Posso fare yoga per le vene varicose nelle mie gambe? Asana e loro tecnica

Avendo chiaramente diagnosticato le vene varicose in sé, non è necessario correre da un flebologo.

Abbastanza passo misurato per andare a un istruttore di yoga.

In primo luogo, la corsa è controindicata per le vene varicose. E, in secondo luogo, un phlebologist esperto ti consiglierà ancora di yoga.

Pertanto, l'argomento di questo articolo: yoga e vene varicose.

Posso fare yoga per le vene varicose?

Comprendendo il meccanismo di formazione delle vene varicose, è più facile per te cogliere l'essenza degli esercizi di yoga dalle vene varicose.

Il movimento del sangue attraverso le vene delle gambe si verifica contro la gravità - dal basso verso l'alto. Ci vuole molta forza per far sì che il sangue superi la gravità. A differenza delle arterie, le vene non possono contrarsi da sole, dirigendo il sangue nella giusta direzione.

Il sistema circolatorio è progettato in modo che il sangue dalle vene sottocutanee (superficie) attraverso le valvole delle vene connettenti entra nelle vene profonde. Ma le vene profonde non hanno la funzione di "innalzare il sangue al cuore".

Per questo processo, le vene richiedono forza muscolare, spremendole e spingendo il sangue fino al cuore. Con bassa attività muscolare nelle vene profonde il sangue ristagna. Il flusso di sangue è rotto. La vena safena si gonfia, si torce, formando nodi varicosi.

In entrambi i casi, i muscoli mancano di adeguata elasticità. Ad esempio, i muscoli deboli sono difficili da contrarre, resistono allo stress. Ma non ci sono problemi con lo stretching. L'allenamento di forza per le donne con muscoli deboli è una continua tortura.

I proprietari di muscoli deboli sono abbastanza flessibili, ma assolutamente resistenti fisicamente in termini di stress. Per tali donne, gli esercizi sui saldi e le posizioni in piedi saranno più efficaci.

Il compito principale dello yoga per le vene varicose - per far lavorare i muscoli per spingere il sangue fuori dalle vene, per promuoverne la circolazione. Le caratteristiche degli esercizi per questa categoria di sesso debole saranno discusse nella sezione seguente.

I proprietari di muscoli rigidi spesso non sono flessibili, ma sono fisicamente forti. Negli esercizi di yoga per loro, l'accento è posto sullo stretching dei muscoli. Sia l'allungamento che la contrazione muscolare sono componenti dell'attività muscolare di una persona.

Probabilmente hai notato che le donne sono più suscettibili a questa malattia rispetto agli uomini. Una piccola massa di muscoli provoca la deformazione delle vene.

Esiste una serie di esercizi che aiuteranno nella prevenzione delle vene varicose e nella fase iniziale della malattia - l'apparizione di piccole vene a ragno.

Negli stadi profondi della malattia, è richiesto solo un lavoro individuale con un istruttore di yoga competente (terapista yoga).

Quali sono le caratteristiche degli esercizi di yoga per i muscoli deboli?

Come precedentemente indicato, questo complesso asana si concentra sulla postura eretta e sulla postura dell'equilibrio.

Tadasana o posa in montagna - una serie di esercizi inizia con questa asana in posizione eretta. In questo esercizio, è importante non alzare la testa.

E devi assicurarti che i piedi non divergano in direzioni diverse. Quando si estende la colonna vertebrale, assicurarsi che non ci sia deflessione nella parte bassa della schiena.

Vrikshasana o la posa dell'albero è una continuazione del precedente asana. È importante osservare le seguenti regole:

  1. I piedi non stanno semplicemente sul pavimento - sono radicati.
  2. Osserva un ritmo silenzioso di respirazione.

Utthita Trikonasana richiede un'attenta familiarizzazione con la tecnica di esecuzione. Prima di procedere all'attuazione di questo asana, è necessario padroneggiare la tecnica di Tadasan.

Esercizi per muscoli rigidi

Questo complesso ha un effetto benefico sulla tensione muscolare, necessaria per la formazione dei muscoli elastici.

Virasana (postura dell'eroe) + Supt Virasana (posizione dell'eroe sdraiata)

Segui la seguente tecnica:

  1. Ci sediamo, unendoci alle ginocchia in modo che tocchino il bacino. Allo stesso tempo i piedi sono sollevati. Restiamo in questa posizione per un po '. Respira esattamente.
  2. Procediamo all'attuazione di Supt Virasana: deviare indietro, appoggiando i palmi delle mani sul pavimento. Il tuo compito è quello di sdraiarti sulla schiena il più possibile.
  3. Mantieni questa posizione per 2-3 minuti.

Urdhva Prasarita Padasana (allungando le gambe)

La tecnica consiste nei seguenti passaggi:

  1. Sdraiati sulla schiena. Le gambe devono essere sollevate, osservando l'angolo giusto.
  2. Tiriamo le calze su noi stessi. Risolvi la posa per 2-3 secondi. Poi tira via le calze da te allo stesso tempo. Ripeti più volte.
  3. Afferra i piedi, tirando su te stesso per 30-60 secondi.

Paschimottanasana (seduto inclinato verso le gambe)

tecnica di prestazioni:

  1. Sedendosi sui glutei, raddrizza le gambe. I calzini sono puntati su di te.
  2. Afferra le tue mani sulle tue ginocchia. Assicurati di non piegare la schiena.
  3. Aiutandosi con le mani, allunga gradualmente la schiena.
  4. Rilassiamo la schiena, abbassandola ai piedi. Esegui l'esercizio 30-60 secondi.
  5. Ritiriamo, alziamo la testa. Ci pieghiamo sul petto e sulla schiena, riportando la schiena alla vertebra in posizione verticale dietro la vertebra.

Lo yoga per le vene varicose è un metodo efficace per aumentare il tono muscolare. Ma vale la pena prestare attenzione al fatto che lo yoga svolge solo la funzione di prevenire le vene varicose o aiuta a rallentare la progressione della malattia.

Nei casi di forme avanzate di vene varicose dovrebbe consultare un istruttore di yoga. Ricorda che anche il metodo migliore ha le sue controindicazioni e richiede un'attenzione particolare all'applicazione.

Video utile

Il video mostra chiaramente come fare asana per le vene varicose:

Quali asana yoga sono utili per le vene varicose?

Lo yoga aiuta a migliorare la salute, migliorare la forma del corpo e accelerare il recupero del corpo. Nelle fasi iniziali delle vene varicose, allevia notevolmente la condizione e favorisce la guarigione. Scegliendo asana per la pratica, non puoi fare affidamento sul tuo intuito: la selezione sbagliata del complesso può aumentare la pesantezza delle gambe e il gonfiore.

Affinché lo yoga con le vene varicose sia efficace, è necessario osservare diverse condizioni che torneranno più facili all'andatura e alleviare il dolore.

Perché fare yoga per le vene varicose?

Le vene varicose non sono solo un problema estetico. Le vene possono essere espanse in diverse parti del corpo (esofago, retto, arti inferiori). Senza trattamento, un ridotto tono vascolare e una ridotta circolazione del sangue possono portare a complicanze: trombosi di vene superficiali e profonde, sanguinamento, ulcere trofiche ed eczema.

Il più delle volte le donne affrontano il parto dopo il parto, ma il 10-15% degli uomini soffre della malattia. I catalizzatori per lo sviluppo della malattia sono:

  • stile di vita sedentario;
  • ereditarietà;
  • l'obesità;
  • lungo in piedi sulle gambe;
  • indossare scarpe scomode (tacchi alti);
  • cibi fritti grassi che portano al blocco dei vasi sanguigni.

Con le vene varicose, è possibile e necessario allenarsi, ma è impossibile sovraccaricare le navi. La maggior parte degli esercizi di forza non sono adatti per i pazienti, come correre a ritmi veloci, varie lezioni di fitness di gruppo. Una delle migliori alternative è lo yoga, che è efficace contro le vene varicose, perché contiene un sacco di asana per la guarigione delle pareti vascolari. Possono anche essere eseguiti da donne incinte per la prevenzione della malattia.

Come fare yoga con le vene varicose?

