Come trattare la sindrome dell'intestino irritabile con flatulenza

Una persona che almeno una volta nella sua vita non ha riscontrato un tale problema come l'interruzione del funzionamento dell'intestino e il disagio derivante direttamente da questo nell'organo digestivo è quasi impossibile incontrarlo. La comparsa di questo stato di medicina è chiamata sindrome dell'intestino irritabile. IBS si verifica con flatulenza, distensione addominale, feci anormali (stitichezza o diarrea) e dolore addominale non associato a qualsiasi danno organico. Il fenomeno sgradevole di frequenti degenerazioni derivanti da questo disturbo, accompagnato da suoni forti e da un aroma specifico, crea per la persona un'atmosfera di tensione tra coloro che lo circondano e gli provoca una sensazione di disagio.

I principali segni della malattia

Indovinare che la sindrome dell'intestino irritabile si sviluppi è piuttosto semplice. Questa malattia di eziologia sconosciuta è sempre accompagnata da una maggiore formazione di gas, che causa una distensione addominale e flatulenza, dolore nella regione ombelicale, scomparsa dopo un atto di defecazione, diarrea mattutina, stitichezza frequente e sensazione di svuotamento incompleto che rimane dopo essere andati in bagno. In alcuni casi, può verificarsi una sensazione di nausea e trabocco dello stomaco, oltre a eruttare con l'aria.

Quasi un quarto della popolazione mondiale soffre di sindrome dell'intestino irritabile, con l'incidenza di picco che si manifesta in giovane età, privando le persone al momento dello scoppio di una esacerbazione dell'opportunità di lavorare normalmente e condurre uno stile di vita a tutti gli effetti. I principali sintomi della patologia sono:

  • Disagio e tenerezza in diverse parti dell'addome. I dolori assomigliano a una colica o hanno un carattere spastico e, di solito, non sono presenti in modo permanente, ma di tanto in tanto appaiono e scompaiono quasi immediatamente. Spesso, il disagio scompare dopo che i gas si sono allontanati da lui o ha defecato. La gravità di questo sintomo per ogni persona è individuale e varia da lieve a molto forte.
  • Le feci di cambiamento sono anche individuali. Alcune persone hanno la stitichezza per la maggior parte, mentre altri notano la diarrea quando esacerbato IBS. In alcuni casi, possono alternare (al mattino la diarrea e, nel pomeriggio, la ritenzione dolorosa delle feci). Di tanto in tanto ci sono impurità di muco nelle feci. C'è anche la sensazione che l'intestino non sia completamente svuotato.
  • Spesso, la presenza di impulsi imperativi (frequenti), che provoca intestino irritato. Molte persone che soffrono di IBS, hanno l'urgente necessità di condurre un atto di defecazione diverse volte al mattino. Soprattutto questa sensazione è esacerbata durante la colazione o subito dopo.
  • Ha patologia e altri sintomi. Questi includono flatulenza aumentata, scarso appetito, nausea, eruttazione, mal di testa e dolori muscolari, malessere generale e stanchezza costante. A seconda delle caratteristiche individuali dell'organismo, i sintomi negativi possono avere manifestazioni minori o possono protrarsi per un lungo periodo e richiedere una terapia specifica.

Tutti i suddetti segni di patologia sorgono direttamente sotto l'influenza di alcuni fattori che alterano la sensibilità dei recettori situati nella parete intestinale, motivo per cui il suo lavoro è interrotto.

Classificazione della patologia

Attualmente, tra gli operatori sanitari ci sono diverse divisioni che caratterizzano questa malattia. La classificazione clinica più utilizzata ha trovato. La sua caratteristica principale è che ci sono 3 varianti del decorso della malattia, a seconda di quale dei segni clinici svolge il ruolo principale:

  • Sindrome dell'intestino irritabile, accompagnata da stitichezza e aumento della flatulenza. Con questo sviluppo patologico della malattia, più di un quarto dei movimenti intestinali si verificano in feci molli e dure.
  • IBS con diarrea, in cui più del 25% degli atti di defecazione sono liquidi o molli.
  • Una versione mista della malattia è caratterizzata da un cambiamento periodico delle feci (dopo la diarrea, la costipazione può verificarsi e viceversa).
  • Si distingue anche una versione non classificata del disturbo, in cui i dati clinici non sono sufficienti per attribuire la patologia dell'intestino a una delle varianti principali.

Inoltre, gli esperti usano altre classificazioni. In primo luogo, secondo i sintomi attuali, la cosiddetta malattia ribassista si distingue con una predominanza di disfunzione intestinale, flatulenza o dolore, e in secondo luogo, la classificazione può essere basata sulla presenza di fattori aggravanti, tra cui ci sono patologia post-infettiva, alimentare e stress.

La definizione di IBS è molto importante dal punto di vista pratico, in quanto consente di determinare la scelta di un trattamento adeguato.

Cause di malattia

La causa organica che provoca la comparsa della sindrome dell'intestino irritabile negli esseri umani non è stata ancora stabilita. Non esiste nemmeno una premessa universale che porti allo sviluppo di disfunzioni negli organi digestivi. Si ritiene che lo stato funzionale dell'intestino crasso sia principalmente influenzato da diversi fattori che hanno un effetto irritante su questo organo di digestione.

La dipendenza più vivida del decorso clinico della patologia può essere ricondotta allo stato psico-emotivo di una persona. Questo suggerisce che la malattia ha meccanismi di sviluppo psiconeurogenico. Quasi la metà dei casi di disfunzione dell'intestino è stata associata a disturbi nevrotici posticipati, fobie, ipocondria, depressione e stress.

Inoltre, una serie di studi condotti in quest'area ha mostrato chiaramente che l'IBS come una malattia può essere provocata in misura maggiore dalla rottura delle viscere, che è sorto come conseguenza diretta delle seguenti ragioni aggravanti:

  • predisposizione genetica (presenza di parenti di sangue affetti dalle manifestazioni di questa patologia);
  • uso a lungo termine di alimenti di scarsa qualità, nonché la prevalenza di alimenti grassi o gassosi nel menu, mancanza di fibre e fibre utilizzate nei piatti consumati, eccesso di cibo, abuso di alcool;
  • disturbo infettivo da microflora intestinale. È possibile che il paziente abbia una storia di malattie come infezione da stafilococco, salmonellosi o dissenteria. Inoltre, lo sviluppo di una varietà infettiva di patologie è fortemente influenzato dall'uso di acqua da fonti aperte, nonché da frutta e verdura non lavate e dall'inosservanza delle norme sanitarie di igiene personale.

In alcuni casi, l'insorgenza della malattia può essere preceduta da una lesione fisica. Inoltre, gli esperti non escludono cause come lo stato ormonale (la disfunzione spesso compare nelle donne nei giorni critici) e l'iperalgesia viscerale, cioè l'ipersensibilità intestinale.

Rilevazione e trattamento di IBS

I gastroenterologi raccomandano vivamente di visitare un medico se compaiono almeno 2 segni di malattia. Solo un medico qualificato sarà in grado di stabilire la vera causa della sindrome dell'intestino irritabile, che aiuterà direttamente a prescrivere e condurre un trattamento adeguato. Inoltre, la sua identificazione indipendente non solo è impossibile, ma anche pericolosa a causa del fatto che i sintomi della malattia sono molto simili a tali patologie come il cancro o la tubercolosi rettale, la colite ulcerosa e altre malattie pericolose. Per eliminarli, è necessaria una diagnosi differenziale. Consiste dei seguenti studi:

  • analisi del sangue biochimiche e generali;
  • coprogram;
  • rectoromanoscopy (esame strumentale dell'intestino, condotto se necessario, chiarire la diagnosi);
  • biopsia della parete intestinale per sospetto cancro.
Dopo che la patologia è stata identificata e il fattore che lo ha provocato è stato chiarito, lo specialista prescrive procedure terapeutiche basate su tre principi: l'uso di farmaci, la correzione nutrizionale e lo snellimento dello stile di vita.

Terapia farmacologica

Questo metodo di trattamento della patologia consente di eliminare rapidamente ed efficacemente i sintomi spiacevoli provocati dalla disfunzione intestinale. Ma tutti i farmaci dovrebbero essere prescritti solo da uno specialista, poiché lo stesso farmaco può avere il suo effetto spesso imprevedibile su ciascun particolare paziente:

  • Alleviare efficacemente analgesici e antispastici. Sulla base di indicazioni mediche, una persona come Spasmomen, Ditsitel o Duspatalin può essere prescritta a una persona malata. Anche la papaverina o la no-shpa sono usati a questo scopo, ma non sono la scelta migliore, poiché hanno un gran numero di controindicazioni e possono causare effetti collaterali.
  • Se l'IBS è accompagnato da diarrea, vengono prescritti agenti antidiarroici (Loperamide) e astringenti (Smecta). È possibile utilizzare i rimedi a base di erbe in questa situazione - decotti di mirtilli e ciliegi degli uccelli.
  • In caso di costipazione frequente, si consiglia la procinetica (Coordinates e Motilium). Questi farmaci aiutano a normalizzare la motilità, che accelera il movimento delle feci attraverso l'intestino. Tra i lassativi, è preferibile il lattulosio (Duphalac o Mukofalk). Oltre alla capacità di aumentare efficacemente la quantità di masse fecali, hanno ancora un effetto prebiotico, cioè normalizzano la microflora dell'organo digestivo.
  • La flatulenza viene eliminata dai preparati fatti sulla base della simektion (Espumizan e Demetikon).

Il ruolo della dieta nel trattamento

I sintomi di IBS sono così individuali e diversi che una dieta generale per i pazienti con questa patologia non è stata sviluppata. Esistono liste speciali di prodotti consentiti e vietati per ogni tipo di malattia, e ci sono alcune regole, il menu giornaliero di una persona con sindrome dell'intestino irritabile deve essere corretto dal medico curante.

L'unica cosa da ricordare è che la dieta del paziente deve essere completa e varia. È necessario seguire alcune regole generali di nutrizione:

  • Granularità. Devi mangiare spesso, ma in porzioni minime.
  • Sparing. Tutto il cibo deve essere macinato a una purea, bollito o cotto senza una crosta dorata.
  • Modalità termica. La temperatura del cibo servito può essere solo temperatura ambiente. Il cibo caldo e freddo per questa malattia è proibito da usare.

La prognosi per IBS è abbastanza ottimistica. Se i fattori negativi che hanno provocato la malattia sono stati eliminati, è abbastanza facilmente suscettibile di completare la cura. La disfunzione intestinale non comporta alcuna complicanza, e inoltre non provoca lo sviluppo di tumori maligni e non provoca la comparsa di altre malattie.

