuto durante il giorno, tanto dovrebbe uscire. In linea di principio, non è necessario bere acqua. Puoi, ad esempio, bere i fianchi di brodo. I medici consigliano spesso succo di mirtillo. Il fatto che i mirtilli contengono sostanze che sono antibiotici naturali, aiuta a rimuovere l'infezione dal sistema urinario. Ma il caffè con tali malattie non può bere. Alcol e fumo dovranno essere esclusi. Il contatto sessuale dovrebbe essere evitato durante il trattamento. In generale, è auspicabile che anche il tuo partner sia sottoposto ad esame e trattamento, perché potrebbe essergli trasmessa un'infezione e quindi si verificherà un circolo vizioso.

    Parlando delle regole igieniche, va notato che durante il trattamento è necessario abbandonare il bagno, fare invece una doccia.

    Il trattamento dell'UTI nelle donne in gravidanza si presenta in modo diverso. Ciò che conta qui è il rischio per il feto. Molto dipende dai tempi della gravidanza. Tuttavia, per la futura mamma, questa malattia è tesa di tossicosi tardive e parto prematuro, pertanto spesso l'effetto del trattamento antibatterico supera i possibili rischi. In questi casi, applicare e terapia sindromica, cioè utilizzare le tasse urologiche per normalizzare la funzione renale, farmaci antipiretici. In generale, gli estratti di erbe in tali situazioni sono spesso considerati la scelta migliore.

    Tutte le istruzioni del medico devono essere osservate rigorosamente. Se, ad esempio, si assumono farmaci antibatterici a un dosaggio inferiore, è possibile una ricaduta della malattia. Se è possibile fare un autotrattamento, scegliendo un farmaco basato su un annuncio pubblicitario o un esempio di un amico, si può sviluppare la resistenza dell'agente infettivo a qualsiasi sostanza attiva.

    Inoltre, le recidive possono verificarsi quando la causa della malattia stessa non viene eliminata, ad esempio, ci sono calcoli renali. A volte la causa della recidiva è la ricomparsa del patogeno in presenza di un'immunità indebolita. Questo è tipico, ad esempio, per le donne in gravidanza.

    prevenzione

    Qualsiasi malattia è più facile da prevenire che curare. Pertanto, la prevenzione è molto importante per prevenire le infezioni del tratto urinario. È imperativo trattare prontamente eventuali infezioni batteriche, anche se a prima vista non hanno nulla a che fare con il sistema urinario. Stiamo parlando di infezioni come sinusite, tonsillite e persino carie, perché con il flusso sanguigno l'infezione può diffondersi in tutto il corpo.

    Per le misure preventive dovrebbe includere il rafforzamento del sistema immunitario. È necessario rispettare la modalità di lavoro e di riposo, evitare il lavoro eccessivo, muoversi di più, più spesso essere all'aria aperta. E cerca di evitare l'ipotermia.

    E, naturalmente, la misura preventiva più importante sarà il rispetto delle regole di igiene personale. Questo vale sia per bambini che per adulti.

    Infezioni del tratto urinario: eziologia, presentazione clinica, trattamento

    D. Yu. Pushkar, MD, professore,
    P.I. Rasner, Candidato di Scienze Mediche
    MGMSU, Mosca

    Infezioni del tratto urinario (UTI) nella maggior parte dei paesi del mondo è uno dei problemi più urgenti. Ad esempio, negli Stati Uniti, le UTI causano 7 milioni di pazienti all'anno per vedere un medico, e per un milione di pazienti, causano il ricovero in ospedale [9]. Una categoria speciale di UTIs sono infezioni complicate. Secondo la classificazione moderna, le complicanze delle infezioni del tratto urinario (OIMP) comprendono malattie associate alla presenza di anomalie funzionali o anatomiche del tratto urinario superiore o inferiore o che si verificano sullo sfondo di malattie che riducono lo stato immunitario generale.

    Va notato che il gruppo OIMP è rappresentato da malattie estremamente diverse: dalla grave pielonefrite con sintomi di ostruzione e dalla minaccia di urosepsis alle infezioni associate al catetere della IMP, che possono scomparire da sole dopo la rimozione del catetere.

    Cause di UTI complicata

    Le cause più comuni di OIMP sono indicate nella tabella. 1 [5].