È più sicuro impegnarsi in seduti e sdraiati, quando le gambe sono sopra il corpo. La preferenza è data alle asana invertite, in cui il bacino si trova sopra la testa. Se ci sono problemi con la pressione del sangue, è meglio rifiutare le posizioni arretrate.

La parte superiore del corpo può essere allenata con qualsiasi esercizio. Dopo le lezioni, è consigliabile sdraiarsi per cinque minuti sulla schiena con le gambe sollevate. Un semplice esercizio ridurrà il riempimento delle vene con sangue, gonfiore, tensione alle gambe.

La condizione principale per padroneggiare con successo la pratica è sistematica. La lezione di un principiante può durare 15-30 minuti. Il carico e la durata della pratica aumentano gradualmente con un occhio al benessere. Con le modifiche negative, è necessario modificare le asana.

È molto importante non solo adottare la postura desiderata, ma anche inserirla correttamente ed uscire dall'asana senza ferirsi. Pertanto, è necessario familiarizzare con la pratica e ricostruire le posizioni non tramite video a casa, ma sotto la guida rigorosa di un istruttore. Ciò vale non solo per la complessa direzione della Kundalini, ma anche per i tipi più semplici di yoga.

Che asana può essere fatto con le vene varicose?

Lo yoga è progettato per aiutare le persone a migliorare il corpo e rafforzare lo spirito. Studi tempestivi prevengono il verificarsi di vene varicose e non daranno alla malattia la possibilità di svilupparsi.

Asana per la prevenzione delle vene varicose:

  1. Viparita Karani Mudra (postura del flusso inverso, lago rovesciato o una candela piegata). Secondo i trattati classici, questo asana dà giovinezza alla mente e al corpo. Secondo la tecnica, è molto simile a un supporto sulle spalle: sdraiarsi sul pavimento, sollevare le gambe dritte e mettere le braccia piegate sui gomiti sul pavimento e sostenere le ossa pelviche con i palmi delle mani. Il peso è distribuito tra i gomiti, le spalle e la testa, e il collo e la zona lombare non sono sovraccaricati.
  2. Virasana (postura dell'eroe, guerriero). Mettiti in ginocchio e abbassa i glutei sui talloni. Separare i muscoli del piede e del polpaccio lateralmente, abbassando il bacino verso il pavimento. Metti le mani sulle ginocchia. Puoi tenere la schiena dritta o inclinata all'indietro e appoggiare la schiena sul pavimento con le braccia dietro la testa. In questa posizione, le vene vengono pizzicate se eseguite indipendentemente, ma in combinazione con le asana invertite e allungate, dopo la compressione, i vasi si espandono immediatamente. Quando c'è un forte deflusso di sangue, migliora la circolazione sanguigna.
  3. Urdhva Prasarita Padasana (postura, gambe tese). Sdraiati sulla schiena con le braccia raddrizzate dietro la testa (i palmi rivolti verso l'alto), sollevare le gambe verso l'alto di un angolo di 30 gradi. Dopo aver tenuto la posizione di 20-30 secondi, sollevare le gambe di un angolo di 60 gradi e tenere premuto per mezzo minuto. Quindi tieni le gambe dritte. Se è difficile eseguire tre pose contemporaneamente, fai una breve pausa dopo ciascuna di esse.
  4. Sarvangasana (postura di betulla). Viene eseguito come una "candela" ampiamente conosciuta dalla classe di educazione fisica. Può essere eseguito di nuovo dopo ogni asana durante la pratica per la riduzione precoce dell'edema. La posizione è simile al Viparit Karani Mudra, solo le palme hanno bisogno di riposare sulla parte bassa della schiena. Il peso corporeo cade sulle spalle e il dolore al collo è inaccettabile. Una variante complicata dell'asana è Eka Pada Sarvangasana, in cui una gamba dritta scende dietro la testa e le braccia diritte con le mani chiuse nella serratura sono poste sul pavimento dietro la schiena. Puoi anche andare ad Halasana (posizione dell'aratro), in cui entrambe le gambe dritte cadono sul pavimento, e poi i palmi delle mani vengono messi sotto le dita dei piedi.
  5. Gomukhasana per le gambe (postura della testa di una mucca). Per migliorare il flusso di sangue e linfa negli organi pelvici, sedersi sul pavimento e piegare le ginocchia (come nella posa della farfalla). Metti la gamba destra piegata a sinistra in modo che un ginocchio sia sotto l'altro. Solleva il braccio destro e piegati all'altezza del gomito, con la mano dietro la schiena tra le scapole. Metti la tua mano sinistra dietro la schiena dal basso e afferra le mani. Ripeti la posa per la gamba sinistra e il braccio. Asana può anche essere fatto sdraiato (Supta Gomukhasana): sdraiati sulla schiena e, tenendo le gambe incrociate, afferra i piedi con le mani.

Asana per il trattamento delle vene varicose:

  1. Baddha Konasana (posa di farfalle). Sedersi sul pavimento, allungare le gambe dritte di lato e piegarle alle ginocchia, unendo i piedi. Con le mani, tieni le dita dei piedi e avvicina i piedi al bacino. Idealmente, le ginocchia dovrebbero toccare il pavimento ei talloni dovrebbero toccare il perineo.
  2. Janu Shirshasana (postura della testa al ginocchio). Sedersi sul pavimento e allungare le gambe dritte in avanti. Allontanare la gamba sinistra, piegarla nel ginocchio (non toglierlo dal pavimento) e premere il piede nella parte interna della coscia destra. Piegarsi in avanti verso la gamba destra, senza arrotondare la schiena. Afferra le dita dei piedi con la mano destra e il tallone con la mano sinistra. Riattivazione per la gamba sinistra.
  3. Supta Padangusthasana (presa del pollice). Stenditi sul pavimento, tira la gamba destra piegata verso il petto e prendi il pollice con la mano destra. Solleva la gamba e tirala verso di te. Portala di lato, senza cambiare la posizione del corpo. Fai un esercizio simile per l'altra gamba.
  4. Bhekasana (posa della rana). Sdraiati sullo stomaco, solleva il corpo e appoggia le mani sul pavimento di fronte a te (Bhujangasana, posa del cobra). Piegare la gamba destra al ginocchio e tirare il piede sul gluteo. Con la mano destra, spingere verso il basso all'esterno del piede (le dita puntano in avanti), spostandolo dal gluteo a destra verso l'esterno della coscia. Ripeti per la seconda tappa.
  5. Eka Pada Adho Mukha Shvanasana (cane in posa con una gamba sollevata). Appoggia le gambe all'altezza delle spalle e inclinati in avanti, con i palmi appoggiati sul pavimento. Muovi le braccia il più lontano possibile dai piedi, lasciando i talloni premuti sul pavimento. Sollevare la gamba destra diritta, senza piegare il secondo nel ginocchio. Fai lo stesso movimento con un'enfasi sul piede sinistro.

Come eseguire le asana per la varicosità?

I principianti possono fare sei asana in una lezione. Ciascuno dovrebbe avere cinque cicli di respirazione (inspirazione-espirazione). Se lo si desidera, è possibile ripetere semplici asana 3-4 volte. Durante la pratica, non si dovrebbe essere distratti da fattori estranei: tutta l'attenzione è concentrata solo su quei muscoli che dovrebbero essere tesi al momento. I restanti muscoli devono rilassarsi.

Fai senza sforzo, altrimenti lo stato del corpo è vicino allo stress e l'adrenalina viene rilasciata nel sangue. L'ormone restringe le vene, le arterie e carica il cuore. Allo stesso modo, forti inalazioni ed esalazioni agiscono su vasi periferici.

La contrazione muscolare dovrebbe verificarsi mentre si inala, mentre il rilassamento dovrebbe essere espiratorio. Sincronizzare il cambiamento della posizione del corpo con la respirazione regola il processo di ritorno del sangue attraverso le vene. Pratiche speciali di pranayama aiuteranno a imparare la respirazione naturale.

Uno di questi è Nadi Shodhana:

  1. posizionare l'indice e il medio destro tra le sopracciglia e il pollice e senza anelli - sulle narici;
  2. premere la narice con un dito e fare 5 cicli di respirazione profonda attraverso la narice libera;
  3. Ripeti per il secondo lato.

