Quali test sono prescritti per la vasculite

L'infiammazione autoimmune dei vasi sanguigni è più facile da trattare se viene rilevata in tempo. La diagnosi di vasculite comprende la raccolta di dati anamnestici, l'esame obiettivo, i metodi di laboratorio e strumentali. Per determinare la diagnosi, sono state sviluppate scale speciali e una tabella per il calcolo dei risultati. Sulla base di questi, nella modalità di test e punteggio, viene determinata la presenza di alcuni tipi di vasculite sistemica in un paziente. La diagnostica differenziale inizia in una fase ambulatoriale e termina con la consulenza di uno specialista stretto.

Indicazioni per la ricerca

I principali segni che dovrebbero incoraggiare il paziente a cercare assistenza diagnostica sono:

  • Eruzione puntata rossastra sulla superficie anteriore della parte inferiore della gamba (vasculite emorragica). È simmetrico e non dipende da fattori allergici, tra cui un cambiamento di dieta, stile di vita, l'acquisizione di un animale domestico o l'acquisto di nuovi vestiti.
  • Malattie di infezioni batteriche e virali nell'ultimo anno.
  • Perdita di peso di diversi chilogrammi, indipendentemente dalla natura del cibo consumato.
  • Gravidanza o assunzione di farmaci antibatterici, sulfonamidi e farmaci per combattere la gotta nella storia.
  • Dolore minore nei muscoli.
  • Mononeurite o polineurite - infiammazione di uno o più nervi e dei loro plessi.
  • Picchi sistemici di pressione sanguigna.
  • I risultati degli studi di laboratorio. Questi includono test biochimici (urea, creatinina) e emocromo completo.
  • Cambiamenti nella diagnostica strumentale. Un'angiografia rivela aneurismi, tra cui gonfiore simile a una sacca delle pareti dei vasi diluiti o occlusione (ostruzione) delle arterie. Una biopsia indicherà la presenza di formazioni caratteristiche - granulomi e infiltrazioni eosinofiliche delle pareti vascolari.
Torna al sommario

Come diagnosticare la vasculite?

L'anamnesi è raccolta nell'ufficio di un medico di famiglia o di un medico locale. Si informa dettagliatamente sui sintomi, sulla presenza di manifestazioni simili in parenti stretti, sulla stagionalità della loro occorrenza e sugli eventi precedenti o di accompagnamento. Successivamente, il medico esamina il paziente, esegue l'esame della pelle e delle mucose, la palpazione della parete addominale anteriore, le percussioni dei polmoni e dell'addome, l'auscultazione della respirazione polmonare e il rumore cardiaco. Se nota sintomi sospetti, scrivi un rinvio per i test. Per la diagnosi di laboratorio, è necessario uno stomaco vuoto per donare il sangue da una vena. La biopsia e altre tecniche strumentali vengono eseguite in appositi laboratori e centri diagnostici.

Prendendo una biopsia su una vasculite sistemica è chiamato uno studio morfologico. Grazie a questo, è possibile determinare la diagnosi di tali patologie come la poliarterite nodosa, la granulomatosi di Wegener, la sindrome di Churg-Strauss o l'arterite a cellule giganti.

Diagnosi di laboratorio

Esistono metodi di laboratorio di base e aggiuntivi per determinare la diagnosi di infiammazione vascolare autoimmune. Nell'analisi generale del sangue, l'attenzione è rivolta alla leucocitosi con un aumento della frazione eosinofila e il tasso di sedimentazione degli eritrociti. Vengono condotti anche test biochimici, che determinano l'aumento di urea e creatinina. Ulteriori test per la vasculite sono prescritti se la malattia è già sospettata. Pertanto, un sondaggio contribuirà a confermare la diagnosi. Quando vengono eseguiti i test di vasculite per determinare i seguenti indicatori:

Con l'aiuto del test del sangue ELISA determinare ANCA.

  • Proteina C-reattiva. Questa proteina è un fattore di infiammazione acuta.
  • Alfa e gamma globuline. Il loro contenuto aumentato indica l'arterite.
  • Anticorpi circolanti antinucleari (ANCA). Le molecole sono determinate mediante saggio immunoenzimatico (ELISA). Il livello ANCA mostra l'attività del disturbo.
  • Crioglobuline. La loro ricerca viene eseguita in uno dei tipi di vasculite.
  • Globuli rossi interi o distrutti. Per fare questo, dare l'urina.
Torna al sommario

Diagnostica strumentale

Quando vasculite sul fluorogramma visibile più focolai di polmone. L'esame ENT rivela sinusite cronica e otite media (infiammazione prolungata dei seni paranasali e dell'orecchio interno). In campioni bioptici di mucose, si trovano formazioni granulomatose, cellule giganti ed eosinofili che si infiltrano nei tessuti. La biopsia dei glomeruli dei reni determina la presenza di ANCA in essi. Tra i metodi più semplici, la misurazione della pressione arteriosa e del polso viene utilizzata su entrambe le mani. Se questi indicatori non sono simmetrici, questo è un segno indiretto di lesione vascolare da una parte. Per alcuni tipi di vasculite, viene eseguita una biopsia della pelle e dei muscoli. Per stabilire l'entità del danno polmonare e ridurre la funzione respiratoria, viene eseguita la spirografia. Al fine di determinare il livello di occlusione delle navi, viene eseguita l'angiografia - un esame a raggi X del letto vascolare utilizzando agenti di contrasto.

Tipi di diagnosi di vasculite, le regole del test

La vasculite è una malattia in cui le pareti dei vasi sanguigni sono infiammate. Le ragioni della sua comparsa non sono note, ma esiste un'ipotesi che si manifesti a causa dell'interazione di 3 fattori: scarsa eredità genetica, basso livello di condizioni di vita, infezione da stafilococco o erpetica. La genetica è il fattore principale, e il resto - provoca lo sviluppo della malattia.