    Tabella 1. Caratteristiche delle complicanze dell'infezione del tratto urinario

    Violazione dell'urodinamica Cause ostruttive di rene, uretere, calcoli alla vescica
    Tumori del rene, sistema pielocalicea, uretere, vescica
    Stenosi uretrerica ed uretrerica
    Ostruzione intravescicale a causa di malattie della prostata
    Prolasso dei genitali e della vescica nelle donne Disturbi neurogeni Dytruzorno-sfintirale Disordini da disturbi di incontinenza urinaria di genesi centrale (tumore cerebrale, ictus).
    Instabilità del detrusore e dell'uretra Riflusso ureterale cistico, corpo alieno nelle vie urinarie. insufficienza renale e renale-epatica, condizioni immunosoppressive, anemia falciforme

    Insufficienza urodinamica dovuta all'ostruzione di MVP

    Sulla base dei dati, si può concludere che, nella maggior parte dei casi, i disturbi urodinamici ostruttivi dell'urodinamica con pietre di diversa localizzazione, le stenosi dell'uretere e il segmento pelvico-ureterico e l'ostruzione infravesicale diventano la causa di una UTI complicata.

    Centro di profitto del corpo estraneo

    Spesso corpi estranei nelle vie urinarie diventano la causa delle complicanze dell'UTI: calcoli renali e vescicali, vari drenaggi. Il trattamento di tali infezioni è lungo e talvolta inefficace. La ragione sta nella formazione sulla superficie di corpi estranei di un film microbico, che consiste di microrganismi collegati tra loro e con qualsiasi superficie che si trova in diverse fasi di crescita, i loro prodotti extracellulari, cellule somatiche, materiale organico e inorganico [1].

    Il biofilm può essere associato non solo con la superficie dei tubi e dei calcoli di drenaggio, ma anche con i tessuti cicatrizzati e necrotici presenti nel lume delle vie urinarie dopo precedenti interventi chirurgici. In un modo o nell'altro, i fattori più complicati favoriscono la formazione di biofilm. I batteri che formano un biofilm sono significativamente diversi dalle cellule microbiche planctoniche libere galleggianti, per non parlare della coltura di microrganismi utilizzati per i test di laboratorio. La dose di antibiotici, battericida contro il patogeno in laboratorio, spesso non ha alcun effetto sul biofilm; inoltre, i batteri nel biofilm sono più resistenti ai fattori ambientali. Quanto sopra indica che è il biofilm che alla fine è la causa principale delle difficoltà che spesso accompagnano il trattamento di complicate infezioni croniche del tratto urinario persistente.

    Disturbi neurogeni della minzione

    Le malattie che disturbano la normale urodinamica e complicano il decorso dell'infezione uterina includono i disturbi neurogenici della minzione. È possibile fare affidamento sul successo del trattamento UTI solo dopo aver corretto i disturbi neurogenici e ripristinato la normale urodinamica.

    Un gruppo speciale è costituito da fattori complicanti associati alla presenza di malattie gravi associate. L'elenco di queste malattie è oggetto di discussione, ma alcune nozioni possono essere inserite senza esitazione.

    Di particolare rilievo è il problema delle infezioni associate a catetere. I pazienti con cateteri uretrali sono suscettibili allo sviluppo di OIMP, anche quando utilizzano "sistemi chiusi". Meno acuta è la questione dell'UTI in pazienti con tubi di drenaggio per cistostomia e nefrostomia, ma in essi lo sviluppo dell'UTI è solo una questione di tempo. Secondo studi recenti, il rischio di UTI sullo sfondo di un catetere uretrale aumenta del 4-7,5% al ​​giorno [5]. Di grande importanza è la natura della superficie del catetere, dipende dalla velocità e dalla natura della crescita della pellicola microbica. Va notato che questo tipo di OIMP è particolarmente difficile a causa del fatto che l'infezione si verifica in ospedale ed è spesso un ceppo ospedaliero resistente agli antibiotici. Secondo alcuni autori, l'infezione crociata in ospedale si verifica in più del 40% dei pazienti che hanno subito un cateterismo della vescica. Tuttavia, la maggior parte dei ceppi di Pseudomonas spp., Stafilococchi e enterococchi che causano UTI catetere-associati non sono sufficientemente virulenti e la maggior parte delle infezioni causate da questi microrganismi passa senza terapia antibiotica dopo che il catetere è stato rimosso e l'urodinamica è normalizzata.

    Fattori di rischio per lo sviluppo di IMP

    Oltre ai motivi per l'insorgenza di OIMP, ci sono una serie di fattori di rischio per lo sviluppo di questa condizione (Tabella 3) [5].

