Terapia angiotropica di cosa si tratta

Istituto statale per i bilanci Dipartimento della sanità di Mosca

Infusioni endovenose e intramuscolari di farmaci angiotropici

Utilizzato come uno dei metodi di terapia conservativa nel trattamento di varie malattie, comprese le malattie delle vene degli arti inferiori, le malattie cardiovascolari e le malattie del sistema nervoso centrale.

Il gruppo di farmaci angiotropi comprende reopoliglyukin, trental o pentossifillina. Sono anche usati come agenti terapeutici per la cura delle ulcere trofiche. E, di regola, il corso di terapia per infusione richiede circa due settimane.

La glicina e le infusioni di tali farmaci angiotropici come la vinpocetina, pentossifillina, ginkgo biloba, sono prescritte nelle dosi terapeutiche dell'età minima in 2 dosi nella prima metà della giornata nel trattamento dei disturbi neuropsichiatrici borderline.

105077, Mosca,
Str. 11 ° Parkovaya 32

Cuore di Phoenix

Sito cardio

Terapia angiotropica di cosa si tratta

Uno specialista competente nel campo della chirurgia vascolare, flebologia e cardiologia dovrebbe selezionare la terapia. Per l'efficacia e la sicurezza del trattamento conservativo, egli prende necessariamente in considerazione l'età del paziente, la storia, lo stato di salute, l'attuale attività funzionale e l'aspettativa di vita. La stessa terapia conservativa è causale, sintomatica e protettiva. Nel corso della sua preparazione, vengono perseguiti tre obiettivi: trattamento delle malattie provocatorie, ripristino della funzionalità e prevenzione dei disturbi trombotici.

Infusione endovenosa di farmaci angiotropici

L'infusione endovenosa di soluzioni angiotropiche è indicata per varie malattie, incluse le lesioni vascolari occlusive degli arti inferiori.

Durante la procedura di infusione vengono utilizzati diversi farmaci, tra cui Vinpocetina, Reopolyglukin, Vazaprostan, Pentoxifylline, Trental, Neovasculgen, Ilomedin, ecc. I farmaci sono prescritti esclusivamente dal medico curante e presente.

L'uso di farmaci angiotropici progettati per fornire:

  1. Normalizzazione della circolazione sanguigna centrale e periferica;
  2. Ottimizzazione della microcircolazione del sangue e della linfa;
  3. Azione angioprotettiva.

L'infusione può essere indicata per le seguenti patologie:

  • Tromboangioite autoimmune obliterante (malattia di Buerger);
  • La sindrome di Raynaud;
  • Angiopatie della genesi endocrina (associate al diabete mellito);
  • occlusiva;
  • Ischemia critica degli arti inferiori;
  • Vasculite sistemica;
  • Lesioni aterosclerotiche dei vasi sanguigni di qualsiasi posizione;
  • Infarto miocardico (come misura di riabilitazione);
  • Ictus ischemico;
  • Angioneyropatii;
  • Encefalopatia della genesi aterosclerotica;
  • Ulcere trofiche;
  • Lesioni gangrenous.

La durata della terapia è in media di due settimane. Durante questo periodo, è opportuno rimanere sotto osservazione stazionaria.

L'infusione di questo gruppo di farmaci deve essere combinata con altri metodi di trattamento. I pazienti sono prescritti dietoterapia e fisioterapia. Se possibile, e un'attività funzionale sufficiente, si raccomanda l'esercizio terapeutico. È importante condurre un trattamento eziologico finalizzato all'eliminazione di una patologia catalitica (ad esempio, è importante che i diabetici normalizzino e stabilizzino il livello di glucosio nel sangue in uno stato di compensazione stabile).

Terapia magnetica

La magnetoterapia si manifesta in modo abbastanza efficace nel complesso trattamento delle patologie vascolari.

La procedura prevede le seguenti azioni:

  • vasodilatatore;
  • antianginosi;
  • Antidolorifico;
  • Anti-infiammatori;
  • decongestionante;
  • riparatoria;
  • neuroprotettivo;
  • Angioprotective.

Pertinente al trattamento della sindrome di Raynaud, endoarterite obliterante, tromboflebite, trombosi venosa profonda, aterosclerosi, malattia coronarica, angiopatia diabetica, insufficienza venosa cronica. La magnetoterapia è utilizzata per linfostasi, linfedema e altri disturbi del sistema linfatico.

Elettroforesi dei farmaci

La procedura dell'elettroforesi medicinale prevede l'introduzione esatta del farmaco desiderato nella parte interessata del corpo. Le iniezioni nei vasi avvengono per via intradermica, per esposizione a una corrente elettrica costante.

La manipolazione viene utilizzata in varie patologie vascolari. Aiuta a consegnare gli ingredienti attivi dei farmaci direttamente nell'area desiderata. Raggiunto prolungamento del farmaco e riduzione del suo dosaggio efficace.

Ossigenazione iperbarica

Questa procedura comporta la fornitura di ossigeno concentrato sotto alta pressione alle aree del corpo interessate. Eseguito in camere a pressione speciali. Quando viene eseguito, viene fornito un apporto intenso di ossigeno ai tessuti e quindi il processo di circolazione del sangue viene normalizzato e attivato.

L'ossigenazione iperbarica è particolarmente utile nel trattamento delle lesioni vascolari locali:

  1. Ischemia degli arti inferiori;
  2. Aterosclerosi dei vasi delle estremità;
  3. Ulcere trofiche.

Aiuta ad accelerare la rigenerazione della pelle e dei tessuti molli.