Non ha sintomi specifici e di solito si manifesta con un'eruzione cutanea simile a orticaria, febbre, malessere generale.

La vasculite è di 2 tipi: primaria e secondaria. Nel primo caso, è una malattia indipendente. Nel secondo - una complicazione:

  • infezione virale o batterica (epatite, herpes, sifilide, tubercolosi);
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • malattie polmonari: bronchite, asma;
  • artrite reumatoide, gozzo tossico diffuso, sclerosi multipla;
  • cibo, allergie alle droghe.

La seguente classificazione vasculitica è comune nella letteratura medica:

  • emorragico o Schönlein - malattia di Genoch;
  • allergica;
  • nodulare;
  • La granulomatosi di Wegener;
  • aortoarterite aspecifica o malattia di Takayasu.

Prende in considerazione le cause della malattia, le sue manifestazioni e la loro posizione, così come la classe delle navi colpite.

Tipi di diagnostica e preparazione per questo

Il terapeuta è il primo medico da consultare se si presentano sintomi spiacevoli. Di solito trasferisce un paziente a un reumatologo - un medico la cui specialità include la vasculite. Diagnostica assegnata a loro, consente di determinare con precisione la causa della malattia. Include:

  • esami del sangue generali e biochimici;
  • analisi delle urine;
  • studio immunologico;
  • esame allergologico;
  • biopsia;
  • angiografia;
  • esame ecografico delle cavità degli organi;
  • tomografia computerizzata e a risonanza magnetica (TC e RM);
  • elettrocardiografia ed ecocardiografia.

Per garantire che non vi siano distorsioni nei risultati dei test ematici e urinari, il paziente non deve mangiare o bere prima di prendere il materiale. Si sconsiglia inoltre di mangiare mirtilli, carote, barbabietole, cibi salati o piccanti 12 ore prima della raccolta delle urine. Influenzano fortemente i 2 parametri studiati: colore e odore.

Se il medico ha prescritto un'analisi biochimica, dovrai rinunciare a cibi grassi, alcool almeno un giorno prima della procedura.

Prima di un elettrocardiogramma, gli uomini con peli del torace sono consigliati per radere la pelle attorno alla 4a costola (contata dalla clavicola) lungo i bordi dello sterno e la metà inferiore del seno sinistro. Ciò faciliterà il processo di applicazione degli elettrodi.

Per altri metodi, non sono necessari preparativi speciali.

Analisi del sangue generale e biochimica

Il materiale viene prelevato dall'anulare per l'analisi generale e dalle vene ulnari (a volte radiali) per uso biochimico.

Nel corso di uno studio generale, vengono determinati i valori dei seguenti parametri:

  • tasso di sedimentazione eritrocitaria (ESR), numero, volume medio;
  • livello di emoglobina;
  • il numero di leucociti e piastrine;
  • formula dei leucociti.

Un segno che sta avvenendo un processo infiammatorio nel corpo è un aumento del numero di leucociti, uno spostamento della formula dei leucociti sul lato sinistro, ESR. Quest'ultimo supera il valore di 10 mm / h negli uomini e 15 mm / h nelle donne. I livelli di emoglobina e piastrine rimangono invariati.

La ricerca biochimica fornisce informazioni sulla quantità di 20 diverse proteine, enzimi e ormoni prodotti dagli organi. Per diagnosticare la vasculite, è importante conoscere solo la quantità di due proteine: fibrinogeno e immunoglobulina. Se è aumentato rispetto alla norma, allora questa è un'altra prova della presenza di un processo infiammatorio. La presenza di un eccesso di creatinina (115 μmol / L e più) indica che la malattia ha colpito i reni.

Analisi generale e biochimica delle urine

L'analisi delle urine esamina i parametri quantitativi e qualitativi. Nel primo caso, viene determinato il numero di cellule del sangue e proteine ​​nel campione. La loro comparsa nell'urina è chiamata ematuria e proteinuria, rispettivamente.

Nel secondo, la trasparenza, il colore e l'odore sono determinati. Normalmente, l'urina è un liquido color paglierino senza odore specifico e impurità.

Un cambiamento in ognuna di queste caratteristiche segnala problemi nel sistema urinario: reni, vescica, uretere.

L'esame biochimico delle urine nella maggior parte dei casi non viene utilizzato. Viene utilizzato principalmente per rilevare la malattia renale determinando la quantità di urea, proteine, sodio, cloro, calcio nella composizione delle urine.

Studio immunologico

Il materiale studiato per questo metodo diagnostico è il sangue venoso. Il suo obiettivo è determinare il numero di immunoglobuline, antistreptolysin, T-linfociti, complessi immuni nella sua composizione.

La quantità di immunoglobulina di classe A (IgA) è la caratteristica più importante tra gli altri. Se supera i 4,5 grammi per litro di sangue, allora questo è un chiaro segno della presenza di vasculite o malattia del fegato.

La presenza di una quantità maggiore di antistreptolisina (200 unità / ml e più) nel campione in esame indica una causa infettiva di vasculite, cioè l'attività degli streptococchi.

Una diminuzione, un aumento del numero di linfociti T e dei complessi immunitari, rispettivamente, è la prova di un'attività eccessiva del sistema immunitario.

Ricerca allergologica

Questo metodo viene utilizzato se il medico sospetta che la causa della vasculite sia un'allergia. L'indagine identifica i tipi di sostanze che causano una reazione allergica nel paziente.

A tal fine, uno dopo l'altro vengono applicati dei test sulla sua pelle. Se intorno al sito di applicazione apparivano iperemia (arrossamento) o altri sintomi di allergie: angioedema, prurito, bruciore, quindi questa sostanza è un allergene, il che significa che si dovrebbe evitare il contatto con esso.