    Tabella 3. Fattori di rischio per lo sviluppo di VISP

    Età Donne Uomini Frequenza,% Fattore di rischio Frequenza,% Fattore di rischio 65 anni 40 Lo stesso + incontinenza urinaria e cateterizzazione frequente 35 Lo stesso + incontinenza urinaria e cateterismo lungo

    Un grave problema per la scelta di una terapia efficace è la combinazione di malattia respiratoria acuta con prostatite cronica.

    Nella tab. 2 mostra i patogeni più spesso la causa di UTI [7]. È interessante notare che Enterococcus spp si trova nella seconda e terza posizione dopo l'agente causale più comune di UTI, E. coli, con UTI complicata. e Pseudomonas spp., e per infezioni associate a catetere, funghi di lievito, che sono assenti nelle UTI non complicate.

    Le caratteristiche microbiologiche delle UTI complicate vengono prese in considerazione quando si sceglie un farmaco per il loro trattamento.

    Tabella 2. Gli agenti causali più comuni di UTI

    Agenti patogeni IPM Cistite acuta,% pielonefrite acuta,% UTI complicata,% infezioni associate a catetere,% E. coli 79 89 32 24 S. saprophyticus 11 0 1 0 Proteus spp. 2 4 4 6 Klebsiella spp. 3 4 5 8 Enterococcus spp. 2 0 22 7 Pseudomonas spp. 0 0 20 9 Flora mista 3 5 10 11 Altra flora 0 2 5 10 Funghi di lievito 0 0 1 28 S. epidermidis 0 0 15 8

    Il trattamento dell'infezione del tratto urinario comporta un'efficace terapia antibatterica, a condizione che venga ripristinata la normale urodinamica e sia finalizzata a prevenire l'urosepsi e l'insorgenza di recidive. Le eccezioni sono le infezioni correlate al catetere, la maggior parte delle quali scompaiono dopo la rimozione del catetere.

    La peculiarità della terapia antibatterica per oIMP è la resistenza estremamente elevata dei biofilm microbici alla terapia in corso. Secondo gli ultimi dati, la dose di un farmaco antibatterico efficace contro una coltura cellulare pura dovrebbe essere raddoppiata quando le cellule "planctoniche" fluttuanti vengono rilevate e triplicate in caso di comparsa di biofilm [5].

    Un ulteriore problema che complica in modo significativo il trattamento di oIMP è l'elevata resistenza dei microrganismi alla maggior parte dei farmaci antibatterici che sono stati utilizzati per lungo tempo nella pratica urologica. Il ricovero in ospedale, la durata inadeguata dei corsi di trattamento e la prescrizione errata di farmaci spesso portano all'emergere di ceppi resistenti agli antibiotici.

    Nella nostra clinica, nel caso di gravi infezioni del tratto urinario, nonché nel periodo postoperatorio dopo interventi chirurgici su larga scala, recentemente utilizziamo un nuovo farmaco antimicrobico del gruppo dei fluorochinoloni - isomero L ofloxacina - levofloxacina (tavanic). Tale scelta nella nomina della terapia antibiotica è spiegata dalla comprovata capacità dei farmaci di questo gruppo di penetrare meglio nel biofilm [2, 9].

    Poiché la levofloxacina rappresenta quasi tutta l'attività antimicrobica in una miscela racemica di isomeri, la sua attività in vitro è due volte più alta di quella dell'oncossacina. La biodisponibilità del farmaco è pari al 99% e le caratteristiche della sua farmacocinetica sono tali che l'87% del farmaco viene escreto nelle urine invariate [4]. Nonostante la presenza di resistenza crociata tra levofloxacina e altri fluorochinoloni, alcuni microrganismi resistenti ai chinoloni possono essere sensibili alla levofloxacina.

    In studi in vitro, la levofloxacina ha dimostrato di essere efficace contro E. coli, Enterobacter, Klebsiella, Proteus Mirabilis, Pseudomonas aurugenosa, che sono gli agenti causali più frequenti di forme complicate e non complicate di infezione urogenitale (Tabella 2).

    Il corso del trattamento con 250 mg tavanic una volta al giorno durante il giorno per 10 giorni, abbiamo condotto in 20 pazienti. In base ai dati ottenuti, l'efficacia e la sicurezza del trattamento sono risultate buone e molto buone nel 95% dei pazienti.