Disintossicazione extracorporea

La disintossicazione extracorporea viene utilizzata per filtrare il sangue da tossine potenzialmente pericolose. Il suo uso è indicato per persone con processi metabolici compromessi, come l'ipercolesterolemia.

La procedura non influenza direttamente i vasi, ma in alcuni casi consente di ottenere un trattamento causale efficace (ad esempio, scindendo il colesterolo in eccesso per proteggere le navi dalla formazione di placche aterosclerotiche). La disintossicazione extracorporea può benissimo manifestarsi nel trattamento delle malattie autoimmuni.

I suoi metodi includono:

  • plasmaferesi;
  • lymphosorption;
  • hemosorption;
  • Emodialisi.

La plasmaferesi singola non viene utilizzata per l'ipercolesterolemia. La procedura è infatti in grado di ridurre il livello di colesterolo nel sangue, ma non altera l'aterogenicità del plasma (cioè il rapporto tra HDL e LDL). Pertanto, prima che l'introduzione del plasma sia arricchita con farmaci, avviene la dialisi, quindi entra nel corpo.

Le procedure di disintossicazione extracorporea sono indicate come prevenzione dell'aterosclerosi nelle persone ad alto rischio. Sono usati per microangiopatia, ischemia, tromboangiite, obliterazione dell'endarterite.

Trattamento laser

La terapia laser è una tecnica medica in fisioterapia, che suggerisce l'effetto esatto delle radiazioni ottiche.

La gamma delle sue azioni include quanto segue:

  • Ottimizzazione dell'immunità cellulare e umorale;
  • Migliorare la reologia e l'emodinamica;
  • Normalizzazione dei processi metabolici e del trofismo tissutale;
  • Vasodilatatore, anti-edema, azione anti-infiammatoria e disintossicante;
  • Stimolazione dei processi rigenerativi.

Indicazioni dirette alla procedura sono:

  • Malattie da trombobliterite (obliterazione dell'aterosclerosi e dell'endarterite);
  • Insufficienza cerebrovascolare;
  • Cardiopatia ischemica;
  • Tromboflebite e flebotrombosi;
  • Linfostasi acquisita.

Il trattamento laser può essere utilizzato per scopi ricreativi nel processo di riabilitazione dopo gravi patologie.

agopuntura

Il metodo dell'agopuntura, o dell'agopuntura, si basa sull'introduzione di aghi nei punti biologicamente attivi del corpo umano per stimolare i tessuti che inviano impulsi nervosi al sistema nervoso centrale. Questo stimola il rilascio di endorfine nel flusso sanguigno - naturali "antidolorifici" del corpo umano, così come un afflusso di sangue in una certa parte del corpo. L'agopuntura è indicata nel complesso trattamento dell'ipertensione vascolare, con sindromi emorragiche e infarto del miocardio.

Terapia fisica

La terapia sportiva è parte integrante del trattamento, della prevenzione e della riabilitazione dopo il trasferimento delle patologie vascolari. Il suo obiettivo principale è il ripristino dell'attività funzionale e motoria delle estremità.

LFK è mostrato in tutte le fasi delle seguenti patologie:

  • aterosclerosi;
  • Miocardite ed endocardite;
  • occlusiva;
  • Vene varicose;
  • Lesioni ischemiche;
  • Tromboflebite.

La fisioterapia prevede movimenti strettamente dosati combinati con esercizi respiratori. Il piano deve essere redatto da uno specialista e la stessa terapia di esercizio deve essere effettuata sotto la supervisione di un istruttore.

electromyostimulation

L'elettromiostimolazione è un metodo ampiamente utilizzato nel processo di riabilitazione dopo aver sofferto di malattie del sistema cardiovascolare. Implica una stimolazione misurata delle strutture muscolari e dei nervi, fornita dall'influenza della corrente.

L'elettromiostimolazione è ampiamente utilizzata per la prevenzione della trombosi venosa profonda e dell'embolia polmonare (embolia polmonare), con linfostasi, difetti trofici. La procedura ha un complesso effetto vascolare, antiedemico, antinfiammatorio e antipertensivo. Controindicazioni a questa procedura sono: vene varicose, contratture, oncologia, malattie renali, gravidanza.

La scelta dei metodi per il trattamento conservativo delle patologie vascolari è interamente determinata dallo specialista presente. Fare riferimento a un chirurgo vascolare esperto e competente per la nomina di una terapia adeguata.

Materiali sull'argomento:

Malattie delle navi delle gambe

Con il ritmo e lo stile di vita moderni, il nostro sistema vascolare diventa una delle parti più vulnerabili del nostro corpo. La circolazione sanguigna è disturbata, i carichi eccessivi e una varietà di ristagni nelle navi e nei tessuti compaiono - l'elenco delle malattie dei vasi degli arti inferiori è grande. Di regola, hanno sintomi e prevenzione simili.

Vene varicose durante la gravidanza

Le vene varicose durante la gravidanza non sono un'eccezione, ma piuttosto una regolarità. Ciò è dovuto al fatto che nel corso della gestazione del feto, patologie croniche, malattie e condizioni sono esacerbate. Quindi, le vene varicose sono osservate nel 60% delle donne in gravidanza.

Il fattore fondamentale della prevenzione è il trattamento tempestivo delle cure mediche. Anzi, quanto prima si fa, tanto migliore sarà lo stato di salute. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata all'ipertensione arteriosa.