Quali asana sono pericolosi per le vene varicose?

Con le vene varicose non si può accovacciarsi in profondità, fare la postura con la torsione, farsi coinvolgere nell'addestramento dei muscoli addominali. Le navi ricevono il carico maggiore durante un allenamento stando in piedi, quindi le asana in questa posizione dovrebbero essere eliminate o ridotte al minimo. È permesso fare solo gli esercizi in cui le gambe non si piegano.

Le meditazioni sedute immobili e qualsiasi fissazione posturale lunga rallentano la circolazione sanguigna. Questo è il motivo per cui puoi essere in una posizione per non più di cinque minuti. Scegli correttamente il complesso tenendo conto delle controindicazioni e dell'estensione della malattia, sarai aiutato da un terapista yoga, un flebologo.

Come mangiare con le vene varicose

Per praticare lo yoga, è consigliabile, ma non necessario, essere vegetariano. Il corpo percepirà positivamente i cambiamenti solo se il rifiuto della carne sarà intenzionale. Considera che le proteine ​​sono essenziali per le navi. Con la sua carenza, le loro pareti e tutto il corpo si indeboliscono.

Se consumi un po 'di cibo proteico, prendi nutrizione sportiva - miscela di proteine. Mangiate regolarmente cibi ricchi di magnesio: semi di zucca, crusca di frumento, sesamo, noci, grano saraceno, farina d'avena, albicocche secche, datteri. I medici consigliano ai pazienti con vene varicose di bere 1.5-2 litri di acqua pura al giorno e ridurre l'assunzione di sale.

Oltre ai cibi piccanti e fritti, ai dolci e ai muffin, anche il sedano è vietato, il che aumenta la coagulazione del sangue. Per lo stesso motivo, non puoi bere tè di salice. Potere peggioramento può e cicoria, vasi rilassanti.

Se al lavoro devi stare o stare seduto a lungo, allora l'effetto dello sforzo fisico sarà meno pronunciato. Negli stadi avanzati non si dovrebbero riporre grandi speranze nello yoga: solo un approccio integrato risolverà il problema, la giusta dieta e l'uso di preparazioni speciali per le vene varicose. Combinando lo yoga con la terapia tradizionale, otterrai i risultati massimi nel più breve tempo possibile.

Yoga per la prevenzione e il trattamento delle vene varicose: video asana complessi

Le vene varicose sono una malattia cronica diffusa nel mondo moderno.

Questo disturbo può colpire vari organi di una persona, ma molto spesso le gambe ne soffrono.

La metà più debole dell'umanità è più sensibile alle vene varicose (il 20-25% delle donne soffre di questa malattia).

Sintomi e cause della malattia

Le vene varicose degli arti inferiori si manifestano con la comparsa dei seguenti sintomi:

  • pesantezza, bruciore e dolore alle gambe;
  • gonfiore regolare dei tessuti molli delle gambe;
  • l'aspetto delle vene dei ragni;
  • visibile attraverso la pelle, l'espansione di vasi con protuberanze a forma di borsa di varie forme;
  • decolorazione della pelle, comparsa di macchie senili.

Per comprendere le cause della malattia, è necessario comprendere il principio del sistema venoso. Normalmente, il sangue, saturo di scorie corporee, sale attraverso le vene delle gambe dal basso verso l'alto.

Il suo movimento nella direzione opposta è limitato dalle valvole all'interno dei vasi. Il movimento del sangue nella direzione opposta alla forza di gravità è fornito dalla pressione del sistema arterioso, nonché dal lavoro dei muscoli lungo il vaso venoso.

La forza della pressione arteriosa ha scarso effetto sulla circolazione venosa. Il più grande ruolo nel movimento del sangue verso il cuore è fornito dai muscoli che svolgono la funzione di pompe.

I muscoli, tesi quando si cammina e altre attività motorie, spremono e rilasciano le vene, aiutando questo movimento del sangue nella giusta direzione. Con insufficiente sforzo fisico sui muscoli delle gambe, la loro normale funzionalità è disturbata.

Allo stesso tempo, diventano deboli e letargici, o sono costantemente tesi e sperimentano spasmi regolari. In entrambi i casi, c'è un effetto negativo sull'elasticità delle vene e sul funzionamento delle valvole vascolari, che porta al ristagno del sangue venoso e allo stiramento delle pareti dei vasi.

L'attività motoria è un fattore importante.

Le vene varicose sono considerate una malattia professionale delle persone la cui attività è connessa con l'essere in una posizione alla volta. Questi includono la maggior parte del personale dell'ufficio, che conduce uno stile di vita sedentario.

Quando le ginocchia sono costantemente piegate, le vene vengono compresse, il che porta ad un alterato deflusso dagli arti inferiori.

Un effetto costante nella posizione eretta ha anche un effetto negativo sulla condizione delle vene. Questo vale per venditori, parrucchieri e chirurghi. Le valvole delle vene sperimentano una pressione aumentata costante del flusso sanguigno verticale.

Entrambi i gruppi di occupazioni sono la causa dell'inattività fisica, in cui vi è un indebolimento dei muscoli e la loro atrofia parziale. E, come detto sopra, lo stato dei muscoli ha un impatto significativo sul lavoro del sistema venoso del corpo.

Pertanto, per prevenire lo sviluppo delle vene varicose, è necessario fare pause regolari durante le quali è necessario camminare o passare dal tallone alla punta e ruotare i piedi.

Gli sport di potenza in questo caso non sono adatti, possono solo aggravare la condizione delle vene. I tipi ideali di stress per la prevenzione e il trattamento delle vene varicose sono il ballo, il ciclismo, il nuoto e, naturalmente, lo yoga.

Pratica dello yoga

Lo yoga è un modo efficace per prevenire le vene varicose, poiché quando si eseguono gli esercizi serali aiuta ad alleviare la fatica e lo sforzo alle gambe.

Inoltre, le prestazioni delle asana, a condizione che siano selezionate correttamente, contribuiranno ad alleviare significativamente le condizioni di una malattia esistente.

Il complesso di esercizi è selezionato individualmente a seconda delle condizioni dei muscoli. Con muscoli flaccidi e indeboliti, le asana vengono eseguite, contribuendo al loro rafforzamento e tonificazione.

Solitamente non è necessario allungare in questo caso, sono utili le posizioni di forza, così come varie asana eseguite da una posizione eretta.

Per i muscoli rigidi eccessivamente allenati, l'accento dovrebbe essere posto sullo stretching. Quando si seleziona una serie di esercizi, si dovrebbe tenere presente che per i muscoli rigidi, le asana con fissazione a lungo termine in una posizione non sono raccomandate.

Utili in questo caso saranno esercizi dinamici e asana invertite. Le posizioni sedute sono consentite, a condizione che i supporti siano utilizzati per alleviare il bloccaggio della vena.

Baddha konasana o "posa di farfalle"

Questo asana allunga bene i muscoli delle gambe e migliora la circolazione sanguigna.

  1. Sedendosi sul pavimento, piega le ginocchia e tira i piedi chiusi verso il perineo.
  2. Abbassare i fianchi il più in basso possibile, cercando di toccare le ginocchia sul pavimento. Fermati mentre devi cercare di alzarti.
  3. Mantieni questa posizione per circa 1 minuto. A poco a poco, il tempo di asana aumenta.
  4. Per facilitare l'esecuzione di questa postura, puoi mettere una coperta sotto il bacino. Se è difficile mantenere una schiena dritta, si raccomanda di eseguire un'asana stando seduti contro un muro.

Bhekasana o "posa della rana"

Questo asana aiuta a migliorare lo stretching delle gambe.

  1. Steso sullo stomaco, allunga le braccia all'indietro.
  2. Mentre espiri, piega le ginocchia e, afferrando la pianta delle tue mani, premile contro il bacino.
  3. Mantenere questa posizione per 2 cicli respiratori.
  4. Assicurarsi che i piedi siano paralleli al pavimento, che il polso sia rivolto verso il retro e che le dita siano rivolte verso la testa.
  5. Premendo le gambe con le mani, cerca di comprimerle sul pavimento. Tirare la parte superiore della testa verso l'alto.
  6. Tieni l'asana per 30 secondi, mantenendo il respiro uniforme.