    Insieme ai fluorochinoloni, le cefalosporine di II generazione (cefuroxime) e in particolare la III generazione (cefotaxime, ceftazidime, ecc.) E gli antibiotici carbapenemici (imipenem / cilastatina, meropenem) sono ampiamente utilizzati nel trattamento dell'UTI.

    Nelle infezioni complicate IMP talvolta prescritto penicilline semisintetici (ampicillina, piperacillina) e la loro combinazione con inibitori di b-lattamasi (ampicillina / sulbactam, piperacillina / tazobactam), trimetoprim-sulfametossazolo, aminoglicosidi (di solito in combinazione con b-lattame). Tuttavia, l'efficacia di questi farmaci in WWIS abbastanza difficili da prevedere a causa di differenze significative nelle agenti di sensibilità a seconda della regione, e la fonte delle infezioni ospedaliere (acquisita in comunità o nosocomiale). Pertanto, quando la prescrizione di questi farmaci durante il trattamento di OIMP deve essere basata sui dati dell'esame batteriologico delle urine e tenere conto della sensibilità dei microrganismi selezionati.

    Formulazioni serie nitrofurani - chinoloni fluorurati (acido nalidixico), idrossichinolina (5-NOC) - non deve essere utilizzato per la terapia WWIS poiché sono uroantiseptikami, cioè fornire una concentrazione terapeutica nelle urine ma non nel parenchima renale.

    La durata del ciclo di terapia antimicrobica di IMT deve essere di almeno 14 giorni. Corsi più brevi (7-10 giorni) sono accettabili quando si prescrivono antibiotici fluorochinolonici, si isola un agente patogeno altamente sensibile e si eliminano i fattori che complicano il decorso dell'UTI [5].

    In conclusione, vogliamo sottolineare che il trattamento delle infezioni del tratto urinario - un processo complesso, lungo e spesso inefficienti, come dalla varietà di antimicrobici oggi esistenti né ha una sufficientemente elevata efficacia contro biofilm. Pertanto, gli sforzi dei medici dovrebbero concentrarsi principalmente sulla prevenzione dell'insorgenza di tali infezioni.

    Materiali del Simposio Internazionale "Infezioni del tratto urinario in pazienti ambulatoriali". M., 1999. Shevola D., Dmitrieva N. Profilassi antibiotica nella pratica medica. M.: IPO "Leo Tolstoy", 1999. Caroll K. C., Hale D. C., Von Boerum D. H. et al. Valutazione di laboratorio delle infezioni del tratto urinario in una clinica ambulatoria // Am. J. Clin. Pathol. 1994. 101. P. 100-103. Davis R., Bryson H. M. Levofloxacin: una revisione della sua attività antibatterica, farmacocinetica ed efficacia terapeutica. Farmaci 47: 677-700, 1994. Falagas M. E., Gorbach S. L. Linee guida pratiche: infezione / infetto. Dis. Clin. Pract. 1995. 4 (4). P. 241-256. Kumon H., Tomochika K., Matunaga T., Ogawa M., Ohmori H. Procedimento tazza sandwich per il dosaggio penetrazione di agenti antimicrobici attraverso Pseudomonas esopolisaccaridi // Microbiol Immunol. 1994. 38 (8). P. 615-9. Naber K. G. Interruttore parenterale / orale nell'infezione complicata del tratto urinario / Clin. La droga investe. 1995. 9 (1). P. 14-19. Richard G., DeAbate C., Ruoff G. et al. Levofloxacina a breve termine (250 mg qd) vs ofloxacina (200 mg bid) in UTI non complicata: uno studio randomizzato in doppio cieco. 6 ° int. Simp. sui nuovi chinoloni. Denver (Nov 1998) In: Abstracts, 1998: abs 126. Stratton C. W. Un approccio pratico alla diagnosi e al trattamento delle infezioni del tratto urinario negli adulti // Antimicrob. Inf. Dis. 1996. 15 (6). P. 37-40.