In una sola fase del sondaggio, è possibile verificare la risposta a 15 sostanze. Una quantità maggiore non è raccomandata, poiché il corpo può reagire a più stimoli contemporaneamente solo dopo alcune ore. Una tale manifestazione tardiva è pericolosa in quanto il gonfiore della gola può accadere e una persona soffoca.

biopsia

Una biopsia è un metodo di indagine in cui un campione di tessuto cutaneo, vascolare o di organo viene esaminato al microscopio. Ti permette di determinare con precisione il tipo di patologia. Ma non è sempre usato, perché nella maggior parte dei casi le analisi generali o biochimiche forniscono tutte le informazioni necessarie per la diagnosi.

Uno strumento o un ago simile a un rasoio viene utilizzato per raccogliere il materiale richiesto. Il primo è usato per la pelle, il secondo - per gli organi interni. Per il paziente, la procedura è quasi indolore.

Diagnostica hardware

Oltre allo studio della composizione dei fluidi biologici per la diagnosi richiede una valutazione dello stato degli organi interni. Ciò è possibile grazie all'ecografia, all'angiografia, alla TC, all'ecocardiografia e all'ECG.

Il vantaggio principale degli ultrasuoni è l'alta velocità e nessun dolore. Ti permette di "guardare" gli organi interni, le loro cavità. Questo metodo viene utilizzato per esaminare gli organi nello stomaco. Un'altra applicazione di ultrasuoni è l'ecografia doppler. Permette di esaminare lo stato attuale del sistema circolatorio del paziente.

L'angiografia o l'angiografia è un esame vascolare basato sulla radiografia. Per fare questo, nel sangue del paziente viene iniettata la sostanza che non trasmette i raggi X (hypok, urografin, triyotrast). Quindi fai 6-8 colpi di fila su due piani.

La tomografia computerizzata combina 2 metodi di esame: risonanza magnetica e radiografia. Questo approccio fornisce informazioni sullo stato di qualsiasi sistema di organi con alta velocità e qualità con un'esposizione minima. Ma questo metodo è usato solo in casi molto complessi, quando altre analisi non sono informative.

L'ecocardiografia o ecografia del cuore consente di valutare l'attuale condizione fisica dei suoi reparti, la capacità delle navi, la presenza di coaguli di sangue o cicatrici.

L'elettrocardiogramma è un metodo basato sulla registrazione di impulsi elettrici generati da un pacemaker. L'elettrocardiografo le cattura su carta sotto forma di una linea con molte curve. Una certa forma di ognuno di essi è un indicatore dello stato delle diverse parti del cuore. Sulla base di queste informazioni, un cardiologo può fare una diagnosi accurata o prevedere un infarto.

L'uso combinato dell'ECG e dell'ecocardiografia consente di creare un quadro olistico dello stato del sistema cardiovascolare.

La vasculite è una malattia che colpisce le pareti dei vasi sanguigni. Non ci sono dati affidabili che spieghino il motivo dell'aspetto. Può manifestarsi o come complicazione di un'altra malattia. Per la diagnostica, viene utilizzato uno studio della composizione dei fluidi biologici e dei metodi strumentali: ecografia, tomografia, angiografia, ecocardiografia.

Perché e cosa serve test di vasculite

Con la vasculite sistemica, i segni visivi appaiono sotto forma di lesioni cutanee e l'attività degli organi interni (reni, cuore e polmoni) è disturbata, si verifica la sindrome articolare e neurologica. Per la diagnosi, vengono utilizzati test di laboratorio e metodi strumentali, oltre a una visita medica. In caso di difficoltà nel determinare il tipo di malattia viene eseguita la biopsia.

Leggi in questo articolo.

Diagnosi visiva di vasculite

Per l'infiammazione vascolare aspecifica, le seguenti manifestazioni cutanee sono caratteristiche:

  • motivo a maglie (vivo);
  • necrosi della punta delle dita;
  • difetti ulcerosa;
  • eruzione nodulare che può trasformarsi in piaghe;
  • macchie rosse;
  • vesciche;
  • fuochi d'emorragia;
  • vene a ragno;
  • macchie di età sul sito di ex ematomi.

La presunta insufficienza renale può essere una sindrome edematosa (faccia pastosa, palpebre inferiori, gonfiore del terzo inferiore della gamba). Con la sconfitta del cuore si manifesta mancanza di respiro, polso rapido, gonfiore delle gambe, aggravato dalla sera. In alcuni pazienti, si nota la tosse, spesso con espettorato sanguinolento, naso che cola persistente.

Nella fase attiva della vasculite, i pazienti perdono peso, febbre e grave debolezza sono noti. Ci sono anche dolori articolari e muscolari, polineuriti, ictus, attacchi cardiaci, problemi alla vista.

E qui di più sulla vasculite reumatoide.

Che esami del sangue fanno

La diagnosi di laboratorio prevede lo svolgimento di test clinici di esami del sangue, delle urine, delle sostanze biochimiche e immunologiche.

Analisi del sangue generale

Condotto per determinare l'entità della risposta infiammatoria. Nella maggior parte dei pazienti nella fase acuta ci sono tali cambiamenti:

  • aumento della VES;
  • si verifica anemia;
  • il contenuto di leucociti e aumenti delle piastrine del sangue.

È anche possibile aumentare la parte specifica delle cellule leucocitarie - eosinofili, che riflettono l'attività del processo allergico.

Sulla base dei dati ottenuti, è impossibile distinguere la vasculite da altre malattie, e anche sullo sfondo della terapia con ormoni e citostatici, l'emocromo completo non sempre riflette il quadro reale della malattia, quindi appartiene a un metodo diagnostico ausiliario.

Biochimica del sangue

Per studiare la funzione dei reni, viene determinato il contenuto di creatinina (aumenta con insufficienza renale), gli enzimi epatici (aminotransferasi elevate riflettono una diminuzione della funzionalità epatica). Se si sospetta la presenza di tessuto muscolare, viene esaminata la creatinfosfochinasi.