Terapia angiotropica di cosa si tratta

Ipertensione endocrina: feocromocitoma, iperaldosteronismo, sindrome di Cushing

Per molti anni alle prese con ipertensione senza successo?

Il capo dell'Istituto: "Sarai stupito di quanto sia facile curare l'ipertensione prendendo ogni giorno.

Nell'articolo di oggi discuteremo dei problemi che sono attribuiti alle cause endocrine dell'ipertensione, cioè l'aumento della pressione sanguigna a causa dell'eccessiva produzione di qualche tipo di ormone.

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori usano con successo ReCardio. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

  1. Per prima cosa elenchiamo gli ormoni che possono causare problemi e scoprirai quale ruolo svolgono nel corpo quando tutto è normale.
  2. Poi parla delle malattie specifiche che sono incluse nell'elenco delle cause endocrine dell'ipertensione
  3. E soprattutto - forniremo informazioni dettagliate sui metodi del loro trattamento.

Ho fatto del mio meglio per spiegare problemi medici complessi in un linguaggio semplice. Spero di renderlo più o meno accaduto. Le informazioni sull'anatomia e la fisiologia nell'articolo sono presentate in modo molto semplice, non abbastanza dettagliato per i professionisti, ma per i pazienti - giusto.

Feocromocitoma, aldosteronismo primario, sindrome di Cushing, problemi alla tiroide e altre malattie endocrine sono la causa dell'ipertensione in circa l'1% dei pazienti. Si tratta di decine di migliaia di pazienti russofoni che possono essere completamente curati o almeno sollevati dalla loro ipertensione, se trattati da medici ragionevoli. Se hai l'ipertensione dovuta a cause endocrine, allora senza un medico non puoi curarlo. Ed è estremamente importante trovare un buon endocrinologo e non essere trattato dal primo disponibile. Avrai anche bisogno di informazioni generali sui metodi di trattamento che forniamo qui.

Ghiandole e ormoni che ci interessano

La ghiandola pituitaria (sinonimo: ghiandola pituitaria) è una ghiandola arrotondata situata sulla superficie inferiore del cervello. La ghiandola pituitaria produce ormoni che influenzano il metabolismo e, in particolare, la crescita. Se la ghiandola pituitaria è colpita da un tumore, allora questo provoca una maggiore produzione di alcuni ormoni al suo interno, e quindi "lungo la catena" nelle ghiandole surrenali, che controlla. Il tumore pituitario è spesso la causa endocrinologica dell'ipertensione. Leggi sotto per i dettagli.

Le ghiandole surrenali sono ghiandole che producono vari ormoni, tra cui le catecolamine (adrenalina, norepinefrina e dopamina), l'aldosterone e il cortisolo. Queste ghiandole nell'uomo 2 pz. Si trovano, come non è difficile da indovinare, sopra i reni.

Se un tumore si sviluppa in una o entrambe le ghiandole surrenali, ciò causa una produzione eccessiva di un qualche tipo di ormone, che a sua volta causa ipertensione. Inoltre, tale ipertensione è solitamente stabile, maligna e non curabile con le pillole. La produzione di determinati ormoni nelle ghiandole surrenali è controllata dalla ghiandola pituitaria. Quindi, non c'è una, ma due potenziali fonti di problemi con questi ormoni - malattie sia delle ghiandole surrenali che della ghiandola pituitaria.

L'ipertensione può causare un'eccessiva produzione dei seguenti ormoni nelle ghiandole surrenali:

  • Catecolamine - adrenalina, norepinefrina e dopamina. La loro produzione è controllata dall'ormone adrenocorticotropo (ACTH, corticotropina), che viene prodotto nella ghiandola pituitaria.
  • L'aldosterone - si forma nella zona glomerulare della corteccia surrenale. Causa la ritenzione di sali e acqua nel corpo, aumenta anche l'escrezione di potassio. Aumenta il volume ematico circolante e la pressione arteriosa sistemica. Se ci sono problemi con aldosterone, edema, ipertensione e talvolta insufficienza cardiaca congestizia, così come debolezza a causa di bassi livelli di potassio nel sangue, si sviluppano.
  • Il cortisolo è un ormone che ha un effetto multiforme sul metabolismo, risparmiando le risorse energetiche del corpo. Sintetizzato nello strato esterno (corteccia) delle ghiandole surrenali.

La catecolamina e il cortisolo sono prodotti nelle ghiandole surrenali sotto il controllo della ghiandola pituitaria. La ghiandola pituitaria non controlla la produzione di aldosterone.

L'adrenalina è un ormone della paura. La sua liberazione avviene durante qualsiasi forte agitazione o brusco sforzo fisico. L'adrenalina satura il sangue con glucosio e grassi, aumenta l'assorbimento di zucchero dal sangue da parte delle cellule, causa la costrizione dei vasi della cavità addominale, della pelle e delle mucose.

  • Il modo migliore per curare l'ipertensione (rapido, facile, buono per la salute, senza farmaci "chimici" e integratori alimentari)
  • L'ipertensione è un modo popolare per curarlo per gli stadi 1 e 2
  • Cause di ipertensione e come eliminarli. Analisi dell'ipertensione
  • Trattamento efficace dell'ipertensione senza farmaci

La norepinefrina è un ormone della rabbia. Come risultato del suo rilascio nel sangue, una persona diventa aggressiva, la forza muscolare aumenta in modo significativo. La secrezione di norepinefrina aumenta con lo stress, il sanguinamento, il lavoro fisico pesante e altre situazioni che richiedono una rapida ristrutturazione del corpo. La norepinefrina ha un forte effetto vasocostrittore e svolge un ruolo chiave nel regolare la velocità e il volume del flusso sanguigno.