    1. Infezioni del tratto urinario. Classificazione, eziologia, clinica, diagnosi

    Infezioni del tratto urinario - una condizione di infezione del tratto urinario da microflora, che causa la sua infiammazione.

    infezione Klassifikatsiya.Razlichayut superiore (pielonefrite) e urinario inferiore (cistite, prostatite, uretrite) la presenza o assenza di sintomi (sintomatica o asintomatica serbatoio teriuriyu) infezione origine (vnebolnich-zione o nosocomiale, complicato e semplice. Semplice UTI caratterizzato. Nessuna violazione del deflusso delle infezioni complicate sono accompagnati da anomalie funzionali o anatomiche dei fattori di rischio del tratto urinario superiore o inferiore UTI complicate -. anatomica e funzionale con problemi di Niya, un'anomalia congenita, bubble-ma-ureterale reflusso, la sessualità, la chirurgia ginecologica, incontinenza urinaria, cateterizzazione frequente, negli uomini, come pure - il prepuzio non circoncisi, l'omosessualità, l'iperplasia prostatica benigna, ostruzione intravescicale, disordini metabolici e immunologici, corpi estranei. tratto urinario, calcolo, disturbi della minzione, età del paziente anziano, lesioni del midollo spinale e sclerosi multipla, diabete mellito, neutropenia, immunodeficienza, gravidanza Tuttavia, i metodi di ricerca strumentale contribuiscono all'UTI.

    Eziologia con UTI non complicata - E. Coli; più complicati sono UTI, Proteus, Pseudomonas, Klebsiella, funghi.

    La fonte di microrganismi uropatogeni è l'intestino, l'area anale, il vestibolo e l'area periuretrale. L'infiammazione si sviluppa il più spesso in condizioni di deflusso disturbato di urina in combinazione con una diminuzione della reattività generale dell'organismo.

    Si distinguono i seguenti tipi di UTI: batteriuria grave, piccola batteriuria, batteriuria asintomatica e contaminazione. IMP si verifica quando il numero di cellule microbiche superiori a 105 CFU in 1 ml porzioni in due consecutivi urine svezhevypuschennoy e confermata dall'esame microscopico delle urine per escludere contaminazione vaginale, che viene spesso osservato quando risultato lozhnopolozhi-ing. La riduzione della diuresi e la mancanza di fluido iniettato contribuiscono alla crescita dei batteri.

    Diagnostica Il reagente generico di test di screening - una striscia con un reagente biochimico - rileva la presenza di esterasi dei leucociti (piuria) e valuta la reattività della nitrato riduttasi. Un risultato negativo delle strisce reattive esclude l'infezione. In pratica, eritrociti e leucociti, costituenti sedimento urinario, lisati con l'urina pH superiore a 6.0, la bassa osmolalità delle urine, un urine prolungata in piedi; pertanto, risultati falsi-triviali nella microscopia delle urine sono più comuni dei falsi positivi nella striscia reattiva. È necessario un esame microscopico del sedimento urinario.

    L'uso della tecnologia a contrasto di fase facilita la determinazione della maggior parte degli elementi cellulari rispetto alla microscopia ottica.

    2. Infezioni del tratto urinario

    Trattamento Obiettivi del trattamento antimicrobico e della prevenzione delle IVU: l'eradicazione di microrganismi patogeni dal sistema urogenitale e la prevenzione di esacerbazioni o reinfezioni. La scelta dell'antibiotico si basa sullo spettro d'azione del farmaco, sulla sensibilità dei microrganismi, sulle proprietà farmacocinetiche e farmacodinamiche dell'antibiotico, sugli effetti collaterali. Secondo le raccomandazioni della guida federale per i medici di pazienti adulti deve essere prescritto fluorochinoloni e fosfomi-ching trometamolo (una volta), per i bambini - ingibitorza-protetto da un B-lattamici e cefalosporine orali

    Nella maggior parte dei casi di infezione del tratto urinario inferiore in combinazione con malattie neuromuscolari di cellule muscolari lisce del tratto urinario, organi pelvici, in questo caso mostra l'aggiunta di miorilassanti nella terapia complessa. La preparazione a base di erbe Cyston è efficace (2 compresse 2 volte al giorno).

    Nella maggior parte dei casi, è indicata la terapia antibiotica, ad eccezione della batteriuria asintomatica. Gli obiettivi della terapia antibiotica: la rapida risoluzione dei sintomi, l'eliminazione degli agenti patogeni, la riduzione del numero di recidive e complicazioni, la riduzione della mortalità.