In caso di esacerbazione della malattia, nel sangue sono rilevate la proteina C-reattiva e il fattore reumatoide. Questi composti sono marcatori di infiammazione e processi autoimmuni. Il fattore reumatoide è assolutamente determinato in tutti i pazienti con crioglobulinemia e vasculite reumatoide. Tali pazienti hanno dimostrato di studiare l'attività emolitica (distruzione delle cellule del sangue) e gli elementi del sistema del complemento (proteine ​​della fase acuta).

Test delle urine

Se un paziente ha proteine, cilindri e globuli rossi nelle urine, allora questo è un segno della distruzione del tessuto renale che si verifica durante l'infiammazione delle arteriole e dei capillari.

Con il rilascio di sangue, il colore dell'urina diventa marrone scuro, la sua proporzione aumenta con l'aumento della perdita di albumina.

Se si sviluppa insufficienza renale, allora l'urina è quasi trasparente, la sua densità è ridotta, si nota la prevalenza della diuresi notturna durante il giorno. Quando la ritenzione di liquidi nel corpo diminuisce la produzione giornaliera di urina. La diminuzione della capacità di filtrazione è determinata dal rilascio di creatinina. Quando si attacca un'infezione batterica, i leucociti possono essere rilevati in quantità maggiore.

Esame immunologico

È usato per la diagnosi differenziale di vasculite e malattie simili. Determina il più delle volte gli indicatori indicati nella tabella:

Tali studi sono obbligatori per tutti i pazienti con sospetta infiammazione sistemica dei vasi di natura allergica o autoimmune. Vengono inoltre effettuati nel corso del trattamento per valutarne l'efficacia e correggere o annullare la terapia. L'aumento degli indicatori di fase acuta nella fase di remissione delle manifestazioni cliniche mostra la possibilità di ricorrenza della malattia.

In quale altro modo determinare la presenza di vasculite

Per chiarire lo stadio e la prevalenza della vasculite, ai pazienti viene assegnata una diagnostica aggiuntiva sotto forma di angiografia. È indicato per tali malattie:

  • panarterite nodulare - prima della biopsia o quando è impossibile eseguire per rilevare aneurismi che minacciano il sanguinamento;
  • tromboangioite obliterante e sindrome di Takayasu - per lo studio della microcircolazione, circolazione del sangue nei polmoni, cuore e reni.

Inoltre, per determinare la lesione della rete vascolare può essere raccomandato dagli ultrasuoni in modalità di scansione duplex. Nella granulomatosi di Wegener e nella panangiite microscopica, viene mostrato l'esame a raggi X del tessuto polmonare. La tomografia a risonanza magnetica o tomografia del compilatore viene eseguita per studiare la prevalenza delle lesioni vascolari in queste malattie e l'arterite di Takayasu.

Il metodo più accurato per la diagnosi di vasculite è la biopsia tessutale. Nello studio dei campioni di tessuto in grado di rilevare le modifiche descritte nella tabella.

Diagnosi e analisi per vasculite

Cause di vasculite

I test di vasculite sono alla base delle misure diagnostiche, poiché in primo luogo la malattia influenza lo stato del sangue e dei vasi sanguigni. Qualsiasi tipo o sottospecie di vasculite: emorragica, sistemica o allergica, può avere un corso nascosto a lungo e non si rivela con i sintomi, fino all'irreversibilità del processo.

La localizzazione della lesione può essere trovata in diversi organi contemporaneamente, o solo in uno - non influenza il decorso del trattamento, ma il tipo di vasculite deve essere determinato immediatamente. A seconda dei dati visibili dalle analisi, alla malattia viene assegnato un grado di gravità.

Durante lo sviluppo della malattia, si manifesta la sua forma, che è primaria o secondaria. Nella prima variante, la patologia si sviluppa al di fuori della provocazione da fattori esterni e implica un carico ereditario. Da un genitore con vasculite, la percentuale del rischio di avere un bambino con una diagnosi simile non è troppo grande. Ma una combinazione di circostanze - malattie trasferite, allergie progressive, cattive condizioni di vita - proietta un segnale a livello genetico e la malattia viene attivata.

Trovare la causa per la forma secondaria di vasculite è più difficile, perché l'eziologia del processo ha origine ovunque:

  • Infezione batterica o fungina acuta nella storia: herpes, epatite, tubercolosi, sifilide;
  • Malattie cardiovascolari;
  • Malattia autoimmune;
  • Malattie bronchiali, asma;
  • Allergie: pulizia-detergenti, alimenti per animali, lana, polvere.

Il pericolo di ammalarsi, c'è lo stesso, sia per le donne che per gli uomini, ma l'infanzia è una sorta di "sviluppatore" di diversi tipi di questa patologia.

Rilevazione della malattia nelle fasi iniziali, specialmente nell'infanzia, quando la resistenza del corpo è indebolita, aiuta a prevenire il danno focale dell'organo interessato e impedisce la diffusione delle cliniche sintomatiche.

Il motivo dell'esame è un'eruzione che si trova in sé o in un bambino, che si trova sulla pelle in punti con chiari confini. L'appello al medico non dovrebbe essere ritardato, poiché lo sviluppo della malattia si verifica rapidamente.

Tipi di vasculite e sintomi

La separazione della vasculite nella tabella di classificazione, a causa del grado di danno all'organismo, agli organi interni, al centro dell'attenzione e alla gravità delle condizioni del paziente.

Per i segni della malattia sono considerati manifestazioni di natura esterna, deterioramento della salute generale e indicatori di laboratorio:

  • Eruzioni di varie sfumature - dal rosso scuro ai fiori rosa pallido, che si fondono in un motivo maculato;
  • Debolezza e perdita di prestazioni;
  • Dolore articolare simile alla malattia reumatoide;
  • Temperatura corporea instabile;
  • Elevati livelli di leucociti e ESR nel sangue.