Viparita Karani o "Betulla"

Questa posizione allunga bene la parte posteriore delle gambe e allevia la fatica.

  1. Sdraiato sulla schiena, solleva le gambe in posizione verticale.
  2. Tieni le gambe dietro la testa per sollevare il bacino dal pavimento.
  3. Posiziona i palmi delle mani sulla parte inferiore della schiena con i gomiti sul pavimento.
  4. Alza le gambe verticalmente. La parte posteriore ha un angolo di 45 gradi rispetto al pavimento e il peso della parte inferiore del corpo cade sui gomiti e sui palmi.
  5. Rimani in un'asana, mantenendo il respiro calmo, fino ai primi segni di stanchezza.
  6. Per uscire dalla posa senza cambiare la posizione delle gambe, abbassare le mani sul pavimento con i palmi delle mani e poi abbassare lentamente le gambe senza piegarle.
    Dopo aver fatto l'esercizio, dovresti sdraiarti, rilassarti, per almeno 30 secondi.

Vrikshasana o "posa di alberi"

Questo asana rafforza e tonifica i muscoli delle gambe.

  1. Stare dritto, unendo i piedi.
  2. Alza le braccia e allunga tutto il corpo.
  3. Piega il ginocchio sinistro e premi la suola contro l'interno della coscia destra. Il tallone è vicino al cavallo e le dita sono rivolte verso il basso.
  4. Prendi il ginocchio di lato e rimani in questa posizione per alcuni secondi. A poco a poco, il tempo può essere aumentato, ma non più di 20 secondi.
  5. Tornare alla posizione di partenza e ripetere l'esercizio, sostituendo la gamba di supporto.

Janu Shirshasana o "testa poggiata sul ginocchio"

Questo asana tira bene i muscoli delle gambe.

  1. Siediti sul pavimento, allungando le gambe di fronte a te.
  2. Piegare la gamba sinistra, posizionando il tallone vicino al cavallo e tirare indietro il ginocchio il più possibile.
  3. Girare nella direzione della gamba destra e stringere il piede con entrambi i palmi.
  4. Sporgendosi in avanti, abbassa la fronte sul ginocchio e poi sul mento.
  5. Tenere l'asana per 30-60 secondi, mantenendo una respirazione costante.
  6. Ritorna alla posizione di partenza e ripeti l'esercizio con l'altra gamba.

Supta Padangushthasana o "alluce grip"

Questa posa mira a allungare la parte posteriore della coscia e della gamba.

  1. Sdraiati sulla schiena, allungando le gambe.
  2. Mentre espiri, piega la gamba sinistra, premendo il ginocchio sul petto e afferra l'alluce con le dita della mano sinistra.
  3. Tirare la gamba sinistra verso l'alto, lentamente tirarla in testa.
  4. Senza indebolire la tensione dei muscoli, tenere la gamba estesa di lato finché il piede non tocca il pavimento. La gamba destra è tenuta nella posizione raddrizzata con la mano destra.
  5. Mantenere questa posizione per 2 cicli respiratori, quindi sollevare la gamba sinistra verso l'alto, rilasciando il pollice.
  6. Ritornando alla posizione di partenza, ripeti l'asana con il piede destro.

Se non riesci a raggiungere le dita dei piedi con la mano, puoi usare una cinghia.

Nel video asana yoga complesso, che viene utilizzato per le vene varicose:

Caratteristiche dello yoga per le vene varicose

Lo yoga ha un enorme impatto positivo sulla condizione del corpo per la prevenzione e il trattamento delle vene varicose. Ma dobbiamo tenere presente che l'effetto massimo può essere raggiunto solo con un approccio integrato.

Lo yoga dovrebbe essere combinato con dieta, massaggi e scarpe comode. L'effetto terapeutico dello yoga sarà maggiore, a condizione un approccio attento alla corretta attuazione degli esercizi.

Va ricordato che le vene varicose sono una malattia grave, pertanto il complesso delle asana, la durata delle loro prestazioni e la durata dell'allenamento devono essere coordinati con un istruttore esperto.

Yoga per le vene varicose

Con le vene varicose, la corretta circolazione del sangue è disturbata e, di conseguenza, il corpo smette di ricevere la dose necessaria di ossigeno. Lo yoga, a sua volta, è usato per prevenire e migliorare la condizione della malattia. Quali esercizi sono adatti per il trattamento di questa malattia può essere trovato nell'articolo presentato.

Posso fare yoga per le vene varicose?

Gli esperti notano che le persone che sono costantemente in una posizione sono più inclini alle vene varicose. Ciò include sia uno stile di vita sedentario e sedentario, sia professioni che implicano il fatto di stare in piedi.

Per prevenire questa malattia, oltre a alleviare la fatica e la tensione, è necessario fare esercizi fisici. Aiuteranno a migliorare la circolazione sanguigna. Si consiglia di abbandonare gli sport pesanti, dal momento che uno stress serio può aggravare la condizione delle vene con le vene varicose.

Recentemente, vari semplici esercizi dello yoga sono ampiamente utilizzati per la prevenzione della malattia e, in combinazione con un trattamento medico competente, è possibile eliminare completamente le vene varicose. Questo tipo di esercizio aiuta a migliorare la circolazione del sangue, alleviare la tensione dopo una lunga permanenza sulle gambe e aumentare l'elasticità dei vasi sanguigni, delle articolazioni e dei muscoli.

I benefici dello yoga per le vene varicose e gli effetti sul corpo

Per migliorare la condizione di questa malattia aiuterà nuoto, ciclismo, esercizio fisico e semplici esercizi di yoga.

Se pratichi yoga dopo una giornata impegnativa, puoi ridurre significativamente l'affaticamento muscolare. Questo leggero esercizio è usato per trattare questa malattia nelle fasi iniziali. Gli esperti notano che con le normali asana yoga, il metabolismo è notevolmente migliorato restituendo il tono muscolare, e il peso può anche essere significativamente ridotto.

E lo yoga aiuta a migliorare lo stato psicologico del paziente, allevia la depressione, i sentimenti di depressione e ha un effetto di supporto sul corpo nel suo insieme.

Possibili controindicazioni

Oltre a molte proprietà positive, ci sono una serie di controindicazioni a tali esercizi:

  • tendenza alla trombosi;
  • varie lesioni delle articolazioni e delle ossa;
  • lunga permanenza in una posa;
  • processi infiammatori acuti nel corpo;
  • ernia;
  • la gravidanza e i primi mesi dopo il parto;
  • recentemente ha avuto un infarto o ictus;
  • cardiopatia grave;
  • la presenza di tumori maligni;
  • vari disturbi mentali (esclusa la depressione);
  • le ultime fasi delle vene varicose.

Il numero e il tipo di esercizi sono selezionati individualmente per ogni persona, a seconda dello stato del corpo. Il complesso selezionato è auspicabile per coordinarsi con il medico.

Prima di praticare lo yoga, è necessario consultare esperti per assicurarsi che non vi siano controindicazioni a questo tipo di attività fisica.

Esercizi per le vene varicose

Gli esperti raccomandano di eseguire esercizi semplici, perché forti torsioni e prolungamenti rimangono nella stessa posizione, non solo non migliorano la salute, ma possono anche aggravare significativamente il decorso della malattia.

Quello che segue è un insieme di varie asana, comprese quelle leggere, per migliorare le condizioni della suddetta malattia.

Leggero "Butterfly Pose" (Baddha Konasana)

Questo esercizio è simile alla famosa posizione del loto.

Sedersi sul tappeto con la schiena completamente estesa. Piegato sulle ginocchia il più vicino possibile a te stesso. Piedi uniti e, stringendo le mani, il più vicino possibile al perineo. I talloni dovrebbero toccare completamente il cavallo e le ginocchia sono sul pavimento. In questa posizione, dovresti inspirare ed espirare tranquillamente 5 volte.

Questo esercizio ti permette di sviluppare una buona articolazione dell'anca.