La dopamina provoca un aumento della gittata cardiaca e migliora il flusso sanguigno. Dalla dopamina sotto l'azione degli enzimi viene prodotta la norepinefrina, e da essa già l'adrenalina, che è il prodotto finale della biosintesi della catecolamina.

Quindi, abbiamo trattato un po 'gli ormoni, ora elenciamo direttamente le cause endocrine dell'ipertensione:

  1. Un feocromocitoma è un tumore surrenale che provoca un aumento della produzione di catecolamine. Nel 15% dei casi, non è nelle ghiandole surrenali, ma nella cavità addominale o nel torace.
  2. Iperaldosteronismo primario - un tumore in una o entrambe le ghiandole surrenali, a causa del quale viene prodotto troppo aldosterone.
  3. La sindrome di Itsenko-Cushing, nota anche come ipercortisolismo, è una malattia in cui viene prodotto troppo cortisolo. Nel 65-80% dei casi è dovuto a problemi con la ghiandola pituitaria, nel 20-35% dei casi è dovuto a un tumore in una o entrambe le ghiandole surrenali.
  4. Acromegalia - un eccesso di ormone della crescita nel corpo a causa di un tumore nella ghiandola pituitaria.
  5. L'iperparatiroidismo è un eccesso di ormone paratiroideo (ormone paratiroideo) prodotto dalle ghiandole paratiroidi. Da non confondere con la ghiandola tiroidea! Il paratormone aumenta la concentrazione di calcio nel sangue a causa del fatto che questo minerale lava via dalle ossa.
  6. Iper-e ipotiroidismo - un aumento o diminuzione del livello degli ormoni tiroidei.

Se non trattate queste malattie, ma date semplicemente le pillole del paziente per l'ipertensione, allora di solito non consente di ridurre la pressione. Per riportare la pressione alla normalità, per evitare un infarto e ictus, è necessario partecipare al trattamento di un'intera squadra di medici competenti - non solo un endocrinologo, ma anche un cardiologo e un chirurgo con le mani d'oro. La buona notizia è che negli ultimi 20 anni le possibilità di trattare l'ipertensione endocrino sono aumentate in modo significativo. La chirurgia è diventata molto più sicura ed efficiente. In alcune situazioni, l'intervento chirurgico tempestivo consente alla pressione sanguigna di essere così normalizzata che è possibile annullare l'assunzione costante di pillole per l'ipertensione.

Il problema è che tutte le malattie sopra elencate sono rare e complesse. Pertanto, non è facile per i pazienti trovare medici in grado di trattarli in buona fede e con competenza. Se sospetti l'ipertensione a causa della causa endocrina, tieni presente che l'endocrinologo di guardia della clinica cercherà sicuramente di darti un calcio. Ha bisogno dei tuoi problemi, né per soldi, né per niente. Cerca l'esperto esperto di recensioni di amici. Certamente sarà utile andare al centro regionale, e anche alla capitale del tuo stato.

Di seguito sono riportate informazioni dettagliate che aiuteranno a comprendere il corso del trattamento: perché stanno facendo questo o quell'evento, prescrivere farmaci, come prepararsi per la chirurgia, ecc. Si noti che oggi non esiste un solo studio serio importante tra i pazienti con ipertensione endocrina risponderebbe ai criteri della medicina basata sull'evidenza. Tutte le informazioni sui metodi di trattamento, che sono pubblicate su riviste mediche e poi in libri, sono raccolte "con il mondo su una corda". I medici si scambiano esperienze l'un l'altro, gradualmente lo generalizzano e così appaiono le raccomandazioni universali.

feocromocitoma

Un feocromocitoma è un tumore che produce catecolamine. Nell'85% dei casi, si trova nella parte cerebrale delle ghiandole surrenali e nel 15% dei pazienti nella cavità addominale o nel torace. È estremamente raro che un tumore che produce una catecolamina si manifesti nel cuore, nella vescica, nella prostata, nel pancreas o nelle ovaie. Nel 10% dei pazienti, il feocromocitoma è una malattia ereditaria.

Questo di solito è un tumore benigno, ma nel 10% dei casi è maligno e metastatizza. In? casi, produce adrenalina e norepinefrina, in? casi - solo norepinefrina. Se il tumore è maligno, può anche produrre dopamina. E di solito non esiste alcuna relazione tra la dimensione del feocromocitoma e quanto abbondantemente produce ormoni.

Tra tutti i pazienti con ipertensione arteriosa, circa 0,1-0,4%, vale a dire, 1-4 pazienti su 1000 riscontrano feocromocitoma. Allo stesso tempo la pressione può essere aumentata per tutto il tempo o attacchi. I sintomi più comuni sono mal di testa, aumento della sudorazione e tachicardia (palpitazioni). Se la pressione sanguigna è elevata, ma questi sintomi non esistono, allora il feocromocitoma è difficilmente la causa. Inoltre, ci sono tremolio della mano, nausea, vomito, disturbi visivi, attacchi di paura, pallore improvviso o viceversa, arrossamento della pelle. A proposito di te? i pazienti hanno livelli di glicemia stabilmente o a volte elevati e persino zucchero nelle urine. Allo stesso tempo, la persona perde inspiegabilmente peso. Se il cuore è influenzato da un livello aumentato di catecolamine nel sangue, si sviluppano sintomi di insufficienza cardiaca.