Perché e come trattare la sindrome dell'intestino irritabile con flatulenza

Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una condizione in cui il tubo digerente non è in grado di elaborare efficacemente i nutrienti dall'esterno. In parallelo, ci può essere flatulenza, che esacerba solo il quadro clinico.

L'IBS non deve essere considerato come una malattia separata: la sindrome è posizionata come un fallimento (disturbo funzionale) nel lavoro del tratto gastrointestinale. La distensione addominale e la disfunzione intestinale sono una conseguenza della maggiore concentrazione di gas nel canale alimentare e della sovrapressione della microflora sulle pareti dell'organo, che ha causato il suo allungamento e il deterioramento della capacità di assorbimento nel sangue.

motivi

Nel 95% dei casi, la sindrome dell'intestino irritabile si sviluppa sullo sfondo di stress e sovraccarico nervoso. I dipartimenti cerebrali iniziano a inviare i comandi sbagliati al canale digestivo, che in risposta segnala erroneamente i processi vitali nel tratto digestivo. Un tale fallimento nella sincronizzazione è irto di motilità intestinale compromessa. Minor disagio nel canale alimentare porta a forti dolori.

Ci sono anche fattori alternativi che provocano lo sviluppo della sindrome dell'intestino irritabile con il meteorismo:

  • alimentazione scorretta (modalità) nutrizione;
  • gozzo;
  • infezioni intestinali;
  • predisposizione genetica;
  • insufficiente attività motoria;
  • eccesso di microflora intestinale;
  • disturbi ormonali (durante le mestruazioni e durante la gravidanza).
  • abuso di cattive abitudini.

È importante! Gli uomini sono meno probabili (40%) suscettibili alla sindrome dell'intestino irritabile rispetto alle donne: le donne hanno un livello più alto di emotività.

A rischio sono le persone nella fascia di età da 30 a 45 anni. I pensionati soffrono di IBS in meno.

Manifestazione di disturbi digestivi di natura funzionale

La sindrome dell'intestino irritabile è accompagnata da grave disagio nel tratto digestivo, che può durare a lungo. L'aumento della formazione di gas, provocata dai processi di fermentazione, è irto di allungamento delle pareti intestinali, che aumenta significativamente l'elenco dei possibili sintomi, tra cui:

  1. violazione della sedia (stitichezza, diarrea, defecazione con muco);
  2. improvvisa voglia di sgabello;
  3. colica, dolore nel canale digerente, crampi nella regione addominale di posizione incerta;
  4. nausea, mancanza di appetito;
  5. apatia, debolezza generale, depressione.

È importante! L'intensità, il periodo di manifestazione dei sintomi di IBS è determinata dalle caratteristiche individuali del corpo del paziente, dalla presenza di disturbi concomitanti del tratto gastrointestinale e dallo stato di salute.

Diagnosi e trattamento

I medici non possono garantire una liberazione completa dalla sindrome: la scienza non ha determinato tutte le sfumature e sottigliezze del meccanismo di sviluppo IBS. Solo nel 30% dei casi è possibile ripristinare la funzione dell'intestino e, nel resto, ridurre i sintomi dello stato di disagio.

Il gastroenterologo è tenuto a identificare la causa esatta del sintomo prescrivendo un esame completo del paziente, che include:

  • urina e feci;
  • semina su dysbacteriosis;
  • cologoscopia (analisi della superficie interna del colon);
  • irrigoscopia (radiografia del colon);
  • rectoromanoscopy (esame visivo della mucosa del colon);
  • immunogramma (controllo dello stato del sistema immunitario).

Nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile con flatulenza si raccomanda di utilizzare un approccio sistematico. È importante non solo la terapia farmacologica, ma anche l'aggiustamento della dieta, l'attività fisica, il cambiamento delle modalità del giorno, la normalizzazione dello stato psico-emotivo del paziente.

farmaci

Dopo la diagnosi, un gastroenterologo (a seconda del quadro clinico) prescrive un paziente:

  1. antischiuma - "Zeolat", "Meteospasmin", "Polysilan" (efficace nel combattere l'aumento della formazione di gas, la loro azione è volta a rimuovere l'aria in eccesso in modo naturale);
  2. antispastici - "Duspatalin", "Neobutin" (eliminare gli spasmi muscolari nell'intestino);
  3. lassativi - Gutalax, Regulaks (volto a pulire l'intestino);
  4. tranquillanti, antidepressivi - Buspicon, Afobazol, Paroxetine (farmaci con effetto sedativo):
  5. sedativi di origine vegetale - "Domiplant", "Novo-Passit".

È importante! Non è consigliato auto-medicare. Le medicine hanno una vasta gamma di controindicazioni ed effetti collaterali che possono seriamente danneggiare la salute. Assegnare un corso ottimale di terapia farmacologica può essere solo un medico.

dieta

I pazienti che soffrono di distensione addominale e sindrome dell'intestino irritabile, dovrebbero razionalizzare seriamente il sistema alimentare, che fornisce un equilibrio di prodotti e la correzione della modalità di assunzione di cibo. È raccomandato in piccole porzioni 5-6 volte al giorno. Uscendo da dietro il tavolo da pranzo, una persona dovrebbe provare una leggera sensazione di fame.

Per la diarrea, si raccomanda di abbandonare per ora verdure, frutta, prodotti integrali e latticini, caffè e cioccolato.

Quando la stitichezza è importante per eliminare cibi salati e grassi.

I legumi e le bevande gassate contribuiscono ad aumentare la formazione di gas.

Tra i nutrizionisti c'è un'opinione secondo cui è possibile migliorare il lavoro del tubo digerente, se si arricchisce la dieta con fibre vegetali. Ma non tutti gli esperti concordano con questo punto di vista: questi ultimi sono fiduciosi che nella sindrome dell'intestino irritabile, le verdure e il porridge di cereali non faranno altro che peggiorare lo stato di salute. Ma abbandonare completamente la cellulosa e la fibra non dovrebbe essere (sono un potente strumento nella prevenzione delle malattie dell'apparato digerente).

L'esperto ti aiuterà a scegliere la dieta ottimale: lo scopo della dieta è individuale, a seconda dello stato di salute e delle caratteristiche individuali dell'organismo.

Ricette della medicina tradizionale

La medicina di erbe affronta con successo la sindrome dell'intestino irritabile, accompagnata da flatulenza. I guaritori consigliarono di prendere:

  • decotti di quercia e camomilla;
  • tè alla menta;
  • pozioni a base di foglie di achillea e corteccia di olivello spinoso;
  • infusi da semi di cumino, aneto, finocchio;
  • decotti di foglie di burnet e piantaggine.

È importante! Con l'aumento della formazione di gas, si consiglia di aggiungere zenzero e cannella al cibo.

alternative

Nel trattamento dell'IBS e della flatulenza, lo sforzo fisico è di grande aiuto, ha un effetto benefico sullo stato psico-emotivo e migliora la funzione della motilità intestinale. Gli esercizi sono selezionati su base individuale, a seconda del quadro clinico della malattia. Corsi consigliati su attrezzatura sportiva, non superfluo per iscriversi alla sezione nuoto.

Le statistiche mostrano che il 50% dei pazienti che fanno esercizi mattutini quotidiani si sente meglio.

Ha senso rivedere la routine quotidiana per regolare l'equilibrio ottimale del tempo trascorso sul lavoro e il riposo.

Se l'IBS è causato da una situazione stressante, i programmi di auto-allenamento e di rilassamento sono usati come metodi di trattamento ausiliari.

Nella sindrome dell'intestino irritabile non è necessario attenersi al riposo a letto: può aggravare lo stato mentale del paziente.

prevenzione

Per ridurre al minimo il rischio di sindrome dell'intestino irritabile e l'aumento della formazione di gas, si raccomanda di seguire i principi di una corretta alimentazione, di esercitare sistematicamente e almeno due volte l'anno essere esaminati da un gastroenterologo. I fattori che influenzano negativamente il sistema nervoso dovrebbero essere evitati: uno squilibrio nell'equilibrio dei mediatori del sistema nervoso centrale (brodikinin, somatostatina, serotonina) crea condizioni favorevoli per la disfunzione intestinale.

Menu per la sindrome dell'intestino irritabile con flatulenza

Principi della dieta per la sindrome dell'intestino irritabile

La dieta per la sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è uno dei mezzi più importanti per migliorare la qualità della vita. Non esiste ancora uno schema terapeutico singolo efficace per questo disturbo funzionale e il suo sviluppo è associato a fattori difficilmente rimovibili:

  • la labilità del sistema nervoso centrale, in cui l'intestino è diventato un organo bersaglio;
  • esposizione ambientale psicosociale;
  • gli effetti della malattia infiammatoria intestinale.

Il disturbo si forma come risultato delle reazioni psicologiche del paziente alle condizioni ambientali, scarso adattamento allo stress, cambiamenti ormonali, alterazioni delle funzioni motorie e sensibili dell'intestino e conseguenze della malattia.

Una varietà di fattori causali rende difficile sviluppare uno schema unificato di trattamento farmacologico, ma la dieta per l'intestino irritabile diventa uno strumento efficace che può alleviare le manifestazioni. Il trattamento farmacologico in questo caso va alle cause identificate del disturbo. Lo squilibrio frequentemente rilevato della composizione microbica dell'intestino viene normalizzato con l'aiuto della nutrizione funzionale.

Principi generali dell'alimentazione in IBS

Per l'intestino irritabile, una dieta è selezionata sulla base dei sintomi prevalenti. Il cibo che irrita l'intestino viene rimosso dalla dieta. Il cibo più comune che provoca irritazione intestinale è:

  • cibi grassi;
  • tutti i tipi di catering per banchetti;
  • alcool, caffè, bevande gassate, latte, kvas;
  • leguminose (piselli, fagioli), crucifere (cavoli), solanacee (patate), uva.

Dieta per la sindrome dell'intestino irritabile comporta la rimozione degli alimenti elencati dalla dieta, ma dovrebbe rimanere diversa dall'inclusione di altri prodotti che contribuiscono al corretto funzionamento degli intestini. Non sono consentite diete limitanti. I pasti sono rigorosamente controindicati in meno di 2 ore prima del sonno: quando una persona si addormenta, il rilascio di enzimi digestivi e peristalsi rallenta drasticamente e gli alimenti ristagnano nel tratto gastrointestinale fino al mattino.

Dieta con diversi tipi di IBS

Non esiste una dieta universale che aiuti efficacemente tutti gli individui che hanno la sindrome dell'intestino irritabile. I sintomi e le cause di questo disturbo funzionale sono vari, quindi lo schema di potere viene scelto individualmente per ciascun paziente. La base più spesso prende il potere dei tavoli medici №№ 2 e 4.