"Posa di una pelle bovina" (Gomukhasana)

Piegare le gambe alle ginocchia, incrociare in modo che le ginocchia siano rigorosamente una sopra l'altra e il più vicino possibile. Il piede, che si trova sotto, dovrebbe essere il più vicino possibile al pavimento. Poi dovresti collegare le mani dietro la schiena nella serratura. Se la parte superiore è la gamba destra, allora anche la mano, avvolta dietro la schiena nella parte superiore, dovrebbe essere corretta. Il mento leggermente più in basso e raddrizza la schiena il più possibile. In questa posizione dovrebbe essere fino a 1 minuto, per quanto possibile rilassare i muscoli del bacino e glutei, respirare uniformemente e lentamente. Ripeti con l'altro arto.

Questo esercizio aiuta a migliorare la circolazione del sangue nelle articolazioni dell'anca.

"La posa di un guerriero / eroe" (Supta Virasana)

Mettiti in ginocchio, in modo che si congiungessero al massimo e i piedi si muovessero al massimo in direzioni diverse. Inspira delicatamente, mentre espiri, inclinati all'indietro, raddrizzando il corpo al massimo. Lentamente a partire dalla testa, gradualmente mettere tutto il corpo sul pavimento. Allunga le braccia sopra la testa. Durante l'esecuzione di questo esercizio dovresti respirare il più lentamente e con calma possibile. In questa posizione non dovrebbe essere più di 1 minuto.

Questo esercizio può essere eseguito anche da seduti, semplicemente appoggiandosi indietro con un'enfasi sulle braccia.

Questo esercizio aiuta ad alleviare il mal di schiena ed è raccomandato per le persone che hanno molto tempo in piedi.

"Una posa di fuoco intensificante" (Agni Stambhasana)

Per eseguire questo esercizio, piegare le gambe ad angolo retto e posizionarle una sull'altra in modo che siano parallele al pavimento. In questo asana, dovresti piegarti in avanti, la schiena dovrebbe essere il più dritta possibile. In questa posizione, dovresti inspirare ed espirare tranquillamente 5 volte, poi scambiare le gambe e ripetere la ripetizione.

Questo asana ha lo scopo di sviluppare i muscoli e le articolazioni del bacino e delle cosce, così come gli organi situati in quest'area.

"Posa della testa sul ginocchio" (Jana Shirshasana)

In posizione seduta, dovresti piegare una gamba al ginocchio e portarla il più vicino possibile al perineo. Lascia l'altro arto il più dritto possibile e tira il calzino verso te stesso. Tenendo la schiena dritta, abbassare il corpo sulla gamba dritta il più vicino possibile. La testa è anche abbassata su un arto dritto. Rimanere in questa posizione dovrebbe essere fino a 1 minuto, aumentando gradualmente il tempo di esecuzione. Ripeti con l'altro arto.

Questo esercizio ha un effetto calmante sul sistema nervoso, aiuta a ripristinare la forza e rafforza i muscoli del bacino e della schiena.

Leggero "Posa con un alluce" (Supta Padangushthasana)

Sdraiati sulla schiena, piega la gamba sinistra all'altezza del ginocchio e il più vicino possibile alla gabbia toracica. Con la mano destra stringi la punta della gamba piegata e avvicina gradualmente la gamba alla testa, cercando di raddrizzarla, la seconda gamba dovrebbe toccare completamente il pavimento. Se è difficile farlo, allora puoi aiutare te stesso usando una benda elastica (vedi foto sotto).

In questa posizione dovrebbe contenere fino a 1 minuto. Ripeti con l'altro arto.

Tale esercizio aiuterà ad alleviare il dolore alla schiena e previene l'insonnia.

"Rack sulle scapole" (Salamba Sarvangasana)

Sdraiati sul pavimento, sollevare il busto e le gambe in modo che rimangano sul pavimento solo la testa e le scapole. Puoi sostenere il tuo corpo con le mani, lasciando i gomiti premuti strettamente sul pavimento. Le gambe dovrebbero essere il più vicino possibile l'una all'altra. Il peso corporeo deve essere tenuto sulle scapole. All'inizio puoi rimanere in questa posizione per un massimo di 10 secondi, aumentando gradualmente la durata del tuo soggiorno nell'asana.

Questa posizione aiuta a migliorare la circolazione sanguigna e a sbarazzarsi delle emicranie.

"Posa della rana" (Bhekasana)

Sdraiati sullo stomaco, fai le braccia dritte dietro la schiena. In questo caso, la testa dovrebbe essere sollevata. Per piegare le gambe alle ginocchia e all'espirazione, cerca di afferrare i piedi con le mani, premendo al massimo le gambe sui glutei. In questa posizione, dovresti inspirare ed espirare tranquillamente 2 volte.

Questo esercizio, tra le altre cose, aiuta a migliorare lo stretching.

"Pose of the tree" (Vrikshasana)

Stando dritti, raddrizza la schiena il più possibile, alza le braccia e allunga. Piegare una gamba al ginocchio e premere contro l'interno della coscia dell'altra gamba. Il tallone è il più vicino possibile al cavallo. In questa posizione, dovresti fare 3 respiri silenziosi ed esalazioni, quindi ripetere con il secondo arto.

Questo esercizio rafforza i muscoli degli arti inferiori e migliora la circolazione sanguigna in essi.

Esercizi complessi per le vene varicose (video)

In questo video viene fornito un set speciale di esercizi per le vene varicose.

raccomandazioni

In caso di espansione varicosa, è vietato eseguire esercizi che coinvolgono lunghi soggiorni sulle gambe o nello stesso asana, forti torsioni e un grande carico sugli arti inferiori.

Va notato che il complesso di esercizi, la durata e il numero di classi dovrebbero essere selezionati da un esperto di yoga competente che sarà in grado di valutare le condizioni generali del corpo, così come consigliare con competenza il paziente su tutte le caratteristiche di questo tipo di esercizio.

Al livello iniziale, è difficile eseguire completamente ogni esercizio, quindi è possibile utilizzare opzioni leggere o strumenti ausiliari che possono essere consigliati da uno specialista.

Se avverti dolore o al minimo deterioramento delle condizioni del paziente, devi immediatamente interrompere la pratica dello yoga e contattare un flebologo. Dovresti anche consultare uno specialista di yoga per assicurarti che le asana di guarigione siano eseguite correttamente.

Lo yoga regolare può non solo migliorare la condizione delle vene con l'espansione delle varici, ma anche migliorare significativamente le condizioni generali del paziente e il suo stato d'animo. Ma per ottenere i risultati desiderati da questo tipo di attività fisica è possibile solo in combinazione con un trattamento medico da uno specialista competente, massaggio e corretta alimentazione.

Vuoi dimenticare cos'è una malattia delle vene e gonfiore delle gambe? Yoga per le vene varicose

Vene varicose - una malattia cronica pericolosa che provoca un disagio evidente di una persona. Per condurre il trattamento delle vene varicose dovrebbero essere medici qualificati, ma lo yoga sistematico contribuirà ad alleviare la situazione.

Yoga per le vene varicose

Lo yoga è una combinazione di pratiche fisiche e spirituali volte a migliorare il corpo e lo spirito, la ricerca di un equilibrio tra mentale e materiale.

Le lezioni di yoga aiutano a migliorare la salute fisica, migliorare l'immunità e avere un effetto benefico sull'atteggiamento e la memoria. Molti sono interessati a se si può praticare lo yoga con le vene varicose.

Lo yoga contro le vene varicose aiuta a rafforzare i muscoli delle gambe, migliorare la circolazione sanguigna nei vasi interessati e aumentare l'elasticità delle vene. Il processo è caratterizzato da movimenti lisci lenti e un carico graduale, che è ottimo per le persone con vene varicose.

Qual è l'obiettivo che raggiungiamo?

L'obiettivo di praticare lo yoga per le vene varicose è quello di impegnare i muscoli deboli e rilassare quelli troppo allenati. Non dimenticare che l'eccessiva tensione muscolare può aggravare la situazione.

Quando il tono muscolare lento porta il miglior risultato dell'allenamento della forza. Con un tono eccessivo, le asana da stretching sono più utili per rilassare e ammorbidire i muscoli rigidi.

lineamenti

Lo yoga è il più antico sistema di auto-miglioramento umano. Nella prima fase, la salute umana è armonizzata.