La frequenza dei principali sintomi del feocromocitoma

Accade che il feocromocitoma procede senza sintomi. In questi casi, le principali lamentele dei pazienti sono segni di crescita del tumore, cioè dolore all'addome o al torace, sensazione di sovraffollamento, schiacciamento degli organi interni. In ogni caso, per sospettare questa malattia, è sufficiente rilevare contemporaneamente ipertensione, aumento della glicemia e segni di metabolismo accelerato sullo sfondo di normali livelli di ormoni tiroidei.

diagnostica

I sintomi del feocromocitoma non sono semplici, sono diversi nei diversi pazienti. Pertanto, è impossibile formulare una diagnosi solo sulla base dell'osservazione visiva e dei reclami dell'udito dei pazienti. È necessario cercare e identificare i segni biochimici di aumento della produzione di adrenalina e noradrenalina. Questi ormoni sono escreti nelle urine sotto forma di composti di acido vaniglia-mandorla, metanefrina (prodotti metilati), nonché catecolamine libere. La concentrazione di tutte queste sostanze è determinata nell'urina quotidiana. Questa è una procedura diagnostica standard per feocromocitoma sospetto. Prima di eseguire i test in anticipo, i pazienti devono interrompere l'assunzione di farmaci in anticipo, che aumentano o, al contrario, inibiscono la produzione di ormoni catecolaminici nel corpo. Questi sono i seguenti farmaci: bloccanti adrenergici, stimolanti adrenergici, tra cui l'azione centrale, inibitori delle MAO e altri.

Se possibile, confrontare il contenuto nelle urine dei prodotti metabolici delle catecolamine in una situazione normale e immediatamente dopo una crisi ipertensiva. Sarebbe bene fare lo stesso con il plasma sanguigno. Ma per questo, si dovrebbe prendere il sangue attraverso un catetere venoso, che deve essere installato in anticipo in 30-60 minuti. È impossibile tutto questo tempo per mantenere il paziente a riposo, e poi che ha avuto una crisi ipertensiva nei tempi previsti. Un esame del sangue da una vena è uno stress di per sé, che aumenta la concentrazione di adrenalina e noradrenalina nel sangue e porta quindi a risultati falsi positivi.

Anche per la diagnosi di feocromocitoma utilizzare test funzionali in cui inibire o stimolare la secrezione di catecolamine. La produzione di questi ormoni può essere rallentata usando la clonidina (clonidina). Il paziente dona il sangue per l'analisi, quindi prende 0,15-0,3 mg di clonidina, e poi ancora una volta dona sangue dopo 3 ore. Confronta il contenuto di adrenalina e norepinefrina in entrambe le analisi. O controllare come l'uso della clonidina sopprime la produzione notturna di catecolamine. Per fare questo, fai urinare raccolti durante il periodo notturno. In una persona sana, dopo aver assunto la clonidina, il contenuto di adrenalina e noradrenalina nell'urina notturna diminuirà significativamente, e in un paziente con feocromocitoma, no.

Vengono anche descritti i test di stimolazione, in cui i pazienti ricevono istamina, tiramina e, meglio di tutti, glucagone. Dal ricevere farmaci stimolanti nei pazienti con feocromocitoma, la pressione sanguigna aumenta in modo significativo e il contenuto di catecolamine aumenta più volte, molto più che nelle persone sane. Per evitare la crisi ipertensiva, ai pazienti vengono somministrati bloccanti pre-alfa o antagonisti del calcio. Questi sono farmaci che non influenzano la produzione di catecolamine. I test di stimolazione possono essere usati solo con molta cautela, perché c'è il rischio di provocare una crisi ipertensiva e un incidente cardiovascolare in un paziente.

La fase successiva nella diagnosi di feocromocitoma è l'identificazione della posizione del tumore. Per fare ciò, condurre la tomografia computerizzata o la risonanza magnetica. Se il tumore è nelle ghiandole surrenali, di solito è facilmente rilevabile, spesso anche con l'aiuto di un'ecografia, che è l'esame più accessibile. Ma se il tumore non si trova nelle ghiandole surrenali, ma da qualche altra parte, allora sarà possibile identificarlo, in gran parte dipende dall'esperienza e dalla volontà di vincere, che il medico mostrerà. Di regola, il 95% dei feocromociti si trova nelle ghiandole surrenali, se la loro dimensione è maggiore di 1 cm e nella cavità addominale, se la loro dimensione è superiore a 2 cm.

Se l'utilizzo di una tomografia computerizzata o di una risonanza magnetica non è in grado di rilevare un tumore, è necessario eseguire la scansione dei radioisotopi utilizzando un agente di contrasto. Il paziente viene iniettato con il sangue in una sostanza che emette radioattività. Si diffonde in tutto il corpo, "illumina" vasi e tessuti dall'interno. Pertanto, l'esame a raggi X è più informativo. Metaiodobenzylguanidine è usato come agente di contrasto. La scansione dei radioisotopi utilizzando un mezzo di contrasto può causare insufficienza renale e ha anche altri rischi. Pertanto, è prescritto solo in casi eccezionali. Ma se i benefici sono più alti del rischio potenziale, allora devi farlo.