Durante un'esacerbazione, i principi della tabella numero 4 (la dieta per la colite vale anche) sviluppati per i pazienti con malattie gastrointestinali predominano e normalizzano (di solito 4-6 giorni), passano alla dieta n.2 per i pazienti con gastrite, apportando modifiche alle caratteristiche specifiche disordine.

Con la diarrea

Quando IBS con diarrea, il cibo dovrebbe inibire la peristalsi, ridurre la secrezione di acqua ed elettroliti nel lume intestinale. Pertanto, tutto ciò che migliora la secrezione dell'intestino, le funzioni motorie e di evacuazione viene rimosso. La tabella medica n. 4b soddisfa questi requisiti, limitando l'assunzione di sale a 10 g al giorno e escludendo i prodotti che intensificano i processi putrefattivi e fermentativi, la diarrea, le sostanze irritanti intestinali moderatamente limitanti.

  • decotti di mirtilli, mele cotogne e pere;
  • porridge di riso e semolino;
  • gelatina di frutta e gelatina;
  • crostini di pane bianco;
  • tè forte;
  • zuppa di brodo medio;
  • cotolette di carne magra o pesce.

Se una dieta con sindrome dell'intestino irritabile con flatulenza non ha portato alcun miglioramento in pochi giorni dopo un cambiamento nella dieta, è anche possibile assegnare Loperamide, motilità correttiva e assorbenti.

Con costipazione

Quando IBS con costipazione, si raccomanda la nutrizione per aiutare il colon a vuoto, i pasti sono presi 5-6 volte al giorno. Esclusi sono il kashi-mash di semola e riso, minestre, brodi, composte e gelatina di mela cotogna, mirtilli e pere, frutti dalle proprietà astringenti (melograno, mela cotogna, pera), tè forte e caffè. Dovresti scegliere un cibo che sia significativamente arricchito con fibra alimentare, che porterà alla ritenzione di acqua nei contenuti intestinali e aumenterà il contenuto in volumi, che stimola la peristalsi. In questo caso, si consiglia di:

  • aumento del volume del liquido assunto;
  • purea di frutta e verdura con prugne;
  • succhi di frutta e verdura con polpa o chiarificati;
  • porridge di farina d'avena e grano saraceno;
  • bevande a base di latte fermentato senza spiccata acidità;
  • olio vegetale

Se il supplemento di nutrizione con sostanze di zavorra non ha l'effetto desiderato sulla sindrome dell'intestino irritabile, i lassativi sono prescritti, per esempio, Psilum sulla base di semi di psillio. In caso di mancanza di flatulenza, possono essere prescritti preparati di lattulosio. Lubrificanti intestinali (olio di vaselina e supposte di glicerina) vengono utilizzati per migliorare la scorrevolezza delle feci.

Con flatulenza

Quando IBS con flatulenza, è necessario aderire ai principi di una sana alimentazione, escludere i prodotti generatori di gas (legumi, patate, cavoli crudi, ravanelli e ravanelli, noci, pasticcini freschi, soda), spostare l'attenzione su barbabietole, carote, zucche, zuppe di verdure, carne e pesce magri, prodotti lattiero-caseari fermentati, uova alla coque. Porzioni di assunzione di cibo dovrebbero essere piccole (300-350 g), e frutta e piatti dolci dovrebbero essere un pasto separato per evitare lo sviluppo di processi di fermentazione.

Inoltre, possono essere prescritti farmaci che indeboliscono la tensione superficiale delle bolle di gas nell'intestino (Espumizan). I gas vengono rilasciati e assorbiti dalle pareti intestinali o espulsi naturalmente.

Non è necessario ricorrere a restrizioni severe, perché la sindrome dell'intestino irritabile non è una malattia, ma un sintomo di squilibrio interno.

I pasti dovrebbero essere completi e adatti alla carnagione e allo stile di vita di una persona. È sufficiente rimuovere i prodotti che provocano disagio dalla dieta e lo stato ritorna gradualmente alla normalità.

Robert Stepanov
Flatulenza e diarrea con agitazione. È la sindrome dell'intestino irritabile?

Julia Knyazeva
Sindrome dell'intestino irritabile. Nella sua manifestazione classica di IBS include dolore severo e psicogeno nel colon, diarrea ripetuta, dolore nell'intestino e costipazione psicogena. Gli esperti secernono diarrea.

Dmitry Konstantinov
SI SI SI! È molto facile da trattare. 1 - mangiare bene, 2 - afabazol o motherwort per calmare 3 - i libri di psicologia (ad esempio, come liberarsi dell'ansia) sono una malattia psicosomatica trattata a partire da.

Fornito consulenza telefonica.
Cordialmente, il tuo avvocato, Majorov Konstantin

Punteggio di risposta: migliore risposta

Vasilisa Sukhanova
Quali sintomi possono essere attribuiti a un uragano nello stomaco, pesantezza, gonfiore, eruttazione e chastitis

Julia Knyazeva
È o IBS (sindrome dell'intestino irritabile) o SRZh (sindrome dello stomaco irritata). Separatamente, i sintomi sono chiamati: flatulenza, esofagite, diarrea

Dmitry Konstantinov
Ciò che è elencato - questi sono i sintomi, e la malattia è indigestione, enterocolite è possibile questo avvelenamento, bere carbone attivo tavolo 8-10, rimuove le tossine e molti veleni possono essere, non tanto tempo fa era ubriaco.

Fornito consulenza telefonica.
Cordialmente, il tuo avvocato, Majorov Konstantin

Punteggio di risposta: migliore risposta

Elena Bespalova
Sindrome dell'intestino irritabile: costante gonfiore e flatulenza. Come essere trattati? Con la posizione della medicina ufficiale è familiare.

Julia Knyazeva
I sintomi descritti parlano più della disbiosi che della sindrome dell'intestino irritabile. Sicuramente, hai preso antibiotici più volte nella tua vita senza ripristinare la flora intestinale dopo questo. E ora hai tutto il fascino

Dmitry Konstantinov
Sono andato via dopo aver preso carbone attivo (questo non è male), preparare la camomilla con menta, finocchio e bere il tè. può essere con lo zucchero da tavolette in Germania prodotte su base naturale Lefax. Infuso di semi di aneto E il resto-.

Fornito consulenza telefonica.
Cordialmente, il tuo avvocato, Majorov Konstantin

Punteggio di risposta: migliore risposta

Elena Bespalova
Quali sono questi sintomi?

Julia Knyazeva
Hai la sindrome dell'intestino irritabile (ora diarrea, ora stitichezza), gonfiore (flatulenza). Distensione addominale: prendere una capsula espumizan.

Dmitry Konstantinov
Perché ingoiare una lampadina. Basta fare un'ecografia addominale. L'apparato porta sull'addome. I gas - flatulenza, aiuteranno Espumizan. Ma è meglio fare un'ecografia, fare una diagnosi, è più facile trovare un trattamento da esso. Forse se inizi.

Fornito consulenza telefonica.
Cordialmente, il tuo avvocato, Majorov Konstantin

Punteggio di risposta: migliore risposta

Dieta per la sindrome dell'intestino irritabile con diarrea e flatulenza

È importante rafforzare la funzione motoria intestinale e ridurre la frequenza della diarrea.

Se prevale la stitichezza, è sufficiente rivedere la dieta e includere prodotti che stimolano l'intestino. Basta mangiare prugne al giorno. I succhi di verdura e di frutta daranno un risultato incredibile.

La sindrome dell'intestino irritabile non è pericolosa, ma è importante eliminarla in tempo. L'essenza della dieta è di stabilire il lavoro del sistema digestivo a causa della predominanza di determinati prodotti. Questa non è una dieta rigorosa, ma, tuttavia, richiede la piena conformità.

Dieta per la sindrome dell'intestino irritabile con flatulenza

Quando si soffre di questa malattia è semplicemente per rivedere il menu, non necessariamente ricorrere a prendere qualsiasi droga. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la dieta e la medicina vanno di pari passo.

Quindi, per escludere dalla dieta tutti i legumi, provocano uno sviluppo eccessivo dei gas. Uve, pere, mele, cavoli e ravanelli sono anche vietati.

Alimentazione dietetica per IBS

Quando dovrebbe mangiare 4-5 volte al giorno. Israele ha bisogno di rimuovere forti irritanti intestinali. Se il paziente soffre di diarrea, la sua dieta dovrebbe rinforzare le sue proprietà. Quando la stitichezza dovrebbe includere prodotti vmenu che hanno proprietà lassative.

Determina i prodotti intollerabili per IBS

Nella sindrome dell'intestino irritabile, il cibo dietetico viene compilato individualmente per ciascun paziente. Innanzitutto, il paziente deve avere un diario alimentare. Questo diario segna ogni pasto, una lista di cibi e una reazione ad ogni pasto. Tutto ciò può sembrare ridicolo a qualcuno, ma se vuoi liberarti della malattia, devi tenere un diario d'attualità. Ecco un esempio:

Frittelle di colazione con panna acida, caffè, una sedia informe con muco e pezzi di cibo non digerito Zuppa di spaghetti di pollo con pasta, purè di patate, polpette di carne, insalata di cavolo, pane nero, composta aumento di gas nello stomaco, porridge supper grano saraceno, pesce, cotto in forno verdure, cetrioli freschi, condizioni del tè normali

Se dopo aver mangiato qualsiasi segno di IBS, la prossima volta questi prodotti devono essere presi separatamente.

In nessun caso non può essere sottoposto a trattamento termico.

5) I pasti, la cui preparazione comporta la torrefazione, possono essere fatti su un rivestimento antiaderente senza l'uso di grassi.

6) Il Kashi può essere cucinato solo sull'acqua.

7) Non puoi mangiare più di 200 ml di zuppe in brodo di carne e pesce al giorno.

8) Non più di una volta al giorno, puoi mangiare zuppe con l'aggiunta di spaghetti o riso.

9) Non più di una tazza di cacao in acqua al giorno. Alimenti dietetici raccomandati La base della dieta per IBS con diarrea dovrebbe essere:

1) pane di frumento

2) Cracker o pane raffermo.

3) ricotta a basso contenuto di grassi.

Dieta con flatulenza

Quando tormentare la flatulenza e non significa aiutare, è necessario intraprendere un'azione decisiva. La dieta con flatulenza aiuterà a sbarazzarsi degli aspetti negativi associati agli effetti del mangiare. Una dieta equilibrata, cibi accuratamente selezionati e una stretta osservanza delle regole del mangiare aiuteranno a garantire che questo spiacevole sintomo non ti tormenti a lungo.