Vasculite allergica

Questo tipo è considerato il più comune. La diagnosi viene stabilita dopo la conferma della deposizione di immunocomplessi sulla parete interna dei vasi. Sullo sfondo della solita forma del sottotipo allergico della malattia, a volte si sviluppa una vasculite leucocitoclastica che danneggia le piccole arterie e le vene. L'infiammazione che circonda le navi porta gradualmente alla morte dei tessuti. A volte il processo di necrosi è accompagnato dallo sviluppo del lupus eritematoso sistemico.

La causa delle specie allergiche è la reazione al cibo, i prodotti chimici, la crescita dinamica dei tumori.

Vasculite orticaria

La sconfitta delle piccole navi e dei capillari nella pelle, chiamata vasculite di uraltikuyu. La sua origine è dovuta alla reazione a qualsiasi allergene, sovradosaggio o intolleranza al farmaco, a una malattia (virale) infettiva.

L'eruzione di orticaria è espressa da vescicole di bolle. Le bolle di maturazione si aprono lasciando un'emorragia. Inoltre, nello sviluppo della vasculite orticariale, c'è un processo nascosto che risponde alla funzionalità degli organi interni. Soffri: il tratto gastrointestinale, il sistema nervoso centrale (sistema nervoso centrale), meno spesso - la membrana mucosa degli organi visivi.

Nel determinare questo tipo di malattia, l'esame di laboratorio o dell'hardware non è sufficiente, poiché per dimostrare la dinamica del processo è necessario un confronto dei valori ottenuti.

La diagnosi differenziale risponde alla maggior parte delle domande ed è più accurato stabilire lo stadio della vasculite e l'ulteriore prognosi.

Vasculite emorragica

Nelle fonti mediche ci sono due nomi che indicano lo stesso tipo di vasculite: porpora emorragica o vasculite Schönlein-Genoch. Come nella precedente spiegazione, la forma emorragica si distingue per la copertura infiammatoria della rete capillare dell'epidermide e di altri vasi del più piccolo ordine. L'origine della malattia non è chiara, ma è noto che questa patologia si manifesta nei minori, spesso nella scuola primaria o nell'età del giardinaggio.

Le eruzioni in vasculitis di questo tipo hanno la forma di piccole ferite strette, che sono situate ma le estremità più basse in simmetria stretta. A volte l'area interessata si trova sull'addome e sulle natiche. Con un trattamento adeguato, l'eruzione va via, lasciando dietro la pigmentazione scura.

Periarteritis nodosa (malattia di Takayasu)

La vasculite di Takayasu, che è un tipo sistemico di malattia, non interessa i piccoli vasi, ma colpisce le principali arterie vitali. Il gruppo di rischio comprende esternamente sano, ma con predisposizione ereditaria persone di età compresa tra 30 e 40 anni. L'infiammazione, che impedisce il libero movimento del sangue, colpisce, prima di tutto, le mani - manifestano debolezza; possibile indebolimento delle dita, colore pallido dolente e pelle fredda dei palmi.

A differenza delle precedenti varietà di questa malattia, i pazienti adulti non notano alcun segno di lesioni cutanee in sé stessi, ma spesso si rivolgono a cliniche con disturbi persistenti di mal di testa, confusione e persino perdita di coscienza. Mancanza di apporto di ossigeno adeguato, con vasculite nodulare, con compromissione profonda del cervello, dei reni, dei polmoni e degli occhi.

La granulomatosi di Wegener

La vasculite granulomatosa, o altrimenti, la malattia di Wegener, colpisce le arterie di ordine minore e medio, fornendo sangue ai sistemi renale e respiratorio. Il processo è espresso come risultato della reazione tra le proteine ​​anticorpali con leucociti neutrofili, con danni che coprono la regione laringea e i seni paranasali. Al livello successivo, la malattia avvolge gradualmente i polmoni e nella fase finale del processo colpisce i reni.

Diagnosi di vasculite

Il quadro clinico della vasculite diventa chiaro dopo aver ricevuto i primi risultati di esami del sangue e delle urine. I metodi di prelievo del sangue non differiscono nella specificità, proprio come la raccolta delle urine del mattino non richiede alcuna preparazione preliminare.

Esami del sangue

Gli esami del sangue richiesti per confermare la diagnosi sono:

  • Analisi generale (da un dito, meno spesso da una vena);
  • Analisi biochimiche (dalla vena radiale o ulnare);
  • Esame immunologico del sangue (da una vena).

Tutte e tre le analisi richiedono il minimo rispetto delle condizioni e vengono eseguite al mattino:

Fino al momento della raccolta del sangue, al paziente non è permesso mangiare o bere liquidi, lavarsi i denti o prendere medicine. Sulla base dell'eziologia infiammatoria della patologia, i risultati dei test sono necessariamente presenti: indicatori di un aumento della velocità di eritrosedimentazione (da 10 mm / h negli uomini e da 15 mm / h nelle donne) e un aumento dei leucociti.

  1. Analisi del sangue biochimica

Non è raccomandato per 24 ore prima di donare sangue, bere alcolici e mangiare carboidrati o cibi grassi. Al momento di coricarsi, alla vigilia della donazione di sangue, dovrai rinunciare a cena tardi ed eliminare lo stress fisico.

I fattori su cui si focalizza il medico quando si ottiene una stampa dei risultati sono la quantità di immunoglobuline e il livello di fibrinogeno nel sangue (da 4 g / l). Nel caso in cui la malattia sia già passata ai reni, il livello di creatinina mostrerà valori critici da 120 μm / l.

Il metodo di campionamento è standard: a stomaco vuoto non è richiesta la conformità con altre condizioni.