Possono anche testare la catecolamina del sangue, che scorre dal luogo in cui si trova il tumore. Se la definizione di questo luogo non è sbagliata, la concentrazione di ormoni sarà parecchie volte superiore a quella del sangue prelevato da altre navi. Tale analisi è prescritta se il feocromocitoma si trova nelle ghiandole surrenali. Tuttavia, questa è un'analisi difficile e rischiosa, quindi cercano di farne a meno.

trattamento

Per il trattamento del feocromocitoma viene eseguita la chirurgia per rimuovere il tumore, se non vi sono controindicazioni. La buona notizia per i pazienti è che negli ultimi anni i chirurghi hanno introdotto la laparoscopia. Questo è un metodo di operazioni in cui l'incisione sulla pelle è molto piccola e anche il danno minimo viene effettuato all'interno. A causa di ciò, il recupero richiede non più di 2 settimane e prima c'era una media di 4 settimane. Dopo l'intervento chirurgico, oltre il 90% dei pazienti ha una diminuzione persistente o addirittura completa la normalizzazione della pressione arteriosa. Pertanto, l'efficacia del trattamento chirurgico del feocromocitoma è molto alta.

Se risulta che è impossibile rimuovere chirurgicamente un tumore, allora viene irradiato e viene prescritta la chemioterapia, soprattutto se c'è una metastasi. Le radiazioni e la chemioterapia sono chiamate "metodi di trattamento conservativo", cioè senza chirurgia. Come risultato del loro uso, le dimensioni e l'attività del tumore sono ridotte, grazie alle quali la condizione dei pazienti migliora.

Quali pillole per la pressione prescritte per il feocromocitoma:

  • bloccanti alfa-adrenergici (prazosina, doxazosina, ecc.);
  • Phentolamine - endovenosamente, se necessario;
  • Labetalolo, carvedilolo - combinati alfa e beta-bloccanti;
  • antagonisti del calcio;
  • farmaci ad azione centrale - clonidina (clonidina), agonisti del recettore dell'imidazolina;
  • metiltyrosina è un bloccante della sintesi della dopamina.

Durante l'operazione, si consiglia all'anestesista di evitare fentanil e droperidolo, perché questi farmaci possono stimolare la produzione supplementare di catecolamina. La funzione del sistema cardiovascolare del paziente deve essere attentamente monitorata in tutte le fasi del trattamento chirurgico: con l'introduzione dell'anestesia, quindi durante l'operazione e il primo giorno successivo. Perché gravi aritmie, un forte calo di pressione, o viceversa, sono possibili crisi ipertoniche. Affinché il volume di sangue circolante rimanga sufficiente, il paziente deve ricevere abbastanza liquido.

2 settimane dopo l'intervento, si raccomanda di passare un test delle catecolamine nelle urine. A volte nel tempo si verificano recidive del tumore o vengono rilevati feocromocitomi aggiuntivi, ad eccezione di quello rimosso. In questi casi, è raccomandata una chirurgia ripetuta.

Iperaldosteronismo primario

Ricordiamo che l'aldosterone è un ormone che regola il metabolismo di acqua e minerali nel corpo. Viene prodotto nella corteccia surrenale sotto l'influenza della renina, un enzima sintetizzato dai reni. Iperaldosteronismo primario - un tumore in una o entrambe le ghiandole surrenali, a causa del quale viene prodotto troppo aldosterone. Questi tumori possono essere di diversi tipi. In ogni caso, la produzione eccessiva di aldosterone porta al fatto che il livello di potassio nel sangue diminuisce e la pressione sanguigna aumenta.

Cause e trattamento dell'iperaldosteronismo primario

Angioprotectors: tipi di farmaci, rappresentanti, indicazioni

Angioprotectors - un gruppo di prodotti farmaceutici destinati al trattamento di malattie del sistema cardiovascolare. Sono utilizzati per migliorare il funzionamento dei vasi sanguigni, la correzione della microcircolazione, la normalizzazione delle proprietà reologiche del sangue e del metabolismo dei tessuti. Gli angioprotettori sono usati per trattare le seguenti malattie: retinopatia diabetica, nefropatia, malattia reumatica vascolare, aterosclerosi, vene varicose, ulcere trofiche e altre angiopatie.

I preparati di questo gruppo hanno un effetto antispasmodico, dilatano i vasi sanguigni, riducono il gonfiore dei tessuti, stimolano il metabolismo cellulare e ripristinano la composizione del sangue.

Gli angioprotettori hanno un effetto positivo sullo stato funzionale della parete vascolare, normalizzano il flusso sanguigno sistemico, aumentano il tono vascolare. La loro azione farmacologica si manifesta dopo l'interazione con le cellule bersaglio: endoteliociti, leucociti, miociti.

Per origine, i preparati del gruppo di angioprotettori sono classificati in due gruppi principali: origine vegetale e sintetica. Per la pianta includono "cumarina", "Diosmin", "Eskuzan", a sintetico - "Dobesilate calcio", "Benzaron", "Naftazon". I preparati a base di erbe sono più sicuri e hanno meno effetti collaterali rispetto alle loro controparti sintetiche.

Secondo la loro composizione, gli agenti antiprotettivi sono suddivisi in:

  • Monopreparazioni contenenti una sostanza attiva, ad esempio, Troxerutina,
  • Droghe combinate con diversi ingredienti: "Detralex", "Venodiol", "Antistax", "Indovazin".