Questa misteriosa scienza ha molte caratteristiche:

  • Gli allenamenti consistono in una serie di posture comode chiamate asana. Gli asana vengono eseguiti in una sequenza chiara e con un certo ritmo;
  • Ogni asana o una sequenza di asana connesse ha i suoi punti di esecuzione, che sono importanti da considerare durante l'esecuzione. Queste caratteristiche conferiscono allo yoga il potere dell'impatto sul corpo umano;
  • Yoga non significa allenarsi al limite delle sue capacità. Padroneggiare le posizioni richiede tempo e pazienza. Innanzitutto, dovresti prestare attenzione alle semplici asana e farle eseguire correttamente, quindi puoi passare a quelle difficili;
  • In ogni esercizio, è necessario "affinare" la tecnica di entrare ed uscire dall'asana. Per questo, quando si padroneggia l'asana, si dovrebbe adottare la posizione più comoda;
  • fissare una posa ad uno stato di esaurimento non sarà vantaggioso. La completa perdita di forza porterà ad una uscita acuta e impetuosa dalla posa, che è inaccettabile per lo yoga;
  • Prima di eseguire qualsiasi asana, è necessario un accurato riscaldamento per prevenire possibili lesioni.

Suggerimenti per i principianti: caratteristiche ed errori

Lo yoga per i principianti dovrebbe iniziare con lo sviluppo delle posture erette, evitando cedimenti e torsioni. Il primo compito nello yoga è imparare a stare in piedi e posizionare il centro di gravità, raddrizzare la colonna vertebrale e allungare tutto il corpo in direzioni diverse.

Per un principiante è importante iniziare l'allenamento con l'esercizio più semplice, alternare alternativamente tensione e tensione, alternare braccia e gambe, non eseguire asana traumatiche (deflessione forte, cremagliere sulle scapole e sulla testa, ecc.)

Le lezioni di yoga in primo luogo richiedono il lavoro non del corpo, ma della coscienza. Lo yoga principiante sarà difficile da cogliere immediatamente questa complessa tecnologia e potrebbe commettere i seguenti errori:

  • torsione spinale, posture innaturali;
  • incapacità di dare la priorità nella pratica;
  • l'assunzione dell'occorrenza del dolore;
  • nessun riscaldamento e riscaldamento;
  • sforzo eccessivo durante l'esecuzione delle asana;
  • movimento durante la fissazione in asana;
  • esecuzione automatica degli asana senza immersione nella coscienza.

I benefici

I benefici fisici dello yoga (per le vene varicose e l'edema) è quello di migliorare la forza del corpo e la sua flessibilità. La respirazione acquisisce profondità e utilità, aumenta la vitalità. Il metabolismo del corpo migliora e le tossine vengono eliminate più velocemente.

La normalizzazione della circolazione sanguigna e il ringiovanimento del corpo.

Il beneficio spirituale dello yoga consiste nell'ottenere la pace della mente, sviluppare il desiderio di un'alta realtà, approfondire la coscienza e liberarsi delle paure e delle ansie.

Yoga per le vene varicose

Il complesso di esercizi, lo yoga per le vene varicose delle gambe viene selezionato individualmente, in base allo stato dei muscoli del corpo. Gli esercizi più semplici che possono aiutare con le vene varicose e l'edema.

Posa di farfalla (baddha konasana)

Ci sediamo sul pavimento, pieghiamo le ginocchia e selezioniamo i piedi uniti al cavallo. Ometti i fianchi il più in basso possibile e prova a toccare il pavimento con le ginocchia. Lasciati in questa posizione per 1 minuto. Questo asana allunga perfettamente i muscoli delle gambe, migliorando il flusso sanguigno.

Betulla (kiparita viparita)

Sdraiati sulla schiena e solleva le gambe. Li prendiamo per una testa e solleviamo un bacino. Affidandoti a terra con i gomiti e tenendo la parte bassa della schiena con i palmi delle mani, alziamo le gambe verticalmente. Tra la schiena e il pavimento dovrebbe formarsi un angolo di 90 gradi, e la gravità della parte inferiore del corpo giace sui gomiti e sui palmi delle mani. L'esercizio allunga perfettamente i muscoli della parte posteriore delle gambe e allevia la tensione.

Posa di rana (bhekasana)

Ci sdraiamo sullo stomaco, le braccia si allungano all'indietro. Espirando, piegate le gambe alle ginocchia e, afferrandole il piede con le mani, premetele sul bacino. La testa allo stesso tempo si allunga. Siamo in questa posizione per 30 secondi. L'esercizio contribuisce anche a allungare i muscoli delle gambe.

Fire Pose (Agni Stambhasana)

Ci sediamo sul pavimento e piantiamo i piedi sotto le ginocchia. La loro parte superiore alza lo sguardo. Appoggiati in avanti, appoggiando le dita. In questa posizione respiriamo 5 cicli e cambiamo le gambe.

Hero Pose (Virasana)

Siediti in piedi, raddrizzando la schiena. Distendiamo i nostri piedi a una distanza leggermente più ampia del bacino. Le dita dei piedi dovrebbero continuare ad allineare i glutei. Alza le mani e respira 5 cicli di respirazione. Ci rilassiamo.

Posa della testa di una mucca (gomukhasana)

Ci sediamo e incrociamo le gambe in modo che un ginocchio sia sotto l'altro, con i piedi che si muovono verso l'alto. Le mani si trovano sui piedi. Abbassare lentamente il corpo in avanti e avvicinare un ginocchio al secondo. Scendiamo al verificarsi di tensione nell'articolazione dell'anca. Ci rilassiamo.

Esercizi per praticare yogi

Le persone con vene varicose e lunga pratica dello yoga possono eseguire movimenti più complessi.

Yoga per l'esercizio delle vene varicose:

  1. Halasana. Sollevare le gambe dritte con un angolo di 90 gradi, con le mani sui lati della testa, premendo sul pavimento. Guida dolcemente le gambe alle mani, arrotondando la spina dorsale, e metti la punta delle dita al centro dei palmi. Partiamo da halasana estremamente lentamente e con attenzione.
  2. Pincha mayurasana L'asana dovrebbe essere eseguita contro il muro. Metti gli avambracci sul pavimento paralleli l'un l'altro ad un livello leggermente più largo delle spalle. Spingi con un piede da terra e tocca i talloni del muro. Cerchiamo di raddrizzare le braccia il più possibile e allungare con tutto il corpo. Ritornando alla posizione iniziale, abbassiamo dolcemente una gamba, poi l'altra.

Video utile

In questo video puoi familiarizzare visivamente con una serie aggiuntiva di esercizi:

conclusione

Lo yoga ha un effetto positivo sul corpo in presenza di vene varicose. Ma dovrebbe essere compreso che l'effetto maggiore può essere raggiunto solo con un trattamento cumulativo, compreso il trattamento farmacologico, la dieta, il massaggio, indossando scarpe comode e eseguendo esercizi speciali.

Yoga per le vene varicose

Lo yoga per le vene varicose secondo molti pazienti è molto utile. Aiuta a rafforzare le articolazioni, i muscoli, allevia lo stress delle gambe e della colonna vertebrale. Ma non tutti gli asana possono essere eseguiti da persone diagnosticate con vene varicose. Alcune pose possono danneggiare la condizione dei vasi sanguigni e dei muscoli.

Effetto dello yoga sulle vene varicose

Lo yoga contro le vene varicose è in grado di alleviare le condizioni generali del paziente. Inoltre, questa pratica fisica può prevenire lo sviluppo della malattia con una tendenza alle vene varicose. I complessi sono selezionati individualmente per i pazienti. L'allenatore tiene conto delle condizioni dei muscoli del paziente. Se una persona ha pronunciato ipodynamia, allora dovrebbe eseguire asana, che contribuiscono al ripristino del tono muscolare e della forza. Lo stretching in questi casi non è particolarmente utile.

Con muscoli forti e convulsioni, l'allenatore si concentra sullo stretching del corpo. Selezionando una serie di esercizi da soli, dovresti ricordare che per i muscoli troppo allenati, le pose con fissazione a lungo termine non avranno un effetto curativo sul corpo. In tali situazioni, si dovrebbe prestare attenzione agli esercizi dinamici.