Come nella precedente analisi, prima di tutto, l'attenzione del medico è attirata sui valori dell'immunoglobulina, che indicherà in modo inequivocabile la vasculite con dati digitali da 4,5 g / l.

Test delle urine

La raccolta delle urine è fatta a stomaco vuoto al mattino. Il processo, valutato dai tecnici di laboratorio come infiammatorio, è espresso nei seguenti termini:

  • Gli elementi del sangue contenuti nelle urine (rilevati dall'esame microscopico);
  • Proteine ​​in eccesso nelle urine, più di 0, 033 g / l.

prevenzione

La prevenzione della vasculite è principalmente una correzione dello stile di vita, poiché, escludendo il fattore ereditario, l'origine della malattia è interamente soggetta a una serie di condizioni favorevoli, tra cui:

  • Dipendenza da alcol e fumo;
  • Stile di vita sedentario e sedentario;
  • Abitudine a lungo fare bagni caldi;
  • Permanenza nei locali;
  • Impegno per cibi pesanti, grassi, fast food o diete irragionevoli.

riassumendo

E 'possibile curare la vasculite, c'è qualche possibilità che la malattia non lasci segni sulla pelle e non ritorni alla ricaduta? Una risposta positiva a questa domanda è possibile solo se il paziente cade nelle mani di un buon specialista in modo tempestivo e sin dall'inizio osserva rigorosamente le raccomandazioni mediche.

Il trattamento della patologia comporta la soppressione diretta dei sintomi e non è espresso con metodi specifici adatti a tutti i tipi di malattia. L'obiettivo principale che viene messo a capo della terapia è quello di eliminare il pericolo per la vita di una persona, bloccando possibili complicazioni.

analisi del sangue per vasculite

Domande e risposte su: analisi del sangue per vasculite

Articoli popolari sul tema: analisi del sangue per vasculite

Mezzo due decenni fa, tutti gli esami di laboratorio venivano effettuati in istituti medici, ei pazienti, di regola, non erano in grado di vedere i loro risultati: solo i medici erano impegnati a "interpretare" figure misteriose su forme speciali.

Il quadro clinico dettagliato è caratterizzato dalla dilatazione delle vene sulla parete addominale anteriore, le vene varicose dell'esofago e dello stomaco, le vene emorroidali, l'epato-splenomegalia e le manifestazioni emorragiche.

Le violazioni del ciclo ovarico-mestruale occupano uno dei principali luoghi nella struttura della morbilità ginecologica degli adolescenti.

I dati sulla prevalenza della vasculite sistemica nella popolazione generale sono pochi. Tuttavia, l'incidenza di SV, compresa la poliarterite nodosa, è aumentata negli ultimi anni e tende ad aumentare ulteriormente.

L'urgenza di discutere il problema della tattica e della strategia del comportamento del medico in presenza di dolore addominale acuto in un paziente è fuori dubbio.

La polmonite è una malattia infettiva acuta, prevalentemente di eziologia batterica, caratterizzata da una lesione focale dei reparti respiratori dei polmoni con la presenza obbligatoria di essudazione intraalveolare.

La colite ulcerosa è una malattia infiammatoria cronica del colon di origine inspiegabile, manifestata clinicamente da un decorso ricorrente con periodi di diarrea sanguinolenta.

La malattia di Whipple è una malattia sistemica dell'intestino tenue causata da Tropherynia whippelii, con una lesione primaria dell'intestino tenue che si manifesta con la sindrome da malassorbimento e manifestazioni sistemiche.

La cirrosi biliare primitiva (PBC) è una malattia progressiva autoimmune, il cui esordio è la colangite distruttiva non suppurativa cronica. In futuro si sviluppa una colestasi di lunga durata e nelle fasi successive si forma la cirrosi.

Vasculite. Vasculite allergica, emorragica, urticarica: cause, sintomi, diagnosi e trattamento.

Il sito fornisce informazioni di base. Diagnosi e trattamento adeguati della malattia sono possibili sotto la supervisione di un medico coscienzioso. Qualsiasi farmaco ha controindicazioni. Consultazione richiesta

La vasculite è una malattia in cui sono colpite le navi. In futuro, il processo patologico si estende spesso a diversi organi e tessuti.

Ci sono un gran numero di diversi tipi di vasculite, ognuna delle quali è accompagnata da una lesione di un certo tipo di vasi sanguigni e dai suoi specifici sintomi.

I tipi più comuni di vasculite sono:

  • Urtikarny vaskulit è una malattia in cui c'è una sconfitta di piccole navi, principalmente venule (piccole vene) e la comparsa di macchie sulla pelle dal tipo di orticaria.
  • Vasculite allergica - lesione vascolare durante varie reazioni allergiche.
  • La vasculite emorragica (malattia di Shenlein-Henoch) è una malattia in cui si verificano danni ai capillari e alle piccole arterie.
  • La periarterite nodosa è una malattia che colpisce principalmente vasi di piccole e medie dimensioni.
  • Aortoarterite aspecifica (malattia di Takayasu) è una malattia che colpisce l'aorta e le grandi arterie che si estendono da esso.
  • La granulomatosi di Wegener - vasculite, in cui vi è una lesione dei piccoli vasi del tratto respiratorio superiore, polmoni e reni.
Tipi di vasculite sistemica a seconda dell'origine:
  • primario - si sviluppa come una malattia indipendente;
  • secondario - si verificano come manifestazione di un'altra malattia.
Segni comuni di tutti i tipi di vasculite:
  • È impossibile stabilire la causa principale: non è possibile identificare il fattore all'origine della comparsa della malattia.
  • Uguale sviluppo Come risultato di certe cause, si verificano disordini immunitari e si sviluppano reazioni autoimmuni. Gli anticorpi sono prodotti che, quando combinati con varie sostanze, formano immunocomplessi. Questi ultimi si depositano sulle pareti dei vasi sanguigni e causano infiammazione.
  • Corso cronico Tutte le vasculiti sistemiche si manifestano a lungo. Le esacerbazioni e le remissioni si alternano (miglioramento delle condizioni).
  • Gli stessi fattori di solito portano a esacerbazioni: l'introduzione di vaccini, varie infezioni, ipotermia, esposizione prolungata al sole e il contatto con gli allergeni.
  • La sconfitta di vari organi e tessuti: pelle, articolazioni, organi interni. I processi autoimmuni si sviluppano in tutto il corpo, ma principalmente in quei luoghi dove ci sono grandi gruppi di vasi sanguigni.
  • Per tutti i tipi di vasculite aiutano i farmaci che sopprimono il sistema immunitario.