    Fluorochinoloni hanno un effetto battericida, hanno un ampio spettro di attività antimicrobica, anche contro multifarmaco - ceppi resistenti di microrganismi, hanno alta biodisponibilità orale, hanno una sufficiente emivita alto, creando una elevata concentrazione nelle urine, penetra anche nelle membrane mucose del tratto urogenitale e dei reni. L'efficacia dei fluorochinoloni con UTI è del 70-100%, questi farmaci sono ben tollerati. La durata ottimale del trattamento nella cistite acuta non complicata in base ai risultati della meta-analisi è di 3 giorni. I fluorochinoloni sono i farmaci di scelta per il trattamento di UTI complicata e nosocomiale (ciprofloxacina).

    Trattamento NIMP (infezioni non complicate del tratto genitale inferiore) dovrebbe essere etiologichnym e patogeno-cal e comprende terapia antibiotica fino a 7-10 giorni, la scelta dei farmaci è effettuata con il patogeno selezionato e antibiogramma preferibilmente antibiotico ad azione battericida. Il trattamento completo dovrebbe includere le indicazioni:

    1) correzione di disturbi anatomici;

    2) terapia STI, in cui i farmaci di scelta sono macrolidi, tetracicline, fluorochinoloni, antivirali, trattamento dei partner sessuali;

    3) profilassi postcoitale;

    4) trattamento di malattie ginecologiche infiammatorie e disbiotiche;

    5) correzione di fattori avversi igienici e sessuali;

    6) correzione dei disturbi immunitari;

    7) terapia locale;

    8) l'uso della terapia ormonale sostitutiva in pazienti con carenza di estrogeni.

    Infezioni del tratto urinario: sintomi e trattamento

    Infezione del tratto urinario (UTI) è un gruppo di malattie degli organi urinari e urinari che si sviluppano a seguito di infezione del tratto urinario da parte di microrganismi patogeni. In caso di IMVI, l'esame batteriologico in 1 ml di urina rivela almeno centomila unità microbiche formanti colonia. Nelle donne e nelle ragazze, la malattia si manifesta dieci volte più spesso che negli uomini e nei ragazzi. In Russia, l'UTI è considerata l'infezione più comune.

    CLASSIFICAZIONE DELL'UTI

    1. A seconda di quale reparto delle vie urinarie influisce sugli agenti infettivi, si distinguono i seguenti tipi di UTI:
    • l'infezione del tratto urinario superiore è la pielonefrite, in cui sono colpiti il ​​tessuto renale e il sistema pelvico renale;
    • infezione del tratto urinario inferiore è cistite, uretrite e prostatite (negli uomini), in cui il processo infiammatorio si sviluppa nella vescica, ureteri o ghiandola prostatica, rispettivamente.
    1. A seconda dell'origine dell'infezione nel sistema urinario, ci sono diversi tipi di esso:
    • semplice e complicato. Nel primo caso, non vi è alcuna violazione del deflusso delle urine, cioè non ci sono anomalie degli organi urinari o disturbi funzionali. Nel secondo caso, ci sono anomalie di sviluppo o disfunzione di organi;
    • ospedale e comunità acquisite. Nel primo caso, le cause dell'infezione sono procedure diagnostiche e terapeutiche eseguite dal paziente. Nel secondo caso, il processo infiammatorio non è associato ad interventi medici.
    1. In base alla presenza di sintomi clinici, si distinguono i seguenti tipi di malattia:
    • infezioni clinicamente significative;
    • batteriuria asintomatica.

    Le infezioni del tratto urinario nei bambini, nelle donne in gravidanza e negli uomini nella maggior parte dei casi sono complicate e difficili da trattare. In questi casi, c'è sempre un alto rischio di infezione non solo ricorrente, ma anche lo sviluppo di sepsi o ascesso renale. A tali pazienti viene sottoposto un esame approfondito al fine di identificare ed eliminare un fattore di complicazione.

    I FATTORI PROMUOVONO LO SVILUPPO DELL'UTI

    • malformazioni congenite del sistema urogenitale;
    • disturbi funzionali (reflusso vescico-ureterale, incontinenza urinaria, ecc.);
    • malattie associate e condizioni patologiche (urolitiasi, diabete mellito, insufficienza renale, nefroptosi, sclerosi multipla, cisti renale, immunodeficienza, lesioni del midollo spinale, ecc.);
    • vita sessuale, chirurgia ginecologica;
    • la gravidanza;
    • età avanzata;
    • corpi estranei nelle vie urinarie (drenaggio, catetere, stent, ecc.).

    Persone anziane - Questo è un gruppo a rischio separato. Infezioni del tratto urogenitale in esse contribuiscono al fallimento dell'epitelio, indebolimento dell'immunità generale e locale, riduzione della secrezione di muco da parte delle cellule della mucosa e disturbi del microcircolo.