Dieta per flatulenza intestinale

Se c'è un desiderio costante di eliminare completamente il problema, è necessario conoscere alcune regole che sono sicure di aiutare a fronteggiare la flatulenza e rendere lo stomaco più calmo. La dieta per flatulenza intestinale implica quanto segue:

  • Rifiuto completo di bevande piccanti, fritte e gassate. Salse e ketchup sono anche meglio per il momento.
  • Ogni giorno dovrebbe bere almeno 2 litri di liquido.
  • Legumi, noci, uva, banane, paste fresche, pane bianco, cavolo dovrebbero essere ospiti rari sul tavolo.
  • Pasti divisi per sei volte. Ciò ridurrà l'effetto sullo stomaco e consentirà all'intestino di affrontare meglio il processo di trasformazione del cibo e di ridurre la formazione di gas.
  • Qualunque prodotto sia selezionato per il consumo, deve essere adeguatamente preparato. La dieta per flatulenza intestinale coinvolge tre modi principali di cottura: stufatura senza olio, trattamento a vapore e cottura.
  • Consumare il cibo, va ricordato che la sua ricezione è raccomandata in una forma calda.
  • Sulle bevande alcoliche dovrà dimenticare per un lungo periodo, in particolare per quanto riguarda la birra e il vino.

Una dieta abbastanza semplice con flatulenza intestinale dai primi giorni inizierà ad esercitare i suoi effetti benefici. A poco a poco, l'intestino tornerà sicuramente alla normalità e regole così severe non dovranno più essere seguite.

Dieta con flatulenza adulta

Persone adulte con un'abbondanza di tentazioni, è abbastanza difficile rifiutare il consumo di cibo gustoso, ma non salutare. Anche se, se consideriamo in modo più dettagliato i prodotti che la dieta non include negli adulti per flatulenza, puoi sicuramente trovare il tuo prodotto preferito, che può diventare un punto fermo sul tavolo, durante un periodo di stretta aderenza alla dieta.

Il menu consigliato si basa su coniglio, tacchino, pollo, carne magra e vitello, torte salate, uova alla coque bollite e omelette, zuppe magre, pesce magro, barbabietole, zucche, carote, melograni, prugne, verdure, tutti i latticini, albicocche, succhi naturali, caffè, tè, cereali, cracker a base di pane di segale. Combinandoli in vari modi, puoi creare una dieta eccellente. In questo caso, una dieta con flatulenza negli adulti non sembra magra e non gustosa.

Dieta con IBS con flatulenza

Per le persone con la sindrome dell'intestino irritabile, il problema nutrizionale è particolarmente rilevante. E se, sullo sfondo di questo processo, c'è anche la flatulenza, allora dovrebbero essere seguite regole speciali. La dieta con IBS con flatulenza deve essere principalmente bilanciata e includere un ampio elenco di piatti che possono essere consumati in piccole quantità per facilitare il carico sull'intestino.

La dieta di IBS con flatulenza include un gran numero di cereali che devono essere ben cotti. La zuppa krupyan è altamente raccomandata, a causa della completa ebollizione della grana, si forma una consistenza che avvolge le pareti intestinali e non gli permette di essere irritato. E grazie all'abbondanza di fibre vegetali facilita il movimento del cibo attraverso l'esofago.

Le verdure sono consigliate in umido e lessate, meno spesso crude. Nella maggior parte dei casi, gli acidi contenuti in essi irritano le pareti intestinali, causando ulteriore disagio e formazione di gas. Aglio, cipolle, peperoni dolci e ravanelli, è meglio eliminare completamente dalla dieta. Tutti i tuoi pomodori e cetrioli preferiti, devi consumare abbastanza raramente, in modo da non provocare un peggioramento.

Il latte intero dovrebbe essere completamente escluso dalla dieta. Non vale la pena di parlare del danno che i cibi fritti causeranno, poiché l'intestino reagirà immediatamente a loro. La dieta con IBS con flatulenza è molto semplice e la sua conformità salverà da molti punti negativi.

Dieta per flatulenza e gonfiore

Un problema così delicato come flatulenza e gonfiore si risolve non solo con l'aiuto di compresse. Seguendo le semplici regole della nutrizione, puoi mantenere lo stomaco in pace per lungo tempo. L'opzione ideale per risolvere il problema sarebbe una dieta con flatulenza e gonfiore. Non è molto diverso dagli standard nutrizionali di cui sopra. L'unica cosa da aggiungere sono le tisane, che contribuiscono alla rimozione dei gas in eccesso. I tè a base di camomilla, menta piperita e iperico alleviano la flatulenza e rimuovono i gas in eccesso senza problemi.

Dieta per costipazione e flatulenza

Flatulenza sullo sfondo della stitichezza, un fenomeno molto comune. Soffre ogni quarta persona sul pianeta. La dieta per stitichezza e flatulenza comprende cereali, verdure al vapore, oli vegetali e cracker di segale. A causa dell'abbondanza di fibre, l'intestino inizierà a lavorare più attivamente e rimuovere i gas in eccesso. Ciò avrà un effetto positivo sulla condizione generale e la stitichezza smetterà di torturare.

Quando si manifesta flatulenza, un'alimentazione corretta ed equilibrata aiuterà a risolvere il problema ea liberarsi da sensazioni spiacevoli per lungo tempo.

Trattamento della sindrome dell'intestino irritabile con flatulenza

Sindrome dell'intestino irritabile - una malattia caratterizzata da disturbi funzionali del sistema digestivo umano. Gli specialisti in gastroenterologia sostengono che la malattia è una conseguenza di un sovraccarico psico-emotivo, stress, shock. Il trattamento farmacologico completo è spesso accompagnato da una visita a uno psicoterapeuta al fine di migliorare lo stato emotivo del paziente. La sindrome dell'intestino irritabile (abbreviata come IBS) non influisce sull'organo digestivo stesso, ma è caratterizzata da menomazioni nella digestione completa del cibo consumato. La malattia è caratterizzata da un lungo percorso (oltre tre mesi) con esacerbazioni periodiche, miglioramenti. A seconda delle caratteristiche individuali di una persona, l'IBS è accompagnata da diarrea, stitichezza, flatulenza (gonfiore). La terapia di una sindrome diversa, dipende dai sintomi accompagnatori. Considerare i principali metodi di trattamento della sindrome dell'intestino irritabile, compresi quelli complicati dalla flatulenza.

Fattori della sindrome

La causa alla base dell'insorgenza di disturbi funzionali dell'apparato digerente non esiste. Fonti ufficiali indicano alcuni fattori che influenzano lo sviluppo della sindrome dell'intestino irritabile.

Sempre più spesso, le persone moderne soffrono di varie malattie associate al tratto gastrointestinale, le cui principali cause sono lo stile di vita sedentario, scarsa ereditarietà

Il posto iniziale è occupato da tensione emotiva, stress, instabilità mentale. Le persone sono vulnerabili, suscettibili, che provano sciocchezze soggette a IBS è molto più probabile che si calmino, personalità equilibrate. La minima instabilità mentale influisce sul processo di digestione, offrendo molto disagio a una persona malata.

A causa della natura emotiva delle donne, sono 2-4 volte più probabilità di soffrire di IBS.

Altri fattori nello sviluppo della malattia:

  • aumento dell'attività dei muscoli dell'apparato digerente. La contrazione delle pareti dell'intestino tenue e crasso contribuisce al passaggio del cibo, ma un'attività eccessiva provoca dolore, disagio;
  • gli effetti delle lesioni infettive, batteriche, virali del tratto gastrointestinale;
  • prendendo farmaci antibatterici sistemici. Gli antibiotici "uccidono" allo stesso tempo batteri patogeni e sani. L'assenza di lacto-bifidobatteri nell'intestino porta ad indigestione acuta e allo sviluppo di dysbacteriosis. Il mancato equilibrio della microflora è irto di feci alterate, nausea, vomito, lesioni cutanee. La disbiosi prolungata si trasforma nella sindrome dell'intestino irritabile;
  • intolleranza alimentare;

Manifestazioni di disturbi digestivi funzionali

La sindrome dell'intestino irritabile si fa sentire da un prolungato disagio, dolore addominale e feci alterate. Il paziente sta vivendo un disagio mentale e fisico, diminuisce le prestazioni, peggiora il sonno, compare la depressione. Una visita tempestiva a un gastroenterologo, un trattamento complesso di IBS aiuterà a far fronte alla condizione.

Come riconoscere la malattia:

  • dolore, coliche, crampi addominali di localizzazione incerta. Nella maggior parte dei casi, i sintomi si autoestinguono e passano. Il sollievo si osserva dopo aver svuotato le viscere, liberandosi dei gas accumulati;
  • flatulenza spesso fastidiosa causata da processi di fermentazione nel tratto gastrointestinale. L'accumulo di gas causa la distensione delle pareti dell'organo digestivo, coliche, brontolii;
  • cambiare la natura della defecazione. A seconda delle caratteristiche individuali dell'organismo, la malattia è accompagnata da difficoltà nella defecazione o disturbi frequenti. La stitichezza è caratterizzata da uno sgabello ritardato per più di 3 giorni, con una forma dura e granulare di feci. Diarrea: feci liquide e schiumose con odore acido e putrido. Il processo di defecazione è accompagnato dal rilascio di muco dal retto, una sensazione di svuotamento incompleto;
Disturbi psicologici portano a ipersensibilità della mucosa intestinale, diventa vulnerabile a varie influenze
  • urgente bisogno di defecare - una caratteristica della sindrome dell'intestino irritabile. Il paziente ha bisogno di un accesso immediato al bagno. Sensazione di feci di incontinenza prontamente cercano modi per visitare il bagno. Gli impulsi obbligatori si verificano al mattino, spesso durante la colazione;
  • il paziente lamenta mancanza di appetito, nausea, saturazione del fast food. Eruttazioni preoccupanti, bruciore di stomaco, mal di testa. Apatia, aumento della fatica, depressione aggravano il decorso della malattia.

La durata, l'intensità dei sintomi nella sindrome dell'intestino irritabile dipende dal singolo paziente, dalle condizioni di salute, dalla presenza di patologie concomitanti del tratto gastrointestinale, del fegato, della cistifellea.

La condizione acuta richiede la consultazione con un gastroenterologo, terapia farmacologica immediata.

Metodi per affrontare la malattia

Considerare come trattare l'IBS con flatulenza. La terapia della sindrome è prevalentemente conservativa, include l'uso di farmaci, dieta, l'istituzione di regime quotidiano, nutrizione, l'eliminazione di sovraccarico emotivo. Il trattamento dell'IBS è prescritto da un gastroenterologo dopo aver esaminato il paziente, valutando i risultati dei test delle feci (coprogrammi + semina per dysbacteriosis), del sangue (clinico e biochimico) e delle urine. Come diagnostica, si usa un esame ecografico degli organi addominali, la colonscopia, la rectoromanoscopia, l'irrigoscopia, si consiglia un immunogramma. L'esame strumentale è mostrato in casi avanzati per escludere patologie gravi e potenzialmente letali del tratto gastrointestinale. Una volta stabilita la conclusione, il medico prescrive il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile con flatulenza.