Anatomia vascolare

Il muro di qualsiasi arteria è costituito da tre strati: interno, medio ed esterno. Possono avere una struttura e uno spessore diversi, a seconda delle dimensioni, della posizione e della funzione dell'arteria.

Tipi di arterie:

  • elastica;
  • muscolare;
  • misto.
La struttura delle pareti delle arterie, a seconda del tipo:

Vasculite: come sono la diagnosi e quali test sono necessari?

La diagnosi primaria di vasculite si verifica mediante ispezione visiva degli arti inferiori del paziente. Pertanto, viene rilevata la presenza di un'eruzione emorragica, manifestata in numerosi ematomi maculati. Nei casi in cui i segni primari sono causati solo da dolori addominali o articolari, così come i cambiamenti nei test delle urine, la diagnosi è molto più difficile. La conclusione finale è fatta solo dopo la manifestazione successiva di un'eruzione tipica.

Le misure diagnostiche complete comprendono numerosi studi chimici, immunologici, microscopici e strumentali. Questa tomografia, e biopsia e angiografia (lo studio dei vasi sanguigni) e tecniche a raggi x.

Inoltre, per una diagnosi accurata della vasculite e la nomina di un trattamento appropriato, è necessario consultare un reumatologo, nefrologo e neurologo, sottoporsi a ecografia dei reni e degli organi addominali, ECG, radiografia dei polmoni, ecocardiografia, nefroscintigrafia dinamica, ecc.

Cosa dovrebbe essere testato per la vasculite?

Vene varicose - una terribile "piaga del XXI secolo". Il 57% dei pazienti muore entro 10 anni da.

Prima di tutto, è un esame del sangue completo per vasculite, che consente di identificare i cambiamenti in alcune strutture cellulari del corpo. Ad esempio, se nel sangue è rilevato un basso livello di emoglobina ed ematocrito, allora si tratta di anemia, che è una complicazione della malattia.

L'analisi delle urine viene effettuata per identificare i cambiamenti caratteristici della glomerulonefrite cronica (danno glomerulare renale). Inoltre, una diagnosi simile è fatta in presenza di globuli rossi nelle urine, nei leucociti e nelle proteine.

L'analisi biochimica viene effettuata per determinare i livelli elevati di gammaglobuline e α2 globuline, che è una caratteristica della vasculite emorragica. In caso di insufficienza renale, aumentano i livelli di urea e creatinina.

L'analisi immunologica nella vasculite è necessaria per scoprire la concentrazione di immunoglobulina A, trispeptolisina titolante O e complessi immunitari circolanti, che aumenta in presenza della malattia. Tuttavia, a volte c'è una diminuzione del numero di linfociti T, che indica linfocitopenia.

Una delle procedure diagnostiche più efficaci per la vasculite è considerata una biopsia. Questa analisi comporta l'esame al microscopio di un piccolo campione di tessuto dei vasi sanguigni.

Ksenia Strizhenko: "Come mi sono liberato delle vene varicose sulle gambe per 1 settimana? Questo strumento economico fa miracoli, è normale."

Esame del sangue per vasculite

I metodi di ricerca di laboratorio occupano un posto importante non solo nello stabilire la diagnosi di vasculite sistemica, ma anche nel monitoraggio del decorso della malattia.

Prove generali di sangue e urine, analisi del sangue biochimica

Un esame del sangue di solito non è molto informativo per la diagnosi di vasculite sistemica. Nella maggior parte dei pazienti, viene rilevata un'anemia di infiammazione cronica, sono possibili leucocitosi e trombocitosi. L'origine dell'anemia è sempre necessaria per chiarire quando si tratta di vasculite di piccoli vasi, in particolare poliangite microscopica e granulomatosi di Wegener, per escludere possibili sanguinamenti gastrointestinali polmonari o (meno comunemente).

Consigli pratici per il controllo dei livelli dei reticolociti e della ferritina sierica.

La leucocitosi in pazienti sottoposti a terapia immunosoppressiva intensiva richiede un'ulteriore diagnosi differenziale con lo sviluppo dell'infezione secondaria. Va ricordato che un forte aumento del numero di leucociti (fino a 40-60 × 10 9 / l) nei pazienti con vasculite crioglobulinemica può essere associato alla precipitazione delle crioglobuline e un calcolo errato del numero di leucociti con un analizzatore di sangue automatico.

Raccomandazione pratica: per chiarire il vero numero di leucociti nel caso di leucocitosi in un paziente con vasculite crioglobulinemica, è necessario contare manualmente i leucociti.

Leucocitosi lieve (10-12 × 10 9 / L) è spesso causata dalla somministrazione di prednisone. La trombocitosi si verifica in quasi la metà dei pazienti con vasculite a cellule giganti ed è meno caratteristica di altre vasculiti; la trombocitopenia richiede l'eliminazione della sindrome antifosfolipidica secondaria.

L'ipereosinofilia è un sintomo relativamente sensibile, ma poco specifico della sindrome di Churg-Strauss, ma il numero di eosinofili non sempre è correlato all'attività della malattia. Va ricordato che la normale quantità di eosinofili nel sangue con un quadro clinico espanso può essere associata alla transizione di eosinofili dal sangue al tessuto.