Meccanismo di azione

L'azione farmacologica degli angioprotettori non è completamente compresa. Grazie alla normalizzazione della microcircolazione, i vasi vengono dilatati e la composizione del sangue viene ripristinata. Questo aiuta ad eliminare il gonfiore, a migliorare il metabolismo e ad aumentare il tono vascolare.

Il gruppo di angioprotectors include molti farmaci che hanno effetti terapeutici diversi:

  1. Inibire la biosintesi dell'enzima ialuronidasi o inibire l'attività dei suoi derivati,
  2. Sono antagonisti di sostanze biologicamente attive - prostaglandine,
  3. Hanno azione anti-bradykinin,
  4. Inibire l'aggregazione piastrinica,
  5. Stimolare la formazione di mucopolisaccaridi nella parete dei capillari
  6. Normalizza la permeabilità delle pareti vascolari,
  7. Ridurre l'attaccamento delle cellule del sangue alle pareti dei vasi sanguigni.

Gli angioprotettori inibiscono la patogenesi principale delle malattie vascolari: disregolazione del tono vascolare, disfunzione endoteliale, stress ossidativo, reazioni infiammatorie.

Indicazioni per l'uso

Angioprotettori prescritti ai pazienti per il trattamento delle seguenti patologie:

  • Malattie vascolari di origine diabetica, reumatologica o aterosclerotica. L'effetto terapeutico viene effettuato sopprimendo la sintesi di ialuronidasi e riducendo l'edema.
  • Trombosi e aterosclerosi. Ai pazienti vengono prescritti angioprotettori insieme ad agenti ipocolesterolemici e antipiastrinici, nonché a farmaci che alterano la capacità di adesione e aggregazione della cellula.
  • Violazione di circolazione cerebrale e coronaria. A causa dell'effetto terapeutico dei farmaci, l'area interessata si riduce e le cellule diventano più resistenti alla carenza di ossigeno.
  • Vene varicose e insufficienza venosa. Gli angioprotettori hanno un effetto venotonico, antitrombotico e vasodilatatore.

Gli angioprotettori sono anche usati profilatticamente per prevenire danni alle vene, alle arterie e ai capillari.

Controindicazioni

Gli antiprotettori hanno una serie di controindicazioni e condizioni in cui i farmaci devono essere usati con cautela:

  • gravidanza
  • Periodo di lattazione
  • Ipersensibilità ai componenti del farmaco,
  • Reazioni allergiche al farmaco,
  • Malattie dell'apparato digerente,
  • Persone di età inferiore ai 16-18 anni.

Creme, unguenti e gel sono vietati per le persone con lesioni infettive dei tessuti molli, reazioni allergiche ai componenti del farmaco, lesioni cutanee con violazione della sua integrità, ulcere trofiche non cicatrizzate.

Angioprotectors per amministrazione orale

Un gran numero di agenti angioprotettivi sono prodotti dall'industria farmaceutica sotto forma di compresse e capsule per somministrazione orale. I più comuni ed efficaci tra loro sono:

"Detraleks"

Agente flebotropico e angioprotettivo che protegge i vasi sanguigni e aumenta il tono della parete vascolare. Stimola il drenaggio linfatico, migliora la microcircolazione, elimina i segni di infiammazione. "Detralex" inibisce l'attivazione, la migrazione e l'adesione dei leucociti a livello capillare. Dopo una breve assunzione di questo farmaco, la maggior parte dei pazienti nota una diminuzione della gravità dei sintomi della patologia: dolore, gonfiore e pesantezza alle gambe. A causa di ciò, aumenta il livello di comfort emotivo e fisico nei pazienti. Il farmaco è usato con scopi sia terapeutici che profilattici. "Detralex", se necessario, è prescritto anche per le donne incinte.

"Phlebodia"

Droga, appartenente al gruppo di angioprotectors. Rafforza e protegge i vasi sanguigni, aumenta la resistenza e la resistenza complessiva dei capillari, ha un effetto anti-infiammatorio e migliora l'afflusso di sangue alla pelle. Prescrivere farmaci per i pazienti con varie forme di insufficienza venosa, il più delle volte con emorroidi. "Flebodia" aiuta perfettamente con l'esacerbazione della malattia e dà un buon risultato: i principali sintomi scompaiono, i grumi si riducono, prurito, bruciore, dolore e altre manifestazioni sgradevoli scompaiono.

"Aescusan"

Angioprotector, che ha proprietà antiossidanti, riduce il gonfiore e inibisce i processi di essudazione e ha un effetto venotonico. L'estratto di ippocastano, che fa parte del farmaco, stimola la produzione di ormoni attraverso la corteccia surrenale e la biosintesi delle prostaglandine. "Eskuzan" normalizza l'attività contrattile delle fibre muscolari lisce, riduce la fragilità dei vasi sanguigni, migliora il metabolismo dei tessuti.

"Ascorutin"

La preparazione della vitamina, partecipando alle reazioni redox e compensando la carenza di vitamine C e P nel corpo. "Ascorutin" rafforza la parete vascolare, riduce la sua permeabilità e fragilità. La medicina rafforza non solo i capillari, ma anche il sistema immunitario umano.

"Venoruton"

Ha proprietà angioprotettive e flebotoniche. È destinato alla correzione dei disturbi del microcircolo e al ripristino delle funzioni vascolari dell'endotelio. Il farmaco ha un leggero effetto anti-infiammatorio e antiossidante, inibisce l'attività dei mediatori dell'infiammazione. Sotto l'influenza di "Venoruton", le proprietà reologiche del sangue vengono migliorate, l'aggregazione dei globuli rossi viene ridotta e la loro struttura viene normalizzata. Il farmaco è indicato per i pazienti con ulcere trofiche delle estremità, tromboflebiti, vene varicose, emorroidi.