Statico in sé non è dannoso per le persone con vene varicose, ma con alcune anomalie genetiche può accelerare lo sviluppo della malattia. Per evitare questo, prima dell'inizio della formazione è necessario superare un esame completo. Se parliamo dei benefici delle posture statiche, aiutano a rafforzare i tendini e le articolazioni. Ci sono vantaggi da questo per l'intero organismo.

Oltre al fatto che i tendini e le articolazioni forti aiutano a migliorare la flessibilità del corpo, i loro allenamenti regolari normalizzano la produzione di collagene e liquido sinoviale. Insieme, questo riduce il rischio di sviluppare patologie dell'apparato muscolo-scheletrico e del sistema cardiovascolare. Inoltre, viene ridotto anche il rischio di lesioni durante l'esecuzione di asana complesse.

Posso fare yoga per le vene varicose

Le persone che praticano da lungo tempo praticanti indiani dicono che lo yoga per le vene varicose aiuta molto bene. I medici condividono la stessa opinione, ma i pazienti sono sempre obbligati a consultarsi con loro in anticipo per non incontrare varie complicazioni nel processo di trattamento. Lo yoga per le vene varicose contribuisce alla normalizzazione del flusso sanguigno e della linfa. Alla fine, dopo un mese di lezioni, una persona inizia a sentirsi molto meglio. Il paziente migliora le condizioni generali del corpo.

Specificità delle classi per le vene varicose

Fare yoga per le vene varicose degli arti inferiori è molto utile, ma non dimenticare che un approccio integrato è importante qui. Devi rispettare le regole del mangiare sano e assumere i farmaci che hai nominato un flebologo. Se decidi di fare yoga a casa da solo, assicurati di controllare i consigli video. Si consiglia di visitare diversi corsi di formazione in un centro speciale, in modo che un istruttore esperto corregga i propri errori e raccolga esercizi adatti alle proprie esigenze.

Quali asana sono utili

Gli asana per le vene varicose delle gambe saranno utili se vengono selezionati tenendo conto delle specificità della malattia. Si tratta principalmente di esercizi finalizzati all'allungamento e alla normalizzazione del tono dei muscoli del naso. Le asana statiche con questa malattia non porteranno benefici tangibili. Una serie di esercizi da yoga per le vene varicose degli arti inferiori dovrebbe essere un istruttore. Non dovresti farlo da solo senza una adeguata esperienza. Si ritiene che le seguenti asana siano di aiuto per le malattie dei vasi della gamba:

  • posa della rana;
  • postura di betulla;
  • posa di farfalle;
  • postura della barca;
  • posa dell'albero;
  • postura della testa sul ginocchio;
  • posa presa pollice.

Dopo aver valutato le condizioni del paziente, l'allenatore può selezionare altri esercizi che aiuteranno a eliminare lo squilibrio muscolare o ripristinare la mobilità di qualsiasi articolazione specifica. Riferendosi all'istruttore per la preparazione del complesso, assicurati di riferire sulle tue malattie croniche o acquisite esistenti. Possono creare ulteriori controindicazioni alle classi.

Posa della rana

Questo asana è considerato il più efficace per allungare le spaccature incrociate. Contribuisce alla normalizzazione della circolazione sanguigna nella pelvi. Dovresti sdraiarti sullo stomaco, prendere i piedi con le mani e iniziare a tirarli verso i glutei. Allo stesso tempo è necessario tirare su il torace e le spalle. Alcuni principianti iniziano a premere le spalle fino alle orecchie durante l'esercizio. Quindi non farlo, perché Questa manipolazione potrebbe interferire con la circolazione dell'area in questione. Se sei troppo difficile da fare con entrambe le gambe, puoi usare solo una gamba. Il bacino deve essere tenuto dritto.

Posa di betulla

Questo asana è adatto per allungare il bicipite del femore, i muscoli semi-membranosi e semi-tendinei, alleviando l'affaticamento. Devi sdraiarti sul pavimento, sollevare le gambe, verticalmente, e poi metterle dietro la testa. Taz con un po 'distaccato dal pavimento. I palmi delle mani dovrebbero essere posizionati sulla parte inferiore della schiena con i gomiti sul pavimento. Le gambe sono sollevate verticalmente, con l'angolo tra la parte posteriore e il pavimento dovrebbe essere uguale a 45 gradi. Il peso della parte inferiore del corpo dovrebbe cadere sulle mani. L'asana viene mantenuta fino alla comparsa dei primi segni di stanchezza. Lo lasciano allo stesso modo, cioè riportare le gambe in posizione orizzontale, quindi abbassare lentamente la schiena.

Dal numero di errori nell'esecuzione di questa posizione è in testa tra il resto. I principianti spesso portano il peso del corpo alla gola. Di conseguenza, iniziano a tossire, c'è un forte disagio nella parte posteriore della testa. Se si verificano tali sintomi, la posizione deve essere fermata. Sarà necessario lavorare la regione toracica, lombare e cervicale. Dopo aver guadagnato la loro precedente flessibilità, puoi provare a tornare in questa posizione. Durante l'esecuzione di sarvangasana che si piega alle ginocchia e la diluizione dei piedi ai lati è inaccettabile.

Posa di farfalla

Questo asana favorisce un delicato allungamento dei muscoli delle gambe. Viene eseguito in posizione seduta sul pavimento. È necessario piegare le ginocchia, chiudere i piedi e tirarli verso il perineo. Le cosce dovrebbero essere abbassate il più in basso possibile. Idealmente, dovrebbero toccare il pavimento, e il piede deve, al contrario, tirare su. In questa posizione dovrebbe essere almeno 60 secondi. Sotto il bacino, puoi mettere una coperta morbida, se fai troppo male.

Di solito non ci sono così tanti errori qui. I principianti iniziano spesso a fare pressione sulle loro gambe con le mani per ottenere un'apertura più completa delle articolazioni. Questo non può essere fatto. È anche vietato flettere la schiena. Le spalle non premono nemmeno per le orecchie. È necessario allungare al massimo la parte posteriore e la colonna vertebrale per ottenere un allungamento più profondo. Quanto più si afferrano i piedi con le mani, tanto più pronunciata sarà l'ascesa.

Posa dell'albero

È necessario stare su un pavimento piatto in modo che i piedi siano a contatto con i talloni e gli alluci. Le mani dovrebbero essere abbassate verso il basso. Il piede di una gamba viene posto sulla superficie interna dell'altra gamba (l'area vicino al ginocchio), e quindi iniziano a sollevarlo il più possibile. Anche le mani attraverso i lati devono essere sollevate verso l'alto. Devi cercare di mantenere l'equilibrio.

Questa posizione è considerata una delle più facili dagli yogi, ma anche qui i principianti riescono a commettere errori. Categoricamente non puoi sopraffare la vita in avanti. Anche Taz non dovrebbe andare da qualche altra parte. I principianti hanno spesso un tale errore come spremere le dita della gamba di supporto. Indubbiamente, questo ti dà un piccolo vantaggio nel mantenere l'equilibrio, ma la tecnica stessa diventa completamente sbagliata. Se è difficile per te eseguire un vrikshasana standard, fallo contro il muro.

Posa della testa sul ginocchio

Aiuta ad allungare tutti i muscoli delle gambe. Devi sederti sul pavimento, allungando le gambe di fronte a te. La gamba sinistra deve essere piegata, posizionando il tallone vicino al cavallo e il massimo ritardo del ginocchio di lato. Dovresti girare nella direzione della gamba destra, stringere il piede con entrambe le mani e poi piegarti in avanti, lasciando andare il ginocchio, prima la fronte e poi il mento. Nella posa dovrebbe essere 60 secondi. È importante non solo allungare le gambe, ma anche allungare la colonna vertebrale in avanti. Dopo 60 secondi, torna alla posizione di partenza e ripeti le stesse azioni con l'altra gamba.