    Infezioni del tratto urinario nelle donne si sviluppa 30 volte più spesso degli uomini. Ciò è dovuto ad alcune caratteristiche della struttura e del funzionamento del corpo femminile. L'uretra ampia e breve si trova in prossimità della vagina, che lo rende accessibile ai patogeni in caso di infiammazione della vulva o della vagina. Alto rischio di sviluppare infezioni del tratto urinario in donne con cistocele, diabete, disordini ormonali e neurologici. Tutte le donne durante la gravidanza, le donne che hanno iniziato sessualmente precocemente e sono state sottoposte a numerosi aborti sono a rischio di sviluppare IVU. La mancanza di igiene personale è anche un fattore nello sviluppo dell'infiammazione del tratto urinario.

    Con l'invecchiamento delle donne, l'incidenza dell'UTI è in aumento. La malattia viene diagnosticata nell'1% delle ragazze in età scolare, nel 20% delle donne di età compresa tra 25 e 30 anni. L'incidenza raggiunge il suo picco nelle donne di età superiore ai 60 anni.

    Nella stragrande maggioranza dei casi, le infezioni del tratto urinario nelle donne si ripresentano. Se i sintomi dell'UTI sono ricomparsi entro un mese dal recupero, ciò indica una mancanza di terapia. Se l'infezione ritorna dopo un mese dal trattamento, ma non oltre i sei mesi, si ritiene che si sia verificata una nuova infezione.

    PAZIENTI DI UTI e modi della loro penetrazione nell'organismo

    Nell'eziologia di tutti i tipi di UTI, E. coli gioca un ruolo importante. Gli agenti causali della malattia possono essere Klebsiella, Proteus, bastone piocianico, enterococchi, streptococchi, Candida. A volte il micoplasma, la clamidia, lo stafilococco, l'emofilico, il bacillus e i corinebatteri causano il processo infettivo.

    La struttura eziologica dell'UTI è diversa nelle donne e negli uomini. Nel primo caso, Escherichia coli domina, mentre nel secondo caso è più probabile che la malattia provochi un bacillo e un proteo pyo-purulento. Le UTI ospedaliere in pazienti ambulatoriali rispetto ai pazienti ricoverati hanno il doppio delle probabilità di causare E. coli. Esame batteriologico delle urine in pazienti trattati in ospedale, spesso seminati Klebsiella, Pseudomonas aeruginosa, Proteus.

    Per valutare i risultati dell'esame batteriologico delle urine, i medici usano le seguenti categorie quantitative:

    • fino a 1000 CFU (unità formanti colonia) in 1 ml di urina - infezione naturale dell'urina durante il suo passaggio attraverso l'uretra;
    • da 1000 a 100.000 CFU / ml: il risultato è dubbio e lo studio viene ripetuto;
    • 100.000 o più cfu / ml è un processo infettivo.

    Modi di penetrazione degli agenti patogeni nel tratto urinario:

    • il percorso uretrale (ascendente), quando l'infezione dall'uretra e dalla vescica "sale" lungo gli ureteri verso i reni;
    • un percorso discendente in cui microrganismi patogeni dai reni "scendono";
    • vie linfogene ed ematogene, quando i patogeni entrano negli organi urinari dagli organi pelvici vicini con il flusso di linfa e sangue;
    • attraverso la parete della vescica da focolai adiacenti di infezione.

    SINTOMI DELLE INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO

    Nei neonati con infezione del tratto urinario, i sintomi della malattia non sono specifici: vomito, irritabilità, febbre, scarso appetito, basso aumento di peso. Quando un bambino ha almeno uno di questi sintomi, deve consultare immediatamente un pediatra.

    Il quadro clinico dell'infezione del tratto urinario nei bambini della fascia d'età prescolare è il più delle volte disturbi disurici (dolore e crampi durante la minzione, minzione frequente in piccole porzioni), irritabilità, apatia e talvolta febbre. Un bambino può lamentare debolezza, brividi, dolore all'addome, nelle sue parti laterali.

    Scolari

    • Nelle ragazze in età scolare con infezione del tratto urinario, i sintomi della malattia nella maggior parte dei casi si riducono a disturbi disurici.
    • I ragazzi sotto i 10 anni hanno spesso la febbre e i ragazzi di 10-14 anni sono dominati dai disturbi della minzione.