Come trattare l'IBS con flatulenza:

  1. Regolazione di una dieta, osservanza di un regime di giorno, un cibo. È vietato saltare i pasti, mangiare irregolarmente, fare lunghi intervalli tra un pasto e l'altro. Preferisci cibi non raffinati ricchi di fibre vegetali, vitamine, oligoelementi utili. I piatti salgono, bollire, stufare. Escludere fritto, grasso, speziato, sottaceto, affumicato. Rifiuta i prodotti che causano processi di fermentazione nel tratto gastrointestinale (cavoli, legumi (piselli, fagioli, lenticchie), verdure crude, mele, farina, broccoli, cavolfiori, funghi, carciofi, ravanelli, uva, pere, latte intero). Gli alimenti ricchi di acidi, influenzano negativamente lo stato del tratto gastrointestinale, causando un eccessivo accumulo di gas. Per escludere: succhi aspri, cioccolato, caffè, tè forte. Bevande gassate, alcool - sotto il divieto. Beva con cura succhi freschi. 2 litri di acqua pulita e pulita sono un must per la persona media. Tè, composte, succhi, decotti - bevande minori.
  2. Assunzione di farmaci che migliorano le condizioni del paziente, riduce i sintomi. La diarrea è trattata con farmaci antidiarroici, costipazione con lassativi. Gli spasmi intestinali eliminano gli antispastici. La distensione addominale è un problema frequente che preoccupa i pazienti con IBS. Farmaci basati su simeticone (sospensione, capsule) o dimeticone aiuteranno a liberarsi dalla flatulenza. Hanno un effetto adsorbente e carminativo. La formazione di gas nel tratto gastrointestinale è ridotta, le condizioni del paziente sono facilitate. Le bolle formate escono naturalmente, senza causare disagio al paziente. Efficace "Espumizan", "Zeolat", "Gascon Drop", "Simethicone", "Bobotik". Assegnare enterosorbenti (carbone attivo, farmaci con lingina, smectiti ("Sorbeks", "Polyphepan", "Smekta", "Neosmektin")). Si raccomanda ai pazienti regolarmente alle prese con gonfiore di usare Pankreoflat (una preparazione complessa contenente un enzima con un antischiuma). Le medicine nel trattamento dell'IBS sono prescritte dal medico, tenendo conto del grado della malattia, della salute del paziente.

La sindrome dell'intestino irritabile più comune con flatulenza, che si verifica sullo sfondo di bassa peristalsi e carenza di enzimi digestivi

  • Oltre al trattamento medico della sindrome dell'intestino irritabile, si raccomanda di fare passeggiate all'aria aperta, praticare sport e stabilire uno stato emotivo. Ricorda: più positivo, buon umore, sorrisi e la malattia presto si ritirerà, lasciando solo spiacevoli ricordi di te stesso.
  • Come potete vedere, il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile è complesso. Aderenza rigorosa alla dieta, ai farmaci, alla nutrizione, al regime quotidiano, allo stato psicologico - il percorso per la salute del tratto gastrointestinale.

    Trattamento di flatulenza della sindrome dell'intestino irritabile

    Curare la sindrome dell'intestino irritabile con o senza diarrea è spesso problematico, anche con lo sviluppo attivo della medicina e della farmacologia in tutto il mondo. Ad esempio, negli Stati Uniti più del 20% della popolazione totale soffre di questa patologia. Nella sindrome dell'intestino irritabile, i sintomi e il trattamento sono amministrati da un gastroenterologo, che dovrebbe essere trattato con questa malattia. Se tutte le persone hanno problemi di feci ricorrenti e di solito sanno cosa fare, allora la patologia in questione provoca una indigestione cronica estenuante, che influisce seriamente sulle prestazioni generali di una persona, sulle sue condizioni fisiche e psicologiche.

    Essenza del fenomeno

    Al suo centro, questa patologia (IBS) è un disturbo cronico intestinale con una violazione delle sue funzioni senza una ragione apparente. Questo fenomeno è accompagnato da dolore addominale, feci anormali, disagio e non sono state rilevate reazioni infiammatorie o lesioni infettive. Anche i test su sangue e feci non danno un risultato informativo.

    L'intestino irritabile può manifestarsi in persone di qualsiasi età e genere. Tuttavia, più spesso le donne soffrono di questo fenomeno (quasi 2 volte). Il picco della manifestazione della patologia si verifica all'età di 32-38 anni. Sfortunatamente, fino a 2/3 di tutte le persone colpite non vanno dal medico, cercando di far fronte a questo da soli. In linea di principio, questo problema nell'intestino porta raramente a disturbi organici, ma non può essere avviato, poiché il sistema nervoso soffre in modo significativo e il corpo non può essere lasciato in uno stato di stress permanente senza lasciare traccia.

    La patologia di un intestino irritabile come una malattia è caratterizzata da disturbi funzionali sotto forma di compromissione della motilità intestinale e suscettibilità alla sua stimolazione di natura neuroumorale o meccanica.

    In altre parole, sotto l'influenza di fattori non patogeni, l'intestino smette di rispondere adeguatamente ai segnali corrispondenti, il che viola la modalità del suo svuotamento.

    Il fenomeno in esame può svilupparsi sia nell'intestino tenue che in quello piccolo. La più comune è la sindrome dell'intestino irritabile (IBS). È in esso che si verifica la formazione di masse fecali, e quindi il disturbo della peristalsi porta a disturbi delle feci e al movimento intestinale problematico. Per la natura delle manifestazioni, la sindrome dell'intestino irritabile, come l'IBS nel suo insieme, è divisa in 3 tipi: la prevalenza del dolore addominale e la flatulenza; IBS con diarrea e IBS con stitichezza.

    Eziologia della malattia

    Le cause della sindrome dell'intestino irritabile non sono state ancora completamente chiarite. Tuttavia, le statistiche mediche e i risultati di numerosi studi forniscono un quadro generale del meccanismo eziologico più comune. La maggior parte degli esperti ritiene che la patologia più comune causa stress nervoso o sovraccarico psicologico prolungato.

    È inequivocabilmente stabilito che la sindrome appare nelle persone con maggiore eccitabilità nervosa sullo sfondo dello stress psicologico. Di norma, questo fattore prevale tra le giovani donne.

    L'effetto del fattore neurogenico assomiglia a un circolo vizioso: le situazioni stressanti causano l'IBS e il suo decorso cronico causa disturbi nervosi. Migliorano ulteriormente la manifestazione dei sintomi della patologia. Come risultato di questa reciproca influenza, spesso nascono nevrosi e psicopatie di varie varietà. La sindrome dell'intestino irritabile è raramente causata dall'esposizione ai nervi, ma se è già comparsa, lo stress può notevolmente aggravare il quadro clinico.

    Nella sindrome dell'intestino irritabile, le cause sono associate ad altri fattori endogeni ed esogeni:

    1. Aumento dell'attività dei muscoli e dei nervi dell'apparato digerente, che causa una violazione della motilità intestinale. In tali casi, non sono rilevati disturbi visibili nella struttura stenotica o nell'apparato del nervo intestinale, ma la regolazione della motilità intestinale è ancora interrotta.
    2. Sensibilità ipertrofica individuale dell'organismo al riempimento e allo stretching dell'intestino, che causa dolore con un piccolo carico sull'intestino, sebbene in altre persone siano considerati la norma.
    3. Fattore ormonale. Durante i periodi di drastici cambiamenti nell'equilibrio ormonale nel corpo, si notano segni di IBS. Nelle donne, all'inizio e alla fine delle mestruazioni, sono associate ad un aumento significativo nel livello ematico di prostaglandine.
    4. Uno dei fattori eziologici più comuni è la malnutrizione. L'effetto irritante è creato da cibi grassi con contenuto calorico eccessivo e eccesso di cibo semplice. Il rischio di patologia aumenta quando si beve caffè e tè forti, acqua minerale dolce con gas e soprattutto bevande alcoliche. Inoltre, è necessario prendere in considerazione l'intolleranza individuale al corpo di determinati prodotti.
    5. La predisposizione ereditaria diventa spesso il fattore decisivo nell'emergenza della malattia.
    6. Gli attacchi di gastroenterite possono provocare disturbi intestinali cronici, diventando il fattore scatenante per iniziare l'IBS. Un effetto simile può essere previsto dalla disbiosi.
    7. La questione di come sbarazzarsi della sindrome dell'intestino irritabile, deve essere affrontata con l'uso a lungo termine di alcuni farmaci. Gli antibiotici si distinguono soprattutto in questa direzione, che, oltre ai microrganismi patogeni, distrugge la microflora benefica, interrompendo l'equilibrio.

    Riassumendo ciò che è stato detto, è possibile caratterizzare il meccanismo eziologico di IBS come segue. Il piccolo e l'intestino crasso sono elementi del tubo digerente e il passaggio del cibo trasformato è fornito dalle funzioni contrattili dello strato muscolare delle pareti intestinali. Con il rallentamento o l'eccessiva attivazione delle contrazioni, il processo di formazione ed escrezione della massa delle feci viene disturbato e compaiono altri segni di patologia. Se la disfunzione muscolare persiste per molto tempo, allora possiamo parlare dell'aspetto della sindrome dell'intestino irritabile. Ciò causa dolore, diarrea o costipazione.

    Manifestazioni sintomatiche

    I sintomi della sindrome dell'intestino irritabile si manifestano come disordini funzionali intestinali ed extraintestinali. La prima categoria, a seconda del tipo di patologia, comprende i seguenti sintomi principali: dolore addominale, diarrea (defecazione più spesso 3 volte al giorno con una consistenza delle feci liquide) o stitichezza (defecazione meno di 3 volte a settimana). Le manifestazioni extraintestinali comprendono disturbi neurologici, vegetativi, psicopatologici e disturbi negli altri organi digestivi.

    Quando l'IBS si verifica secondo la variante con prevalenza di diarrea, si notano le seguenti caratteristiche dei sintomi. Il sintomo più caratteristico è la diarrea, che si presenta molto spesso per vari motivi. Soprattutto colpisce notevolmente l'assunzione di cibo. L'urgenza di una defecazione urgente si verifica immediatamente dopo il pranzo o durante i pasti, con il segno più intenso che appare al mattino. Una persona inizia a soffrire della cosiddetta "malattia dell'orso", quando la diarrea si manifesta rapidamente in qualsiasi stress psicologico, eccitazione emotiva e paura. Oltre alla diarrea, con lo sviluppo di IBS di questo tipo, si possono osservare altri sintomi: distensione addominale, dolore all'addome ai lati, aggravato dall'imprevisto desiderio di defecare e scomparire dopo di esso.