Quando si fa un esercizio, le persone spesso iniziano a sollevare le natiche dal pavimento, attorno alle spalle o sollevare le spalle. Questa è una violazione della tecnologia. Guarda per questi momenti, per allungare era più completo. Se hai le gambe molto rigide, puoi usare una cintura o un asciugamano per mantenere la tecnica di eseguire le asana. Con questa implementazione dell'esercizio, è indispensabile mantenere la schiena anche. Ci sarà un allungamento rinforzato della colonna vertebrale. Se avverti disagio sotto il bacino, puoi mettere una coperta.

Posa di una barca

Questo esercizio funziona bene con i muscoli addominali. Può essere eseguito sia nella versione completa che a metà. Si consiglia ai principianti di eseguire la mezza posa della barca. La tecnica è la seguente:

  1. Sedersi sul pavimento sui glutei, le gambe piegate alle ginocchia.
  2. Arrotonda la schiena premendo la parte bassa della schiena verso il pavimento. Spalle e petto dovrebbero essere sospesi.
  3. Estendere le gambe dritte con un angolo di 35 gradi rispetto al pavimento. Le mani si allungano verso i piedi. La respirazione dovrebbe essere liscia.
  4. Principianti abbastanza per mantenere una posa per 15 secondi. Con i muscoli addominali sviluppati, l'asana viene tenuta per 1 minuto.

Quando si esegue una posa completa della barca, la schiena e le gambe sono raddrizzate con un angolo di 60 gradi. La colonna vertebrale deve essere estratta. Le persone con lesioni del cranio e dell'osteocondrosi cervicale devono essere eseguite con attenzione o escluse completamente dall'allenamento, perché crea ulteriore pressione su queste aree.

Alluce

Con questa pratica, puoi allungare i muscoli della gamba e della parte posteriore della coscia. Dovresti sdraiarti sulla schiena, allungando le gambe. All'espirazione, è necessario piegare la gamba sinistra, premere il ginocchio sul petto e poi stringere l'alluce con le dita della mano sinistra. Inizia lentamente a tirare la gamba verso l'alto, tirandola verso la testa. Senza rilassare i muscoli, sposta la gamba lateralmente fino a toccare il pavimento con il tallone. Dovresti rimanere in questa posizione per 60 secondi, quindi allungare di nuovo sul pavimento e fare l'esercizio con l'altra gamba. Se non hai abbastanza stretching, puoi usare una cintura o un asciugamano per facilitare l'implementazione delle asana.

altro

Alcuni istruttori consigliano di combinare lo yoga con l'uso di oli essenziali. Puoi aggiungerli alla lampada dell'aroma durante la lezione o fare un massaggio con il loro uso. Eccellente tonificazione dei vasi sanguigni e effetto positivo su tutto il corpo di aromi di semi di carota, mirra, immortelle, arancio. È anche necessario bere più acqua possibile. Ottimo aiuto nella normalizzazione della guerra postura circolazione del sangue e postura menzogna guerra. Si raccomanda di eseguire le prime volte sotto la supervisione di un istruttore. La posa di guerra è la seguente:

  1. Sedendoti in ginocchio, unisciti a loro e allarga i piedi più del bacino.
  2. Riscalda delicatamente le mani.
  3. Mettendo le mani sul pavimento dietro la schiena, posiziona il bacino tra i piedi.
  4. Posa in attesa per almeno 60 secondi. La respirazione dovrebbe essere calma e regolare.

Quando un uomo è sdraiato, la posizione iniziale sarà la stessa, ma la procedura cambierà leggermente:

  1. Appoggiandoti sui gomiti, inizia lentamente ad arretrare. Idealmente, dovresti sdraiarti sulla schiena, ma se non hai abbastanza elasticità, puoi bloccarti in una posizione comoda.
  2. Se avverti disagio durante la sessione, puoi mettere un supporto morbido sotto il bacino o nella parte bassa della schiena.

Asana vietate

Yoga per le vene varicose può essere praticato se si tiene conto di tutte le controindicazioni esistenti. Assolutamente tutti i pazienti non possono eseguire asana, comportando una forte torsione e lunga durata sulle gambe. Questo requisito si riferisce alla famosa posizione del loto, che non è possibile eseguire senza una preparazione speciale.

Vi sono anche i cosiddetti divieti individuali. Ad esempio, le persone con una colonna vertebrale non molto flessibile non possono immediatamente provare a stare in una posa di betulla, perché è irto di lesioni del collo dell'utero e dell'emicrania.

Yoga durante la gravidanza

Durante il trasporto del bambino non dovrebbe abbandonare completamente gli esercizi. Yoga per le vene varicose in donne in gravidanza include esercizi leggeri. Creano un forte carico sui muscoli della stampa, così sicuro per il bambino. L'esercizio più semplice è sollevare le gambe in posizione prona. Sotto il coccige, puoi mettere le braccia incrociate. I piedi salgono ad un angolo di 45 gradi. Puoi anche fare una bici. Un gruppo specifico di esercizi dovrebbe essere selezionato per una donna incinta da un istruttore.

Trattamento delle vene varicose con il metodo di Bubnovsky

La tecnica di Bubnovsky contro le vene varicose degli arti inferiori è simile allo yoga, ma nel suo sistema viene dato un posto speciale alla kinesiterapia. Puoi fare gli esercizi a casa, ma il medico stesso consiglia di fare la prima volta sui simulatori MTB nella sala sotto la guida di un istruttore. All'inizio del trattamento, al paziente viene prescritto un corso semplificato di esercizi ginnici. Se si comporta bene con lui, le lezioni si complicano. A casa, puoi eseguire i seguenti esercizi:

  1. A dondolo sulla sedia. È necessario sedersi sul bordo della sedia, le gambe serrate a terra. Quando espiri, ti strappi i talloni dal pavimento e inclini il corpo in avanti, e quando inspiri, torni indietro.
  2. Estendendo e piegando le gambe stando seduti su una sedia. È necessario premere la schiena contro lo schienale della sedia e iniziare a lavorare con i piedi. È importante massimizzare la gamba nel ginocchio.
  3. Premendo il busto verso le gambe. Deve di nuovo sedersi sul bordo della sedia. Il corpo viene schiacciato ai piedi durante l'espirazione e quando inspiri, torni indietro.

Questi esercizi sono i più facili nel metodo presentato. Possono essere eseguiti non solo a casa, ma anche in ufficio.

Controindicazioni dello yoga per le vene varicose

Nella fase iniziale della malattia ci sono pochissimi esercizi che non possono essere fatti con le vene varicose. Ma a 2-3 stadi, il numero di asana cui è consentito eseguire diminuisce bruscamente. Completamente lo yoga dovrebbe essere eliminato con tromboflebite. Tenere per lungo tempo una posa è impossibile. Inoltre, non dovresti affaticare molto i muscoli durante l'esercizio; questo porterà a una cattiva circolazione del sangue.

Opinione di esperti

I medici ritengono che l'allenamento per le vene varicose aiuti a migliorare le condizioni generali del corpo, ma non possono salvarti dalla malattia stessa. Questa opinione è condivisa non solo da flebologi, ma anche da Eddie Stern, che è un coach di classe Mysore in una delle principali scuole di yoga di New York. Il principale vantaggio di questa pratica orientale è che non ha controindicazioni di età. Può essere praticato da bambini, adulti e pensionati.

La voce della gente

I praticanti dello yoga notano che una sensazione di leggerezza è apparsa nel corpo. Non sono più infastiditi dal dolore alle gambe, che è spesso accompagnato da vene varicose. Notano anche che la condizione di tutti i muscoli del corpo sta migliorando. La profilassi varicosa con l'aiuto dello yoga dà un effetto positivo al 90% delle persone con una predisposizione a questo disturbo.

Pubblicazioni Sul Trattamento Delle Vene Varicose

Capilar Foot Gel: istruzioni, prezzi e recensioni

Per la cura dei piedi, molti usano unguenti diversi. Capilar è un rimedio efficace che contiene molte vitamine, la sua sostanza principale è simile all'effetto sulla vitamina R.

Terapia ad onde d'urto: indicazioni, caratteristiche delle prestazioni e valutazione dell'efficacia

Molti di noi per qualche ragione con disdegno si riferiscono a questa area della medicina, come la fisioterapia.