"Troxevasin"

Erboristeria che normalizza la permeabilità capillare e riduce i segni di infiammazione. Elimina dolore, gonfiore e pesantezza alle gambe. A causa del principale principio attivo della tricerutina, esercita il suo potente effetto antiossidante, tonifica e rinforza le pareti dei vasi sanguigni, elimina i disturbi trofici.

"Pentoxifylline"

Angioprotettore che ripristina la microcircolazione, ha effetto anti-aggregazione e riduce la concentrazione di calcio intracellulare. Oltre al tablet, c'è una forma di iniezione del farmaco. È prescritto in violazione della circolazione periferica e cerebrale, degenerazione dei tessuti, ipossia retinica. Il farmaco è controindicato nelle donne in gravidanza e in allattamento, nelle persone con extrasistoli, sanguinamento e infarto miocardico acuto. "Venarus"

Venotonic e angioprotector, riducendo la congestione venosa e riducendo la permeabilità e la fragilità capillare. Grazie al suo effetto terapeutico, la microcircolazione e il drenaggio linfatico sono migliorati. L'uso sistematico del farmaco può ridurre la gravità dei sintomi delle malattie vascolari.

Angioprotectors per uso esterno

Il trattamento topico delle malattie vascolari è l'uso di droghe, prodotte sotto forma di unguenti, gel e creme. Elenco dei farmaci più popolari:

"Gepatrombin"

Preparazione combinata per uso esterno con effetto pronunciato angioprotettivo, antitrombotico, rigenerante, anticoagulante e antiedemico. Il farmaco inibisce la coagulazione del sangue e inibisce il processo di coaguli di sangue. "L'epatrombina" è un agente anti-emorridico che migliora l'afflusso di sangue nell'area dell'infiammazione ed è coinvolto nella rigenerazione del tessuto connettivo. Come risultato del trattamento con questo farmaco, i segni dell'infiammazione scompaiono: dolore, bruciore, prurito.

"Lioton"

Farmaco altamente efficace progettato per combattere gonfiore e pesantezza alle gambe con insufficienza venosa. Il farmaco viene rilasciato sotto forma di gel, che penetra rapidamente e facilmente alla fonte del disagio ed esercita il suo effetto terapeutico. Allevia la fatica, elimina le sensazioni dolorose e restituisce facilità alle gambe. La base dell'azione farmacologica di questo strumento è l'effetto antitrombotico e anti-essudativo. L'effetto antinfiammatorio del farmaco è dovuto all'inibizione dell'attività della ialuronidasi direttamente nel fuoco infiammatorio. Grazie alla stimolazione delle proprietà fibrinolitiche del sangue, i processi di riassorbimento di ematomi e coaguli di sangue sono accelerati, il gonfiore dei tessuti si riduce. Il prodotto ha un gradevole odore di lavanda e una consistenza leggera, che gli consente di essere rapidamente assorbito dalla pelle e non lasciare segni sui vestiti.

"Indovazin"

Angioprotettore combinato, prodotto sotto forma di gel. Contiene nella sua composizione due principi attivi: la troxerutina e l'indometacina, per i quali ha effetti sia antinfiammatori che angioprotettivi. Allevia rapidamente gonfiore, riduce il dolore e altri segni di infiammazione, migliora la circolazione del sangue ed è essenziale in varie situazioni di vita. Riduce efficacemente la fragilità e riduce la permeabilità capillare, tonifica le vene, aiuta a liberarsi dei lividi in breve tempo, riduce l'ipertermia locale e il dolore al centro dell'infiammazione. Adatto per il trattamento di lesioni domestiche minori: abrasioni, contusioni.

"Essavan-gel"

Farmaco angioprotettivo utilizzato per l'infiammazione e la dilatazione delle vene, gonfiore degli arti, lividi e stiramento dei tendini. Rallenta l'ulteriore progressione dell'insufficienza venosa, accelera il riassorbimento delle contusioni, riduce il gonfiore dei tessuti.

L'autotrattamento delle malattie vascolari è severamente proibito e l'autoassegnazione della maggior parte degli angioprotettori è indesiderabile. Le persone con disfunzione vascolare dovrebbero visitare periodicamente specialisti e sottoporsi a un trattamento completo. Flebologi, angiosurgeon e cardiologi selezioneranno individualmente l'uno o l'altro farmaco. Il dosaggio e la durata della terapia sono scelti tenendo conto delle condizioni generali del paziente e dell'azione farmacologica del farmaco.

Pubblicazioni Sul Trattamento Delle Vene Varicose

L'uso di candele Gemoprost per il trattamento di emorroidi e altre malattie

Le emorroidi sono una malattia delle vene del retto, che è caratterizzata da un aumento dei coni emorroidali, il loro spostamento verso il basso o la perdita dell'ano, o il loro sanguinamento o addirittura trombosi.

Che cosa è questo grumo si trovava nel mezzo dello sterno

Ogni persona almeno una volta nella sua vita, ma di fronte a un sintomo sgradevole come una sensazione di coma nell'esofago. Questo sentimento patologico può causare non solo una diminuzione della qualità della vita, irritabilità, ma anche una grande ansietà, poiché alcune persone possono provare panico e paura di una possibile insorgenza di soffocamento o sospetto di avere una malattia grave.