    La sindrome con predominanza di stitichezza, al contrario, porta a un significativo ritardo nella defecazione. Le interruzioni tra i processi possono durare più di 3 giorni. La massa fecale diventa densa, spesso assume la forma di piccole "bobine montone". Può essere rilasciata una miscela di muco biancastro o chiaro. La congestione prolungata delle feci porta al dolore lungo l'intera lunghezza del colon sotto forma di sensazioni di coliche o dolori. La stipsi cronica provoca perdita di appetito, bruciore di stomaco, nausea, sapore sgradevole in bocca.

    Infine, lo sviluppo dell'IBS nell'opzione 3, quando prevale il dolore addominale. In questo caso, una violazione della sedia sembra l'alternarsi di diarrea e stitichezza secondo uno schema imprevedibile. Il sintomo più caratteristico è il dolore addominale persistente.

    Infine, si possono distinguere i seguenti segni che caratterizzano l'IBS: dolori addominali di tipo spastico, lancinanti o doloranti, che diventano meno intensi o scompaiono del tutto dopo un movimento intestinale; violazione della sedia; l'incapacità di frenare la voglia di defecare; costante sensazione di riempire l'intestino anche dopo che sono stati svuotati; flatulenza e gonfiore; nausea; la comparsa di impurità mucose nelle feci. Questi segni differiscono nella loro durata, cioè il carattere cronico dell'intero fenomeno.

    Anomalie prolungate nel movimento intestinale portano a numerosi disturbi della localizzazione extraintestinale. È necessario annotare i sintomi più caratteristici:

    1. Disturbi neurologici e di tipo vegetativo: emicrania (si sente quasi la metà di tutti i pazienti), dolore lombare, sensazione di coma in gola, sensazione di freddo alle mani, insonnia notturna e sonnolenza durante il giorno, alitosi, dismenorrea, disuria di vario tipo, impotenza.
    2. Disturbi psicopatologici: varie fobie, depressione, attacchi di panico, ipocondria, sindrome d'ansia, isteria (tali disturbi sono osservati in quasi 2/3 dei pazienti).
    3. Disturbo di altri organi digestivi: dolore nell'ipocondrio sul lato destro, vomito, sensazione di pesantezza nell'epigastrio, segni di dispepsia non ulcerosa (osservata in quasi l'85% di tutte le vittime). Inoltre, si sviluppa spesso la sindrome della vescica irritabile.

    La mancanza di trattamento o IBS scarsamente curato porta a gravi anomalie. L'apparente sicurezza relativa alla salute è ingannevole. Gli effetti psicologici sono così grandi che possono causare gravi anomalie neurologiche. La diarrea costante esaurisce il corpo, porta alla sua disidratazione e alla lisciviazione di importanti oligoelementi. Naturalmente, l'esibizione di una persona diminuisce, appare l'insonnia.

    Metodi di rilevamento della malattia

    Nella sindrome dell'intestino irritabile, la diagnosi incontra alcune difficoltà nel differenziare la patologia. I sintomi di IBS sono simili alla manifestazione di molte altre malattie del tratto gastrointestinale. Molto spesso, la diagnosi di questo fenomeno è fatta dal metodo di eliminazione, cioè dall'esame esterno, altre malattie sono escluse dai metodi di laboratorio e strumentali.

    Direttamente secondo le analisi, non sarà possibile stabilire l'IBS in considerazione dell'assenza di cambiamenti nella composizione di sangue, urina o feci. Non c'è anche una componente infettiva. Prendendo in considerazione tali caratteristiche di patologia, i criteri per la diagnosi sono presi:

    • il disagio e i dolori ricorrenti nella sindrome dell'intestino irritabile sono di lunga durata e coincidono con un periodo di maggiore urgenza per la defecazione e cambiamenti nella natura delle feci;
    • il dolore si riduce in modo significativo o scompare dopo i movimenti intestinali;
    • i sintomi del dolore e il disagio durano almeno 5 mesi e si avvertono per almeno 3-4 giorni durante un mese durante l'intero periodo.

    È basato sulla presenza di questi criteri, la diagnosi è fatta, ma poi è necessario condurre un esame per escludere altre malattie. Quando si manifestano sintomi quali alterazione dei movimenti intestinali, feci instabili, dolore addominale, vengono eseguite le seguenti procedure diagnostiche:

    • analisi generale e biochimica di sangue e feci;
    • radiografia con l'introduzione di un mezzo di contrasto (solitamente solfato di bario);
    • endoscopia introducendo uno speciale endoscopio attraverso l'ano - il dispositivo consente di valutare visivamente le condizioni del colon e prelevare un campione per l'analisi biochimica;
    • coprogram, e se necessario rectoromanoscopy, irrigoscopy.
    • biopsia delle pareti intestinali.

    Nel condurre ricerche, si dovrebbe prima di tutto differenziare la sindrome dell'intestino irritabile (o piccola) dall'anemia da carenza di ferro, carenza di vitamina B, carenza di lattosio, malattia celiaca, formazioni tumorali.

    Dieta malattia

    Il cibo sbagliato e eccessivamente abbondante spesso provoca la sindrome in questione. Data questa circostanza, il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile inizia garantendo un'alimentazione ottimale (modalità e menu). La cosa più importante è organizzare pasti frequenti e divisi, ad eccezione degli alimenti che possono avere un impatto negativo.

    Si possono distinguere i seguenti prodotti, che sono consigliati per essere significativamente limitati, ed è meglio eliminarli del tutto. Tale influenza di prodotti è annotata:

    • stimolare la comparsa di diarrea: mele, prugne, barbabietole, alimenti ricchi di fibre;
    • aumentare flatulenza e flatulenza: legumi, pasticcini, cavoli, noci, uva;
    • contribuire alla stitichezza: cibi fritti e cibi grassi.

    Va tenuto presente che molto spesso le persone hanno un'intolleranza individuale al latte. Si consiglia di sostituire il latte intero con prodotti a base di latte fermentato (kefir, yogurt, ryazhenka). A rischio di celiachia, sono esclusi i prodotti contenenti glutine. È meglio rimuovere bevande gassate dolci e chewing gum dal consumo.

    Per ridurre il rischio di IBS, si raccomanda di seguire questi principi di ristorazione:

    • il cibo dovrebbe essere regolare, senza lunghe pause, digiuno incontrollato e eccesso di cibo;
    • Si consiglia di bere almeno 1,5-2 litri di liquido, ma privo di caffeina (è preferibile bere una tisana);
    • caffè e tè - non più di 0,5 litri al giorno;
    • dovrebbe essere escluso dall'uso di bevande con gas e bevande alcoliche;
    • Si raccomanda di introdurre una limitazione sulla frutta fresca - non più di 250-300 g al giorno;
    • I semi di lino e l'avena (sotto forma di porridge) aiutano a ridurre la formazione di gas.

    Un approccio alternativo è necessario quando si consumano cibi ricchi di fibre. Il fatto è che con la diarrea tali prodotti sono vietati come stimolanti per la diarrea. Tuttavia, nella costipazione cronica, la fibra alimentare (fibra) aiuta a lenire l'intestino irritato. I fornitori più comuni di fibra alimentare sono la crusca, i prodotti a base di pane a base di farina grossa, cereali, alcuni tipi di frutta e verdura (prugne, cavoli, zucchine, carote, barbabietole).

    È necessario distinguere i tipi di fibra (solubile e insolubile). L'alimento dietetico ha bisogno del tipo solubile, che è contenuto in avena, noci, semi, pectine. È possibile utilizzare l'opzione farmacia - polvere Nefagul.

    Principi di trattamento della patologia

    Le domande su come trattare la patologia e su come calmare l'organo irritato sono risolte in un modo complesso: ottimizzazione della nutrizione, eliminazione dell'impatto di natura psico-emotiva, ottimizzazione dello stile di vita con aumento dell'attività fisica, conduzione della terapia farmacologica. Il trattamento e le misure preventive vengono eseguite in qualsiasi tipo di IBS, ma per curare la malattia con metodi tradizionali, è necessario tenere conto delle specificità della malattia.

    Quale dovrebbe essere il trattamento?

    Con la prevalenza della diarrea, tali rimedi aiutano a curare l'IBS:

    1. Prima del pasto viene nominato un mezzo per rallentare le funzioni motorie. I più comuni farmaci per la sindrome dell'intestino irritabile: diphenoxylate, Loperamide, Imodium, Lopedium.
    2. Un effetto calmante fornisce uno strumento come Smecta.
    3. Decotti consigliati di piante medicinali: ciliegie dolci, ciliegie a bacca, bucce di melograno, ontano.
    4. I sorbenti sono in grado di ridurre la formazione di gas: Polysorb, Polyphepanum, Filtrum, Enterosgel.
    5. Medicina moderna per la sindrome dell'intestino irritabile con diarrea - Alotetron farmaco modulatore del recettore della serotinina.

    Nel caso dell'IBS con costipazione, la patologia viene trattata con l'aiuto di mezzi in grado di facilitare la defecazione e l'ammorbidimento delle feci. I farmaci più comunemente prescritti sono:

    1. Farmaci a base di piantaggine per aumentare il volume dei contenuti negli intestini: Naturolax, Mukofalk, Solgar, Metamucil, Fayberleks, Ispagol. Inoltre, vengono utilizzati prodotti a base di agar e polpa: Citrucel, Fiber, Fibercon. Tali farmaci di solito iniziano ad agire entro 9-11 ore dopo la somministrazione.
    2. L'addolcimento delle feci è fornito con preparati di lattulosio: Duphalac, Portolac, Goodluck. Loro, senza entrare nel sangue, possono cambiare la consistenza della massa fecale.
    3. Mezzi della categoria dei lassativi di tipo osmotico: Macrogol, Forlax, Lavacol, Relaxax, Expal. Questi fondi danno effetto in 2-5 ore.
    4. Farmaci lassativi lievi: Norgalaks, Guttasil, Guttalaks, Slabikal, Slabilen.
    5. Modulatori di serotina: Tegaserol, Prukaloprid.
    6. Per creare un lieve effetto lassativo, si consiglia l'acqua minerale Essentuki 17 contenente ioni di magnesio.

    Se il dolore addominale prevale nella manifestazione della sindrome dell'intestino irritabile, i farmaci seguenti vengono prescritti come terapia farmacologica:

    • farmaci antispasmodici: No-shpa, drotaverina cloridrato e anche farmaci anticolinergici: Hyoscyamine, Zamifenacin, Darifenacin;
    • bloccanti dei canali del calcio: Spasmomenon, Ditsitel;
    • mezzi per regolare la motilità intestinale - Debridat;
    • farmaci per ridurre la formazione di gas (antischiuma): Espumizan, Zeolat, Polysilan.