Data la frequente necessità di nomina di citostatici, che hanno un effetto dannoso sul midollo osseo (ciclofosfamide, metotrexato, azatioprina, sulfasalazina), un esame del sangue clinico in pazienti che ricevono un trattamento appropriato deve essere monitorato mensilmente.

Determinazione degli indicatori di fase acuta: ESR, proteina C-reattiva, meno fibrinogeno e α-globulina, devono essere eseguiti per tutti i pazienti. Questi indicatori sono più istruttivi per la vasculite a cellule giganti, dove, con un aumento significativo (ESR oltre 40 mm / ora, proteina C-reattiva significativamente superiore a 8 mg / l), insieme al quadro clinico, hanno valore diagnostico. Spesso, a causa dell'assenza di marcatori più sensibili, questi indicatori servono come criterio dell'attività vasculitica, che tuttavia non sempre riflette la vera attività del processo infiammatorio. Un marker più sensibile di infiammazione è la determinazione dei livelli sierici di interleuchina 6.

Consigli pratici per determinare la concentrazione di interleuchina 6.

Cambiamenti nell'analisi clinica delle urine (presenza di proteine ​​e / o globuli rossi) rendono possibile sospettare danni ai reni. La presenza di sindrome urinaria o nefrosica indica la sconfitta di arteriole e capillari, che, a sua volta, aiuta a chiarire la forma nosologica della vasculite. È necessario ricordare sulla possibile ematuria sullo sfondo della ciclofosfamide.

Raccomandazioni pratiche sulla diagnosi differenziale tra nefrite ematopica e esordio della cistite emorragica.

Nella diagnosi di vasculite sistemica, si dovrebbe prestare attenzione al livello di creatinina, seguito dal calcolo della velocità di filtrazione glomerulare usando la formula di Cockroft - Gault, la concentrazione di aspartico e alanina aminotransferasi. La velocità di filtrazione glomerulare può diminuire in isolamento senza disturbare il sedimento urinario, che, in combinazione con ipertensione arteriosa, rende possibile sospettare vasculite con danni alle grandi arterie o vasi di medio calibro. Gli enzimi epatici possono essere potenziati con la cosiddetta vasculite virale associata: vasculite crioglobulinemica (associata all'epatite C), poliartrite nodulare (associata all'epatite B).

Studi immunologici

I metodi di ricerca immunologica occupano un posto di rilievo nella diagnosi e nel monitoraggio della vasculite.

La determinazione delle frazioni di immunoglobulina non è di grande importanza pratica - nella maggior parte dei pazienti, viene determinato un aumento non specifico di IgM e / o IgG; Circa la metà dei pazienti con Schönlein - Genoch purpura ha elevati livelli sierici di IgA. La definizione del fattore reumatoide (RF) svolge un ruolo più importante nella diagnosi differenziale della vasculite. Il fattore reumatoide è sempre (nel 100% dei casi) determinato con crioglobulinemica e vacuitis reumatoide, spesso (più del 70%) con la sindrome di Sjogren primaria. La vasculite in queste condizioni, secondo la sua patogenesi, è immunocomplessa e quindi, dopo aver determinato il fattore reumatoide, è consigliabile studiare il sistema del complemento: attività emolitica totale (CH 50) o, preferibilmente, elementi dell'attivazione precoce del sistema del complemento (C4, C3).

Uno stadio obbligatorio della moderna immunodiagnosi della vasculite sistemica è la determinazione degli anticorpi antinucleari usando il metodo di immunofluorescenza (preferibilmente in una coltura di Hep-2). In caso di risultato positivo, è necessario un ulteriore chiarimento del tipo di autoanticorpi utilizzando il saggio immunoenzimatico o l'immunoblotting: anticorpi contro DNA a doppio filamento, anti-Smith, anti-Ro / SS-A, anti-La / SS-B, anti-Scl-70, anti-Jo -1 e anti-U1-RNP. Da un lato, questo algoritmo esclude la vasculite secondaria nel contesto di varie malattie autunezionali, d'altra parte, è noto che la presenza di questi autoanticorpi nella vasculite sistemica primaria di solito indica un decorso più grave della vasculite (sindrome autoimmune transfrontaliera).

Una vera svolta nella diagnosi della vasculite sistemica primaria è stata la scoperta dell'anti-citoplasma dei neutrofili (ANCA) e delle loro sottospecie, principalmente anticorpi anti-proteinasi 3 e mieloperossidasi. Questi anticorpi sono caratteristici della cosiddetta vasculite associata all'ANCA e della glomerulonefrite a rapida insorgenza a basso immuno (Tabella 1). La rilevazione di anticorpi contro il citoplasma dei neutrofili nel siero aiuta non solo a diagnosticare la vasculite, ma anche a predire la possibile ricorrenza della malattia (un aumento del titolo di quattro o più volte).

Tabella 1. Anticorpi al citoplasma dei neutrofili in varie malattie

Pubblicazioni Sul Trattamento Delle Vene Varicose

Come scegliere le calze a compressione per la chirurgia

Le vene varicose negli arti inferiori sono una delle malattie più comuni oggi. Le vene perdono la loro elasticità (a causa di uno strato muscolare molto sottile), si espandono (a causa della rottura delle valvole e del flusso sanguigno inverso) - di conseguenza, i pazienti notano sintomi sgradevoli e dolorosi come bruciore, crampi e pesantezza alle gambe.

Actovegin unguento istruzioni per l'uso

Unguento Actovegin accelera significativamente il processo di guarigione delle ferite aumentando il metabolismo energetico cellulare. Può essere utilizzato sia per una varietà di processi infiammatori e per il trattamento di ustioni, ulcere lacrimogene e reazioni cutanee dopo l'esposizione alle radiazioni.