    I sintomi di UTI negli adulti sono un aumento della minzione e una violazione di minzione, febbre, debolezza, brividi, dolore al pube, che spesso si irradiano alle sezioni laterali dell'addome e della parte bassa della schiena. Le donne si lamentano spesso delle secrezioni vaginali, uomini - della scarica uretrale.

    Il quadro clinico della pielonefrite è caratterizzato da sintomi pronunciati: alta temperatura corporea, dolore all'addome e nella regione lombare, debolezza e affaticamento, disturbi disurici.

    DIAGNOSTICA DELLE INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO

    Per fare una diagnosi, il medico scopre i reclami del paziente, gli chiede dell'inizio della malattia, della presenza di patologia concomitante. Quindi il medico effettua un esame generale del paziente e fornisce le indicazioni per l'esame.

    Il principale materiale biologico per la ricerca in caso di sospetta UTI è l'urina raccolta nel mezzo della minzione dopo un'attenta igiene del perineo e dei genitali esterni. Per la semina batteriologica, l'urina deve essere raccolta in piatti sterili. Le analisi cliniche e biochimiche delle urine vengono eseguite in laboratorio e il materiale viene seminato su terreni nutritivi per identificare l'agente eziologico del processo infettivo.

    Importante: l'urina preparata per l'analisi deve essere rapidamente consegnata al laboratorio, poiché ogni ora il numero di batteri in esso raddoppia.

    Se necessario, il medico prescrive l'ecografia delle vie urinarie, i raggi X, la TC, la risonanza magnetica, ecc. E poi, sulla base dei risultati ottenuti, conferma se la diagnosi di UTI è differenziata indicando la presenza o l'assenza di fattori complicanti.

    TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO

    Un paziente con una diagnosi di infezione del tratto urinario può ricevere un trattamento sia in ambito ambulatoriale che in ospedale. Tutto dipende dalla forma e dalla gravità della malattia, dalla presenza di fattori complicanti.

    Importante: il trattamento di qualsiasi processo infettivo negli organi urinari deve essere affrontato da un medico: medico generico, pediatra, nefrologo o urologo. L'automedicazione minaccia lo sviluppo di complicazioni e recidive della malattia.

    Con le infezioni del tratto urinario, il trattamento inizia con i regimi. Questi includono la limitazione dello sforzo fisico, la minzione frequente e regolare (ogni due ore) e un abbondante consumo di alcol per aumentare la quantità di urina. Nei casi più gravi, ai pazienti viene assegnato il riposo a letto.

    Le carni affumicate e le marinate dovrebbero essere escluse dalla dieta, più prodotti contenenti acido ascorbico dovrebbero essere consumati. È necessario per l'acidificazione delle urine.

    Dei farmaci, sono obbligatori antibiotici o sulfonamidi, a cui è sensibile il patogeno identificato nel paziente. Il trattamento delle malattie associate.

    Nel caso di un quadro clinico pronunciato di UTI, vengono utilizzati antispastici, antipiretici, antistaminici e antidolorifici. La medicina erboristica e la fisioterapia danno un buon effetto. Secondo le indicazioni, viene effettuato un trattamento antinfiammatorio locale - installazioni attraverso l'uretra nella vescica urinaria di soluzioni medicinali.

    PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO

    La prevenzione delle UTI è la seguente:

    • identificazione tempestiva ed eliminazione dei fattori che contribuiscono allo sviluppo dell'infezione nelle vie urinarie (anomalie anatomiche, processi infiammatori nel corpo, disturbi ormonali, ecc.);
    • mantenere uno stile di vita sano e l'igiene personale;
    • trattamento di malattie esistenti;
    • per le donne - registrazione con un medico per la gravidanza al più presto.

    Elena Zaluzhanskaya, Revisore medico

    26.799 visualizzazioni totali, 3 visualizzazioni oggi

    Pubblicazioni Sul Trattamento Delle Vene Varicose

    Le migliori pillole per emorroidi per donne e uomini

    Se l'emorroidi è infiammata, è difficile per il paziente andare in bagno, perché l'atto della defecazione è accompagnato da dolore acuto e sanguinamento di diversa intensità.

    Distonia vascolare Vegeto ciò che è in parole semplici

    La distonia vegetativa-vascolare è una sindrome che colpisce vari organi umani. L'impatto di questa malattia si estende ai nervi periferici. Quando una persona è afflitta da distonia, è interessato un gran numero di sintomi di diversa natura.