    Terapia sintomatica

    Con un trattamento complesso, viene eseguita la terapia dei sintomi più pronunciati che possono peggiorare le condizioni di una persona malata. Per ridurre i disturbi neurologici e psicopatologici, vengono prescritti antidepressivi. Questo effetto ha un duplice effetto: elimina il fattore etiologico psicogeno e impedisce lo sviluppo di anomalie neurogeniche come sintomo della malattia. Gli antidepressivi triciclici più comunemente usati. Riducono la sensibilità dei recettori cerebrali al dolore e normalizzano la trasmissione degli impulsi regolatori nervosi. I farmaci tradizionali sono: Amitriptilina, Imipramina, Northtriptyline. Inoltre, sono prescritti mezzi moderni: Befol, Fenelzin, Pyrazidol.

    Un ruolo importante nel processo di trattamento è assegnato al miglioramento della microflora intestinale e all'eliminazione dei segni di dysbacteriosis. Con lo sviluppo dell'IBS, i microrganismi patogeni vengono attivati ​​e vi è una carenza di lattobacilli e bifidumbatteri. La soppressione dei batteri patogeni viene effettuata dai probiotici: Enterol, Baktisuptil. Con un decorso più grave della malattia, vengono prescritti nitrofurani, fluorochinoloni, antisettici intestinali (Rifaximina). La normalizzazione del contenuto della microflora benefica è fornita da eubiotics (Linex, Bifikol) e prebiotici (Lactulose, Hilak-forte).

    Un effetto positivo si osserva quando si usano rimedi popolari sotto forma di piante medicinali. Le seguenti composizioni sono particolarmente note: olio di menta per aromaterapia; infusi e decotti di camomilla farmaceutica, corteccia di quercia, semi di cumino, radice di valeriana; infusioni contro la stitichezza della radice di liquirizia, achillea, corteccia di olivello spinoso. Nella lotta contro la diarrea, vengono utilizzate le radici del burnet, Potentilla, piantaggine, mirtillo, salvia e noce.

    L'IBS è un fenomeno comune a cui le persone non hanno sempre un atteggiamento adeguato. Per escludere anomalie neurologiche e altre complicazioni, questa patologia deve essere trattata con metodi efficaci.

    Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una condizione in cui il tubo digerente non è in grado di elaborare efficacemente i nutrienti dall'esterno. In parallelo, ci può essere flatulenza, che esacerba solo il quadro clinico.

    L'IBS non deve essere considerato come una malattia separata: la sindrome è posizionata come un fallimento (disturbo funzionale) nel lavoro del tratto gastrointestinale. La distensione addominale e la disfunzione intestinale sono una conseguenza della maggiore concentrazione di gas nel canale alimentare e della sovrapressione della microflora sulle pareti dell'organo, che ha causato il suo allungamento e il deterioramento della capacità di assorbimento nel sangue.

    Nel 95% dei casi, la sindrome dell'intestino irritabile si sviluppa sullo sfondo di stress e sovraccarico nervoso. I dipartimenti cerebrali iniziano a inviare i comandi sbagliati al canale digestivo, che in risposta segnala erroneamente i processi vitali nel tratto digestivo. Un tale fallimento nella sincronizzazione è irto di motilità intestinale compromessa. Minor disagio nel canale alimentare porta a forti dolori.

    Ci sono anche fattori alternativi che provocano lo sviluppo della sindrome dell'intestino irritabile con il meteorismo:

    • alimentazione scorretta (modalità) nutrizione;
    • gozzo;
    • infezioni intestinali;
    • predisposizione genetica;
    • insufficiente attività motoria;
    • eccesso di microflora intestinale;
    • disturbi ormonali (durante le mestruazioni e durante la gravidanza).
    • abuso di cattive abitudini.

    È importante! Gli uomini sono meno probabili (40%) suscettibili alla sindrome dell'intestino irritabile rispetto alle donne: le donne hanno un livello più alto di emotività.

    A rischio sono le persone nella fascia di età da 30 a 45 anni. I pensionati soffrono di IBS in meno.

    Manifestazione di disturbi digestivi di natura funzionale

    La sindrome dell'intestino irritabile è accompagnata da grave disagio nel tratto digestivo, che può durare a lungo. L'aumento della formazione di gas, provocata dai processi di fermentazione, è irto di allungamento delle pareti intestinali, che aumenta significativamente l'elenco dei possibili sintomi, tra cui:

    1. violazione della sedia (stitichezza, diarrea, defecazione con muco);
    2. improvvisa voglia di sgabello;
    3. colica, dolore nel canale digerente, crampi nella regione addominale di posizione incerta;
    4. nausea, mancanza di appetito;
    5. apatia, debolezza generale, depressione.

    È importante! L'intensità, il periodo di manifestazione dei sintomi di IBS è determinata dalle caratteristiche individuali del corpo del paziente, dalla presenza di disturbi concomitanti del tratto gastrointestinale e dallo stato di salute.

    Diagnosi e trattamento

    I medici non possono garantire una liberazione completa dalla sindrome: la scienza non ha determinato tutte le sfumature e sottigliezze del meccanismo di sviluppo IBS. Solo nel 30% dei casi è possibile ripristinare la funzione dell'intestino e, nel resto, ridurre i sintomi dello stato di disagio.

    Il gastroenterologo è tenuto a identificare la causa esatta del sintomo prescrivendo un esame completo del paziente, che include:

    • urina e feci;
    • semina su dysbacteriosis;
    • cologoscopia (analisi della superficie interna del colon);
    • irrigoscopia (radiografia del colon);
    • rectoromanoscopy (esame visivo della mucosa del colon);
    • immunogramma (controllo dello stato del sistema immunitario).

    Nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile con flatulenza si raccomanda di utilizzare un approccio sistematico. È importante non solo la terapia farmacologica, ma anche l'aggiustamento della dieta, l'attività fisica, il cambiamento delle modalità del giorno, la normalizzazione dello stato psico-emotivo del paziente.

    farmaci

    Dopo la diagnosi, un gastroenterologo (a seconda del quadro clinico) prescrive un paziente:

    1. antischiuma - "Zeolat", "Meteospasmin", "Polysilan" (efficace nel combattere l'aumento della formazione di gas, la loro azione è volta a rimuovere l'aria in eccesso in modo naturale);
    2. antispastici - "Duspatalin", "Neobutin" (eliminare gli spasmi muscolari nell'intestino);
    3. lassativi - Gutalax, Regulaks (volto a pulire l'intestino);
    4. tranquillanti, antidepressivi - Buspicon, Afobazol, Paroxetine (farmaci con effetto sedativo):
    5. sedativi di origine vegetale - "Domiplant", "Novo-Passit".

    È importante! Non è consigliato auto-medicare. Le medicine hanno una vasta gamma di controindicazioni ed effetti collaterali che possono seriamente danneggiare la salute. Assegnare un corso ottimale di terapia farmacologica può essere solo un medico.

    I pazienti che soffrono di distensione addominale e sindrome dell'intestino irritabile, dovrebbero razionalizzare seriamente il sistema alimentare, che fornisce un equilibrio di prodotti e la correzione della modalità di assunzione di cibo. È raccomandato in piccole porzioni 5-6 volte al giorno. Uscendo da dietro il tavolo da pranzo, una persona dovrebbe provare una leggera sensazione di fame.

    Per la diarrea, si raccomanda di abbandonare per ora verdure, frutta, prodotti integrali e latticini, caffè e cioccolato.

    Quando la stitichezza è importante per eliminare cibi salati e grassi.

    I legumi e le bevande gassate contribuiscono ad aumentare la formazione di gas.

    Tra i nutrizionisti c'è un'opinione secondo cui è possibile migliorare il lavoro del tubo digerente, se si arricchisce la dieta con fibre vegetali. Ma non tutti gli esperti concordano con questo punto di vista: questi ultimi sono fiduciosi che nella sindrome dell'intestino irritabile, le verdure e il porridge di cereali non faranno altro che peggiorare lo stato di salute. Ma abbandonare completamente la cellulosa e la fibra non dovrebbe essere (sono un potente strumento nella prevenzione delle malattie dell'apparato digerente).

    L'esperto ti aiuterà a scegliere la dieta ottimale: lo scopo della dieta è individuale, a seconda dello stato di salute e delle caratteristiche individuali dell'organismo.

    Ricette della medicina tradizionale

    La medicina di erbe affronta con successo la sindrome dell'intestino irritabile, accompagnata da flatulenza. I guaritori consigliarono di prendere:

    • decotti di quercia e camomilla;
    • tè alla menta;
    • pozioni a base di foglie di achillea e corteccia di olivello spinoso;
    • infusi da semi di cumino, aneto, finocchio;
    • decotti di foglie di burnet e piantaggine.

    È importante! Con l'aumento della formazione di gas, si consiglia di aggiungere zenzero e cannella al cibo.

    alternative

    Nel trattamento dell'IBS e della flatulenza, lo sforzo fisico è di grande aiuto, ha un effetto benefico sullo stato psico-emotivo e migliora la funzione della motilità intestinale. Gli esercizi sono selezionati su base individuale, a seconda del quadro clinico della malattia. Corsi consigliati su attrezzatura sportiva, non superfluo per iscriversi alla sezione nuoto.

    Le statistiche mostrano che il 50% dei pazienti che fanno esercizi mattutini quotidiani si sente meglio.

    Ha senso rivedere la routine quotidiana per regolare l'equilibrio ottimale del tempo trascorso sul lavoro e il riposo.

    Se l'IBS è causato da una situazione stressante, i programmi di auto-allenamento e di rilassamento sono usati come metodi di trattamento ausiliari.

    Nella sindrome dell'intestino irritabile non è necessario attenersi al riposo a letto: può aggravare lo stato mentale del paziente.

    prevenzione

    Per ridurre al minimo il rischio di sindrome dell'intestino irritabile e l'aumento della formazione di gas, si raccomanda di seguire i principi di una corretta alimentazione, di esercitare sistematicamente e almeno due volte l'anno essere esaminati da un gastroenterologo. I fattori che influenzano negativamente il sistema nervoso dovrebbero essere evitati: uno squilibrio nell'equilibrio dei mediatori del sistema nervoso centrale (brodikinin, somatostatina, serotonina) crea condizioni favorevoli per la disfunzione intestinale.

    La sindrome dell'intestino irritabile è una condizione definita come una malattia funzionale dell'intestino che ha un carattere biopsicosociale. La base della manifestazione di questa malattia è l'interazione di due meccanismi diversi.

    Questa è una disfunzione psicosociale e sensomotoria, caratterizzata da problemi con l'attività motoria e la sensibilità viscerale dell'intestino. Per garantire il trattamento qualitativo di questa condizione, è necessario un approccio speciale alla diagnosi, alla diagnosi differenziale e alla fornitura del corretto corso di trattamento della malattia.

    Quindi, la sindrome dell'intestino irritabile non è una malattia, ma è una sindrome - un complesso di sintomi caratteristici del disturbo funzionale di questa sezione del tratto gastrointestinale. Disturbano una persona per più di un mese. I pazienti lamentano dolori addominali, difficoltà con la defecazione, stitichezza, diarrea, muco nelle feci, flatulenza.

    Perché si verifica la sindrome dell'intestino irritabile, e che cos'è? I disturbi del sistema gastrointestinale in IBS non sono una malattia indipendente. Se l'intestino è irritato, i motivi si trovano in vari disturbi funzionali del sistema digestivo.

    In caso di ricaduta o di rinnovamento di una condizione patologica simile a un intestino irritabile, che è già stato trattato, potrebbero esserci relazioni causali completamente diverse del disturbo degli organi digestivi.

    Per lo sviluppo di questa sindrome spesso predispongono:

    • stress frequente;
    • abuso fisico o sessuale;
    • infezioni intestinali;
    • predisposizione genetica.

    Il picco di incidenza della sindrome dell'intestino irritabile ricade sulla parte giovane della popolazione di 24-40 anni, sebbene vi siano frequenti casi di manifestazioni di patologia nell'adolescenza o persino nell'infanzia. Ci sono altre due donne con IBS rispetto agli uomini.

    Sintomi dell'intestino irritabile

    La sindrome dell'intestino irritabile può avere tre tipi di sintomi: con una prevalenza di disturbi del dolore addominale e aumento della formazione di gas, con una predominanza di stitichezza, con una predominanza di feci molli. Allo stesso tempo, nella maggior parte dei pazienti, i sintomi dell'IBS possono manifestarsi in varie combinazioni e cambiare nel tempo.

    Di conseguenza, questa gradazione è piuttosto condizionata. Le caratteristiche della patologia includono: a lungo termine, non progredendo nel tempo, il decorso della malattia, una varietà di manifestazioni, variabilità dei sintomi, il rapporto tra deterioramento della salute e situazioni stressanti, nonché errori nella dieta.

    I principali sintomi della sindrome dell'intestino irritabile negli adulti:

    1. Crampi addominali e dolore che vanno via dopo le feci. La natura del dolore è errante, il paziente non può determinare con precisione il luogo della sua localizzazione.
    2. Stitichezza (feci meno di tre volte a settimana) o diarrea (feci più di tre volte al giorno), in alcuni casi, queste condizioni possono alternarsi.
    3. Formazione eccessiva di gas (flatulenza).
    4. Gonfiore e distensione addominale.
    5. Spinta improvvisa e intensa per defecare.
    6. Sensazione di movimenti intestinali incompleti dopo le feci.
    7. L'aspetto del muco nelle feci.

    Tutti questi segni possono essere combinati tra loro. Ad esempio, la sindrome dell'intestino irritabile, accompagnata da diarrea, viene spesso sostituita dalla stitichezza e viceversa. I sintomi di solito preoccupano una persona più di tre mesi all'anno.

    A causa del fatto che la malattia si verifica sullo sfondo di shock emotivo, mal di testa, debolezza, dolore cardiaco, mal di schiena, perdita di sonno, minzione dolorosa, ecc, sono spesso associati ai sintomi sopra.Alcune patologie, come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn, possono essere mascherate sotto la sindrome dell'intestino irritabile, quindi senza una diagnosi differenziale non è sufficiente.

    Ci sono quattro possibili opzioni per la sindrome dell'intestino irritabile:

    • sindrome dell'intestino irritabile con stitichezza (feci solide o frammentate in> 25%, feci molli o acquose nel 25%, feci solide o frammentate in> 25%);
    • forma mista di sindrome dell'intestino irritabile (feci dure o frammentate in> 25%, feci sciolte o acquose in> 25% di tutti i movimenti intestinali);
    • Forma indeterminata della sindrome dell'intestino irritabile (alterazioni insufficienti della consistenza delle feci per stabilire una diagnosi di sindrome dell'intestino irritabile con stitichezza, diarrea o una forma mista della malattia).

    Molto spesso, i segni di irritazione intestinale si verificano dopo aver mangiato, al momento dello stress, nelle donne durante le mestruazioni (o appena prima dell'inizio del sanguinamento mestruale).

    diagnostica

    Gli esperti della Fondazione di Roma hanno proposto criteri diagnostici per l'IBS: dolore o fastidio ricorrente nell'addome (apparso non meno di 6 mesi fa) almeno 3 giorni al mese negli ultimi 3 mesi, associato a 2 o più dei seguenti sintomi:

    1. Il dolore e il disagio diminuiscono dopo le feci;
    2. La comparsa di dolore e disagio coincise con un cambiamento nella frequenza delle feci;
    3. La comparsa di dolore e disagio coincise con il cambiamento della forma (aspetto) della sedia.
    4. Il disagio si riferisce a qualsiasi disagio diverso dal dolore.

    Come trattare la sindrome dell'intestino irritabile

    Questa malattia consiste in un insieme di sintomi, quindi, nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile, è necessaria una terapia complessa, che include:

    • terapia dietetica;
    • cambiamenti di stile di vita;
    • farmacoterapia;
    • psicoterapia;
    • fisioterapia;
    • massaggio (addome o generale, automassaggio);
    • esercizio terapia.

    Prima di tutto, è necessario regolare la modalità di vita, perché La causa principale della malattia è lo stress. È necessario evitare situazioni stressanti, dedicare più tempo al riposo, al sonno, alle passeggiate attive all'aria aperta. Anche la dieta per la sindrome dell'intestino irritabile è un fattore importante. La nutrizione dipende dalla forma della malattia.

    Se sei più interessato alla diarrea, dovresti escludere dalla dieta verdure crude e frutta, caffè, alcol, pane nero, aglio, fagioli. Quando flatulenza (distensione addominale) limitare l'assunzione di bevande gassate, legumi, cavoli. Se sei più preoccupato per la stitichezza, dovresti aumentare la quantità di frutta e verdura consumata, si consiglia inoltre di bere almeno 1,5 litri di liquidi al giorno. Il cibo dovrebbe essere escluso, dopo di che il disagio si verifica di solito.

    Preparati per il trattamento di IBS

    La scelta del supporto farmacologico dipende dai sintomi della sindrome dell'intestino irritabile in un particolare paziente. Il complesso medico può includere la nomina di tali farmaci:

    1. Antispasmodici, che eliminano il dolore, se provocati da ipertonia intestinale (drotaverina, pinaveria bromuro, mebeverina, ecc.).
      M-cholinolytics, riducendo lo spasmo e avendo alcuni effetti anti-inibitori (Buscopan, Belloid, Platyphylline, Riabal, Metacin, ecc.).
    2. Antidepressivi (Imipramina, Fluxetina, Citalopram). Progettato per eliminare la depressione, il dolore neuropatico e l'intestino irritabile.
    3. Prokinetics - regolatori della motilità intestinale (metoclopramide, trimedat, tegaserod, itoprid, alosetron, debridate, ecc.).
    4. Farmaci astringenti (Smecta, Tanalbin). Assegnare con esacerbazione di diarrea. Con lo stesso scopo, prendi Maalox, Almagel.
    5. Lassativi: gli antraglicosidi (preparati di senna, cofranil, ramil, regulax, tisasen, ecc. Possono creare dipendenza).
    6. Probiotici - ("Hilak-Forte", "Laktovit", "Bifiform"). Con l'aiuto di batteri benefici, gli intestini vengono regolati.

    Come trattare la sindrome dell'intestino irritabile, sviluppata sulla base di disturbi del sistema nervoso? In questo caso, gli esperti raccomandano di aumentare la resistenza allo stress attraverso un metodo di rilassamento, yoga e l'implementazione di speciali esercizi di respirazione.

    La mancanza di sonno e l'attività fisica peggiorano significativamente il decorso della malattia. Allo stesso tempo, l'abitudine formata di svuotare l'intestino al mattino dopo la colazione impedisce la stitichezza abituale. Promuove lo sgabello regolare un bicchiere di acqua fredda subito dopo il risveglio in combinazione con esercizi mattutini, in particolare gli esercizi "forbici" e "bicicletta".

    psicoterapia

    Poiché il frequente trasferimento di stress è una delle ragioni per lo sviluppo dell'IBS, si consiglia ai pazienti di evitare situazioni che causano forti disordini emotivi, cercare di non entrare in conflitti e imparare tecniche che aiutano a migliorare la propria tolleranza allo stress.

    Pertanto, i pazienti sono incoraggiati ad apprendere e praticare:

    • esercizi di respirazione;
    • l'arte della meditazione;
    • yoga;
    • Tai chi e così via.

    L'ipnoterapia riduce con successo l'effetto della mente subconscia sull'aspetto di alcuni sintomi clinici della malattia. L'allenamento psicologico con tecniche di rilassamento consente di calmare e rafforzare il sistema nervoso. Lezioni di yoga, esercizi speciali di respirazione e meditazione insegneranno un rilassamento veloce e appropriato. E l'educazione fisica e la ginnastica medica aiuteranno a rafforzare il corpo e migliorare il sistema nervoso.

    prevenzione

    Come misura preventiva per la sindrome dell'intestino irritabile, vale la pena notare la normalizzazione dell'alimentazione e dello stile di vita (dieta equilibrata, pasti regolari, prevenzione dell'inattività fisica, abuso di alcool, caffè, bevande gassate, cibi forti e grassi), mantenendo un ambiente emotivo positivo, assumendo farmaci rigorosamente indicazioni.

    La condizione dei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile, l'efficacia del trattamento e la prognosi dipendono in gran parte dalla gravità dei disturbi correlati del sistema nervoso. Nel raggiungere il recupero, è spesso cruciale superare i conflitti che causano la formazione di nevrosi in un paziente.

    La capacità lavorativa dei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile e la prognosi di questa malattia dipendono in gran parte dalla gravità dei disturbi psicofisici concomitanti.

    Pubblicazioni Sul Trattamento Delle Vene Varicose

    Ci sono pochi leucociti nel sangue - cosa significa?

    Se i test hanno mostrato pochi leucociti nel sangue, ciò significa che la causa deve essere chiarita al più presto: un basso numero di globuli bianchi indica quasi sempre lo sviluppo di gravi malattie.

    Troxevasin e Troxerutin: qual è la differenza, quale farmaco è migliore

    L'autore dell'articolo: Alexandra Burguta, ostetrica-ginecologa, laurea in medicina generale con una laurea in medicina generale.